Commenti da Facebook

48 Commenti

  1. mike72

    Il sindaco facente funzioni della città di Montescaglioso Vincenzo Zito ha richiesto la dichiarazione di stato di calamità, a seguito delle avversità atmosferiche, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero delle Infrastrutture, alla Protezione Civile nazionale presso le sedi di Roma; identica comunicazione è stata inoltrata alle sedi di Potenza del Ministero delle Infrastrutture, al Provveditorato Interregionale delle Opere Pubbliche per la Puglia e la Basilicata e all’Ufficio Operativo – Sede coordinata del capoluogo. 

    Nella dichiarazione si comunicazione che “a seguito dell’imprevisto maltempo del giorno 1° marzo 2011 con conseguenti abbondanti piogge mai verificatesi in maniera così copiosa nella nostra Città, tutto il territorio facente parte del comprensorio di Montescaglioso è in situazioni di grave disagio e pericolo. Il maltempo ha imperversato per oltre 24 ore di seguito provocando danni di notevole entità sia all’interno del paese sia nelle strade e nei terreni di competenza della Città. Inoltre le avversità atmosferiche hanno causato danni alle linee telefoniche, provocato serie instabilità ai ponti che solvano il fiume Bradano, uno dei quali,il cosiddetto “ponte di ferro” che collega Montescaglioso all’arteria principale SS 175 è già caduto, hanno fatto crollare il ponte della Gravinella in località Cannezzano, hanno invaso di fango, vegetazione, sterpaglie, sassi, praticamente tutte le strade di accesso alla Città, isolandola dagli altri paesi. Si sono verificati anche smottamenti in varie zone del paese e per tutta la giornata, presso l’Ufficio Tecnico di questo Municipio, la lista dei danni e delle segnalazioni continua ad ampliarsi.”

     

       Ufficio Comunicazione Comune di Montescaglioso      

      1. Wiseman

        dimenticavo il + importante, il ponte che sostiene Monte.net! Chi lo chiama Capitano, molti lo chiamano Zodd, io lo chiamo Uncle Mike!

        Ecco a voi, in azione, the one & only MICHELE GIANNOTTA, UN APPLAUSO LO MERITA?????????


    1. ZODD

      eccovi le foto . notata il ponte di bradano alle 10 di mattina . o gli argini del letto del fiume . noterete in 12 ore che nn piove ke livello aveva .osservate bene gli alberi  dove sn stati lasciati o gli attrezzi agricoli . mi è giunta voce che è scesa l’autocolonna dell esercito a Metaponto .

       

      eccovi le foto di ieri mattina 

  2. mike72

    Il sindaco facente funzioni della città di Montescaglioso Vincenzo Zito, a seguito delle avversità atmosferiche verificatesi negli ultimi giorni, ha richiesto la dichiarazione di stato di calamità alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero delle Infrastrutture, alla Protezione Civile nazionale presso le sedi di Roma. Identica comunicazione è stata inviata all’attenzione del Presidente della Giunta regionale Vito de Filippo e all’assessore regionale alle Infrastrutture, Opere Pubbliche e Mobilità Rosa Gentile, oltre che alle sedi di Potenza del Ministero delle Infrastrutture, al Provveditorato Interregionale delle Opere Pubbliche per la Puglia e la Basilicata e all’Ufficio Operativo – Sede coordinata del capoluogo. 

    Nella dichiarazione si comunica che, a causa delle abbondanti piogge mai verificatesi in maniera così copiosa a Montescaglioso, tutto il territorio facente parte del comprensorio si trova in situazioni di grave disagio e pericolo. Il maltempo ha provocato danni di notevole entità sia all’interno del paese sia nelle strade e nei terreni di competenza della Città. Sono da segnalare, inoltre, danni alle linee telefoniche e serie instabilità ai ponti che solcano il fiume Bradano, uno dei quali, il cosiddetto “Ponte di ferro” che collega Montescaglioso all’arteria principale SS 175 è caduto. E’ inoltre crollato il ponte della Gravinella (località Cannezzano) e tutte le strade di accesso alla Città sono state invase da fango, vegetazione, sterpaglie, sassi, con conseguente isolamento dagli altri paesi. Si sono verificati smottamenti in varie zone del paese, con continue segnalazioni e liste dei danni che pervengono all’Ufficio Tecnico municipale.

    In una distinta comunicazione il sindaco facente funzioni ha inoltrato formale protesta nei confronti di S. E. il Prefetto di Matera Giovanni Francesco Monteleone: nella comunicazione ha lamentato il mancato avviso, alla Città di Montescaglioso, “dell’imminente pericolo causato dalla situazione precaria della Diga di San Giuliano il cui contenuto avrebbe potuto travolgere la valle del Bradano mettendo a repentaglio la vita dei residenti”. Ha poi sottolineato come non siano pervenuti alla sede municipale montese “dispacci di allerta” e non siano stati prontamente disposti soccorsi alla popolazione montese residente sia in città che in campagna. 

    Ufficio Comunicazione Comune di Montescaglioso

    1. Gabbiano

      Vorrei segnalare che l’assistenza agli automobilisti è compoletamente assente, mi spiego.

      Non esistono, alemeno fino a ieri sera 2 marzo 2011 alle ore 21, indicazioni sui percorsi alternativi da seguire nè avvisi, posti a distanze adeguate, di strade chiuse. Chi proiviene da Potenza e/o MAtera a ttraverso la strada statle 75 non incontra nessuna indicazione sul fatto che l’accesso a Montescaglioso è chiuso nè incontra indicazioni sui percorsi alternativi per raggiungere il paese.

      Ora, i montesi potrebbero non avere grossi problemi perchè conoscono (forse) la situazione (a meno che non siano stati fuori paese vari giorni) e conoscono le strade alternative (vedi C.da Dogana) ma un forestiero che abbia necessità di raggiungeci come fà?

      1. gianni

        Condivido quanto già scritto da Gabbiano….non vi è nessuna indicazione sui percorsi alternativi per raggiungere Montescaglioso. Comunque i disagi sono veramente tanti e direi troppi per chi deve spostarsi in auto o utilizza i mezzi pubblici, per esempio per raggiungere Potenza si impiega quasi un’ora in più a causa della deviazione sul  famoso ponte della Basentana. Tra l’altro nei pressi di Tricarico vi è un tratto di strada in cui si prosegue per senso unico alternato a causa di una frana che impedisce il passaggio ad una corsia. Si spera che la frana non coinvolga anche l’altra corsia per evitare l’isolamento totale fra le due città.

        Una cosa però deve far riflettere, per un solo giorno di pioggia intensa è successo tutto questo. Chiaramente quando hai delle carenze infrastrutturali, carenza di personale altamente competente negli enti magna-magna (ma direi molto pieno di personale altamente raccomandato ed inutile!!!…..vedi Consorzio di Bonifica) che forse dovrebbero avere delle responsabilità in merito; allora si che ti basta un solo giorno per avere questi disastri!! Chissà quando dovremmo aspettare per poter rivedere quel ponte transitabile sulla Basentana? Io sono pronto a scommettere che per un 6 /8 mesi la situazione sarà sempre la stessa e che i disagi di oggi saranno sempre gli stessi. Sono pronto anche a scommettere che nonostante l’emergenza i lavori per il ripristino di quel ponte saranno eseguiti nei solamente nei giorni ordinari dal Lunedì al Venerdì ben soleggiate esclusi il Sabato la Domenica e giustamente il 17 Marzo. Si perchè questa è la nostra filosofia dell’urgenza. E per il  nostro ponte locale?? Meglio non parlarne, speriamo che almeno quanto prima ci sia un minimo di ripristino della segnaletica.

        1. ZODD

          Gianni , non credo che la colpa sia solo di uno . sono caduti piu di 100ml di pioggia in TUTTA la basilicata.  voglio fare un osservazione per capire meglio , negli ultimi due mesi ho visto piu volte bradano in piena , un motivo ci sarà , credo che aveva molta acqua . e fin qui ci siamo , ma chi ha il compito di controllare le infrastrutture come ponti argini e quanto altro ?  solo il consorzio ?

          dalle foto potete osservare oltre alle altezze della piena , il fronte che aveva la piena non voglio esagerare ma almeno 1 metro di acqua x 1 km .

          altra osservazione la pulizia dei canali ai margini delle strade  , mika erano puliti . sempre il consorzio è la causa?

          infine dobbiamo anche immaginare che se i canali di bonifica del consorzio e no puliti o no che essi siano , non sn riusciti a smaltire quell acqua è anche perche bloccati da un fiume in piena , giusto ?

          la cosa che piu mi ha preoccupato però è la seguente . io ero presente alal frana sulla Montescaglioso Matera , la cosa che mi ha preoccupato di più e mi spaventa è  che Montescaglioso era senza mezzi di comunicazione , telefonia mobile , fissa e adls. la domanda è come si fa a comunicare tra i soccorritori e i soccorsi ?

          la mia fortuna è stata ke li il telefonino prendeva sicuramente grazie al ripetitore di matera.

          se dovesse ricapitare mi chiedo e chiedo a chi di competenza , come si fa a comunicare o come farete a comunicare tra i vari corpi ?

          queste solo le cose che non riesco a darmi risposta.

          1. gianni

            Scusami zodd, possiamo anche dire che l’evento pioggia è stato devastante per l’intensità della stessa, concordo anche sul fatto che non tutte le responsabilità sono del Consorzio ma non mi si può venire a dire che per tutto questo nessuno è responsabile. Per un solo giorno di pioggia e per la banalità di quello che è accaduto mi è vienuto il sospetto che vi è una forte carenza a livello tecnico organizzativo di chi dovrebbe avere delle responsabilità in merito. Penso che siamo tutti concordi nel dire che gli allagamenti nei territori di Metaponto e Ginosa Marina siano dovuti a causa delle aperture delle saracinesche della diga che è gestita appunto da Consorzio. A questo punto mi chiedo se quelle aziende agricole colpite siano state avvertite in tempo della possibile esondazione del fiume Bradano, mi chiedo se lo stesso Consorzio sia dotato di un sistema di allerta e se sia dotato di personale in grado di valutare i rischi esondazioni? E’ mai stato fatto uno studio, dallo stesso ente, sulle possibili conseguenze di un alluvione? Qualcuno di questo ente si è mai preoccupato di sanzionare i proprietari e successivamente abbattere i numerosi uliveti presenti presenti proprio ai bordi del fiume?

            Per quanto mi riguarda se lo scopo di questi enti pubblici non fosse stato quello di ufficio di collocamento politico forse adesso ci sarebbe stato meno personale, meno capitale speso e pochi danni per un sol giorno di pioggia. Per adesso ci consoliamo della Rosa Gentile (assessore regionale competente) che ieri tutta emozionata dopo aver assistito alla nascita di un vitellino dice di volersi impegnare al massimo….e i responsabili saranno puniti????

        2. A.P.S. Carnevale Montese

          L’Associazione Carnevale Montese per non creare disagio ai visitatori di Montescaglioso in occasione del Carnevale Montese, ha provveduto a realizzare a sue spese una cartellonistica che è stata sistemata sia per chi viene dalla ss 380 (tre Confini) e sia per chi arriva dalla 175, è stato realizzato un percorso consigliato per i visitatori e il pericolo di far andare allo sbaraglio i turisti è stato cosi debellato.

          1. Cattolo

            Complimenti Associazione Carnevale Montese  per aver provveduto alla realizzazione della cartellonistica con le indicazioni stradali. 

        3. ZODD

          Osserviamo attentamente  la portata di Bradano tramite i suoi affluenti.

           

           

           

          cosa è la diga di San Giuliano

          a Diga di San Giuliano, nata sotto la spinta del programma economico di aiuti del Piano Marshall è una delle opere principali del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto.
          Fu il presidente del Consiglio Alcide De Gasperi che nel luglio del 1950, in occasione della sua famosa visita nei Sassi di Matera, dette l’avvio ai lavori di costruzione della diga, che sarà ultimata nel 1958.
          Compresa nei territori comunali di Grottole, Matera e Miglionico, sorge ad una quota di fondo alveo a 67 mt s.l.m., dove il fiume Bradano si restringe bruscamente in una gola rocciosa incisa nelle formazioni calcaree.
          E’ alta 79 metri sul punto più depresso e 44 metri sul piano medio di fondazione.
          La lunghezza al coronamento raggiunge i 314 metri.
          La diga di San Giuliano consente un accumulo di 107 milioni di mc. d’acqua e sottende un bacino imbrifero di 1.631 chilometri. L’utilizzazione delle risorse idriche è di tipo irriguo, a servizio di una superficie irrigabile di oltre 20.000 ettari, di cui 9.200 ubicati nel limitrofo comprensorio del Consorzio di Bonifica Stornara e Tara.
          Le caratteristiche costruttive sono quelle di una diga a gravità in calcestruzzo, con la parte centrale tracimabile.
          Le opere di scarico sono:
          – scarichi di superficie costituiti da cinque luci sfioranti, ciascuna della lunghezza di 10 mt., munite di paratoie e dimensionati per una portata massima di 1.200 mc/s:
          – scarichi di fondo costituiti da due gallerie circolari regolate da due paratoie piane e dimensionati per una portata massima di 500 mc./s.

          Scarico di superficie:
          quota: 96.6 mt s.l.m.
          portata: 1.200 mc/s
          Scarico di fondo:
          quota soglia: 67.8 mt s.l.m.
          quota imbocco galleria: 68.5 mt s.l.m.
          portata: 500 mc/s

          Il canale principale, lungo 31 Km., è dimensionato per una portata massima di 9 mc./sec., e si estende per 30,8 Km prima di biforcarsi in località San Marco di Bernalda nelle diramazioni di San Marco Venella e Girifalco; quest’ultima destinata ad alimentare la rete irrigua dello Stornara e Tara, in provincia di Taranto.

          Caratteristiche costruttive:
          Volume invaso: mc. 107.000.000
          Altezza max sul piano medio di fondo: mt. 44
          Altezza massima nel punto più depresso: mt. 79
          Lunghezza al coronamento: mt. 314
          Volume dei calcestruzzi: mc. 130.000
          Galleria dello scarico di fondo: km. 0.345
          Caratteristiche idrologiche del Bradano-San Giuliano:
          Bacino imbrifero: kmq 1.631
          Parte impermeabile: 20%
          Altitudine media (1927-38): mt. 440 s.l.m.
          Portata media (1927-38): mc./sec. 7.63
          Portata media unitaria (1927-38): lt./sec. kmq 4.68
          Portata massima piena (13.01.1931): mc./sec. 1.450
          Coefficiente di deflusso: 0.22
          Caratteristiche dell’impianto irriguo:
          Superficie irrigabile netta: Ha 12.700
          Dotazione annua: Mc/ha 7.800
          Canale adduttore: Km. 28

          Dal 1976, la diga di San Giuliano è Oasi naturale regionale;
          dal 1989 è Oasi del WWF Italia.

          cosa è una diga

          Infine se proprio vogliamo sapere meglio basti andare sul portale dell Autorità di Bacino  lasciare la voce tutti i bacini e fare una ricerca  giorno mese anno e bacino , e fare un paragone giorno per giorno .  tenendo presente che ogni diga ha un altezza massima dal livello del mare x l’apertura delle chiuse , possiamo dedurne il quantitativo emesso  e quello ricevuto.

          queste sono le richerche ho fatto in rete .

          per rispondere a Gianni , secondo me trovo sbagliato quanto tu dici. o fuori luogo in questo contesto.

          1. gianni

            Michele ti ringrazio per le informazioni che hai riportato. Concordo sul fatto che purtroppo quando una diga raggiunge la sua altezza massima allora necessariamente vi è la necessità di aprire le paratie, non ci vuole una laurea per capirlo. Quello che però non concepisco è la carenza di personale competente in merito alla gestione delle emergenze. Mi chiedo se mai l’Autorità di Bacino o il Consorzio di Bonifica abbiano fatto degli studi sull’impatto ambientale e/o sull’eventualità di alluvioni di questo tipo. Mi chiedo se possa esistere un sistema di allarme che possa quantomeno ridurre i danni di un’eventualità di questo tipo. Non so se tu sei a conoscenza del fatto che il Comune di Ginosa Marina ha intenzione di denunciare la gestione della Diga di San Giuliano….beh non credo di essere fuori luogo.

            Michele basta guardare le tue foto per capire i numerosi alberi presenti nelle vicinanze del fiume, qualche ente ha mai pensato di fare un pò di pulizia del fiume per poter eliminare tutti gli ostacoli per il deflusso del fiume stesso? Poi mi dici perchè a molti agricoltori è stato permesso di coltivare proprio vicino al Bradano? Vai a vedere che  questi saranno i primi ad essere aiutati. Ho anche sentito parlare (ma di questo non sono sicuro!!!) del fatto che nel fondo della diga nel corso degli anni c’è stato un eccessivo accumulo di fango e che questo ha naturalmente diminuito  l’effettivo volume d’acqua che può contenere….tutto ciò significa che la diga raggiunge più facilmente il livello di soglia rendendo più frequente l’apertura delle paratie. Se fosse vero qualcuno ha mai sottolineato questo problema???

  3. ZODD

    Un ringraziamento per tutto il materiale messo a disposizione va anche a Raffaele Fortunato , Luigi Pepe, Giuseppe Grossi .

     

     

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

    1. Cattolo

      Questa bellissima terra di nome Lucania che sta facendo tanto per emergere, per andar a passo delle altre regioni facendo apprezzare ciò che di più bello ha ( Tutto, a partire dalla popolazione) è stata inondata è completamente divisa dalla furia della natura.A pochi passi da casa mia ho visto i sacrifici di una vita andati in fumo, tantissimi alberi sradicati, vie di comunicazioni essenziali ormai da rifare completamente.Ora spero si proceda al ripristino di tutto ciò considerando che la natura com’è ovvio non ha un comportamento adeguato per chi se ne approfitta, direi che è matrigna, E’ SEVERA, non ci ama affatto, nonostante ci regali gioie immense…ci educa con grande severità, pronta a punire con fermezza il più piccolo sgarro. Ci si deve avvicinare alla natura con umiltà, consci della sua immensa energia potenziale, senza nemmeno un’oncia di arroganza altrimenti si pagano prezzi terribili… sta a noi l’intelligenza di equipaggiarci con l’attrezzatura e la forma mentis necessaria ad affrontare la natura, fonte e soluzione di ogni guaio…La natura non è  buona  crudele. La natura è natura. Non ha senso applicarle aggettivi simili

      1. Samarcanda

        Volevo fare una piccola riflessione, ho fatto la statale 7 le cunette sono piene e strapiene di erbacce, sporche, detriti di ogni sorta, ci sono dei tratti dove  l’acqua ha fatto quello che ha sempre fatto, ha sciolto il terreno argilloso, allora l’uomo, l’ingegnere, il geologo  del giorno d’oggi che ha fatto tanti studi, avrà studiato la Fisica e quindi la legge  della natura , nei suoi progetti l’avrà applicata, quindi la natura  ha fatto la sua parte in questo contesto, è l’uomo che non la sa governare.

         

    1. Làeda

      Le notizie

      (su internet- sui giornali) sono ferme a ieri; 

      (in Tv) ci sono state solo il 2 Marzo (in secondo piano rispetto alle Marche) sui tg nazionali, qualche rete regionale cita i danni e fornisce qualche immagine spendendo pochissime parole in merito;

      (alla radio) sono sporadiche, solo sull’onda regionale.

      Dopo esser stati dimenticati a seguito del Terremoto dell’ ’80 (ed è una cosa che non mi stancherò mai di ricordare), che ha contato (e ancora conta) persone senza una dimora definitiva fino a tempo corrente, i lucani devono affrontare anche questa UMILIANTE realtà. Autonomamente ho diffuso i tuoi album, i video di testimonianza, a persone della Puglia e del Nord, NESSUNO sapeva quanto fossero critiche le condizioni della nostra terra. Non ci sono stati morti, RINGRAZIANDO IL CIELO, e questo ha portato la notizia in secondo piano (rispetto a quanto, purtroppo, è successo nelle Marche); considerando questo dato di fatto, è doppiamente triste prendere atto della VERITA’ che gira attorno alle notizie! Nel nostro piccolo, VOLENTEROSI E VOLONTARI, cerchiamo di diffondere quanto più possibile le immagini del grande lavoro di Zodd e di chi si è impegnato, cosicché non restino nella cerchia delle sole “vittime” dell’alluvione, cercando di informare chi è completamente ignaro della nostra situazione. Non servirà a molto, ma quantomeno  si sveglieranno gli animi dormienti della società!!! Non possiamo fare sempre la parte della sorella povera d’Italia!!!!

      Buon lavoro a Zodd e a tutti coloro che s’impegnano per documentare la situazione!

      1. ZODD

        Concordo appieno su quanto scritto da  Laeda , almeno per noi montesi che ci vengano date risposte . Gabbiano ha kiesto  come possiamo giungere  a Montescaglioso , ebbene la stessa  cosa la stanno chiedendo a me Telefonicamente  parecchie persone  perche su internet non sono state capaci di trovarle . a momenti penso di poter dire che quasi tutte le strade di collegamento sono aperte , tranne l’ingresso dalla matera metaponto xke è ceduto il ponte . se qualcuno puo  postare al meglio tutta la viabilità , farebbe cosa gradita .

        grazie a tutti

  4. Luciano MT

    Secondo me la strada che puo intraprendere chi viene a MONTESCAGLIOSO e’ entrare a MATERA e proseguire in direzione ospedale e di li si trovano le indicazioni x MONTESCAGLIOSO.Dal versante jonico nn so come’ la situazione stradale.(ASPETTANDO KE KI RISCALDA LE SEDIE E VA A POSARE SU I LUOGHI DEL DISASTRO PROVVEDA ALLA SEGNALETICA.MI RIVOLGO A KI E DI COMPETENZA NEL SETTORE.

  5. drago88

    All’Ill.mo Sig. Presidente del Consiglio Regionale

     

     

    Interrogazione urgente a risposta orale

     

     

    Premesso che,

    dalla consultazione dei bollettini meteo è previsto, per le prossime ore e  per tutto il fine settimana, un preoccupante peggioramento delle condizioni metereologiche con piogge abbondanti in tutta la regione e con possibili   nevicate a partire da lunedi p.v.,

     

    Considerato che:

    a seguito delle recenti precipitazioni  persistono gravi disagi  per le popolazioni del meta pontino e della collina materana;

     

    le principali vie di collegamento interne e con le regioni limitrofe della Basilicata risultano ancora interrotte ed impraticabili ;

     

    Al fine di:

    evitare che le già precarie condizioni dei territori in premessa vengano ulteriormente aggravate dalla prevista  ondata di maltempo  e  scongiurare  pericoli per la pubblica incolumità;

     

    si interroga il Presidente della Giunta Regionale, per sapere:

     

    quali iniziative siano state adottate per contenere l’eventuale ondata di maltempo;

    le condizioni dei principali invasi e dei corsi d’acqua della regione;

    se sia stato approntato un piano di evacuazione per le popolazioni a rischio;

    se gli eventi alluvionali siano attribuibili a negligenze da parte dell’Autorità di Bacino e del Consorzio di Bonifica di Bradano e Metaponto ed in caso affermativo quali provvedimenti disciplinari urgenti il governo regionale intende attuare nei confronti del management dei due Enti

     

     

    Il Consigliere Regionale

    On. Dott. Mario Venezia

    Potenza, 4 marzo 2011

    1. giusy

      Di fronte ad un disastro del genere, qualcuno mi sa dire quali sono i criteri per valutare di quanti fondi c’è bisogno e i tempi affinchè questi fondi siano stanziati? Certo, il tutto servirà solo a limitare i danni.. E’ davvero vergognoso che ci sia una informazione davvero limitata a livello nazionale. La lucania è solo importante per lo sfruttamento di acqua e petrolio e come pattumiera di materiale radioattivo.

  6. poet

    …ED ECCO A VOI CHE è INIZIATO IL BEL TEATRINO DEI NOSTRI POLITICI PRONTI SUBITO A SCARICARSI COLPE L’UNO SULL’ALTRO!!!! 

    SONO INDIGNATO!!!! … MA NEL VERO SENSO DELLA PAROLA!!!  I NOSTRI DUE PRINCIPALI PARTITI POLITICI NN SI SONO DEGNATI NEANCHE DI UNA PAROLA DI CONFORTO ALLA GENTE COLPITA DA QUESTO DISASTRO!!!….DOPO 4 GIORNI DAL NUBIFRAGIO IO NN HO VISTO ANCORA NESSUNO AFFACCIARSI ALLA MIA AZIENDA AGRICOLA ANCHE SOLO PER DIRE MI DISPIACE… SONO AL VOSTRO FIANCO… NIENTE DI NIENTE!!!!!!!!!!!!!!!!!

    …QUANDO DEVONO CHIEDERE I VOTI INVECE ECCOLI BELLI INCRAVATTATI E CON IL VESTITO NUOVO… GIRANO TRA LE STRADE IN GRUPPI DI 10 15 PERSONE.. IL CANDIDATO DAVANTO E TUTTI I CAGNOLINI DIETRO XXX!!!! CHE PENA CHE MI FATE….

    TI SALUTANO DA LONTANO NEANCHE AVESSERO I RADAR!!! ..(MA SOLO NEL PERIODO PRE-ELETTORALE EHHH PERCHè POI UNA VOLTA ASSICURATA LA POLTRONA FANNO FINTA DI NN CONOSCERTI O GIRANO ADDIRITTURA LO SGUARDO)

    BUSSANO CASA PER CASA … FANNO SORRISI IMMENSI… PER NN PARLARE DELLE PROMESSE POI……….. E CHE NE PARLIAMO A FARE….

    IL PROSSIMO CHE MI CHIEDE IL VOTO GIURO CHE GLI SPUTO IN UN OCCHIO!!!!

    CMQ A PARTE QUESTE STUPIDAGGINI VORREI DIRE SOLTANTO UNA COSA E FARE UNA PREGHIERA AI NOSTRI POLITICI:

    QUEL CHE è SUCCESSO è STATO A DIR POCO DEVASTANTE E HA DISTRUTTO INTERE FAMIGLIE CHE VIVEVANO DIAGRICOLTURA…

    QUEL CHE è STATO è STATO ED ORA COME ORA L’UNICA COSA CHE BISOGNEREBBE FARE è RICOSTRUIRE…

    QUINDI CARI POLITICI VE LO DICO CON IL CUORE TRA LE MANI!!!!! BASTA INSULTARSI E COLPEVOLIZZARE !!! BASTAAAA!! NN NE POSSIAMO PIù!!! …IMPEGNATEVI PIUTTOSTO NELLA RICOSTRUZIONE E FATE QUALCOSA DI VERAMNETE UTILE INVECE DI STARE A CHIEDERSI IL PERCHè DI TUTTO QUESTO DISASTRO!!!! ORMAI è SUCCESSO E NN POSSIAMO FARCI NIENTE!!!! DOBBIAMO SOLO IMPEGNARCI TUTTI NELLA RICOSTRUZIONE. PUNTO!!!!!!!!

    SPERO CHE QUALCUNO LEGGA QUESTA MIA PREGHIERA E SI DIA VERAMENTE DA FARE PER AIUTARE  LE VITTIME DEL DISASTRO..

    DOMENICO BRIGANTE

    1. Cattolo

      ci capiranno solo coloro che hanno vissuto questa tragedia,i politici si, se daranno una mano ben venga,sarà anche ben accettata ma non capiranno mai cosa si prova quando un investimento o ciò che hai creato con i tuoi sacrifici o con quelli dei genitori scompararire nel giro di poche ore..

      Datevi Nà Mossa che c’è chi da ciò che ha perso riusciva a campare.Non rendetela più difficile la vita.

  7. LM 2500

    Concordo pienamente con Domenico Brigante….Invece di cercare il colpevole e la colpa,unitevi almeno una volta, per il bene dei cittadini che hanno veramente bisogno  e non per il bene vostro,miei cari politici….Affurtucuatv la manc…..

    Buona Domenica a tutti….

    1. Wiseman

      i danni sono tantissimi e, purtroppo non totalmente ascrivibili agli eventi naturali.

      Certo, per i politici, l’occasione è ghiottissima per dimostrare quanto tengano alle sorti di una terra martoriata da Dio e dagli uomini, come si diceva una volta, purtroppo penso che dovremo ancora una volta rassegnarci alle lungaggini della burocrazia, tra perizie, progetti ecc.,oltre alle varie diatribe tra dx e sx….intanto il tempo se ne va! Personalmente, non trovo positivo che si voti a metà maggio (almeno così si dice), perchè in campagna elettorale, sarà molto facile fare promesse….da marinaio!

      Intanto, c’è da dire che circola voce, non confermata, secondo la quale si starebbe pensando  di realizzare un ponte militare al posto del danneggiato ponte di ferro, per l’immediatezza, per consentire almeno in tempi brevi la ripresa della circolazione sulla più importante via d’ingresso al paese. Speriamo.

    1. RAVILO

      La Basilicata Cade , per un po’ di pioggia , per alcuni ignoranti che tenevano le dighe a livello con un’allerta meteo , la Basilicata cade nella sua fragilita’ , crollano ponti , muoiono animali c’e’ gente che ha perso tutto e loro dove si nascondono???…Dove si Nasconde chi da 20 anni flagella questa regione??….Dove si nasconde chi si è mangiato i soldi del petrolio???…Chi non ha permesso la cresicta di questa regione , chi ci ha ridotti in questo stato???…Chi ha fatto solo clientelismo.????….Chi ha portato avanti la pratica delle raccomandazion???….Dove sono ora???…Loro che da 20 anni ci governano e siamo sempre piu’ in un MARE DI GUAI??…Siamo isolati per il crollo di un ponte di Mussoliniana memoria , ma nessuno fa niente , neanche mettono le indicazioni…..E’ L’ennesima vergogna , l’ennesimo fallimento della sinistra , LA SINISTRA DEI POSTI DI LAVORO E DELLE RACCOMANDAZIONI , L’ENNESIMO FALLIMENTO DI UNA REGIONE GOVERNATA DA 20 ANNI DI SFCELLI E CHE OGGI PAGA TUTTA LA SUA FRAGILITA’ , E’ BASTATA UN PO’ DI PIOGGIA PER FAR CADERE LA GRANDE MA FRAGILE BASILICATA , GRAZIE ALLA PROVINCIA E GRAZIE ALLA REGIONE SICURAMENTE FRA 100 ANNI IL PONTE SARA’ RIPARATO….VERGOGNA

      1. poet

        ravilo invece di criticare sempre la sinistra perchè ogni tanto non fai anche qualche proposta seria !!!! nn fai altro che dare colpe ma qui c’è bisogno di proposte serie e di aiutare davvero chi è stato colpito perdendo tutto il lavoro e i sacrifici di una vita!!!..d’accordissimo con te che le persone che ci governano in questa regione fanno schifo ma ora nn è tempo di critiche!!!  lo stesso è accaduto in veneto e in altre regioni ma nn credo che siano tutte governate dal centro-sinistra……. ripeto… quel che è stato è stato ora bisogna solo AFFURTUCUARS L’ MAN’C  E CERCARE DI RICOSTRUIRE NEL PIù BREVE TEMPO POSSIBILE!!!!! …..  ora voglio proprio vedere come si comporterà il nostro bel governo di DESTRA!!!!… un esempio è l’informazione a livello nazionale,MONOPOLIO DEL NOSTRO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO!!!…il nostro nubifragio è stato accennato a malapena mentre quello del veneto ha occupato le reti televisive per giorni e giorni !!!!! il governo si è subito mosso per aiutare gli amici leghisti  ora voglio proprio vedere come si comporteranno con noi TERRONI !!!! ….sempre se al senato trovano un pò di tempo per pensare alle cose serie invece di pensare al caso-RUBY e a tutte le stronzate che combina il nostro illustrissimo presidente del consiglio……..  

  8. vince_ditaranto

    Come si legge sul Quotidiano di Basilicata pare che il governo abbia decretato anche per la Basilicata lo “stato di calamità”.

    Oltre quindi all’affermazione di principio si attende di conoscere i dettagli normativi e soprattutto economici.

    Mi viene da dire solo una cosa, speriamo che si vigili su come vengono impegnati questi benedetti danari…..se verranno impiegati per mettere a posto le infrastrutture e risarcire chi ha avuto danni ingenti o se avverrà il solito spreco di soldi pubblici a cui sembriamo ormai assuefatti.

    Voi siete fiduciosi?

    Scusate ma non riesco a essere ottimista. Speriamo che la società civile vigili.

    Un naturalista americano disse: “Un patriota deve essere sempre pronto a difendere il suo paese dal suo governo”

Rispondi a

Info sull'Autore

io sono quello che faccio

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi