Un’altra Monte è possibile?

[img_assist|nid=999|title=un mondo a colori|desc=|link=none|align=left|width=100|height=75]Scusate, ma che palle!
Possibile che siamo sempre ancora così popolino miope da non poter far partire un progetto, un’iniziativa o qualsiasi altra cosa senza puntarci il dito contro e dirci a vicenda: “tu stai di qua!”, “tu stai di là!”.
Allora:
n.1) il sito nasce A P O L I T I C O, e, a meno che non atterri un’astronave e rimuova di colpo la nostra materia grigia, credo che abbia intenzione di rimanere tale!
n.2) la futura associazione, se dovesse partire, in quanto sua estensione dovrebbe avere le STESSE caratteristiche.
Come mi è stato più volte detto, probabilmente io faccio un po’ fatica a capire le sottili allusioni e i contorti giri che assume la politica a livello locale, diciamo in altre parole che forse sono un’ingenuotta in questo campo, ma, scusatemi tanto, preferisco rimanere “innocente” e non farmi invischiare da questi sciocchi (scusate) giochetti. (Non Me ne vogliano gli addetti ai lavori, ma mi sono giunti all’orecchio così tanti aneddoti beceri fatti dall’una quanto dall’altra parte, da rimaner turbata, per usare un eufemismo.)
Credo, e correggetemi se sbaglio, che da quando è nata questa comunità, vi abbiano partecipato persone dalle più svariate ideologie, e credo che lo continuino anche a fare. Se poi uno si vuole auto-escludere, o svilire tutta la questione con un’etichettatura, beh, a me viene da fare una considerazione: “Excusatio non petita, accusatio manifesta”, che terra terra è uguale alla famosissima “coda di paglia”.
Scusate, ma vi piace il progetto? Vi piacerebbe far qualcosa, quello che vi pare? (nei limiti della decenza, ovviamente.) Allora non pensiamo con la mente da paesello; ci togliamo di dosso questa provincialità che ci farà rimanere sempre piccoli e che ci zavorra?
Su, che un altro mondo è possibile…

ingenua


Commenti da Facebook

47 Commenti

  1. LomFra

    il dialogo, le molteplici esperienze e la conoscenza delle altre culture sn alla base dello sviluppo di un paese ke cm monte soffre di provincialismo, bisogna SVEKKIARSI, ma ki può svekkiare un paese se nn i giovani, la cui mente è ankora fresca e aperta al cambiamento, svekkiare un vekkio è impossibile! veniamo da un paese le cui origini contadine volenti o nolenti le portiamo dentro, a volte celate nella nostra + recondita parte dell’io… ma i giovani la cui coscenza deve ankora formarsi, siamo noi il futuro. e ki meglio del giovane ke parte ‘armi e bagagli’ e và a migliaia di km di distanza per studiare, lavorare,può migliorare la nostra situazione, ki se nn colui ke torna cn una certa apertura mentale necessaria ad uscire dal provincialismo… siamo noi dunque a dover svekkiare il paese e a farlo uscire da questa mentalità opprimente, ma cm possiamo constatare sn generazioni ke i montesi viaggiano e, proprio oggi, parlando cn un ‘saggio di strada’ montese, i problemi di adesso sn quelli di 40 anni fà… allora? qual’è il problema? il giovane universitario si ‘arrikkisce’ davvero? e se lo fà poi ritorna per arrikkire anke la comunità? l’interrogativo resta aperto… cm si può contribuire a ringiovanire un posto standosene a migliaia di km d distanza? forse oggi internet può aiutare, ma per il resto? Forse i veri protagonisti del cambiamento sn coloro ke pur di fare qualkosa x monte, hanno il coraggio di restare e apportano un contributo concreto alla comunità, ed il lavoro magari se l’inventano nonostante tutte le difficoltà! A loro và il mio grazie di montese purosangue!

  2. Cinzia

    Cara Benna, sappi che questo post potrebbe scatenare un putiferio… Ma su questo sito ormai siamo abituati alle più veementi (e talvolta dementi – ehm… solo per fare la rima 😉 ) discussioni.
    Qualche tempo fa, precisamente la sera del 21 luglio, la sera del (non)concerto dei Sud Sound System, in attesa che lo spettacolo cominciasse, passeggiavo amabilmente con amici per il campo sportivo. Ci si lamentava dell’estate un po’ spenta, della calma piatta delle ultime serate. Tra le varie divagazioni, l’affermazione da parte di una ragazza appartenente ad un’associazione molto attiva a Monte, mi ha fatto … sobbalzare … per usare un eufemismo.
    La persona in questione, sosteneva che Monte è un “mortorio” e “se non tornano gli universitari, non si crea movimento”. Una serie di inquietanti interrogativi hanno cominciato a turbare la mia “piatta” serata: i conti non tornavano. Come è possibile che un’affermazione del genere potesse provenire da parte di una persona impegnata in un’associazione, una ragazza di 18 anni? Chi sono questi “universitari” che vengono da lontano a creare “movimento”? Sono davvero loro la salvezza di noi anime condannate a questo limbo? Dobbiamo aspettare il loro avvento per sperare di ritrovare un po’ di linfa vitale per il nostro paesello? Dobbiamo vivere 11 mesi all’anno nel grigio torpore di un paese senz’anima per ricominciare a “vivere” nel solo mese di agosto, davanti al Jammin’ che fa tanto cool? Beh, cari miei, io non ci sto. Niente di personale contro le salvifiche creature, gli universitari (“categoria” di cui anch’io ho fatto parte per 5 anni della mia vita), nè contro il Jammin’ che comunque resta un luogo di aggregazione e di incontro. Ma io – che di anni ne ho quasi 30 – voglio vivere tutti i giorni, tutti i mesi dell’anno, nel MIO paese e non aspettare che scenda Qualcuno dall’alto a portarmi ossigeno! Per questo motivo, e perchè credo che un’altra Monte sarebbe possibile, se solo ci scrollassimo di dosso la grettezza mentale che ci portiamo nel DNA, se la smettessimo di cadere nella trappola dei giochetti “o con me o contro di me”, se cominciassimo a credere nelle persone ed in noi stessi, prima di etichettare tutto e tutti, ho grande fiducia nella costituzione dell’associazione.
    Il futuro siamo noi. Il nostro destino non sta scritto da nessuna parte, perchè siamo noi a crearcelo. E’ solo una questione di scelta. Dove andare, cosa fare, perchè, come: siamo noi a decidere. Mi auguro che nessuno di noi dimentichi di aver ricevuto alla nascita quel grande dono del libero arbitrio, che ci rende – prima di qualsiasi altra cosa – liberi esseri pensanti. Liberi di dire no ad uno stato di cose che non vanno, alla lenta agonia di un paese che non ha mai conosciuto fino in fondo le proprie potenzialità, ad una ragazza di 18 anni che per 11 mesi all’anno aspetta gli “universitari”.

    1. RoKKo77

      Sai qual è il grave problema di questo paese?che la gente spesso non ha il coraggio di voler dare una mano a qualcun altro per collaborare in qualunque evento e spesso accade cio perchè o si hanno pregiudizi sulla persona che vorrebbe organizzare oppure perchè si trama l eventuale organizzazione di un evento analogo che magari è la copia di quello precedente!quante manifestazioni sono state organizzate a montescaglioso e poi altra gente l anno successivo ha cercato di fregare l idea e anticipare sul tempo l associazione dell anno prima per prendersi i meriti?questi sono i gravi danni di questo paese che portano alla distruzione e non alla costruzione!vorrei però tirare un po le orecchie a un bel po di utenti di questo sito e prendo te cinzia perchè so che sei una persona che vali e potresti anche fare da trascinatrice per gli altri, una settimana fa ho chiesto un aiuto pubblico un po a tutta la comunità riguardo il carnevale, perchè l ho fatto in cosi largo anticipo?perchè per fare bene bisogna valutare tanti fattori e mi è venuta la fallimentare idea di chiedere aiuto a montescaglioso.net ora spero che questa mia seconda richiesta di aiuto sia ben accolta, per aiuto intendo anche una semplice critica o apprezzamento sul lavoro svolto gli anni passati.grazie

      1. Cinzia

        Rocco, Monte – purtroppo – di problemi ne ha tanti, ma perchè si possa andare avanti, è necessario partire dal presupposto che le situazioni di cui ti parli devono diventare acqua passata. Quindi, se non è possibile trovare loro una soluzione, “aggiriamo” l’ostacolo e puntiamo dritto al nostro obiettivo, fregandocene delle macchinazioni occulte e del si dice che…
        Per il Carnevale, credo che se nessuno ti ha risposto, è perchè siamo ancora a settembre. Non penso ci sia l’intenzione di snobbare la tua richiesta dietro al nostro silenzio. Hai fatto bene però a riproporre la tua domanda.
        In bocca al lupo
        Cinzia

        1. RoKKo77

          Lo so che siamo a settembre ma per far sì che sia tutto perfetto tutto realizzato bene la manifestazione, la costruzione dei carri, la quantificazione del budjet, le eventuali collaborazioni da parte di nuove persone che vogliono affacciarsi a questo mondo, tutto questo bisogna prepararlo gia da adesso perchè 6 mesi sembran tanti ma il bello è che sei mesi servono per far sfilare per soli due giorni carri che ogni anno diventan sempre piu belli! 🙂

          1. Francy Lomonaco

            Quanto Hai ragione. A me piacerebbe documentare la fatica che c’è dietro la realizzazione di un CARRO di Carnevale. Avrai la mia collaborazione.

            P.S. Messaggio personale: ho aggiornato Testi e foto sulle pagine VenerdiDisco
            di Sud italia Radio.TV

          2. RoKKo77

            Francy ho visto con piacere gli aggiornamenti alla febbre del venerdi sera!sarai avvisato a inizio lavori per la costruzione carri, ora dobbiamo intanto chiudere ancora la partita 2006 e iniziare ad aprire il nuovo anno!avrai mie notizie!

    2. LomFra

      era proprio quello a cui il mio post (1 pò provocatoriamente) voleva portare… abbiamo bisogno della gente ke viene un mese all’anno per vivere a monte?! la risposta la dobbiamo cercare dentro di noi, dentro ki per 10 mesi all’anno nn fà altro ke dire ke si rompe i c… ke aspetta quel mese di agosto per divertirsi, e ke per i restanti mesi è completamente inattivo (socialmente parlando), quando effettivamente monte offre delle piccole realtà di gente attiva 12 mesi all’anno!

  3. lazarum

    citando il menestrello me ne vo per la strada, mania progettule e realizzativa, avete presente le feste di compleanno alla montese?
    tutti spalle al muro..nessuno balla…tutti pensano…sono troppo intenti a valutare le conseguenze della loro scelta..poi arrivano i casinari di turno…(nofuorisede)…e cominciano a ballare…segue festa meravigliosa.
    qlcuno deve pur cominciare. questa generazione è ammalata di pessimismo cosmico(sembro credibile come gattuso..) dovuto alla mancanza di spinta propulsiva.(acinino…pomodori…)
    e diamogliela! cominciamo a fare casino ma solo xkè così ci piace.
    ripeto …noi qui pontifichiamo…nn ergiamo paliazzate e se gli altri stanno a guardare saranno abbagliati dai riflessi cangianti di chi avendo deciso di cambiare…non aspetta che lo facciano altri.
    ops…si vede che ho dormito poco e male….colpa delle zanzare…
    oggi sto con i gun’s’roses…mi ricordano i miei 14 anni…credo fosse ieri pomeriggio…accidenti!
    benna sono d’accordo.
    brà brà

    1. ciffo

      Grande lazarum!
      mi piace la metafora… mettiamo su il pezzone e apriamo le danze. Se gli altri ci seguono bene… altrimenti ci saremo divertiti noi!
      Corvo… il tuo essere intransigente e arrabbiato non vedo proprio a quali risultati può portare. Tu ti prepari già allo scontro… ma con chi? Contro chi o cosa dovremmo essere massicci e arrabbiati? Le rivoluzioni di cui tu parli si possono fare anke senza esserlo. Ti dicono niente Gandhi, Luther King, Mandela?
      Se tu già alzi le barricate come pretendi che qualcuno si unisca a te? Pensi forse che le abbatteranno per accorrerti ad abbracciarti?
      Seguiamo i consigli del very-wiseman e non partiamo prevenuti con nessuno!
      A Car mi sento di dire… io personalmente e insieme a me sicuramente molti utenti di questo sito non siamo prevenuti nei tuoi confronti. Hai detto che vuoi aiutarci, l’offerta di una sede è importante ma paradossalmente ci sono cose più importanti che potresti fare per questa comunità: prenderne parte. Cadere come un fulmine a ciel sereno con un’allettante offerta lascia troppi spazi alla fantasia degli estrosi e creativi utenti di questa piccola comunità. Chissà magari altri politici o semplicemente gente comune vorranno seguire il tuo esempio. Stai attento però… partecipando alle discussioni, faticando con noi per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti, sgobbando insieme a noi nella organizzazine di eventi corri il rischio di perdere la tanto amata e odiata qualifica di “politico” 😉

  4. vince_ditaranto

    Cara Benna, quello che tu dici è giustissimo!!! non stai dicendo niente di nuovo….anche se sempre attuali, sono riflessioni “datate”!!!! Condivido ogni singola virgola che hai scritto ma tu, come me e forse come qualcun altro, dimentichi un’aspetto fondamentale: meccanismi e riflessioni “corrette” formalmente e nella pratica, diventano totalmente inadeguate se applicate al nostro caro paesello!!!! A Monte sembra che anche “le leggi della fisica classica” siano differenti dal resto del mondo! Certo molte diversità rispetto ai “normali contesti aperti” delle città in cui studiamo o lavoriamo sono implicitamente addebitabili al fatto che siamo “una piccola città”, dove tutto si vede, tutto si sente, e tutti sanno tutto di tutti…….ma da bravi meridionali/montesi ci aggiungiamo sempre del nostro per peggiorare la situazione che già implicitamente è svantaggiosa!!!!
    Riguardo alle eventuali influenze politiche sulla nascente associazione, tu sai benissimo cosa penso della commistione società civile-politica…l’ho esposto chiaramente più volte, anche nell’articolo che ho pubblicato e ho inserito sul sito, quindi non mi ripeterò! dobbiamo stare attenti…!!!!!!! non basta dire : “la nostra è un’associazione apolitica” per evitare che lo diventi….sia perchè molti inizialmente fingono (e ne abbiamo esempi abbastanza evidenti), sia perchè tanti altri si ritrovano ad aver “fatto politica” e se ne accorgono qualche anno dopo (…ovviamente per “fare politica” non intendo l’accezione ateniese, ma “fare il servo/galoppino/arraffa voti di quello di turno”).
    E sì, perchè in una associazione non c’è solo una persona….non siamo noi soli a decidere, che possiamo imporci di evitare contaminazioni….se fossi da solo sono sicuro di riuscire a farlo….ma quando ci sono più persone che interagiscono, si sviluppano tali e tanti fenomeni sociali che sono spesso ingovernabili…almeno per noi che ne siamo dentro, perchè per i “lazzaroni” che sono fuori è facilissimo interpretarli e guidarli a loro vantaggio.
    Spesso quelli più attivi in un gruppo sono quelli che vogliono portare “le cose” su certe posizioni, e tu o io , cara benna, che siamo animi “nobili” (alias ingenui), seguiamo volentieri questi falsi faccendieri perchè convinti che “chi fa” deve essere premiato e seguito….e ci troviamo ad aver fatto il suo gioco o del burattinaio di turno.
    A monte la vita sociale è una partita a scacchi…..tutti osservano le tue mosse e cercano di prevederle o di bloccarle……per farvi un esempio….dopo il mio articolo (abbastanza polemico) sulla politica locale e meridionale, non potete immaginare quanta gente ha avvicinato me o gente a me vicina per capire che intenzioni avevo, quali erano le oscure intenzioni che spingevano le mie parole…perchè non possono farsi sfuggire nessuno…..perchè se qualcuno che pensa emerge un tantino mette a nudo la loro “imbarazzante mediocrità”!!!!
    ….detto questo cara benna (che donna!), ti dico che non voglio essere pessimista, anch’io voglio cambiare le cose ma ci troviamo davanti ad un muro, che è sia alto e sia robusto!!!!
    io sono pronto alla lotta, ma non bisogna ignorare la realtà…anzi leggendola in maniera critica, si può capire meglio come agire!!! non basta fare appello al libero arbitrio, bisogna essere determinati nei propri obbiettivi! purtroppo questo significa anche (secondo me) escludere a priori “certe strade”….ma purtroppo il “possibilismo” porge inevitabilmente il fianco ai “colpi bassi”!!!
    Dobbiamo essere “massicci” e “incazzati”!

    Scusate la lungaggine ma mi sono fatto prendere dall’argomento!

    ps x benna..”stagli vicino!!”

    1. Cinzia

      Caro Corvo,

      in linea di principio, hai ragione. Ma come tu mi insegni, la teoria e la pratica sono ben diverse. Mi fa un po’ rabbia sentir parlare di Monte come un posto di provinciali, dove provinciali sono tutti gli altri e gli emancipati siamo noi. Siamo sempre così bravi nel prendere le distanze da ciò che non ci va a genio! E poi non credo all’ingenuità di nessuno, scusate la franchezza. Nessuno di noi è nato ieri, nessuno di noi crede più alla befana o alla cicogna. Anche qui cade la divisione manichea tra i buoni=ingenui=noi ed i cattivi=furbi=gli altri. Alla mancanza di coraggio, che porta al fare “massa”, al pregiudizio, alla malafede, all’invidia, invece, ci credo, eccome. Questo è ciò a cui possiamo liberamente scegliere di dire no.

      Io, personalmente, quando ho letto la proposta di Pierro, non ho avuto paura. Non conosco neanche la persona in questione, ma conosco me stessa e so che il mio voto non è in vendita. Se questo fosse il nostro credo comune, non ci sarebbe bisogno di dare la caccia alle streghe o di scagliarsi contro “i furboni” con un rancore che – ahimè – giustifico fino ad un certo punto, perchè chi è causa del suo male, … beh… lo conosciamo tutti il proverbio …

      Non vedo la ragione per cui dovremmo essere “massicci e incazzati”: la rabbia non ha mai prodotto nulla di buono. E poi, siamo sicuri di sapere bene chi è il nostro nemico? Siamo sicuri che i nostri cannoni saranno puntati nella direzione giusta? Qui si tratta di creare un nuovo modo di pensare. Il nostro. Ma per farlo dovremo sradicare un vecchio modo di pensare. Il nostro.

      1. Francy Lomonaco

        il nuovo deve incarnare, adottare con forza nuovi “comportamenti”.
        La differenza tra Teoria e Pratica non esiste se sei un animale “TeoPratico”, se invece appartieni alla specie “umana” se sei figlio dell’ Esercitazione “teorica” , se fai uso della “pratica” nell’alveo del “abitudine” e del “consentito” purtroppo sarai sempre angosciato dall’enorme baratro tra il dire e il fare. Per fortuna abbiamo davanti questo”mare” futuro da attraversare…

        perchè dobbiamo essere “politici”?? E’ così facile essere “PolEtici”!

        1. vince_ditaranto

          Cara Cinzia, ormai si è capito, il modo che abbiamo di affrontare i problemi (o almeno “di volerli affrontare”) è totalmente diverso!!! Si “registrano” le stesse situazioni ma la maniera di reagire diverge decisamente! Bene, non è per forza un male, anzi….ma mi piacerebbe prima o poi fare quattro chiacchiere “dal vivo”, di modo da poterti spiegare meglio “il punto di vista” dal quale vedo le cose, senza riempire le pagine di questo sito!
          Penso che faccia parte del tuo carattere “mite” prendere le cose con calma e raziocinio…..e in generale ciò è quasi sempre preferibile….ma quello che ti volgio “comunicare” è che non è più tempo per questo atteggiamento….il dialogo, la concertazione, le riflessioni, non fanno altro che il gioco di chi non vuole che le cose cambino!!!!
          Secondo me è evidente che serve qualcosa di “rivoluzionario” che rompa gli schemi e sovvertisca le gerarchie sociali(anche facendo qualche errore di valutazione, tipico di ogni rivoluzione).
          ..ti stupisci che io usi la parola “incazzato”?
          come si fa a non esserlo???
          …come si fa a non essere “incazzati” quando si vede il proprio paese che langue in una lenta agonia……quando i giovani si perdono dietro falsi miti e i giostrai ci svuotano le coscienze…..????
          ….come si fa a non essere “incazzati” quando qualsiasi iniziativa viene strumentalizzata o ostacolata…e quando regna così tanto la mediocrità totale che anche “i migliori” si adeguano all’appiattimento generale per non trovarsi fuori dal giro…???
          …come si fa a non essere “incazzati” quando per lavorare si deve ancora emigrare…oggi, nel 2006…mentre i nostri politici con una strafottenza unica parlano di “sviluppo del meridione”?
          …e potrei anche continuare….
          si, cara Cinzia, sono “incazzato”…perchè mi piange il cuore se guardo con “realismo” quello che lentamente sta diventando la nostra terra e il nostro amato paese!!!!

          sono stato di nuovo prolisso, scusate!!! non mi esprimerò più su tale argomento, sperando che molti voi mi abbiano capito….abbiano capito quale atteggiamento io auspico per noi giovani…ci vuole una reazione forte!!! I sillogismi e le acrobazie linguistiche, caro FrancyLomonaco, non servono più, non incantano più nessuno…..bisogna agire, e alla svelta e con “cieca” determinazione.

          1. titus

            Caro Corvo…
            Capisco pienamente la tua intransigenza è il tuo stato d’animo…Ma
            Ti voglio porre una semplice domanda…
            Sai perchè l’esercito dell’antica Roma era considerato inbattibile?
            …Per L’organizzazione e la logistica…
            Tieni presente un semplice fatto…
            negli scontri per la conquista dell’impero, quando un esercito di barbari (disorganizzati) affrontava una legione compatta e disciplinata, usava come solo metodo bellico la forza d’urto iniziale, poi gli stessi restavano alla mercè dei legionari…
            Cosa voglio dire con questo paragone che essere “alterati” anche per giuti motivi non ci porta ad essere obbiettivi nelle scelte…(vedi Il Principe N.Macchiavelli)
            Ecco perchè io propongo d’incanalare questa volontà che è depositata in ciascuno di noi nella realizzazione di un progetto concreto e costruttivo (che sia un’associazione o altro)…
            Poi un’altra cosa, da che mondo e mondo chi ha iniziato una rivoluzione irruenta e “sconsiderata”, ne ha pagato le conseguenze Vedi: Masaniello, Robespierre, et ali…
            Storia doget
            Titus

          2. vince_ditaranto

            apprezzo il paragone….ma “incazzatura” non vuol dire necessariamente “armata brancaleone”….è ovvio che ci si deve organizzare al meglio….ma bisogna essere grintosi e determinati……i romani che tu hai citato, e che ha anche citato Lazarum nel post, erano sì organizzati ma avevano uno slancio e una “fame” di conquista che li ha sempre distinti……quando si sono “borghesizzati” che hanno iniziato a perdere l’impero, perchè non avevano più la grinta degli albori!!!

      2. lazarum

        ma dovevo postare…nn resistevo più…
        siiii io sono un provinciale abitando da anni in un capoluogo di regione nn ho riscontrato questa mentalità Capoluogale che invece vorrei avere(povero me) per sentirmi emancipato dalla mia condizione obliqua di provicialotto…sono un provinciale e me ne vanto. mi rendo perfettamente conto che è un modo di dire.sob!ma se mi chiedono di dove sei ci metto un quarto d’ora a sillabare montescaglioso…ma nn dico matera…o provincia di matera….alèèèè campanilismo sbrang!…ben venga se costruttivo.nel mio caso è un modo di portare il mio paese in giro sempre in tasca. certo quando mi dico che sono un montescaglionese…con varianti che alludono alla fatica(..nn le riporto…ma cercate di capire se uno si sente scolgion….dunque montescoglion…o) kaboom!
        cmq pazienza amo/odio il mio paese che bella storia d’amore litigherello!
        se nn c’è pepe(nn il cognome…ma la spezia) nn c’è gusto!
        posso vendere il mio voto? faccio un pubblico annuncio vendo il mio voto al miglior offerente…si parto da un piatto di lenticchie in sù…(cinzia scusami il sarcasmo..) la politica è una cosa seria…ma sta a me come come una uzi imbracciata da ghandi(cfr. ciffo!).sono del parere che ognuno è libero di fare quello che ritiene più opportuno(nel senso di opportunismo) come dicevi cinzia chi è causa del suo mal pianga se stesso?
        concordo! possiamo offrire fazzolettini umidificati per tergere le lacrime?
        da dove cominciamo? patapam!
        god save the queen.
        ciaoz
        oggi sto onomatopeico…ciaz

  5. Wiseman

    a 57 anni,non mi sento affatto da “svecchiare”.
    Ho sempre vissuto la mia vita alla luce del sole,lontano dalla politica, ho sempre avuto rispetto per il prossimo,do e ricevo fiducia senza alcuna riserva. E’ vero,senza precauzioni,NON prevenzione, si rischiano fregature,però niente che valga la gioia di scoprire che la tua fiducia è ben riposta!
    Ecco,io, per esempio…
    raccomanderei a tutti di rimuovere ogni prevenzione su chi vuole avvicinarsi all’associazione,ricordando che:
    NON TUTTO IL MALE VIENE PER NUOCERE!
    TUTTI I NODI VENGONO AL PETTINE!
    NON DISPREZZARE L’OPINIONE CONTRARIA ALLA TUA!
    Ecco,io, per esempio…
    raccomanderei a tutti,di non lasciare Ciffo da solo,la sua idea è, a dir poco…rivoluzionaria , continuiamo a coltivarla insieme,magari a poco a poco crescerà!
    Ecco,io,per esempio…
    imporrei a tutti di abolire,dalla propria collezione di dischi, quella canzone di Paoli che narra degli ” amici al bar che volevano cambiare il mondo”
    Sapete quanti erano????????

    1. LomFra

      caro wiseman il mio svekkiare nn era inteso nel senso di conflitto generazionale, piuttosto intendevo svekkiarsi da una mentalità provincialotta e asfissiante cm diceva benna, ergo il mio svekkiare era riferito a ki ha questa mentalita gretta, e ankora più precisamente in ki ha una mentalità gretta già abbastanza forgiata e poco incline al cambiamento…

  6. viva-mente

    per favore .. non lo fate … non cambiate i connotati a questo sito … se volete fare le associazioni .. i partiti, le crocerossine, i sanfranceschi, gli economisti, non fatelo qui … per favore …
    QUESTO è UN SITO WEB …o almeno me lo auguro … a meno che qualcuno si è travestito da incursore di turno per sovvertire e carpire le spinte “D I V E R S E” che viene da un mondo diverso … il mondo del web.
    l’ho detto in qualche altro post ….. spero che questo sia stato concepito come un luogo dove finalmente non ci sia la verticalizzazione delle idee.. e quindi l’ingabbiamento dello spirito libero che la DEMOCRAZIA del web ci concede …
    madonna … ma ve lo immaginate .. le riunioni … il comitato etico che deve controllare .. le discussioni .. i fessi che lavorano e quelli che vivacchiano .. che son li solo per cuccare o far che … ma dico .. stiamo invecchiando di colpo …????

    mi deludete .. purtroppo … mi deludi tu .. Franco .. che ti ostini a non crescere … scusami .. se te lo dico … ma .. io mi auguro.. e lo ripeto .. di restare fuori dalla gabbia che state costruendo attorno al sito.
    Vi posso assicurare che la cultura, le idee, la crescita non ha bisogno di una sede per svilupparsi … per contagiare … per espandersi …proviamo a sviluppare le idee attraverso questo strumento che sicuramente garantisce più libertà e più coinvolgimento …
    cmq … non intendo dilungarmi più di tanto .. ma .. non costringete molti come me ad abbandonare un sogno ….
    grazie

    1. Francy Lomonaco

      Va bene sviluppiamo le idee. Oggi parliamo di prevenzione degli incendi. Tutti dicono la loro. Da brava “comunità” stiliamo una serie di regole per prevenire l’incendio. Ci sentiamo tutti più maturi e gratificati della nostra crescita culturale. Nel frattempo sotto casa divampa l’incendio e tutti insieme intasiamo le linee telefoniche per chiamare i Pompieri.

      La capacità di essere “vero gruppo” in rete ha risolto non pochi problemi in un quartiere della città di Los Angeles: Essere connessi ha fatto ritrovare in piazza nello stesso momento, ognuno con i propri mezzi centinaia di persone per salvare un gattino sopra un cornicione!

      Oppure in un’altro luogo centinaia di persone come in un vero “Blitz” si sono ritrovate nella stessa piazza per prendersi a cuscini in faccia.

      Da internet dobbiamo imparare. Essere associazione vuol dire: fare un fischio e trovarsi insieme… per fare cosa… dipende da quello che tu… sarai in grado di proporre….

    2. maurucc

      E a questo punto mi chiedo…Ma al riguardo, quale cattiva esperienza avrà maturato in passato viva-mente?
      Non è detto che vada a finire come tu pensa, anzi,secondo me dipende dagli obiettivi e vincoli che saranno alla base di qualunque tipo di attività si voglia intraprendere.
      Una cosa è certa, tante idee, tante menti, tanti propositi non possono rimanere degli scritti per i postumi.
      Qualcosa di positivo bisogna crearlo. Altrimenti saremo, ancora una volta, i soliti 4 amici al bar che “VOLEVANO” cambiare Monte.
      Un pò di ottimismo sù, non vedere nei progetti nascituri solo negatività.

    3. Cinzia

      Ok. Fino ad ora ognuno ha detto la sua. E’ giusto che in uno spazio democratico, tutti abbiano espresso il proprio parere. Ma di fiato alle trombe se ne è già dato abbastanza. Direi che può bastare così! Adesso è ora di fare l’appello e contare le presenze. Chi c’è, alzi la mano. Chi non c’è… avrà i suoi buoni motivi per non esserci. L’importante è sapere quanti siamo: uno, nessuno, centomila? Pirandello mi perdonerà l’appropriopriamento indebito ;)!
      Questo è un banco di prova: vediamo se siamo in grado di passare dal libero teorizzare al libero (ma più pratico) agire. Dopo di che, … si potrà ridare fiato alle trombe!

  7. ZODD

    cantava il Grande Pappalardo .
    e meglio kome citava saverio chan del film the fast and the furious altamurano, “com’è cha dra stusit niesciun me vue send” Ricominciamooooooooooooooo :
    ringraziamo dunque benna,cinzia franco lomonaco , x gli enormi sforzi di salvare un battello ke kissa xke semrbi ke vada alla deriva.
    e dire ke era in porto nn pensavo fosse salpato, almeno che, almeno che nn si parli di altri monte.net.
    allor io nn capisco che male ci sia a creare x ilnostro paese cultura ,spettacolo,eventi, giochi, serate , cene , gruppi , o di avere come associati altre associazioni che condividono con noi il gusto, il piacere, l’entusiamo, di far apparire Monte, su una nuova Luce.
    La Luce di Noi Giovani volenterosi, vogliosi, audaci. e no , eco dunque che ce ne andiamo nel pallone.
    a ke servono tutte ste pappardelle di post di girarrost che nulla servono se no a kreare disordine,
    qual’e il problema me lo dite.
    ma esiste un problema o ve lo siete inventati.
    noi , anzi mo lo dico a me medesimo modestament,
    Io ZODD se faccio cio lo faccio x il gusto di , vedere un paese che muove tutti i settori,che a loro volta muovono altri settori, e un domani se un utente vuole puo avere anke ilsuo tornaconto.
    nn cerkiamo maestri della scala di milano x far incidere della musika popolare o le opere di kissa quale gruppo o cantautore montese, nn cerchiamo premi nobel x kreare materiale turistico x monte, nn cerkiamo il politico di turno x farci sentire, abbiamo la nostra voce grossa.
    ma quante braccia e menti laboriose abbiamo x farsi che qualkosa si kambi x sto kavolo di paese?
    ki di voi fregandose dei problemi si vuole unire a me x kreare qualkosa di serio ? chi di voi si vuole unire a me e creare la montescaglioso dei nostri figli?
    l’importante è ke la finiate tutti di dire che a monte nn si fa un kazzo, e che so tutti buoni solo a sparlare, quando voi state li dietro seduti , buoni solo a kommentare e a nna fare.
    dice bene il grande lomonaco dire è fare c’e di mezzo il mare e daz ka a mond ste u mar quindi io reputo la kosa unika e assoluta.
    quindi fermatevi dunque signori dell’ozio, che si facciano avanti i signori dell’azione .
    altrimenti il grande pierino u preverbio azzekka nel dire l’azione è inutile.

    1. LomFra

      AZIONE, giusto… stiamo sl parlando di agire e di creare qualkosa senza doppi fini… zodd dice na sacrosanta verità siamo qui e ci creiamo problemi ke manco esistono, a volte ho la sensazione ke molti dei papironi ke si scrivono qui siano soltanto degli sfoggi di belle parole, nn è mika na gara di retorica? si era partiti cn l’assenso di un sacco di persone, (si salpa si salpa), e qua sembra ke pur di dire la propria si arrivi a dire cazzate… e l’essenza dell’argomento credo sia stato perso… forse sn io ke sn tagliato per l’azione, ma qua ora si arriva a dire ke il sito viene snaturato, ke ci sò gli infiltrati, ke dobbiamo fare na guerra… apprezzo tantissimo ciffo ke cn la sua solita imparzialità ha cercato di spiegare le cose ma sto discorso sembra na spirale, spirale ovale cantano gli A31 —

  8. Cristoforo Magistro

    Un’osservazione banale: se Montescaglioso.net vuole crescere e diventare un sito di riferimento anche per chi è lontano dalle beghe paesane è necessario che i suoi attuali frequentatori esprimano idee e propositi più chiari e in modo più comprensibile.
    Voglio dire che bisognerebbe evitare, prima di tutto, di partecipare alle discussioni con interventi scritti nel linguaggio dei messaggi per cellulari. Credo che non tutti li capiscano.
    Per lo stesso motivo penso che bisognerebbe limitarsi anche nell’uso di espressioni dialettali. Oltretutto una trascrizione corretta del nostro dialetto è difficilissima – io, ad esempio, non ne conosco le regole – e quindi si rischia di mettere in rete un montese di fantasia. Lo stesso si può dire per qualche citazione latina…
    Naturalmente non ho niente contro i dialetti, in particolare non ho niente contro il nostro dialetto, ma se vogliamo che il sito sia visto anche fuori Monte forse è meglio usare un italiano che si capisca.
    I dialetti possono essere simpatici o antipatici in base all’uso che i suoi parlanti ne fanno. Il dialetto torinese, per fare l’esempio di una realtà che conosco, è antipatico perchè è sempre stato usato per escludere. Tanto è vero che adesso lo parla solo qualche meridionale che negli anni cinquanta era stato costretto a impararlo per poter lavorare, qualche “padano” alla Borghezio e pochissimi altri. Il dialetto montese invece non è mai stato usato, che io sappia, come filtro per lasciar fuori nessuno.
    Ricordo che i nostri anziani con i forestieri si sforzavano di parlare in italiano. Qualche volta venivano fuori espressioni surreali e l’esclamazione mogghiaddij (si scriverà così?), che dovrebbe significare “non voglia Iddio, Dio ce ne scampi”, poteva diventare “Moglie a Dio”. Infortuni linguistici del genere facevano tanto ridere noi studentelli cretini. Oggi ritengo anche quei piccoli incidenti una grande prova di civiltà.

    1. LomFra

      … la capisco perfettamente, e sò che a volte il mio italiano-sms può essere di difficile interpretazione, ma questo modo di esprimermi è un modo per essere breve e soprattutto veloce, siamo in una socetà dove le informazioni sono tantissime e per starci dietro c’è bisogno di una certa velocità e questo sito ne è una prova… comuque per il rispetto che nutro per lei e quelli come lei che ci seguono da tutta italia (e resto del mondo) cerchero di scrivere in ITALIANO… sulle espressioni dialettali però, non me ne voglia, ma mi chiede troppo, non riuscirei mai a limitare l’utilizzo di un gergo utile a farmi capire dai più di questo sito, gergo familiare informale e soprattutto conciso, con il quale esprimere concetti altrimenti non riassumibili… I SO D MOND E TEGN A CAPA TOST, CI VUO SEND A BANNA NOSTR ZINNA NA’ ZINNA NA’ … Embarassed 

      p.s. Mi saluta rocco?

  9. viva-mente

    A QUESTO PUNTO UN CHIARIMENTO SI IMPONE

    Soprattutto per il rispetto che nutro per le persone ( di voi postatori montesi in particolare) e di quelle persone che sprizzano di verve e di spirito libero.

    Innanzitutto non voglio dilungarmi molto in questo post .. (si rischia che non lo legge nessuno… è vero Franco …tu che di comunicazione te ne intendi???) e spero che in poche battute possa essa chiaro e spiegare le mie idee. In secondo luogo … vorrei brevemente fare un appunto a Cristoforo .. sul modo di scrivere ecc… Parto dal secondo … che è più semplice … a meno che non vogliamo disquisire sulla letteratura o sul linguaggio e via discorrendo … però .. caro Cristoforo .. permettimi …finalmente un CONSESSO… UN LUOGO … dove possiamo scrivere e parlare come ci pare e piace !!!! senza censure ( .. o almeno me lo auguro…) senza penne blu e rosse … con una coloritura che è bellissima, strabiliante affascinante … che nella tecnologia del linguaggio rappresenta un modus che sicuramente sovverte tanti tecnicismi verbali e grammaticali (avverbi … congiuntivi ecc..) … e tu pensi alla forma ed alla interpretazione del linguaggio .. o agli sforzi di comprensione … mah … farei un referendum tra di noi … A QUALCUNO DA FASTIDIO QUESTO MODO DI SCRIVERE?….sentiamo el pueblo … …
    Ma tantè … mi sforzerò di scrivere in italiano grammaticalmente corretto (sic!!!) … … a proposito …. mi è capitato di leggere alcune lettere di qualche parente degli anni ’20 …. Scritte in “italiano” diciamo molto ma molto dialettale … sono delle meraviglie della letteratura … sono poesie (come lo sono i post di alcuni di voi … cito generalizzando Lazarun o Ravilo … sono eccezionali…)
    A sto punto affronterei l’argomento principale … associazione o quella cosa lì .. ….. insomma … …
    Bene … fatelo pure … Cinzia ha iniziato la conta .. chi salta nel recinto (la citazione del recinto non è casuale …) lo faccia pure .. ci mancherebbe …ma .. come dicevo … io non mi lascio ingabbiare … o recintare … sarò costretto ad abbandonare sto sito .. purtroppo …
    Sul coinvolgimento in associazioni o parassociazioni varie (…. volontariato per intenderci …. Eppoi non ci vuole un sito per “sensibilizzare” la creazione di una associazione per spegnere il fuoco … .. credo ….) dicevo .. l’associazionismo è una mia intrinseca caratteristica ( … Domovos …. Tanto per citarne una …) e tante altre associazioni alle quali partecipo senza che ci fosse stata alcuna sensibilizzazione VIRTUALE o del Web.
    Lo ripeto … se volete fare l’associazione fatelo ….. mi sembra legittimo … però .. lo ripeto … se per caso MONTESCAGLIOSO.NET diventa il portavoce di questa neoassociazione …. Si sbaglia di grosso … ovvero mi sembra di ritornare indietro negli anni quando un’altra pseudo associazione culturale che voi conoscete benissimo … (meno male che allora non esisteva ancora il Web .. sennò sarebbe stato un precedente da portare a pretesto) …dicevo questa cosiddetta associazione APARTITICA … … che sviluppava e movimentava cultura a non finire (sic!!!)… … alla fine si è ridotta a fare da stampella politica a certo schieramento (e mi fermo alla stampella … sennò rischio di offendere qualcuno) . Ora la scelta POLITICA…. È una scelta legittima .. ci mancherebbe … … ma .. ho l’impressione che l’incursore che accennavo nel post precedente a sto punto si sta MATERIALIZZANDO … vabbè … era nella logica delle cose … … doveva andare così …

    1. LomFra

      non credo a quello che dice lei, ovvero al fatto che il sito possa diventare portavoce dell’associazione, ma anzi penso il contrario che l’associazione diventi portavoce nel mondo reale delle idee e delle opinioni espresse nel sito. forse è la cosa anche più logica che verrebbe a formarsi, non si stà facendo una selezione, anzi si sta dicendo a chiunque di partecipare, 1. per dare un braccio alla mente 2.per dare modo a chi ha molte idee, che altrimenti resterebbero solo come archivio nei server, di metterle in pratica. la sua paura è legittima dato i precedenti di altre associazioni, ma questa è una associazione anomala, diversa, nata sul web e i cui pensatori, soci, e direttivo opereranno sul web, il cui confronto di idee è reso accessibile a tutti proprio per il fatto che il web è libero a tutti. forse non siamo stati chiari fino ad ora, mi sono unito a questa modo di fare associazione e sarò il primo a salpare, anche se il veicolo fosse una zattera, perche credo in questo mezzo di scambio di idee. spero cambi idea, attendo sua risp… scusi per il ripetersi incessante della parola idea, ma spero si sia fatto un idea chiara di cio che ho detto…

      1. viva-mente

        qualche crepa la tua idea inizia a provocarla nel mio ragionamento … forse …(nella vita bisogna avere il coraggio di cambiare …)
        le idee (senza ripeterle tante volte ..) sono fatte per viaggiare … se il web è un veicolo, che ben venga il sito …il sito .. il sito … il sito …il sito veicola le idee … non la botteguccia dove riunirsi … ma il sito ….. se la necessità è veicolare le idee.
        Se qualcuno vuole metterle in pratica .. prego … faccia pure la sua bella associazione o iniziativa economica e perchè no ..!!!! anche il suo bel partitino politico … ne ha facoltà!!!! (per spiegarmi meglio … se si vuol fare il concerto dei gruppi di monte … mbè … non è necessario costituire un’associazione .. credo …è necessario però sensibilizzare acchè si formino i gruppi, si faccia cultura musicale …. si sensibilizzi la creazione di scuole di chitarra e chi più ne ha più ne metta.)
        io direi …. facciamo una associazione VIRTUALE .. senza sedi … senza statuti (è sufficiente quello di questo sito).. con un direttivo VIRTUALE …in una comunità virtuale .. con partecipanti virtuali .. ma .. con idee vere… quelle si …
        Allora … io ci sto …

        1. LomFra

          credo di poter dire: senza nessun forse! credo che cambiare la propria opinione sia da uomini davvero maturi, l’importante è che il cambiamento venga da dentro e sia sentito davvero, naturalmente con l’uso del raziocinio! mi permetto di darle del tu, ho avuto modo di militare in una associazione e so quanto sia difficile reperire fondi, gente, presentare domande, ecc, nonostante ci sia l’aggregante del nome dell’associazione, la tutela legale, la ripartizione del rischio ecc, così è impossibile presentare domande per realizzare concerti o quant’altro perche cè sempre qualcuno che rischierà in prima persona, e quindi tutto rischierà di gravare su quella persona, invece l’associazione ti permette di frammentare il rischio, tenere unite davvero le persone, poter chiedere iscrizione in albi regionali e quat’altro, insomma una questione di credibilità, vedere delle persone fisicamente che agiscono è un conto, vederlo scritto è un altro… certo il sito offre la possibilità a i dissidenti dal pensiero principe (ke temono di dire come la pensano) di poter dire la loro senza venire allo scoperto, ma a questo punto cè fà? min a pesc e ascun a man, è facile parlare quando non si sà chi sei, ma è davvero dura mettere la propria faccia in qualsiasi cosa, (non mi riferisco a te) ed ora ritorna il discorso di benna, la mentalità! và cambiata, se nò mi viene in mente ciò che dice uno studioso lucano, e cioè che in realtà il termine basilicata (non deriva da terra di basilike’, ma da ‘terra di schiavi’), fisicamente o mentalmente sempre di schiavitù si tratta, anzi credo ke la seconda sia la peggiore, leggere “la luna nelle baracche” per verificare…

    2. Cristoforo Magistro

      Ringrazio Checco Lomonaco e Vivamente per l’attenzione. Il mio era solamente un invito a fare in modo di farsi capire anche da chi non ha grande familiarità con i nostri linguaggi (montese, “cellularese”, ecc.). Pensavo a Montegirl, al Motola americano e ad altri come loro che probabilmente frequentano il sito.
      Tutto qua.
      Gli inviti possono poi essere accettati o meno, ma, per fortuna, qui nessuno ha titoli e voglia di correggere nessuno. D’altra parte: chi non fa errori impugni la prima penna. Naturalmente del colore che vuole.
      E’ anche vero che tutte le nuove lingue sono nate dallo stravolgimento delle vecchie e quindi viva l’anarchia espressiva. Bisogna solo decidere se si vuole comunicare con tutti o esclusivamente con chi parla come noi. In questo caso: c’è bisogno di internet per parlare con chi s’incontra in piazza o si sente sul portatile tutti i giorni?

      Credo anche io che le lettere dei nostri nonni illetterati possano essere dei capolavori. Consiglio a Vivamente di tenersi care quelle degli anni venti scritte dai suoi parenti e, se vuole, e fatta salva la privacy, di pubblicarle sul sito.
      Anzi: perchè non raccogliere (in fotocopia o fotografia) tutto questo tipo di documentazione che altrimenti andrà perduta per sempre?
      Chi è interessato alle scritture popolari può dare un’occhiata alle pagine di: http://www.museostorico.tn.it/asp/bibliografia.htm;
      http://www.archiviodiari.it/europa.htm;
      http://www.dismec.unige.it/webalsp/alsp.htm.

      Il loro recupero potrebbe essere questo uno dei compiti dell’associazione che si vuole formare.
      Quanto alla preoccupazione che “qualcuno” ci strumentalizzi elettoralmente, francamente mi sembra un po’ paranoica. Su questo sono d’accordo con Benna e Cinzia. Oltretutto non mi sembra che ci siano in giro tante ingenue creature e pupi da erudire. Non qui.
      Ogni frequentatore del sito o socio della costituenda associazione continuerà a votare per chi gli pare e piace per il banale motivo che nessuno può “comprare” chi non si mette in vendita. Il qualcuno che avesse da fare spese elettorali per rafforzarsi forse qui non troverebbe da fare grandi acquisti. E se, per paura che qualcuno attenti alle nostre virtù, non si facesse niente e a nessuno piccolo o grande appaltatore di voti passasse neanche per la mente di “corromperci”, non sarebbe peggio?
      Vantarsi di essere virtuosi quando si è insignificanti lascia il tempo che trova!
      Naturalmente queste sono forzature nel ragionamento complessivo che giustamente si sta facendo sul sito.
      L’associazione deve funzionare come un pannello solare, una pala eolica, una turbina, ecc.; deve fare “cose” per sfruttare forze che altrimenti andrebbero disperse.
      Che ognuno si tenga cara la sua appartenenza politica e buon pro gli faccia, ma se gente che vota per schieramenti opposti fa insieme delle “cose”, torno a sottolinearlo, che ritiene utili, non è meglio per tutti?

  10. viva-mente

    Credo a questo punto che continuare su questa diatriba … possa provocare la noia a chi segue sti post.
    Purtroppo .. mi sembra che, se da un lato ci sia una disponibilità al dialogo ed alla comprensione legittima di movimentare la cultura di questo paese, (estremamente condivisa), dall’altro non trovo nessuna risposta esauriente o convincente al mio ragionamento, che possa farmi cambiare idea.
    Caro Franco … il tuo ultimo post ha rotto definitivamente ogni possibilità da parte mia di scalfire la mia più estrema convinzione che si sta mischiando l scorz c l faf.
    Purtroppo è così …voi pensate che l’operatività, la creatività, il movimentiamo, consista nel fatto che delle persone si vedano .. si annusano, si toccano, decidono, scrivono documenti programmatici, raccolgono fondi, fanno domande alla Regione, Provincia; Comune, APT …. Eppoi smazzano a raccogliere frasche e sudano ecc….
    Sono film cotti e stracotti e già visti e stravisti.
    State ammazzando la creatività ….
    …. una piccola risposta a proposito “della coda di paglia” che qualcuno tirava fuori ….
    Mbè … mi scivola addosso come acqua freska … la piglio come una “bella provocazione” e basta … senza scendere in dettagli che potrebbe ferire chi … costantemente, per anni, con migliaia di km addosso, IN SILENZIO …. Senza fare rumore … e nelle forme più appropriate e che sono alla portata di tutti .. lo ripeto… alla portata di tutti, si impegna con, (spero) serietà e dedizione, senza intereressi di sorta.
    Una ultimissima nota circa “la montesità” … vista come segno negativo …
    Mbè .. io giro parecchio … …. …. Ed il commento di chi ci vede dall’esterno è stupefacente …
    Paese dinamico … (il paese dei Presidenti .. si diceva fino a qualche mese fa …. Regione, provincia, CAR, Bonifica ecc … …) dall’alto profilo politico …
    … il paese dei rappresentanti … sembra vero .. ma si dice “fuori” .. che noi abbiamo i migliori “piazzisti” (nel senso migliore del termine)
    … il paese dei creativi … ci invidiano i migliori grafici ed i migliori comunicativi della regione …
    permettetemi di aggiungere ..e credo che lo sappiate meglio di me … che questo non è solo il paese delle “bande” … ma anche dei gruppi musicali migliori che io abbia mai sentito in Italia .. si in Italia … (mi risuonano ancora le bellissime note di Impressioni di Settembre di quella fatidica sera…)
    e tutto questo da dove nasce ???… da un paese di spaesati? .. di pellegrini, …..ma basta … non autoflagelliamoci per favore … ….

    1. Ape Maya

      Ci sarebbero tantissime cose da dire, dopo aver letto la bellezza di 40 commenti con attenzione e pazienza. Ma di parole se ne sono viste già troppe. Quindi, cercherò di essere il più breve possibile e allo stesso tempo chiara e schietta.
      1. Viva-mente, più che cercare di non snaturare il sito, mi sembra che tu stia cercando di non snaturare il provincialismo che benna ha messo giustamente in discussione. Lo “svecchiamento” di cui si è parlato dovrebbe in primo luogo riguardare l’assurda capacità montese di CRITICARE, CONDANNARE, SMINUIRE la creatività di cui tu stesso parli, l’entusiasmo, i buoni propositi. Quando cresceremo? Qualcuno condanna l’associazione prima del tempo; qualcun’altro se ne viene dicendo che gli articoli di Mike sono pallosi; ancora, ci si mette a criticare la Cavalcata del Borbone; ora questo, ora quello: ma un pò di fiducia negli altri non può proprio esserci??? Io personalmente confido in Felice, che non conosco chissà che e con cui non sono riuscita a parlare chissà quanto, ma per mettere su una comunità virtuale del genere vuol dire che è davvero in gamba secondo me. E mi sembra anche una persona di parola: se dice che il sito è apolitico, tale cerca di mantenerlo; e se dice che anche l’associazione sarà apolitica, credo che tale cercherà di mantenerla.
      I processi non si fanno alle intenzioni, ma ai fatti: e i fatti mi danno ragione nel dar fiducia a Felice.
      2. Viva-mente, tu parli di comunità virtuale, statuto virtuale, associazione virtuale e idee concrete: le idee non sono concrete fino a quando non vengono messe in pratica; in una comunità virtuale le idee restano virtuali. La sera si esce e si continua a lamentarsi del mortorio che c’è in giro, della mancanza di iniziativa, etc.: in pratica si continua a CRITICARE, CONDANNARE, SMINUIRE Montescaglioso e i montesi. In questi mesi che sono iscritta qui, mi è sembrato che il proposito un pò di tutti fosse quello di migliorare il nostro paese: Viva-mente, mi sai dire come si fa a migliorarlo se non ci si dà da fare? Le critiche si dicono costruttive quando sono tese a costruire, altrimenti lasciano il tempo che trovano. Che tu possa trovare nel sito solo un modo per dire la tua pubblicamente, come se fosse una sorta di Caffé virtuale (mi riferisco a Verri & co. quando parlo di Caffé), senza arrivare a progettare qualcosa di concreto, ti comunico che Verri & co. non si limitavano a chiacchierare e scrivere sul giornale, ma volevano riformare la società in cui vivevano. E fu così che nacque l’Accademia dei Pugni. Allora mi dici in cosa si snaturerebbe il sito? Secondo me acquisterebbe maggior forza e credibilità.
      3. Viva-mente, di cosa essenzialmente hai paura? che l’associazione venga politicizzata? che si costruisca un’associazione dei molti e si finisca con un’associazione dei pochi che decidono la via politica da prendere? io credo che questo rischio non si correrebbe, se tutti gli iscritti al sito diventassero iscritti all’associazione. Perchè abbiamo tutti, nei nostri post, dimostrato che la pensiamo diversamente politicamente: mi sai dire, per esempio, tra un fascista, un comunista e un “qualunquista” chi avrebbe la meglio? te lo dico io: NESSUNO, perchè un’associazione non è fatta da tre persone, ma da tante persone, in grado di bilanciare le posizioni degli altri. Si vota democraticamente per ogni decisione, si cercano compromessi tra le parti, decidendo sempre per il bene di Montescaglioso, non del proprio credo politico. Qui la politica non centra niente. Centra il darsi da fare per la comunità. Se ti senti montese, dovresti sentire un minimo di affetto nei confronti del tuo paese e combattere per renderlo migliore, evitando di pensare al Tizio o Caio che ti stanno antipatici. Bisogna elevare la mente a qualcosa di superiore, senza polemizzare ogni volta sul particolare.
      4. Viva-mente, se proprio hai paura di far parte dell’associazione, perché poi dovresti smettere di scrivere sul sito? LomFra ha già scritto in modo appropriato che non si presuppone essere il sito veicolo dell’associazione, ma esattamente il contrario. Quindi anche la tua opinione potrà essere utile per l’associazione, purchè si manifesti in critica costruttiva e non distruttiva. Credo che il fatto stesso che rispondiamo ai tuoi post, cercando di farti cambiare idea, sia sintomo dell’interesse che si nutre per ogni opinione, anche per la tua, che potrebbe fare la differenza qualora si manifestino situazioni sgradevoli come quelle che preannunci (erratamente secondo me). Non viene ignorato nessun intervento, e questo è un segnale positivo del fatto che ognuno conta, e ognuno può essere artefice del destino del nostro paese.

      Scusate l’intervento prolisso e magari polemico: ma sono infastidita e stanca di sentire sempre la stessa musica.

      1. viva-mente

        carissima … mi dispiace molto per te …. veramente .. non posso farci nulla. Questa è l’ultima volta .. purtroppo … che scrivo in questo post …. non sono in grado di farmi capire o.. sicuramente di capire voi … che invece avete le chiavi in mano di tutte le soluzioni… l’associazione, a quanto sembra .. sarà la panacea di tutti i mali di Monte .. sembra (musica, economia, politica, fuochi di sangiuseppe, video, pinzellacchere e festicciole, birra e cannoni… la disoccupazione … l’emigrazione, l’integrazione razziale, i romeni … gli albanesi … )
        In definitiva .. credo di averlo ripetuto fino alla nausea che nessuno ..e figurati io .. possa vietarvi di costituire associazioni o dir si voglia .. ci mancherebbe .. anzi la cosa mi fa piacere .. il vostro entusiasmo di uscire il naso fuori da questa MELMA (secondo il vosto positivo pensiero Monte è un pantano .. vero???) dicevo .. le vostre iniziative vanno caldeggiate .. però … per favore fatelo fuori … se ci riuscite … ma siccome penso sempre al famoso incursore …. vabbè .. lasciamo stare …

        1. Cinzia

          Caro viva-mente,
          non capisco a che gioco stai giocando. So solo che ogni bel gioco deve durare poco e se dura, diventa una seccatura.
          I tuoi interventi demolitori mi puzzano un po’ di protagonismo. Hai spiegato le tue ragioni per dire no all’associazione e declinare l’invito a partecipare. Ciffo ti ha spiegato che se non ti va di partecipare, puoi continuare a scrivere sul sito e STOP. Ma di qua a fare l’uccello del malaugurio ed a ricorrere a metafore bucoliche di conta di pecore e recinti ne corre.
          Non abbiamo la presunzione di cercare l’elisir per guarire Monte da tutti i mali; ma se riuscissimo a ridare un po’ di vita al paese, saremmo più che soddisfatti. Certo è che se tra i mali da curare ci sono malafede e diffidenza, beh … la vedo dura!
          Non per fare la maestrina, ma ritengo che questa discussione abbia abbondantemente travalicato i limiti della pazienza di tutti. Almeno i miei. Oltre al fatto che se continuiamo con le parole, ci arrenderemo per sfinimento. Quindi direi – se siete d’accordo – di chiuderla qui. Passiamo ai fatti. Verba volant …

          1. RoKKo77

            Io non capisco perchè bisogna sempre e soltanto prendere la minima parte negativa di un discorso, vivamente è uno dei pochi che è stato coerente, ha valorizzato i montesi in uno dei post cosa che anche in altri post tutti abbiamo fatto ma poi ora benna mi parla di provincialismo e lui giustamente le fa notare che non è proprio uno schifo questo paese no?altrimenti cosa vuoi valorizzare se siamo destinati ad esser dei provinciali?è anche vero che troppi post lunghi con riferimenti a citazioni beh perdonate la mia ignoranza ma magari se fosse possibile scrivere piu concetti reali che latinismi o cose che io sinceramente nn capisco sarebbe forse piu facile apprendere il linguaggio no?viva mente dice una santa cosa quando dice che qui tutti puntano il dito a tanti problemi ma nella realtà si saprà essere in grado di fronteggiare e magari dare un contributo vero a risolvere le varie problematiche poste da ognuno di noi?ciffo cerca aiuto?per costituire un associazione per chi fosse interessato glielo posso spiegare io, fa bene avere un associazione ma il mio grandissimo augurio è uno solo, che non sia armiamoci e partite!e io sarei il primo a mettersi in prima linea quando vedo di avere a che fare con gente seria ma soprattutto e dico soprattutto con voglia di fare e anche se dovesse servire di sporcarsi le mani e non voglio intendere commettendo illeciti ma proprio di lavorare per una giusta causa!

  11. michela

    Oh!
    Non si può andare a fare una gita fuori dal paesello che ti ritrovi indietro di una sessantina di messaggi!
    E io non ce la faccio a leggerli tutti!
    perdonatemi!
    Devo recuperare le ore di sonno perse piacevolissimamente a Roma per la NOTTE BIANCA!!
    Manifestazione straordinaria.
    L’anno prossimo ci andiamo con il nostro bus MONTESCAGLIOSO.NET IN TOUR, eh? che dite?;-)
    Già lo vedo tra le strade della capitale!:-)
    E poi le varie polemiche mi sono stufata di sentirle.
    Voglio essere consapevolmente ingenua anch’io.
    benna, la categoria è molto sentita!
    Partiamo, dunque?
    Natale è vicino, volendo ci sarebbero molte manifestazioni da organizzare e per iniziare a farlo non è mai troppo presto.
    non so, qualcuno ha parlato del Carnevale, vero?
    non so dove sia questo intervento.
    Cmq, i carri, voglio dire le manifestazioni serali del Carnevale non mi piacciono, ma lodevole è l’impegno di chi ci ha creduto e continua a crederci.
    Preferisco di gran lunga riscoprire le tradizioni del mattino, mi riferisco al Carnevalone.
    L’anno scorso ho partecipato con molto piacere allo scambio con la comunità di Cirigliano organizzato dalla Pro-loco.
    concordo con la necessità di vedersi fisicamente.
    sono una grande sostenitrice del sito, ma una cattiva amante di internet.
    qui possiamo dire di tutto, ma bisogna concretizzare.
    e non è una polemica, ma un modo per manifestare il mio entusiasmo per la futura nascita dell’associazione.
    Un saluto a tutti.
    topobiche_81

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi