CRONACA DI UNA TRASFERTA DA CAMPIONI…FAAMES CAMPIONE

E’ alla fine coppa è stata..Noi e le nostre beniamine c’è l’abbiamo fatta a battere il Potenza ed avere la meglio nella finale di coppa Basilicata.La finale dei kaotici, ha inizio alle ore 15 a piazza Roma, dove i 40 ultras che avevano prenotato il biglietto di Bernalda si sono dati appuntamento(con noi anche SUDITALIARADIO).C’è entusiasmo tra i ragazzi, che riscaldano l’atmosfera intonando i primi cori.ORE 15.45, ecco che si parte alal volta di Bernalda ed al pullman kaotico si accodano anche auto di altri montesi.L’evento è di quelli importanti, una finale è pur sempre una finale ed i kaotici ed altri montesi non si sono fatti pregare due volte per la trasferta, muniti di tutto l’occorente per sostenere la squadra montese.Dopo un viaggio scandito da una ripetizione dei cori, si giunge a Bernalda seda neutra della finale, coi’ i kaotici prendono posizione in tribuna ed iniziano a riscaldare un Palagalilei gremito.ORE 17 la tanto attesa finale ha inizio con la bellissima coreografia dei kaotici montesi che espongono ognuno un foglio con la marijuana e sotto lo striscione con la scritta “VI VOGLIAMO STUPEFACENTI” ed iniziano ad incitare la squadra.Partita che inizia male però ed il Potenza si aggiudica il primo set con il punteggio di 22-25.Il sestetto montese non si perde d’animo e sotto la spinta dei suoi tifosi vince secondo e terzo set con parziali notevoli(25-12 25-11), che dimostrano la superiorità della squadra montese.Ma quando il tutto sembrava indirizzato verso la vittoria per 3-1 senza sconti, con i kaotici montesi che mettono in mostra la seconda coreografia e cioè la coppa di cartone e 11 cartoncini, disposti a scacchiera biancoblu con la scritta prendiamola, il calo di tensione della Faames porta alla vittoria inaspettata dell potentine. Set vinto tra le contestazioni accese dei tifosi e delle giocatrici montesi, dato che l’arbitro sbaglia e dopo l’infortunio della Clemente, da il punto al Potenza.Tutto ciò imbestialisce i montesi e in tribuna si hanno delle scaramucce anche con i potentini. Riportata la calma tragli ultras inferociti, si va al quinto set quindi tie-break.Nonostante la stanchezze e la voce persa i kaotici cantano il possibile e dopo un set combattuto, la Faames prende il volo e chiude sul 15-11 portandosi a casa set, partita e coppa.Ed è a questo punto che si scatena la festa montese, condita anche dalla rabbia cresciuta nel furto del quarto set, scatta l’invasione ed il POPOPOPOPO, con grande festa insieme alle ragazze autrici di questi trionfo.Quindi si passa alla premiazione e alla passerella da campioni di lucania.sono le 19.30 circa, l’evento atteso da tempo è finito, c’è l’abbiamo fatta siamo diventati campioni di lucania.Ora si ordina il materiale e si sale sul pullman per il viaggio di ritorno, con la coppa che la società per una sera ci fa tenere nelle nostre mani per festeggiare a Montescaglioso.Il viaggio di ritorno è scandito dal cd che suona e da una stanchezza un pò in tutti noi, ma c’è ancora la voglia di festeggiare questo primo e dimportante traguardo.Ed è cosi che arrivati nel nostro paese scendiamo come un corteo guidato dalla coppa e dalle bandiere biancoblu sventolanti e intonando canti.La festa continua anche di sera con la coppa che si trasforma in una grande bicchiere dal quale i kaotici bevono lo spumante per gli ultimi festeggiamenti.E’ sera si torna a casa, il giorno tanto atteso è passato, è stato vissuto intensamente e nonostante la stanchezza, la voce persa, qualche raffreddore e malanni vari i kaotici fanno rientro a casa fieri di questa vittoria, fieri di questa coppa, fieri della loro prima grande trasferta..FIERI DI ESSERE QUELLI CHE IL KAOS…..


Commenti da Facebook

5 Commenti

  1. Francy Lomonaco

    Questo evento merita una attenzione particolare. Quelli del Kaos sono stati grandi e determinanti. Provvidenziale il loro autocontrollo quando tutto sembrava precipitare. Sud italia radio.tv sta preparando un “corposo” Podcast molto particolare: sperimenteremo la creazione di versioni video per “cellulari”.

  2. ciffo

    QuaelliCHEILCAOS… volevo condividere con voi l’articolo della Gazzetta del Mezzogiorno sulla vittoria in coppa Basilicata.
     
    Riporto l’ultima parte:
    Inviperito Dino Briglia, diesse del Camarda, società
    organizzatrice della manifestazione: «Dobbiamo registrare la
    rottura di almeno una ventina di seggiolini sugli spalti da
    parte dei sostenitori montesi, che si sono lasciati andare ad atti
    di vandalismo e di offese gratuite verso il sottoscritto. D’ora in
    poi – afferma deciso Briglia – non ospiteremo più alcun tipo di
    manifestazione in cui sia presente la squadra montese».

     
    Ovunque si parla solo della vostra maleducazione. Non sarebbe il caso di sistemare un pò di cose?

  3. ZODD
    A quei Giovani Ribelli , che durante la partita femminile under 16 , tra Montescaglioso Nuova Omnia e la Spes Matera , hanno elogiato alle raggazzine ospiti, i migliori complimenti del tipo sei bona , o mi fa na.. ci vediamo… e quanto altro di piu MONTESE non si può… a tal punto che a fine partita il Presidente del Spes Matera si è visto costretto a chiamare i Gendarme per premura delle sue giocatrici.
    L’essesimo atto di bulli pagliacci , che dovrebbero solo vergongarsi , e vergognarsi dovrebbero anche i loro genitori, che con questi atti non fanno altro che continuare a infangare il nome del loro paese, delle loro origini … i classici bulli deboli di carattere , che con la loro inferiorità Maskilista , mettono in mostra cio che di piu peggio hanno nel nome della durezza del rispetto come tra i boss ,x il solo gusto di sentirsi Conquistarori di un loro mondo infinitamente piccolo come il loro cervello.
    Rendiamo Grazie a questi Uomini d’Onore x tanta bella Immagine che ci Arrecano.
    ZODD

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi