Allerta Meteo forti temporali in arrivo .

Questa vuole essere una informazione di allerta e non un allarmismo .

Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso, pertanto, un avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quelli emessi nei giorni scorsi. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso meteo prevede, dalla sera di oggi, lunedì 20 gennaio, precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sardegna e Lazio, diffuse per le prossime 24-36 ore, su Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Puglia, Molise e Abruzzo. I fenomeni, che risulteranno più intensi e persistenti sui versanti tirrenici di Calabria, Basilicata e Calabria, potranno essere accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento.

Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale del 20 gennaio 2014

Precipitazioni:
– da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sui settori tirrenici di Campania, Basilicata e Calabria centro-settentrionale, con quantitativi cumulati da elevati a molto elevati;
– da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sul resto di Campania e Calabria centro-settentrionale e sulla Basilicata centrale, con quantitativi cumulati da moderati a localmente elevati;
– da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Marche, Abruzzo e Molise occidentale con quantitativi cumulati generalmente moderati;
-da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Sicilia, Sardegna, pianura veneta, Emilia-Romagna, Liguria di Levante e restanti zone delle regioni centro-meridionali con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati.
Nevicate:
– al di sopra degli 800-1000 m sui rilievi della Sardegna con apporti al suolo deboli;
– al di sopra dei 1100-1300 m sui rilievi di Abruzzo e Molise con apporti al suolo deboli.
Visibilità: ridotta nelle precipitazioni.
Temperature: senza variazioni significative.
Venti: da forti a burrasca occidentali su Sardegna, Calabria, Basilicata, Sicilia, Puglia centro-meridionale e Campania; temporanei rinforzi di burrasca forte su Sardegna e Sicilia e arcipelaghi circostanti.
Mari: agitati o molto agitati il Mare e Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia ed il Tirreno centro-meridionale e lo Ionio; molto mosso l’Adriatico centro-meridionale.

 


Commenti da Facebook

3 Commenti

  1. ZODD
    Eccovi  i dati i real time della situazione sul fronte tirrenico della Basilicata, cliccando il pulsante rain possiamo notare  la pioggia caduta questa notte . per ora a Montescaglioso sono caduti solo 9 mm intorno alle 3.30 

    Meteo Basilicata

    La Protezione Civile  Ci segnala :

    #allertameteoBAS: Si segnalano superamenti dei livelli di soglia di allerta sull’Agri, sull’alto Sinni, sul Noce, ma anche sull’alto Basento

    L’Ufficio regionale della Protezione civile rende noto che a seguito delle forti precipitazioni che stanno interessando incessantemente dalla nottata di ieri l’intero territorio regionale e in maniera molto intensa i settori occidentali della Basilicata (bacini Agri, Sinni e Noce) i fiumi risultano in piena e i livelli idrometrici salgono rapidamente.
    Al momento si segnalano superamenti dei livelli di soglia di allerta sull’Agri, sull’alto Sinni, sul Noce, ma anche sull’alto Basento.
    A supporto degli enti interessati, informa l’Ufficio Protezione civile, continuerà il presidio H24 della Sala Operativa Regionale.
    Sul sito della Protezione civile nazionale, inoltre, all’indirizzo (http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/view_cosa_fare_idrogeologico.wp?contentId=APP281) sono riportate le principali norme comportamentali per evitare i rischi derivanti dalle condizioni meteorologiche avverse. In particolare, si consiglia di non transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, sopra ponti o passerelle, di evitare i sottopassi perché si possono allagare facilmente, di non passare sotto scarpate naturali o artificiali, di non scendere nelle cantine e nei garage per salvare oggetti o scorte e, in ogni caso, di seguire le indicazioni fornite dalla protezione civile del Comune.

  2. ZODD

    Ascolta la radio, cerca su internet o guarda la televisione per sapere se sono stati emessi avvisi di condizioni meteorologiche avverse o di allerte di protezione civile.

     

    Ricorda che durante e dopo le alluvioni, l’acqua dei fiumi è fortemente inquinata e trasporta detriti galleggianti che possono colpirti. Inoltre, macchine e materiali possono ostruire temporaneamente vie o passaggi che cedono all’improvviso. Poni al sicuro la tua automobile in zone non raggiungibili dall’allagamento nei tempi e nei modi individuati nel piano di emergenza del tuo Comune.

    In ogni caso, segui le indicazioni della protezione civile del tuo Comune.

    Prima

    • È utile avere sempre a disposizione una torcia elettrica e una radio a batterie, per sintonizzarsi sulle stazioni locali e ascoltare eventuali segnalazioni utili;
    • Metti in salvo i beni collocati in locali allagabili, solo se sei in condizioni di massima sicurezza;
    • Assicurati che tutte le persone potenzialmente a rischio siano al corrente della situazione;
    • Se abiti a un piano alto, offri ospitalità a chi abita ai piani sottostanti e viceversa se risiedi ai piani bassi, chiedi ospitalità;
    • Poni delle paratie a protezione dei locali situati al piano strada e chiudi o blocca le porte di cantine o seminterrati;
    • Se non corri il rischio di allagamento, rimani preferibilmente in casa;
    • Ricorda a tutti i componenti della famiglia i comportamenti da adottare in caso di emergenza, come chiudere il gas o telefonare ai numeri di soccorso.

    Durante

    In casa

    • Chiudi il gas, l’impianto di riscaldamento e quello elettrico. Presta attenzione a non venire a contatto con la corrente elettrica con mani e piedi bagnati;
    • Sali ai piani superiori senza usare l’ascensore;
    • Non scendere assolutamente nelle cantine e nei garage per salvare oggetti o scorte;
    • Non cercare di mettere in salvo la tua auto o i mezzi agricoli: c’è pericolo di rimanere bloccati dai detriti e di essere travolti da correnti;
    • Mantieni la calma;
    • Aiuta i disabili e gli anziani del tuo edificio a mettersi al sicuro;
    • Non bere acqua dal rubinetto di casa: potrebbe essere inquinata.

    Fuori casa

    • Evita l’uso dell’automobile se non in casi strettamente necessari;
    • Se sei in auto, non tentare di raggiungere comunque la destinazione prevista. Allontanati il più possibile dalla zona allagata e se puoi trova riparo in un edificio sicuro;
    • Evita di transitare o sostare lungo gli argini dei corsi d’acqua, sopra ponti o passerelle;
    • Evita i sottopassi perché si possono allagare facilmente;
    • Se sei in gita o in escursione, affidati a chi è del luogo: potrebbe conoscere delle aree sicure;
    • Allontanati verso i luoghi più elevati e non andare mai verso il basso;
    • Evita di passare sotto scarpate naturali o artificiali;
    • Non ripararti sotto alberi isolati perché durante un temporale potrebbero attirare fulmini;
    • Usa il telefono solo per casi di effettiva necessità per evitare sovraccarichi delle linee.

     Dopo

    • Raggiunta la zona sicura, presta la massima attenzione alle indicazioni fornite dalle autorità di protezione civile, attraverso radio, TV e automezzi ben identificabili della protezione civile;
    • Evita il contatto con le acque. Spesso l’acqua può essere inquinata da petrolio, nafta o da acque di scarico. Inoltre può essere carica elettricamente per la presenza di linee elettriche interrate;
    • Fai attenzione alle zone dove l’acqua si è ritirata. Il fondo delle strade può essere indebolito e potrebbe collassare sotto il peso di un’ automobile;
    • Getta i cibi che sono stati in contatto con le acque dell’alluvione;
    • Presta attenzione ai servizi, alle fosse settiche, ai pozzi danneggiati. I sistemi di scarico danneggiati sono serie fonti di rischio.

    Da tenere a portata di mano
    E’ utile inoltre avere sempre in casa, riuniti in un punto noto a tutti i componenti della famiglia, oggetti di fondamentale importanza in caso di emergenza quali:

    • Kit di pronto soccorso + medicinali;
    • Generi alimentari non deperibili;
    • Scarpe pesanti;
    • Scorta di acqua potabile;
    • Vestiario pesante di ricambio;
    • Impermeabili leggeri o cerate;
    • Torcia elettrica con pila di riserva;
    • Radio e pile con riserva;
    • Coltello multiuso;
    • Fotocopia documenti di identità;
    • Chiavi di casa;
    • Valori (contanti, preziosi);
    • Carta e penna.
  3. ZODD

     Il maltempo pone anche domani a rischio idrogeologico la Campania e la Basilicata. Lo segnala la Protezione civile, che indica una criticità ‘rossa’ (il più alto di tre livelli) sui bacini dell’Agri-Sinni in Basilicata e per il versante tirrenico settentrionale della Calabria. La criticità ‘rossa’ evidenzia la possibilità di estese frane, ingenti danni a edifici e centri abitati, grave pericolo per la pubblica incolumità.

     

    Bollettino Dipartimento regionale di Protezione Civile delle 16.20

    Oggi e domani: elevata criticità rischio idrogeologico per Bacini dei fiumi Agri e Sinni. Moderata per Basento-Bradano e Ofanto.

     

    Situazione meteo Basilicata, presidio h24 della Regione

    L’aggiornamento sulle emergenze e sulla situazione meteo dell’Ufficio Protezione Civile della Regione

    Tutti gli enti preposti devono assicurare, sin da subito, la massima vigilanza delle aree a rischio inondazione e dei siti a rischio idrogeologico e attivare le procedure previste dai Piani di Protezione Civile sia per l’aumentata probabilità di innesco di frane, sia per l’evolversi della situazione meteorologica, sia per lo stato di saturazione idrica dei suoli. Sono queste le priorità individuate dall’Ufficio Protezione Civile della Regione Basilicata a seguito dell’aggiornamento della situazione meteo al pomeriggio di oggi. Da tale aggiornamento è anche emerso che persistono, anche se con minore intensità rispetto a questa mattina, le precipitazioni sull’intero territorio regionale. Sui settori occidentali tali fenomeni hanno superato i valori medi, attestandosi intorno ai 130 millimetri in 12 ore (pluviometro di Castrocucco – Trecchina). L’odierno bollettino del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale conferma inoltre la criticità elevata per i settori occidentali (bacini Agri, Sinni e Noce) per la serata di oggi e parte della giornata di domani. Tali criticità sono da rapportarsi, sia al previsto perdurare delle piogge, sia allo stato dei fiumi che in più punti continuano a superare le soglie di allerta. Dal bollettino emerge inoltre che le precipitazioni interesseranno il resto del territorio regionale, sul quale si potranno registrare anche valori complessivi di 15 mm in 12 ore. L’Ufficio Protezione Civile della Regione Basilicata comunica infine che sarà garantito il presidio h24 della Sala Operativa Regionale a supporto degli enti interessati e già allertati.

Rispondi a

Info sull'Autore

io sono quello che faccio

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi