venerdì 06 20 Dicembre19

Comunicato Antiraket

Montescaglioso– Il Camper della Legalità, attività inserita nella campagna “Primavera Antiracket” e “100 Strade”, lo scorso 18 marzo ha iniziato un itinerario che coinvolgerà 14 località del Sud Italia (Napoli, Pomigliano D’Arco, Portici, Castelvolturno, Vieste, Mesagne, Amantea, Palmi, Barcellona Pozzo di Gotto, Castelvetrano, Catania, Siracusa, Palazzolo Acreide). Tra le tappe previste anche quella di Montescaglioso, città nella quale, dal 1994, opera l’associazione antiracket “Falcone- Borsellino”, guidata dal presidente Paolo Gallipoli. Il camper è stato accolto in Piazza Roma dalla Giunta Comunale, dal Vice Presidente della Provincia di Matera Angelo Garbellano oltre che dalle quinte classi della Scuola Elementare e da tutte quelle frequentanti la Scuola Superiore di I Grado (Ist. Comprensivo “Don Liborio Palazzo – Carlo Salinari”). Dopo gli interventi di saluto da parte del Sindaco di Montescaglioso Giuseppe Silvaggi, del presidente Paolo Gallipoli, del sindaco dei ragazzi Pasquale Di Cuia e di Giuseppe Scandurra, presidente del F.A.I (Federazioni Antiracket ed Antiusura italiane), ha avuto inizio la passeggiata antiracket, con l’animato e giovane corteo che ha attraversato le vie cittadine per raggiungere il Palauditorium “Karol Wojtyla”. Pippo Scandurra ha aperto la serie degli interventi esprimendo il proprio plauso alle istituzioni cittadine e all’istituzione scolastica per l’importante attività educativa svolta; ha poi salutato i signori Paolo Gallipoli, Franco La Rosa e Vincenzo Bracciale, direttamente coinvolti e protagonisti nella nascita del presidio per la legalità a Montescaglioso. Ha quindi salutato il Maggiore Del Prete (Arma dei Carabinieri), presente all’iniziativa e ricordato il capo della Polizia di Stato, Antonio Manganelli, scomparso negli ultimi giorni, servitore dello Stato, da sempre molto vicino al movimento antiracket. Ha poi ricordato la figura di Libero Grassi, assassinato dalla mafia il 29 agosto 1991. Il Commissario Capo della Questura di Taranto, Angelo Franco, nella sua conferenza, ha ricordato ai tanti giovani presenti che il futuro del Paese sarà affidato a loro; ha poi evidenziato l’importanza della “perfetta convivenza tra le persone” e l’importanza di affiancare le istituzioni nella lotta alla legalità. Ha citato un pensiero del grande poeta tedesco Johann Wolfgang Goethe e l’episodio del IX Libro dell’Odissea (Polifemo e Ulisse) prima di lasciare la parola al Senatore della Repubblica Filippo Bubbico. Il neo eletto al Senato ha espresso i complimenti all’istituzione scolastica guidata dal dirigente scolastico Nunzio Nicola Pietromatera e agli altri attori protagonisti dell’iniziativa, sottolineando, poi, l’importanza di coinvolgere i più giovani nella discussione di tematiche, che, a causa della loro età, non sono ancora conosciute. Ha poi concluso ricordando ai presenti come non sia sufficiente la repressione dei reati ma sia, invece, necessario porre grande attenzione all’applicazione delle leggi; ogni cittadino è, infatti, direttamente chiamato a fare propri i principi stessi della legalità.

Egidio Basile (presidente del Comitato Regionale Antiracket), riprendendo una proposta formulata proprio a Montescaglioso nel corso di una precedente iniziativa, ha annunciato l’imminente inizio delle attività dell’associazione antiracket giovanile regionale; a tal proposito ha reso noto che ai giovani montesi sarà affidato il coordinamento delle iniziative previste. Il Sindaco montese Giuseppe Silvaggi, nelle conclusioni, ha invitato ad avere memoria del passato ed espresso il plauso al lavoro svolto dal corpo docente nell’attività di crescita della legalità.     

Michele Marchitelli


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi