è ora di cambiare l’ora

Lancette un’ora indietro nella notte fra oggi e domenica: alle 03:00 del 26 ottobre torna infatti l’ora solare, che resterà in vigore fino al 29 marzo del 2009, quando scatterà di nuovo quella legale e per i successivi 7 mesi. Finisce così il periodo di ora legale che, recuperando un’ora di luce in più a fine giornata, ha portato importanti benefici anche per quanto riguarda i consumi energetici: solo sul fronte elettrico Terna, la società cui fa capo la rete nazionale di trasmissione, parla infatti di risparmi per 99 milioni di euro grazie al consumo di 646,2 milioni di chilowattora di elettricità in meno.

La storia dell’ora legale, che tra sabato e domenica porterà ad un’ora di sonno in più, nasce nel Settecento. Il primo a teorizzarla fu Benjamin Franklin che individuò nell’adozione per convenzione di un’orario diverso che ‘inseguisse’ il sole, e quindi la luce, un modo per ottenere dei risparmi energetici. L’idea non ebbe grande seguito anche perché, all’epoca di Franklin, i risparmi sarebbero stati relativamente bassi (lo scienziato pensava, ad esempio, alle poche candele che si sarebbero consumate) I calcoli sono oggi ben diversi, visti i consumi nei Paesi più industrializzati. Oltre un secolo dopo (nel 1907), l’idea venne ripresa dal britannico William Willet, e questa volta trovò seguaci: nel 1916 la Camera dei Comuni di Londra diede il via libera al British Summer Time, che implicava lo spostamento delle lancette un’ora in avanti durante l’estate. Molti Paesi imitarono la Gran Bretagna, soprattutto in tempo di guerra, quando il risparmio energetico è una vera priorità. Anche in Italia l’ora legale è stata adottata per la prima volta nel 1916, dal 3 giugno al 30 settembre.

Negli anni successivi, e fino al 1920, l’inizio fu anticipato a marzo. Sospesa nel 1920 l’ora legale tornò in auge nel 1940 e negli anni del periodo bellico, e vi rimase fino al 1948, anno in cui venne nuovamente abolita. L’adozione definitiva risale al 1966, durante gli anni della crisi energetica. Per i primi tredici anni venne stabilito che l’ora legale dovesse rimanere in vigore da fine maggio a fine settembre. Dal 1981 al 1995, invece, si stabilì di estenderla dall’ultima domenica di marzo all’ultima di settembre. Il regime attuale è entrato in vigore nel 1996 quando fu prolungata dall’ultima domenica di marzo all’ultima di ottobre. Sono ormai quasi tutti i paesi industrializzati che, proprio in virtù dei risparmi possibili, hanno adottato l’ora legale, secondo un criterio di fissazione delle date di inizio e fine il più possibile coincidenti, soprattutto per non complicare gli orari degli aerei, anche in considerazione necessità di Stati che si trovano in emisferi diversi.

Quindi l’ultima settimana di marzo che in Europa (compresa la Russia) segna l’inizio del regime di ora legale, nell’emisfero australe ne celebra la fine. Ma c’é anche qualcuno che, come il Giappone, non aderisce all’ora legale: contrari gli agricoltori, perché è soprattutto nelle prime ore della mattina che è concentrato il lavoro nei campi ed è allora che serve più luce. Le lancette non si spostano anche in gran parte del resto dell’Asia e in Africa. Qualche incertezza, infine, per l’orologio di chi decide di visitare l’Antartide: qui l’ora legale – e quindi solare – cambia a seconda di quale bandiera sia issata sulle basi che sono state istituite per motivi scientifici (ma non solo) sull’immensa placca di ghiaccio.


LANCETTE CERVELLO IN ‘TILT’
  – Si spostano le lancette dell’orologio ed anche quelle del nostro cervello rischiano di andare in ’tilt’. Stanotte torna infatti l’ora solare e bisognerà, dunque, sincronizzare gli orologi un’ora indietro. Ma se molti già pregustano l’ora in più di sonno, è però bene sapere che il nostro ‘orologio interno’ in realtà riceve degli scossoni negativi da questi cambi di orario e impiega parecchie settimane (almeno sei) per adattarsi al mutamento. La conferma arriva da un recente studio pubblicato sulla rivista Current Biology, ma gli esperti comunque rassicurano: il cambio d’orario è sicuramente uno stress per l’organismo, ma non così grave e il consiglio fondamentale è quello di non aggiungervi ulteriori stress. In altri termini, prendersela con comodo almeno per la giornata di domani. Ma cosa succede al nostro cervello quando l’orario viene cambiato? Lo spostamento di una sola ora, che molti tendono a sottovalutare, spiegano gli autori dello studio della Ludwig-Maximilian University di Monaco, in realtà ha effetti “dirompenti” sui ritmi endogeni del nostro corpo, che non si risolvono nel giro di qualche giorno come si pensava.

L’organismo ha, infatti, un complesso meccanismo di sincronizzazione regolato dall’orologio biologico che, situato nel nucleo dell’ipotalamo e collegato ad ‘orologi periferici’ dei diversi organi, è fondamentale per mantenere le nostre normali funzioni fisiologiche in sincronia con l’ambiente esterno (per esempio il sonno di notte, la veglia e le diverse performance cognitive durante il giorno). L’orologio biologico é normalmente sincronizzato su un ciclo di circa 24 ore (ciclo circadiano), dettato dall’alternanza luce-buio nell’ambiente circostante. La sincronia si instaura attraverso l’informazione luminosa che viene convogliata al cervello tramite l’occhio. Il cambio d’orario ‘scombussola’, dunque, tale ciclo rendendo necessario un periodo di adattamento per riposizionare le ‘lancette interne’. Circa 1,6 miliardi di persone al mondo devono fare i conti ogni anno con l’ora legale, ma finora pochi studi, e sempre su un ristretto campione di individui, erano stati compiuti per esaminare gli effetti del cambio dell’ora.

La conferma scientifica, dunque, c’é: il cambio d’orario determina, effettivamente, ripercussioni negative sull’ organismo. Ma non è il caso di allarmarsi, avverte il segretario della Federazione italiana dei medici di famiglia (Fimmg) Giacomo Milillo: “Non ci sono grossi pericoli per la salute ma, come tutti gli stress – afferma – l’ ‘aggiustamento’ dell’orologio interno può dare qualche segno di affaticamento e maggiore stanchezza”. A tutto ciò c’é però un rimedio: “Questi disturbi – sottolinea Milillo – si possono facilmente prevenire attraverso una maggiore attenzione al rispetto delle regole base ad esempio dell’alimetazione, non esagerando e bevendo adeguatamente, e non affaticandosi eccessivamente”. Il cambio d’ora, insomma, è un “piccolo stress” e il segreto per non amplificarlo, conclude il medico, è “non aggiungere altri stress”. Domani, quindi, complice anche la giornata festiva, il consiglio è quello di cercare di avere un ritmo più tranquillo.

 

Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

io sono quello che faccio

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi