Benvenuto! Accedi o Registrati

Il neolitico



 

Visita ai villaggi neolitici della Murgia. Lavorazione ceramica. La ceramica a scuola. Lavorazione ceramica neolitica in aula.

L’approccio con la storia è proposto al CEA Montescaglioaso con un percorso di attività manuali ed esperienze capaci di indurre i ragazzi ad una riflessione sull’ambiente. Le domande iniziali sono relative a:

-         l’ambiente dell’uomo primitivo;

-         le risorse disponibili nel mondo antico;

-         il  rapporto tra uomo e ambiente;

Il percorso di esperienze parte dalla osservazione del rapporto tra uomo primitivo e natura per giungere ad analizzare la consapevolezza del uomo neolitico sull’essere elemento integrato in un ambiente complesso e problematico. La comprensione di questa coscienza che si è poi persa con l’avanzare della civiltà industriale, è la base per un momento di riflessione proposto ai ragazzi sui comportamenti quotidiani e sul nostro rapporto con l’ambiente. Il processo di apprendimento è sviluppato con attività manuali e visite sul territorio. Il programma realizzato con le scuole di Montescaglioso e proponibile all’utenza esterna prevede:

-         L’ambiente dell’uomo preistorico: animazione con gli operatori CEA per identificare le piante e gli animali del territorio; l’utensileria del neolitico: esperienze manuali con la selce, il trapano di legno, la fabbricazione delle armi.

-         La ceramica neolitica: studio della lavorazione delle terrecotte e realizzazione di vasi in argilla con le tecniche del neolitico; i manufatti realizzati si conservano e si portano a casa.

-         Visita ai siti neolitici del territorio: i villaggi trincerati della Murgia ed i resti di capanne.

-         Visita al Museo Ridola di Matera con l’osservazione delle numerose testimonianze della civiltà neolitica.

Il programma termina con la rielaborazione in aula delle esperienze realizzate e una mostra degli elaborati e dei lavori prodotti.  

Testo, foto ed operatore nella scuola: Angelo Lospinuso (CEA Montescaglioso).






Condividi contenuti