mercoledì 14 Aprile 2021

“…..torno subito!”

Sotto potete visionare un divertente (?) video di un parcheggio selvaggio a Napoli! Un cittadino esemplare abbandona letteralmente la macchina e va a farsi i fatti suoi.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Dite la verità, questa scena vi ricorda qualcosa? C’è qualcosa di molto familiare?

Beh, io noto una similitudine forte con molte strade della nostra cara Montescaglioso. Ormai non si contano più le volte che si è costretti a fare puntualmente la classica serpentina tra le macchine ferme davanti ai negozi di corso repubblica; a restare fermi minuti interi a causa del tappo che si crea nei pressi dei principali “tabacchini” della città, solo per permettere ai signori di turno di acquistare le proprie sigarette o giocare un terno secco; a fare 5 manovre per affrontare un incrocio solo perchè qualche genio ha parcheggiato impropriamente nei pressi dello stesso.  

Come lo vogliamo chiamare questo atteggiamento? Parcheggio creativo? Stato di emergenza continuativo (suggerito dalle tempestive quattro frecce che scattano puntuali per acquistare le paste della domenica piuttosto che i fiori per il cimitero)?    

Sta di fatto che dietro a questo modo di fare apparentemente innoquo (che sarà mai aspettare un po in macchina….qualcuno potrebbe dirmi) a mio avviso si cela una gigantesca strafottenza, un enorme “me ne frego”, un livello di inciviltà davvero preoccupante. 

La cosa che mi sconcerta di più è la faccia che ti fanno se per qualche motivo ti permetti di protestare e far notare che il parcheggio non è proprio dei migliori: o ti guardano come fossi un marziano o si arrabbiano e ti invitano a farti gli affari tuoi (come se a me interessasse la sua bravura nel parcheggiare e non il fatto che devo aspettare in coda che lui faccia i comodi suoi!!).

Non mi rassegno al fatto che “siamo fatti così”…..e se il malcostume è diffusissimo e difficile da sdradicare, bisogna pur dire che il corpo dei vigili urbani spesso non fa nulla per far si che la circolazione del traffico si snodi in maniera ottimale. Le zone calde si conoscono bene eppure loro non ci sono mai…….io sono passato da corso repubblica la mattina del 24 dicembre, quando è palese che si possano verificare gli ingorghi dovuti alla estrema civiltà dei montesi come dicevo sopra. Eppure niente: tappi frequenti e nessun uomo in divisa. Spesso li vedi cento metri più in la rispetto al delirio da sosta “ante negotium” e si guardano bene dall’intervenire……semmai creano altri tappi scambiando la chiacchiera con un automobilista che sta arrivando (vi giuro che l’ho visto…!! Surprised). Capisco che è difficile “riprendere” l’automobilista indisciplinato montese, noto per la docilità ad osservazioni che gli fanno notare di essere in errore, ma qualcuno lo deve pur fare!

In un città come Montescaglioso, con tantissime strade di larghezza minima, il problema della viabilità dovrebbe essere affrontato in maniera strutturata: pianificazione, sensibilizzazione, controllo. Possibile che anno dopo anno la situazione peggiori? Siamo davvero così incorreggibili? Con lo spostamento della sede comunale si sono affrontati gli scenari possibili per evitare paralisi in una zona critica per il traffico cittadino?

Su questi temi non credete sia opportuno chiedere (in forme strutturate) ai cittadini possibili soluzioni?

Buona sosta selvaggia a tutti…Sealed!


Commenti da Facebook

1 Commmento

  1. Raf

    Qualcuno scrisse questo messaggio su una macchina 😉

    Purtroppo, hai centrato la qustione, caro corvo. Il problema non è il parcheggio in sé ma il malcostume di fregarsene delle regole e del rispetto degli altri.

    “tand… ce vol’ess… desc m’nut…”

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi