mercoledì 20 settembre 2017

L’OSPITE EMERGUMENO

Mi chiedo ma quando sarà che questo paese mostrerà le palle???(scusate per la scurrilità ma ci vuole proprio!!!!)Quando sarà che baderemo meno ai soldi e più al nostro onore? Alla nostra Patria? Quando avremo veramente rispetto per chi in passato ha sacrificato la vita per questa nazione???

Perchè ancora quest’uomo lo accogliamo come se fosse un nostro emerito Presidente nonostante le sue continue offese? Come possiamo definire saggio un uomo che dice non vi è alcuna differenza tra i terroristi e il comportamento politico del mondo occidentale? Ma come, prima mandiamo i nostri soldati a combattere contro il terrorismo e poi ci facciamo dire certe cose??? Allora a cosa serve condannare chi urla per strada 10 100 1000 Nassyria per poi applaudire chi ci confonde con i terroristi???? Come al solito in Italia si fa presto a cambiare opinione, come al solito siamo sempre i primi ad essere incoerenti a cominciare dal Presidente Berlusconi. Ci può anche stare il cambio di opinione ma non è assolutamente rispettoso definire terroristi (o loro amici) quei soldati italiani che hanno perso la vita proprio per combattere il terrorismo. Questa volta il il Berlusconi mi ha veramente deluso, mi sarei aspettato una dura presa di posizione contro Gheddafi ed invece nulla….qualcuno nel governo ha solo detto timidamente di non essere d’accordo con le parole del leader libico. Anzi è stato accolto con tanto di onoreficenze con la foto del combattente antiitaliano,  mostrandosi con gli occhiali da sole nell’incontro con il nostro Presidente Napolitano….insomma, senza nessun rispetto per le nostre istituzioni. Ma perchè tutto questo è stato permesso? Semplice la risposta viene dallo stesso emergumeno: "…l’Italia dipende per il 70 % dalla Libia per quanto riguarda le risorse energetiche"…in parole povere ci ha detto che dobbiamo subire le sue offese se non vogliamo rimanere al freddo e al buio.

Meno male che in Italia ci sono ancora persone che hanno un pochino a cuore il rispetto delle istituzioni ed è per questo che vorrei elogiare il comportamento di Fini che ha avuto oggi nei confronti dell’emergumeno a seguito dell’ennesimo ritardo per incontri istituzionali:"È un ritardo non giustificato. Nel pieno rispetto delle istituzioni considero annullata la manifestazione, assumendomene la responsabilità nel rispetto di quello che ritengo sia il ruolo del Parlamento in una democrazia"


Commenti da Facebook

3 Commenti

  1. vince_ditaranto

    Finalmente Gianni ha detto qualcosina contro il Berlusca….siamo sicuri che ti senti bene??? Wink

    Scherzi a parte, sono d’accordo con te sul comportamento di Fini che ci ha ridato un po di dignità.

    Purtroppo Fini mi ha così tanto deluso in questi ultimi anni, per motivi sicuramente evidenti a chi è stato veramente di AN, che solo se diventasse il leader del centro destra nel dopo Berlusca e cambiasse davvero l’Italia….allora, forse, si farebbe perdonare quasi tutto Cool.

  2. ciffo

    Fini è rimasta l’unica speranza per tornare ad avere in Italia una destra moderata che non sia solo pagliacciate, populismo, mignottocrazia e cialtroni.
    Mi fa piacere che sia stato tu ad aprire questo post e non io o uno dei soliti noti che già hanno scritto tanto sul nostro clown presidente del consiglio. Prima gli elettori di destra si sveglieranno per scegliersi un nuovo leader e prima l’Italia tornerà a non far ridere tutto il mondo.
    Riguardo comunque al ritardo dell’energumeno… ti ricorda qualcun’altro? Qualcuno che fece aspettare la Merkel ad esempio?
    Tra pagliacci ci si capisce al volo. Sarà per questo che Obama ha già visitato un paio di volte la Germania e la Francia e noi possiamo aspirare soltanto alle visite istituzionali di un cafone vestito da carnevale.

  3. Cristoforo Magistro

    Se non ci fosse il suo senso dello stato e ciò che, di conseguenza, è costretto a fare per conservare a questo governo una “normalità” da paese democratico occidentale, basterebbe ciò che ne dice Giuliano Ferrara a rendere simpatico Gianfranco Fini anche a chi non la pensa come lui. Con la finezza che lo contraddistingue il giannizzero-principe che pur avendo alle spalle due gravi fallimenti politici, o almeno uno e mezzo, quello nel vecchio Pci e quello nel Psi di Craxi, non rinuncia a spiegare agli altri le cose della politica e della vita, ha fatto sapere a chi già qualche idea al riguardo l’aveva che Fini Gianfranco, effettivamente, è fra i pochi a non essere nel libro-paga del nuovo Amor Suo – così chiama Berlusconi – con queste parole:
    “Confermo: Fini per me è diventato interessante (anche i traditori sono interessanti, io sono interessante per me stesso, specie da quando ho tradito il comunismo). E interessante da quando è rimasto solo anche per sua scelta, il Cav. si è preso tutto compreso il suo partito, i quadri decisivi, probabilmente l’elettorato, lasciandogli un ristretto gruppo di affini (il think tank, il Secolo, una manciata di parlamentari). (da Il Foglio” del 22 maggio 2009).”

    Chi sa come saranno stati contenti per queste rivelazioni gli ex colonnelli di AN come Gasparri che quotidianamente qualche calcio e qualche morso alle calcagna del vecchio capo pure provano a darlo.

    Ha fatto quindi bene il presidente della Camera a far capire a Gheddafi che non può comportarsi in Italia come a suo tempo si comportarono – in verità molto peggio – gli italiani in Libia, ma Berlusconi oggi ha spiegato che l’azienda Italia deve considerarlo come un cliente un po’ originale che va accontentato poiché gli affari vengono prima di tutto.
    Aspettando la prossima puntata, direi di considerare che Gheddafi in Italia si è prodotto in numeri destinati a far sapere ai suoi connazionali che lui – e loro di riflesso – è grande e può fare tutte le cafonate che vuole.
    Mi ricorda qualcuno.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Simple Share Buttons

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi