mercoledì 13 dicembre 2017

Sapori antichi

Sapor antich
Ah com è dolg stù r’cuord
d’ stù sapor antich
com pienz ca m’ l’ scuord
cur amor ca t’nev’n l fic.
Nonnò l’ha spaccat a iun a iun
sus na l’tter d cannizz
sott a u sol a sturd’sciun
a curà sus la t’rrazz.
Spaccat n’do, n’quatt oppur a crosc’
mb’lat n’drà nu zipp d cannazz
L’ iett ch l frott’l d l’amen’l
oppurament san attaccat ch nu lazz.
Mannegghie a me ma uard ce manier
dopp tant tiemb ancor ch st’ fic
ma com pozz fa a luvar’m stu p’nzier
ci tegn u sfil d’ na iett e non t’ l’ dic?

Sapori antichi
Ah come è dolce sto ricordo
Di questo sapore antico,
come puoi pensare che lo possa scordare
quel sapore che avevano i fichi.
Mia nonna le ha spaccate una per una
e sopra un letto di canne,
sotto al sole che stordisce
a curare sopra al terrazzo.
Spaccate in due, in quattro oppure a croce
Infilate in una striscia di canna
Le iette con i frutti di mandorla,
o anche intere legate con un filo.
Mannaggia a me, ma guarda che maniera,
dopo tanto tempo ancora con sti fichi,
come posso fare a togliermi sto pensiero
che ho una voglia di una ietta e non lo dico


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Simple Share Buttons

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi