90 embrioni di Roma valgono molto di più dei 500 cordoni ombelicali di Matera???

Basilicata, bella scoperta…recita lo sponsor. Certo che sarà stata una bella scoperta per coloro che hanno saputo della distruzione delle cellule cordonali nell’ospedale di Matera. Sarà anche stata una bella scoperta anche per coloro che hanno perso, per un guasto, i 90 embrioni al San Filippo Neri di Roma. Casi simili che però son stati trattati veramente in modo del tutto diverso. A Roma son partite inchieste, indagini ministeriali e tanto clamore mediatico come giustamente meritava la questione.

A Matera invece il “semisilenzio” ed è rimasto solo il lamento di quelle persone che hanno creduto in quella struttura sanitaria. Così…. son stati distrutti 500 cordoni senza che ci fosse nessun responsabile, con inchieste interne fatte sempre dagli stessi presunti responsabili o dai loro altolocati amici. Certo che almeno qualcuno ha sollevato la questione ma di sicuro ragazzi non ho avvertito nessun clamore come è successo in questi giorni nel caso di Roma, basti pensare che il nostro caro TG3 all’epoca non ha neanche dato notizia. Forse adesso ho capito perchè la Basilicata viene definita come isola felice per alcune categorie sociali. Sei stato trombato da assessore? Non ti preoccupare puoi sempre fare il presidente di Aquedotto Lucano. Sei un amministratore regionale che ha perso l’occasione per far soldi con le scorie radiottive? Non preoccuparti, puoi far finta di non essere daccordo tanto poi ti fai i soldi con il petrolio e nessuno ti dice niente. Sei figlio del bibliotecario che ha il pm come amica? Allora stai tranquillo, puoi permetterti di fare l’omicidio in chiesa.

 

BASILICATA  BELLA  SCOPERTA


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi