martedì 12 dicembre 2017

Montescaglioso e Il Vento

Saranno ben 17 i pali che sorgeranno a giorni in agro di Montescaglioso e che sfrutteranno la forza del vento per produrre energia pulita. Altri 19 tra i confini di Montescaglioso e Pomarico e infine 33 nell’agro di Pomarico.

E’ quanto si legge dall’articolo :Eolico, scacco al re

Regione Basilicata sotto lo scacco delle società eoliche e delle carte bollate. È quanto sta avvenendo dopo gli ennesimi  ricorsi al TAR di Basilicata, questa volta contro la nuova Legge regionale n.9 del 26.04.2007 in materia di energia.

tribunale che con proprie sentenze-fotocopia ha ritenuto “la rilevanza e la non manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell’art. 3 della suddetta legge regionale, in relazione agli artt. 3, 41, comma 1, e 117, comma 3, della Costituzione italiana, ordinando alla Regione l’immediata trasmissione degli atti alla Corte Costituzionale”.

 Le società Bluvento Srl, Wind Farm Srl, Energia Sud e Fri-El Spa non hanno perso tempo è hanno ottenuto con specifiche ordinanze del Tribunale Amministrativo Regionale l’immediata sospensione e annullamento delle delibere regionali relative ai dinieghi di giugno 2008 per il rilascio delle autorizzazioni uniche degli impianti eolici, così come prevede l’art. 12 del D.Lgs 387/03 e l’art. 3 della L.R. n. 9/2007.

Gli impianti interessati dalle ordinanze del TAR di Basilicata sono: 13 della Bluvento Srl distribuiti nei comuni di Tito (6 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 5,7 Mw), Satriano di Lucania (8 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 7,6 Mw), Filiano (11 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 16,5 Mw), Tolve (20 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 19 Mw), Montescaglioso (17 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 25,5 Mw), Pomarico (33 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 22 Mw), Montescaglioso-Pomarico (19 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 38 Mw); Potenza (19 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 28,5 Mw), Potenza (13 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 19,5 Mw), Pietragalla (4 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 6 Mw), Muro Lucano (25 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 50 Mw), Ripacandida (22 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 33 Mw), Montemilone (64 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 192 Mw). Stesso discorso per quegli impianti che hanno ricevuto i dinieghi di autorizzazione relativi a maggio 2007: 1 impianto della Wind Farm Srl ubicato nel comune di Ripacandida (27 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 40,50 Mw), 1 impianto della Fri-El Spa nel comune di Anzi (8 aerogeneratori per una potenza totale impianto di 6,8 Mw).

 

eolicoIl re finito sotto scacco deve ora sperare nel pronunciamento da parte della Corte Costituzionale sulla legittima costituzionalità dell’art.4 della legge regionale sull’energia per rimandare al mittente le mossa della lobby eolica. L’articolo incriminato blocca la realizzazione di nuovi impianti eolici che non sono conformi alle procedure e alle valutazioni relative al Piano Energetico Regionale vigente, che fissa la quota di “eolo” a 128 Mw, quota gia superata e che con il rilascio di nuove autorizzazioni manderebbe ulteriormente per aria ogni regola, in attesa del nuovo PIEAR (Piano d’Indirizzo Energetico Ambientale Regionale). In parole povere, la Regione Basilicata, per confermare la costituzionalità dell’art.3 della Legge Regionale n.9/2007 “Disposizioni in materia di energia” ed i conseguenti dinieghi di autorizzazione unica ai sensi del D.Lgs 387/2003 resi alle società eoliche, è obbligata dal TAR Basilicata a sottoporre al giudizio della Corte Costituzionale la nuova legge regionale in materia di energia. Le lobbies del “vento in poppa” intenzionate più che mai a spolparsi fino al midollo quell’osso chiamato “incentivo di Stato”, sperano nello “scacco matto” della Corte Costituzionale, per continuare senza interruzione di continuità il proprio programma di aggressione selvaggia alle “sacre” montagne dell’Appennino Lucano.

 A considerazione dell’estrema necessità di puntare verso energie derivate dalle fonti rinnovabili e durevoli, come per l’appunto l’eolico, la politica messa in campo da parte delle Regione Basilicata di puntare sul mini-eolico (sono consentiti impianti con potenza nominale installata complessiva non superiore ai 100 Kw e per un numero massimo di cinque aerogeneratori, comma 2 dell’art. 3 L.R. n.9/2007) rappresenta certamente una svolta seria e responsabile che mette al muro grandi e piccoli colossi energetici che, invece, godono di piatti sempre più ricchi a base di “certificati verdi” e degli stessi CIP6, un minestrone di promozione del rinnovabile speculativo a trecento sessanta gradi che alla fine diventa esclusivo “osso ghiotto” per le uniche “società multinazionalizzate” sempre più onnipotenti, mentre l’energia condivisa dell’economista Jeremy Rifkin (vedi articolo “O Sole Mio”, n.3 di Terra di Basilicata) resta un sogno plasmato nelle menti degli spolpati.

Finalmente anche la Basilicata , da il via a una nuova fonte di lavoro e di energia pulita.

eccovi una foto del primo palo sorto 2 giorni fa all orizzonte .

ringraziamo PhotoGlamour Montescaglioso x avercela fornita. a giorni un reportage in merito , e qualche volto conosciuto che si affaccia sul nostro blog .

 



Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

io sono quello che faccio

Post Correlati

Simple Share Buttons

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi