giovedì 19 ottobre 2017


Commenti da Facebook

1 Commmento

  1. Montescaglioso

    Grazie al lavoro di Donatella Gerardi e con un contributo originale e fondamentale per la conoscenza della vicenda dell’area materana in età medievale riprende la pubblicazione del Codice Diplomatico di Matera (nella collana Fonti per la storia della Basilicata Medievale, diretta da Francesco Panarelli – DiSU), con il III volume, Il Fondo Private ovvero documenti del monastero di S. Michele Arcangelo di Montescaglioso (secc. XI – XV), Ed. Congedo. Strettamente legato alle schiatte comitali che hanno guidato la contea di Montescaglioso dalla prima età normanna al periodo aragonese, il cenobio caveosano è stato a capo di una vasta signoria monastica, le cui propaggini si irradiavano fino alla costa ionica e adriatica, e ha avuto un ruolo determinante nella vicenda religiosa, politica e socio-economica della Basilicata sud-orientale sino all’età moderna. L’archivio monastico è andato disperso negli ultimi due secoli, ma una piccola parte della documentazione si conserva presso il Fondo Gattini dell’Archivio di Stato di Matera, mentre una parte più cospicua ci è pervenuta in copia grazie alle trascrizioni fatte realizzare da Giustino Fortunato agli inizi del Novecento in previsione della realizzazione del suo Codice Diplomatico Materano. Il volume curato da Donatella Gerardi e frutto della sua tesi di Dottorato presso l’Unibas accoglie l’edizione di 107 documenti in copia, racchiusi cronologicamente tra il 1082 e  il 1484; in Appendice sono presentati altri documenti caveosani, in integro o in transunto, tràditi attraverso canali diversi, vuoi in originale, vuoi in copia. La documentazione qui pubblicata, fatta eccezione per i diplomi compresi entro il primo trentennio del XIII secolo – noti alla storiografia per essere stati prodotti in seno alla “fabbrica di falsi” di Montescaglioso – è perlopiù inedita e quindi è accompagnata da una indispensabile e corposa Introduzione critica.

    Nella cornice di Palazzo Gattini, famiglia ampiamente implicata anche nella vicenda del monastero caveosano, dopo i saluti del Direttore del Disu e della Banca di Credito Cooperativo discuteranno dei risultati raggiunti e delle nuove prospettive di studio i professori Hubert Houben (Unisalento), Alessadnro Di Muro (Unibas) e Francesco Panarelli (Unibas), con il coordinamento di Cosimo Damiano Fonseca (Accademico dei Lincei).L’evento è stato organizzato dalla Dott.ssa Maria Scaramuzzo.

     

     

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Simple Share Buttons

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi