INGUARDABILE SANTORO (dedicato a Falco)

Entro il  31 prossimo, bisognerà rinnovare l’abbonamento (non si capisce perchè continuano a chiamarlo così, dal momento che si tratta di tassa!), alla RAI. Detto che la stessa sembra essere al primo posto tra quelle che gli Italiani più odiano, dopo il bollo auto e quella sull’immondizia!

Ieri sera, per me, Santoro ha veramente dato il peggio di se stesso, ma davvero si può tenere il pubblico per tre ore davanti al televisore,e presentare ospiti e servizi che sarebbero degni di ben altre trasmissioni-spazzatura! e l’informazione bi-laterale? è mancato solo che presentasse qualche ricostruzione con attori ed  attrici in salsa porno, stando a ciò che si presume avvenisse nelle ville di Berlusconi. Si dirà, c’è il telecomando, si può cambiare canale…..risposta/domanda: è giusto proporre questi spettacoli pagati con soldi pubblici?

Per chiarezza, non sto cercando di difendere l’indifendibile Cavaliere, anzi condivido pienamente ciò che ebbe a dire un tassista romano, intervistato sull’argomento: “non mi interessa la vita privata di Silvio Berlusconi, mi preoccupa ciò che NON fa il Presidente del Consiglio”Wink


Commenti da Facebook

16 Commenti

  1. Cinzia

    Premessa: nel pieno delle mie facoltà di intendere e di volere ho coscientemente deciso di evitare di guardare Annozero da qualche mese a questa parte, da quando cioè tutto quel che di buono e di interessante poteva esserci in un programma cosiddetto di “approfondimento” è stato azzerato dalla presunzione, dall’arroganza e dalla violenza verbale del sedicente conduttore, Michele Santoro (e mi domando, Wise, perchè tu non faccia altrettanto… Non c’era Milan – Bari ieri sera?)

    Tuttavia, ieri per un fortuito quanto sfortunato caso, intorno alle 23.00 il mio dito è caduto sul tasto 2 del telecomando e mi sono ritrovata di fronte Sandro Ruotolo che intervistava la escort di turno, che raccontava di party selvaggi in piscina con sei-sette ragazze e il “fidanzato d’italia” nudo a festeggiare con loro. A parte l’ilarità della storiella (pare che Berlusconi sia capace di prestazioni assolutamente sopra la media, considerata la sua vetusta età) degna di una barzelletta da caserma, sinceramente non capisco come gli italiani non si siano sentiti offesi, insultati, disgustati da quanto stava andando in onda. Racconti che solleticavano i pruriti pornosoft degli spettatori assimilati ad una massa di voyeurs con la bava alla bocca… Cosa aggiunge a tutta questa triste storia sapere che Ruby ha un bel seno o i particolari piccanti dei festini di Arcore? E’ questo che si intende per televisione di servizio? Servizio a chi? Qui non si tratta di moralismo filoclericale o bigottismo retrò, qui si tratta di andare oltre i limiti del buon gusto, del rispetto della persona, della dignità. Che differenza c’è tra Santoro e Signorini, che la sera prima ha pubblicamente ricostruito il calvario della “Traviata di Arcore” (F. Merlo, La Repubblica)?

    Quando parli di informazione bilaterale, Wise… Dio ce ne liberi e scampi! Riuscireste a sorbirvi i fatti di letto (e di yatch) di D’Alema, Fini, Bersani, Di Pietro?!? No, grazie.

    Con il tassista romano, però, non si può essere d’accordo. Quello che fa il ns presidente del consiglio è affar nostro, altrochè! E dovrebbe essere affare anche di chi lo vota e continua a difenderlo. Qui non si parla di “semplici” questioni politiche, di leggi ad personam, di raggiri, di soprusi… Questa è una questione ETICA: se anche tutti i reati di cui i magistrati comunisti lo accusano, si rivelassero non veri, resta comunque il fatto che niente potrà lavare via il fango che questo signore ha gettato sulla seconda carica dello Stato, sulla Repubblica Italiana, sulla Costituzione e sul tricolore… Quanti di noi italiani riusciranno a portarsi la mano al cuore e intonare l’inno per festeggiare i 150 anni dell’unità d’Italia? Come possiamo essere fieri di essere italiani?  E’ questa l’Italia di cui siamo cittadini? L’Italia del bunga bunga, delle ruby rubacuori, dell’abuso delle magiche pillole blu che annebbiano le coscienze e stordiscono il giudizio, delle giovani speranze riposte nel sacrificio di tette e glutei al servizio di bavosi vetusti? Che schifo!

  2. vale461mito

    Non credo ci sia molto distacco tra il PDL e il suo leader, dal mondo descritto nel film qualunquemente.

    Prima voti, poi rifletti.

    Penso che gli affari di “letto” di un presidente del consiglio debbano restare fuori dalla vita “pubblica” dello stesso, il problema è piuttosto di natura

    morale.

    Quando conquisti voti  a suon di slogan e ti allei con gente che “c’è l’ha duro” solo perché beve l’acqua semi-inquinata del PO ti rendi incoerente a prescindere e finisci per SMINUIRTI quando fai le leggi anti-prostituzione e soprattutto quando organizzi insieme agli amici bigotti della CHIESA il family day, gli stessi BIGOTTI che ora ti attaccano, ma che allo stesso tempo si dimenticano dei preti pedofili.

    Questo sistema mi fa schifo, cosi come mi fa schifo lo stormo di puttanelle che si vendono a SIGNORINI e che piangono in TV.

    Cos’è? Prima si fanno scopare per soldi, poi piangono in TV per prendersi in consegna il cuore delle CASALINGHE disperate che sperano di veder vincere il loro idolo di amici di maria de filippi?

    Ma smettetela tutti, e scusa cinzia se te lo dico, ma tra quei programmi inutili del bouquet mediaset e annozero che è spesso fuori le righe e di parte, io preferisco annozero, li qualche verità seppur di parte viene detta.

    1. Cinzia

      Mi rendo conto di non essere stata molto chiara o di essere stata fraintesa.

      Vale, non c’è alcun dubbio che i programmi mediaset cui fai riferimento siano la somma espressione del trash, dell’inutilità, dello squallore e di quanto più bieco ci possa essere. Appunto per questo, mi chiedo, perchè anche una trasmissione di approfondimento politico, sociale, culturale debba scendere a quel livello. Non ne faccio una questione di parzialità: anche Vieni via con me era dichiaratamente di parte e non ne ho perso una puntata. E ben vengano i 9.000.000 di italiani che l’hanno seguito ogni sera, a dispetto di un altro grande “monnezzaio” che è il Grande Fratello. A me AnnoZero non piace solo ed esclusivamente per Santoro. Perchè non mi piace il suo modo di parlare, di aggredire, di gestire la trasmissione. Se ci fosse un altro conduttore, non avrei alcun tipo di problema.

      Quello che mi ha dato estremamente fastidio è stata la dovizia di particolari – che trovo assolutamente gratuita – dispensati a proposito dei vizietti del ns premier. Dimmi quale verità ti ha raccontato in più Nadia Macrì. Per questo mi domando se alla fine c’è differenza tra Signorini e Santoro. Tutto qua.

      Per il resto la penso esattamente come te. Almeno su questo penso di essere stata chiara nel mio commento 😉 .

      P.S. Pensi davvero che AnnoZero sia di parte? E di quale parte? Esiste un’altra parte in Italia 😉 ?

      1. vale461mito

        Ok ora sono molto più vicino al tuo pensiero.

        Forse prima ho frainteso un po.

        Per quanto riguarda la domanda… esiste un’altra parte?…

        Be un’ altra parte non esiste, e infatti berlusconi fa sempre e comunque una lotta contro ignoti.

        Che lui etichetta come COMUNISTI. La realtà è ben più dura, non esistono comunisti e soprattutto non esistono più quelle vecchie divisioni di una volta.

        Se sei contro il pensiero di berlusconi, perché non lo capisci e non lo condividi, allora non è che per forza sei comunista.

        Anzi, forse sei solo una persona che ragiona con la sua testa e non si fa influenzare dagli altri.

        Io con il mio “essere di parte” mi riferivo proprio a questo.

        “Di parte” nei confronti di un pensiero diverso da quello filo-Berlusconiano.

    1. vince_ditaranto

      Wise, ma davvero credi che sta cosa dell’Unità sia paragonabile a tutto il resto a tal punto da invocare la metafora del bue e l’asino?

      Ovviamente scelta di poco gusto del giornale in questione, ma davvero te la senti di dire che sono tutti uguali?

      Il paragone non sta ne in cielo ne in terra. E’ il solito giochetto, targato “Il Giornale”, di far sembrare meno gravi delle situazioni (riferite ovviamente al Padrone) alludendo al fatto che in fondo le fanno tutti. Ma a quanto pare piace anche a te fare queste acrobazie…..

      MAgari si può dimostrare che Santoro non può parlare di queste cose perchè una cugina di una sua prozia lavorava in un locale notturno…..con spogliarelli annessi…..quindi, con questi scheletri nell’armadio, come può fare lui la morale al Premier? Sealed

      Che te ne pare? Può funzionare secondo me.

      1. Wiseman

        la mia, è stata semplice e pura ironia, anche se rimane sempre attuale la storia del bue e l ‘asino…….e intanto passa il tempo.

        Se proprio vuoi sapere come la penso su tutta la vicenda, vera o presunta, sono convinto che il cav. terrà fino a quando Bossi avrà il federalismo!Surprised dopo di che lo scaricherà anche lui, checchè se ne dica!

        Il vero nodo è: chi dopo di lui? a dx si comincia a parlare di Tremonti mentre a sx stanno ancora in alto mare,anzi a sentire Bersani l’altra sera, ci vorrà un bel pò prima di stabilire le eventuali alleanze e poi accordarsi sul candidato (le invasioni barbariche, ven. scorso, la7)!

        Intanto stanno calmando quel bravo ragazzo di Terlizzi, (visto i risultati delle primarie, in Emilia e Campania?)

         

        Noi che possiamo fare intanto? dobbiamo forse aspettare che giunga anche da noi il vento dalla Tunisia o dall’Albania?Embarassed

        e, se sì, chi la farà la rivoluzione?Frown

        Per concludere cari Cinzia e Corvo, posso assicurare di non sentirmi assolutamente,per questo, di parte   tantomeno populista o qualunquista. Di tutte queste vicende e, più in generale, da questa politica, mi ritengo semplicemente…..

        D I S I N C A N T A T OCry

  3. Raf

    Santoro non piace anche a me. Non mi piace la sua arroganza. Il modo di condurre la trasmissione in maniera “unilaterale” mi infastidice.

    Però vale sempre la storia del del dito puntato verso qualcosa da osservare. Osserviamo prima COSA il dito ci indica… poi pensiamo a CHI indica.

    Secondo me in questo caso tutti i particolari servivano a “denudare” sempre più lo squallore che continua a regalarci il premier. E’ bene presentare le cose in tutta la loro goffaggine, per farci rendere conto in maniera diretta lo squallore.

    Come dice giustamente Cinzia, proprio mentre si celebra il 150° dell’Unità, con tutto quello che dovrebbe significare per tutti gli italiani , il presidente del consiglio si presenta così al mondo intero. Dovremmo essere tutti offesi.

    Pensiamo prima al bunga bunga… poi a Santoro.

  4. ciffo

    La trasmissione di Santoro non sarà stata un esempio di fulgida tv ma a me indignano di più altre cose.

    Avete letto il Corriere della Sera qualche giorno fa?

    Riporto un passaggio:

    “Una donna che sia consapevole di essere seduta sulla propria fortuna e ne faccia – diciamo così – partecipe chi può concretarla non è automaticamente una prostituta. Il mondo è pieno di ragazze che si concedono al professore per goderne l’indulgenza all’esame o al capo ufficio per fare carriera. Avere trasformato in prostitute – dopo averne intercettato le telefonate e fatto perquisire le abitazioni – le ragazze che frequentavano casa Berlusconi, non è stata (solo) un’operazione giudiziaria, bensì (anche) una violazione della dignità di donne la cui sola colpa era quella di aver fatto, eventualmente, uso del proprio corpo.”

    Se il vicedirettore del più importante quotidiano italiano arriva a scrivere tanto pur di servire il padrone allora ben vengano mille Santoro. Meglio una cronaca nuda e cruda, pruriginosa, voyeuristica  e senza filtri di una mistificazione totale della realtà!

    1. Wiseman

      su diversi siti, da qualche giorno, circolano strane ipotesi sulla faccenda, addirittura si ipotizzano manovre di servizi segreti israeliani ed americani per destabilizzare il cav., perchè ai governi di questi Paesi non piace l’amicizia di Silvio con Putin e Gheddafi! per cui molte di queste ragazze altro non sarebbero che agenti segreti che avrebbero il solo scopo di screditare ulteriormente Berlusconi agli occhi del mondo intero!

      http://affaritaliani.libero.it/cronache/ruby_mossad_cospirazione_berlusconi250111.html

      questo è solo uno dei tanti. 

    2. piovasco

      Sarà perchè è un’espressione che mi da proprio fastidio, ma perchè mai se qualcuno scrive quello che pensa deve essere definito “servo di padrone”?

      Se poi ci limitiamo al virgolettato (non ho letto l’intero editoriale) mi trova anche d’accordo.

      Saluti.

      1. ciffo

        Che il Corriere è in mano in varie percentuali ai più importanti gruppi economici italiani è noto. Marina Berlusconi siede nel consiglio di Mediobanca che è uno dei maggiori azionisti di RCS. Ma a parte queste quisquilgie su padroni veri o presunti non voglio sviare dalla tua osservazione. Hai ragione, non si dovrebbe mai delegittimare un’opinione tirando in ballo servi e padroni.

        Mi prendo la cazziata ma la stima zero per Ostellino rimane invariata. Lo leggo da tempo perchè per me è un esempio fantastico di come attraverso la lingua italiana si possono fare acrobazie tali da giustificare praticamente tutto. Una volta scrisse un editoriale in cui affermava che in nome del pensiero liberale anche ai dipendenti (non solo agli autonomi) dovesse essere assicurato il diritto ad evadere le tasse. Perchè solo a loro bisognava trattenere le tasse in busta paga? Sealed No comment!

        Magari mi spieghi tu perchè sei d’accordo con quell’affermazione?
        Secondo la logica di Ostellino tutti noi abbiamo il diritto di non pagare le tasse occasionalmente senza essere chiamati evasori o il diritto di usare parentele varie una volta nella vita per ottenere impieghi senza essere chiamati raccomandati o chiedere il pizzo senza essere additati come mafiosi.

        A me piacerebbe che sugli editoriali del più importante quotidiano italiano si leggesse invece del diritto-dovere di tutti noi di ottenere quello che meritiamo sempre e soltanto attraverso lavoro, studio e sacrificio. La libertà di usare il proprio corpo come scorciatoia teniamocela pure ma non parliamo di diritti lesi se poi si chiamano le cose col proprio nome.

        Al commento di wise invece rispondo: lasciamo la fantascienza negli scaffali delle librerie e anche ammesso che sia vero questo dovrebbe farci capire come è debole un Paese guidato da un debole ricattabile dalla prima squinzia (agente segreto oppure no) che passa da quelle parti.

        1. piovasco

          Sono d’accordo semplicemente perché si sta dando un giudizio morale (negativo) su un comportamento privato di una donna che decide liberamente di concedersi in cambio di lavoro, soldi, potere ecc. nei confronti di un uomo di potere. Non parlo della funzione di Presidente del Consiglio dei Ministri. Chiaro che se lo scopo è quello di ottenere un posto al “Catasto” e non a Mediaset la questione cambia, si entra nella corruzione o concussione a seconda dei casi. In questo caso il termine che userei è quello di corruttrice e non quello di puttana. Se poi vogliamo fare della morale allora usiamo pure i termini dispregiativi che vogliamo, ma io semplicemente non sono d’accordo. Se poi tra queste qualcuna effettivamente esercita l’antica professione, il discorso ovviamente cambia.

          Non conoscevo il pensiero di Ostellino sul sostituto d’imposta, in linea di principio anche su questo sono d’accordo con lui. In un paese liberale ogni contribuente dovrebbe avere coscienza di quanto del suo reddito va effettivamente nelle casse dello Stato. Sarebbe una questione di equità tra cittadini. Sta allo Stato essere abbastanza efficiente,  giusto e credibile nel riuscire a incamerare tutto il dovuto. Forse ti sembrerà strano ma questo pensiero tipico liberale ha trovato sostenitori anche a sinistra, da Valentino Parlato a Bertinotti. Ovvio che il diritto non è quello di evadere ma quello all’equità. Su questo però siamo fuori tema o come usa off topic.

          1. vince_ditaranto

            A parte che trovo sempre fuori luogo spiattellare cifre e tariffe solo per colpire l’immaginario dell’uomo comune, così facendo demolire l’immagine di persone che fanno semplicemente il proprio lavoro e si confrontano con il mercato.

            A questo punto potrei dirti, che ne so, che trovo molto più vergognoso il fatto che a Milano se resti chiuso fuori casa il fabbro che ti viene ad aprire la porta in 40 secondi ti chiede in media 300 Euro……oppure le tariffe astronomiche dei dentisti, oppure le parcelle ingiustificate dei notai….anche se può sembrare fuori tema, è modo per dirti che se pensi a tutte le prestazioni e tariffe che incontri ogni giorno dovresti scendere in piazza ogni 5 minuti…..quindi in questo mondo squilibrato non mi meraviglia l’episodio di Placido in se!

            Cos’è continui a fare il gioco del “tutti uguali” visto che Placido è tendenzialmente di sinistra? Cool

            Cmq….che c’azzecca? Davvero non c’entra niente! Più che altro mi arrabbierei se la regione glieli da i soldi visto che ci sono molti altri testimonial (appunto chiamasi mercato) che lo farebbero quasi gratis!

            buona gornata Wise!

            ps non pensavo fossi “in fondo” così berlusconiano Surprised!

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi