RISCATTO RURALE – Manifestazione a Matera

Matera – Piazzale Stazione

LA BANDIERA DEL RISCATTO > Mille Trattori dal Sud Italia sono in marcia verso Matera. Studenti, operai, casalinghe, cassintegrati, disoccupati… siete chiamati a partecipare al  RISCATTO della TERRA

Matera 28 Aprile 2015 – Piazzale Stazione


Commenti da Facebook

5 Commenti

  1. Francesco Lomonaco FL

    L’ IMU AGRICOLA non va pagata.

    Il Governo sta fingendo di fare marcia indietro.

    Noi faremo la nostra strada fino in fondo. In realtà non è la TASSA che ci spaventa.

    E’ il sistema Agricoltura che è in crisi. La manifestazione del 27 e 28 tenterà di dare RISPOSTE adeguate ai problemi della Basilicata.

    Nei prossimi giorni allerteremo la categoria degli Agricoltori montesi.

    Ma diciamocelo chiaramente: non è un problema degli AGRICOLTORI. Facciamo uno sforzo e cerchiamo di uscire dal guscio: la CRISI investe tutti i settori sociali. E’ una crisi di identità. Dobbiamo decidere quale strada intraprendere per un FUTURO SOSTENIBILE.

    Nelle prossime ore daremo notizia di un INCONTRO PUBBLICO per preparare la Manifestazione di MATERA

  2. Francesco Lomonaco FL

    AGRICOLTORI / non solo

    Perchè oggi e domani si va MATERA?!

    Perchè siamo a Matera contro l’IMU sui terreni il 27 e 28 aprile 2015?

    Per alzare la testa come cittadini e difendere le nostre comunità

    SU LA TESTA

    Perchè siamo a Matera contro l’IMU sui terreni il 27 e 28 aprile 2015? Per alzare la testa come cittadini e difendere le nostre comunità

    Da molto tempo le campagne italiane sono attraversate da una crisi profondissima che sta correndo il rischio di cancellare un patrimonio secolare di lavoro della terra trascinando in basso, soprattutto nel Mezzogiorno d’Italia, la condizione di intere comunità rurali fino a compromettere la tenuta  delle stesse città.
    Secondo la Fondazione Agnelli (dunque non a dire dei pericolosi sovversivi di Altragricoltura che queste cose le denunciano da almeno 15 anni) entro pochi decenni la popolazione lucana passerebbe da 550.000 abitanti circa a 400.000; dove, secondo voi, scomparirebbero questi 150.000 abitanti?
    Guardando i numeri e le statistiche è facile a dirsi: nelle aree rurali e nei piccoli centri. Altrettanto immaginabili i motivi che, senza scomodare troppo analisi complicate possono essere ricondotti in gran parte alla perdita di ruolo e di funzione della  agricoltura mediterranea che lascia senza reddito gli agricoltori con buona pace della falsa coscienza che continua a decantare le meravigliose gesta del  Made in Italy.  In realtà nelle campagne italiane e del Sud si sta consumando da tempo una lenta agonia di aziende agricole produttive, nascosta dai fuochi di artificio di numeri gonfiati e manipolati che vorrebbero “L’agroalimentare italiano e la sua capacità di esportare” come ci raccontano con il grande bluff dell’EXPO che fra poco inizierà a Milano.
    Eppure da molto tempo nelle campagne lucane come in quelle di tante altre aree produttive una volta “forti” del nostro Paese, gli agricoltori a gran voce chiedono risposte e il cambiamento di rotta e da più parti si sottolinea come insopportabile la condizione generale di chi vive nelle aree rurali.
    Non solo queste risposte non sono arrivate ma, proprio nel momento in cui la crisi economica, sociale e di senso delle nostre comunità rurali, arriva al massimo, Renzi inventa un provvedimento che, se non viene ritirato tempestivamente, può essere il colpo mortale.
    L’IMU sui terreni, in realtà, è un balzello non contro gli agricoltori ma contro tutti i cittadini perchè colpisce la proprietà della terra. Per le aziende agricole il possesso della terra è fonte di reddito e strumento di lavoro ed è un costo che in gran parte non potranno sostenere ma tutti i cittadini corrono il rischio di pagarla tre volte.
    La pagheranno una prima volta quando avendo il possesso di un pezzo di terra, tenuto come si conservano le radici di famiglia, dovranno pagarci anche questa  tassa. Poi la pagheranno altre due volte per effetto del  meccanismo odioso che il Governo ha deciso.
    Sulla base di cervellotiche valutazioni senza fondamento tecnico (ma fatte solo nel parossismo di voler fare “cassa” a qualsiasi costo) e di calcoli sbagliati, il Governo ha stimato “quanto dovrebbe rendere quella tassa” e, costringendo i Comuni ad incassarla, ha già sottratto le somme dai trasferimenti che lo stato normalmente dovrebbe dare ai comuni. Cosi accade, per esempio, che il Comune di Montemilone che ha un bilancio in cui è prevista un’entrata da parte dello Stato di contributi per poco più di 500.000 euro si è visto scippare somme per oltre 300.000 euro (il Comune di Gravina meno 850.000 Euro su un milione di trasferimenti).
    La tassa non produrrà quel gettito, sia perché i calcoli sono sovrastimati sia perché in molti non potranno pagarla ed, allora, arriveranno i tagli dei servizi e della spesa corrente per i Comuni a danno di tutti i cittadini. Se poi i sindaci non riusciranno a far quadrare i bilanci, l’esito del dissesto finanziario del Comune è scontato;  arriverà, con il Commissariamento, il restringimento degli spazi di democrazia ma, soprattutto, l’innalzamento al massimo delle tasse per tutti.
    Quello di questo Governo è stato un grande scivolone che mette in ginocchio non solo gli agricoltori ma le Amministrazioni e tutti i cittadini di tante aree del Paese che, invece, dovrebbero essere sostenute.
    Uno scivolone  che lo stesso Renzi ha riconosciuto essere stato un grave errore ed un grande pasticcio e cui bisogna rimediare urgentemente. Per questo è nato il movimento che si sta sviluppando in questi giorni e che ha deciso di chiamarsi RISCATTO perchè sia chiaro che la sua iniziativa non è contro una tassa ma, puntando a rimediare a scelte irresponsabili come questa, si pone il vero di restituire dignità al lavoro di chi vive nelle aree rurali e in rapporto con la terra.
    Tre i suoi obiettivi immediati: l’abrogazione per il futuro, il ritorno alla situazione ex ante per le misure in corso e la restituzione di quanto sottratto alle tasche dei cittadini ed alle casse dei comuni.
    RISCATTO è nato il giorno dopo che il Parlamento ha trasformato in legge il decreto del Governo, prendendo atto del fallimento delle Organizzazioni Professionali Agricole che avrebbero dovuto impedirlo e dell’arroganza di un Governo autistico che pur di fare cassa non ha ascoltato le ragioni dei tanti sindaci ed imposto con la fiducia il bavaglio alla sua stessa maggioranza ed al Parlamento su un tema cosi delicato.
    Ora siamo in campo con un movimento che si sta allargando a macchia d’olio, fatto di agricoltori (con tutte le tessere sindacali in tasca), di cittadini e Municipi. Un movimento che a Matera, capitale della cultura europea ma anche capitale di una lunga storia di lavoro contadino, sta accumulando la forza per pesare a Roma. Un movimento unitario che sa non farsi dividere dalla politica e che ha nella concretezza degli obiettivi la ragione della sua forza.
    A dire la verità la sua forza sta anche nella consapevolezza che, vincendo una battaglia per sconfiggere un provvedimento cosi miope, si può ripartire per ricostruire nella società la consapevolezza che, appunto, se si colpisce la terra si colpiscono gli interessi profondi di tutti.
    Per questo saremo a Matera il 28 aprile con centinaia di trattori, tanti sindaci, tanti cittadini, tanta determinazione di chi questa battaglia vuole vincerla perché non ha alternative, dietro uno striscione in cui c’è scritto: “Su la testa! Per la terra, il lavoro, l’ambiente, la democrazia e le comunità”

    Gianni Fabbris – coordinatore di Altragricoltura
                                portavoce del movimento RISCATTO

  3. Francesco Lomonaco FL

    RISCATTO (filosofia spicciola di un movimento)

     

      Le OTTO (8) ERRE di un manifesto  politico non partitico

    1. rivalutare,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426550359975

    RIVALUTARE = rivedere i valori in cui crediamo e in base ai quali organizziamo la nostra vita, cambiando quelli che devono esser cambiati. L’altruismo dovrà prevalere sull’egoismo, la cooperazione sulla concorrenza, il piacere del tempo libero sull’ossessione del lavoro, la cura della vita sociale sul consumo illimitato, il locale sul globale, il bello sull’efficiente, il ragionevole sul razionale. Questa rivalutazione deve poter superare l’immaginario in cui viviamo, i cui valori sono sistemici, sono cioè suscitati e stimolati dal sistema, che a loro volta contribuiscono a rafforzare.

    2. ricontestualizzare,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426574854975

    RICONTESTUALIZZARE = modificare il contesto concettuale ed emozionale di una situazione, o il punto di vista secondo cui essa è vissuta, così da mutarne completamente il senso. Questo cambiamento si impone, ad esempio, per i concetti di ricchezza e di povertà e ancor più urgentemente per scarsità e abbondanza, la “diabolica coppia” fondatrice dell’immaginario economico. L’economia attuale, infatti, trasforma l’abbondanza naturale in scarsità, creando artificialmente mancanza e bisogno, attraverso l’appropriazione della natura e la sua mercificazione.

     

    3. ristrutturare,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426586719975

    RISTRUTTURARE = adattare in funzione del cambiamento dei valori le strutture economico-produttive, i modelli di consumo, i rapporti sociali, gli stili di vita, così da orientarli verso una società di decrescita. Quanto più questa ristrutturazione sarà radicale, tanto più il carattere sistemico dei valori dominanti verrà sradicato.

     

    4. rilocalizzare,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426603349975

    RILOCALIZZARE = consumare essenzialmente prodotti locali, prodotti da aziende sostenute dall’economia locale. Di conseguenza, ogni decisione di natura economica va presa su scala locale, per bisogni locali. Inoltre, se le idee devono ignorare le frontiere, i movimenti di merci e capitali devono invece essere ridotti al minimo, evitando i costi legati ai trasporti (infrastrutture, ma anche inquinamento, effetto serra e cambiamento climatico).

     

    5. ridistribuire,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426762944975 

    RIDISTRIBUIRE = garantire a tutti gli abitanti del pianeta l’accesso alle risorse naturali e ad un’equa distribuzione della ricchezza, assicurando un lavoro soddisfacente e condizioni di vita dignitose per tutti. Predare meno piuttosto che “dare di più”.

     

    6. ridurre,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426827234975

    RIDURRE = ridimensionare sia l’impatto sulla biosfera dei nostri modi di produrre e consumare che gli orari di lavoro. Il consumo di risorse va ridotto sino a tornare ad un’impronta ecologica pari ad un pianeta. La potenza energetica necessaria ad un tenore di vita decoroso (riscaldamento, igiene personale, illuminazione, trasporti, produzione dei beni materiali fondamentali) equivale circa a quella richiesta da un piccolo radiatore acceso di continuo (1 kw). Oggi il Nord America consuma dodici volte tanto, l’Europa occidentale cinque, mentre un terzo dell’umanità resta ben sotto questa soglia. Questo consumo eccessivo va ridotto per assicurare a tutti condizioni di vita eque e dignitose.

     

    7. riutilizzare,

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=426829569975

    RIUTILIZZARE = riparare le apparecchiature e i beni d’uso anziché gettarli in una discarica, superando così l’ossessione, funzionale alla società dei consumi, dell’obsolescenza degli oggetti e la continua “tensione al nuovo”.

     

    8. riciclare.

    http://www.facebook.com/notes/francesco-lomonaco/88-riciclare-lunica-rivoluzione-possibile/426832499975

    RICICLARE = recuperare tutti gli scarti non decomponibili derivanti dalle nostre attività.

  4. Francesco Lomonaco FL

    MONTESCAGLIOSO ASSENTE?!

    Oggi (18 maggio), al termine della Conferenza stampa indetta in Campidoglio alla Sala del Carroccio alle ore 11,30 per illustrare la mobilitazione che si terrà in P.zza Montecitorio il 21 maggio di agricoltori, sindaci e cittadini, una delegazione del Movimento Riscatto incontrerà il Presidente della Camera On.le Boldrini cui sottoporrà il documento di convocazione della manifestazione del 21 e la richiesta di favorire il coinvolgimento del Parlamento nel processo di soluzione dei gravissimi problemi aperti per centinaia di comuni rurali dal provvedimento di novembre scorso sull’IMU agricola.
    A Roma è presente oggi una delegazione dell’Associazione ASPAL Lazio da Latina, del Coordinamento NO-IMU di Viterbo, del Movimento Riscatto composta da agricoltori di Altamura, Gravina, Metaponto, Ginosa, Policoro, Palazzo San Gervasio, il Sindaco di Montemilone Gennaro Mennuti e Gianni Fabbris coordinatore di Altragricoltura. (gianni fabbris)

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi