A proposito di Israele ( L’individuo e la società)

L’individuo e la societàCamminavamo per una strada affollata. I marciapiedi erano gremiti e il puzzo dello scappamento di automobili e autobus ci riempiva le narici. Le botteghe mettevano in mostra molti oggetti costosi e di poco prezzo. Il cielo era d’un chiarore argenteo e si stava bene nel parco, quando uscimmo dalla contrada rumorosa. Ci inoltrammo a fondo nel parco e sedemmo.Egli stava dicendo che lo Stato, con la sua militarizzazione e legislazione, assorbiva ormai l’individuo quasi dappertutto e che la Statolatria stava prendendo il posto dell’adorazione di Dio. Nella maggioranza dei paesi lo Stato penetrava ormai nella stessa intimità della vita del suo popolo; alla gente veniva detto ciò che doveva leggere e pensare. Lo Stato spiava i suoi cittadini, sorvegliandoli con occhio divino, usurpando le funzioni della Chiesa. Era la nuova religione. L’uomo soleva essere schiavo della Chiesa, ma ormai era schiavo dello Stato. Prima era la Chiesa ed ora era lo Stato che controllava l’educazione del popolo; ma né la Chiesa né lo Stato s’erano mai preoccupati della liberazione dell’uomo.Quali sono i rapporti tra l’individuo e la società? Ovviamente, la società esiste per l’individuo, e non il contrario. La società esiste perché l’uomo prosperi; esiste per dare libertà all’individuo, ond’egli possa avere l’opportunità di ridestare in sé l’intelligenza più alta. Questa intelligenza non è un semplice coltivare la tecnica o la scienza, ma essere in contatto con la realtà creativa, la quale non è della mente superficiale. L’intelligenza non e un risultato cumulativo, ma libertà dal conseguimento e dal successo progressivi. L’intelligenza non è mai statica; non può essere copiata e standardizzata, e quindi non può essere insegnata. L’intelligenza è da scoprirsi in libertà.La volontà collettiva e la sua azione, che è la società, non offre questa libertà all’individuo; perché la società, non essendo organica, è sempre statica. La società è connessa, posta insieme, per la comodità dell’uomo; non ha un meccanismo indipendente suo proprio. Gli uomini possono catturare la società, guidarla, formarla, tiranneggiarla, a seconda del loro stato psicologico; ma la società non è signora dell’uomo. Essa può influenzarlo, ma l’uomo la spezza sempre. C’è conflitto tra l’uomo e la società perché l’uomo è in conflitto entro se stesso; e il conflitto è tra ciò che è statico e ciò che è vivo. La società è l’espressione esteriore dell’uomo. Il conflitto tra se stessi e la società è il conflitto nell’intimo di noi stessi. Questo conflitto, intimo ed esterno, esisterà sempre fino a quando l’intelligenza superiore non si desti.Noi siamo entità sociali così come siamo individui; siamo cittadini e uomini nello stesso tempo, divenienti distinti nel dolore e nel piacere. Se deve esservi pace, dobbiamo comprendere il giusto rapporto fra l’uomo e il cittadino. Naturalmente, lo Stato ci preferirebbe del tutto cittadini; ma questa è la stupidità dei governi. Noi stessi ameremmo cedere l’uomo al cittadino, perché essere cittadino è più facile che essere uomo. Essere un buon cittadino significa funzionare efficientemente nel quadro di una data società. Al cittadino si richiedono efficienza e conformismo, poi che lo rendono duro e spietato; e allora egli è capace di sacrificare l’uomo al cittadino. Un buon cittadino non è necessariamente un uomo buono; ma un uomo buono è tenuto ad essere un buon cittadino, quali che siano la sua società e il suo paese. Poiché egli e innanzi tutto un uomo buono, le sue azioni non saranno antisociali, egli non si porrà contro un altro uomo. Vivrà in cooperazione con altri uomini buoni; non cercherà autorità, perché non ha autorità; sarà capace dì efficienza senza la spietatezza che l’accompagna. Il cittadino tenta dì sacrificare l’uomo; ma l’uomo che sta cercando l’intelligenza più alta naturalmente eviterà le stupidità del cittadino. Così lo Stato sarà contro l’uomo buono, l’uomo d’intelligenza; ma quest’uomo è libero d’ogni governo e paese.L’uomo intelligente porterà in essere una buona società; ma un buon cittadino non darà vita a una società in cui l’uomo possa essere dell’intelligenza più elevata. Il conflitto tra il cittadino e l’uomo è inevitabile se il cittadino predomina; ed ogni società che deliberatamente trascura l’uomo è condannata. V’è riconciliazione fra il cittadino e l’uomo soltanto quando sia stato compreso il processo psicologico dell’uomo. Lo Stato, la presente società non si occupano dell’uomo interiore, ma solo dell’uomo esteriore, del cittadino. Essi possono negare l’uomo interiore, ma questo sopraffà sempre quello esteriore, distruggendo i piani abilmente studiati per il cittadino. Lo Stato sacrifica il presente per il futuro, sempre salvaguardando se stesso per il futuro; considera il futuro d’importanza suprema, non il presente. Ma per l’uomo intelligente il presente è della massima importanza, l’oggi e non il domani. Ciò che è può essere compreso soltanto con lo svanire del domani. La comprensione di ciò che è determina la trasformazione nell’immediato presente. È questa trasformazione la cosa di suprema importanza e non il modo di riconciliare il cittadino con l’uomo. Quando avviene questa trasformazione, cessa il conflitto tra il cittadino e l’uomo.


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi