TERREMOTO GIAPPONE: E se fosse un complotto?

A differenza del complotto sull’11 Settembre, mi risulta molto difficile credere a questo complotto, per il semplice motivo che se davvero tutto ciò sia vero, scoppierebbe subito una guerra, dal momento che nessuna nazione potrebbe tollerare un “comportamento del genere” da parte degli Usa…Non scherziamo la gente è morta, cosi insultiamo la loro memoria.

IMPLICAZIONI MILITARI E CONTROLLO CLIMATICO 

in questa incredibile e dettagliata indagine,http://www.riscaldamentoglobale.org/controllo_militare_clima/implicazioni_militari_controllo_climatico.htmldimostra come l’aumento delle temperature non sia l’unica causa dell’estrema instabilità climatica che, negli ultimi anni, ha devastato le più importanti regioni del mondo. L’aviazione americana è in grado di manipolare il clima. Può addirittura provocare inondazioni, uragani, siccità e terremoti. Il Dipartimento della Difesa ha destinato elevate somme di denaro allo sviluppo e al perfezionamento di queste tecnologie.

Possibilità di modificare le condizioni climatiche, generando anche uragani.
“Si definisce guerra ambientale la modifica intenzionale, o la manipolazione, del sistema ecologico che interessa il clima e i fenomeni metereologici, gli strati dell’atmosfera terrestre quali la ionosfera e la magnetosfera, il sistema della tettonica a zolle, e/o può innescare eventi sismici (terremoti) per provocare, a un bersaglio ben definito per ubicazione geografica, una volontaria distruzione fisica, economica e psico-sociale, prevista da una strategia di guerra”.


 

non crederei a tutte le cose che ci sono scritte in internet!!!!Ma se questo fosse vero???

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi