Spingere a fare bene il “BeneComune”

La qualità della vita negli  anni che abbiamo davanti, sarà determinata dal livello di partecipazione dei cittadini.

L’austerità, il rigore, il ritorno alla centralità del  potere “LOCALE”, farà sì che le famiglie, direttamente tirate in causa dalla TASSAZIONE (servizi locali ai cittadini), prenderanno maggiore coscienza degli sprechi. I cittadini chiederanno più spazi autogestiti e esprimeranno voglia di maggior controllo sulla spesa pubblica, 

DOMANDA.

Se ci siete, battete un colpo. Un  gruppo di CITTADINI si sta organizzando per Fare Bene il BENECOMUNE (senza creare un cartello elettorale, senzaentrare nel merito della bagarre PARTITICA).

Se ci sono cittadini volenterosi, unitevi a noi: TRANSIZIONE-MONTESCAGLIOSO.


Commenti da Facebook

1 Commmento

  1. Francesco Lomonaco FL

    Il Comune di Montescaglioso dovrebbe da subito istituire un TEAM di cittadini e professionisti per incominciare a fare bene il BeneComune.

    Lavoriamo su queste linee:

    Europa Creativa 20 gennaio 2014 alle ore 12.49 “PROGRAMMI COMUNITARI E FINANZIAMENTI EUROPEI” Europa Creativa Bandi 2014 sottoprogramma “Cultura” EUROPA CREATIVA (2014-2020) Sottoprogramma Cultura – Invito a formulare proposte EAC/S16/2013:Progetti di cooperazione europea; EAC/S18/2013:Reti europee; EAC/S17/2013:Piattaforme europee; EAC/S19/2013: BANDI 2014 A seguito dell’approvazione definitiva del programma “Europa Creativa”, nel mese di dicembre la Commissione europea ha pubblicato i primi bandi in attuazione del programma. Si tratta di quattro bandi che rientrano nell’ambito del sottoprogramma “Cultura”, la sezione di “Europa Creativa” a sostegno del settore culturale e creativo, e di tredici bandi che rientrano nel sottoprogramma “MEDIA”, la sezione a sostegno del settore cinematografico e audiovisivo. La presente scheda fornisce informazioni sui contenuti di maggiore rilevanza relativi ai bandi del sottoprogramma “Cultura”. ▪ Bando EAC/S16/2013 – Progetti di cooperazione europea Intende sostenere progetti di cooperazione culturale focalizzati su due priorità: 1) rafforzare la capacità dei settori culturali e creativi europei di operare a livello transnazionale e internazionale; 2) promuovere la circolazione delle opere culturali e creative e la mobilità transnazionale degli operatori, con particolare riguardo per gli artisti. Il sostegno potrà riguardare due categorie di progetti: A) Progetti di cooperazione su piccola scala, ossia progetti che coinvolgono almeno 3 partner (il leader di progetto + almeno 2 partner) stabiliti in 3 diversi Paesi ammissibili al sottoprogramma “Cultura”. Il leader di progetto o uno dei partner deve essere stabilito in uno dei seguenti Paesi: Stati UE, Paesi EFTA/SEE, Svizzera. Questi progetti possono essere cofinanziati fino al 60% dei costi totali ammissibili per un massimo di 200.000 euro. B) Progetti di cooperazione su ampia scala, ovvero progetti che coinvolgono almeno 6 partner (il leader di progetto + almeno 5 partner) stabiliti in 6 diversi Paesi ammissibili al sottoprogramma “Cultura”. Il leader di progetto o uno dei partner deve essere stabilito in uno dei seguenti Paesi: Stati UE, Paesi EFTA/SEE, Svizzera. Questi progetti possono essere cofinanziati fino al 50% dei costi totali ammissibili per una sovvenzione massima di 2.000.000 euro. Per entrambe le categorie di progetti, i candidati devono essere operatori dei settori culturali e creativi aventi, alla scadenza del bando, personalità giuridica da almeno 2 anni. Inoltre, la durata massima dei progetti deve essere di 48 mesi. Il budget a disposizione per questo bando è pari a 38 milioni di euro. La scadenza per la presentazione delle proposte è fissata al 5 marzo 2014 ▪ Bando EAC/S17/2013 – Piattaforme europee Intende sostenere piattaforme culturali che si prefiggono di: 1) promuovere lo sviluppo dei talenti emergenti e stimolare la mobilità transnazionale degli operatori culturali e creativi e la circolazione delle opere; 2) contribuire ad accrescere il prestigio e la visibilità degli artisti e dei creatori fortemente impegnati in termini di programmazione europea, attraverso attività di comunicazione e una strategia di marchio, compresa, se del caso, la creazione di un marchio di qualità europeo. Le piattaforme devono essere costituite da almeno 11 organizzazioni culturali e creative, più precisamente da un coordinatore più almeno 10 organizzazioni membri stabilite in 10 diversi Paesi ammissibili al sottoprogramma “Cultura”; almeno 5 delle organizzazioni membri devono essere stabilite in uno dei seguenti Paesi: Stati UE, Paesi EFTA/SEE, Svizzera. Le organizzazioni della piattaforma (coordinatore e membri) devono avere, alla scadenza del bando, personalità giuridica da almeno 2 anni. Il sostegno alle attività delle piattaforme assumerà la forma di un accordo quadro di partenariato di durata triennale (2014-2016). Il cofinanziamento UE potrà coprire fino all’80% dei costi annuali ammissibili per un massimo di 500.000 euro l’anno.Verrà sostenuto un numero limitato di piattaforme con una copertura equilibrata di vari settori. Il budget stanziato per questo bando è di 3,4 milioni di euro. La scadenza per la presentazione delle candidature è fissata al 19 marzo 2014.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi