mercoledì 13 dicembre 2017

Montescaglioso, liberati 2 giovani capovaccai nel Parco Murgia materana

Potrebbero essere rimaste solo una decina di coppie, per lo più in tre aree limitate del Sud. Per il Capovaccaio, il più piccolo avvoltoio europeo, il pericolo dell’estinzione è quanto mai reale. È, purtroppo, una costante la rarefazione cui è andata incontro la specie soprattutto negli ultimi 50 anni. Ma dal nostro territorio arrivano buone notizia. La Basilicata ospita due coppie (le rimanenti nidificano in Calabria e Sicilia), che hanno trovato il loro habitat rispettivamente nel Parco della Murgia materana e nel Parco nazionale dell’Appennino lucano, dove un lavoro costante di controllo e monitoraggio ha portato a un risultato importante. «Dopo due anni di insuccesso, la coppia di capovaccai del Parco della Murgia materana si è riprodotta ed è riuscita anche a portare all’involo, nei giorni scorsi, ben due giovani esemplari, il massimo di quanto ci si possa aspettare da questa specie in termini di produttività», annuncia con soddisfazione Matteo Visceglia, uno degli esperti del Centro rapaci minacciati (Cerm ), che da decenni sta seguendo il capovaccaio nelle due aree protette lucane.

«Lo stesso risultato – continua Visceglia, che è anche responsabile del Cras di Matera – lo abbiamo rilevato nel Parco dell’Appennino lucano dove due giovani si sono involati già nella prima decade di agosto. Il monitoraggio di questa specie richiede una particolare cautela per evitare ogni possibile forma di disturbo». Non dimentichiamo, infatti, che sono tanti i fattori antropici quali il disturbo nei siti di nidificazione da parte di curiosi, fotografi e soprattutto di scalatori. Visceglia è coadiuvato da Mariangela Francione, anche lei del Cerm, nelle attività di monitoraggio che di supporto alimentare per questi avvoltoi.

Il Parco regionale della Murgia Materana, dunque, si conferma uno scrigno di biodiversità. Motivo di orgoglio non celato dal presidente dell’Ente, Pierfrancesco Pellecchia: «La rarità del capovaccaio e il pericolo della sua scomparsa deve spronare a garantire a questa specie condizioni idonee. I Parchi devono dare priorità assoluta alla conservazione della natura e delle specie di grande valenza naturalistica. Cosa che il Parco della Murgia materana fa per molte specie di rilievo, oltre al capovaccaio, quali cicogna nera, falco grillaio, nibbio reale, lanario, lupo, lontra e gatto selvatico, che qui trovano un ambiente ideale. Qui si custodisce un patrimonio naturalistico di grande importanza che deve essere oggetto di azioni di conservazione attiva e monitoraggio». Tra le azioni di ripopolamento svolte dal Cerm sul territorio della Basilicata , l’ultima è stata effettuata nei giorni scorsi nel Parco nazionale dell’Appennino lucano col rilascio di due giovani capovaccai nati nel 2016 nel centro di riproduzione gestito dall’associazione in Toscana.


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Simple Share Buttons

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi