La DEMOCRAZIA è come una BICICLETTA

Montescaglioso – Ex Comune

Ogni Sabato presso la Sla Consiliare Sandro Pertini.

Tutto il giorno.

è un laboratorio del FARE.

———————————-

https://www.facebook.com/538739506283997/photos/a.539015282923086.1073741828.538739506283997/561826177308663/?type=3&theater


Commenti da Facebook

8 Commenti

  1. Francesco Lomonaco FL

    l tema conduttore: PRATICARE LA DEMOCRAZIA.

    Insieme all’Ass. SULLE REGOLE proveremo a costruire un laboratorio di POL(E)TICA Attiva.

    INSEGNARE LA DEMOCRAZIA, SI PUO’?
    Incontri/formativi rivolti ai docenti e ai Cittadini

    Conoscenza dei partecipanti e del relatore dell’Associazione SULLEREGOLE; illustrazione del percorso e dei metodi didattici. Motivazione e condivisione dei paradigmi.

    PRIMO INCONTRO – Questo primo incontro ha l’obiettivo di costruire un terreno comune di conoscenza reciproca delle persone coinvolte nel progetto e dei loro paradigmi rispetto ai temi della democrazia, delle regole e delle relazioni sociali.

    Cos’è la democrazia? Come si può insegnarla e agirla dentro le aule di scuola e nella società? 
    Queste saranno le domande con cui esplorare, in maniera interattiva e dialogica, le rappresentazioni di ognuno/a rispetto al tema del corso per rileggerle alla luce delle proposte dell’Associazione SULLEREGOLE.

    SECONDO INCONTRO – Ostacoli culturali alla democrazia (esercitazioni). Attraverso alcune esercitazioni finalizzate a far emergere gli ostacoli culturali di cui ciascuno di noi è inconsciamente portatore nelle sue relazioni con l’Altro, si esploreranno le possibili incoerenze tra il dichiarato e l’agito, nonché gli stereotipi e i pregiudizi che condizionano l’agire razionale ed empatico.

    TERZO INCONTRO – Introduzione al concetto di società orizzontale così come auspicato dall’art.3 della Costituzione
    La giornata formativa è finalizzata a riprendere in mano la Costituzione per condividere il principio della società orizzontale come forma di organizzazione auspicabile e necessaria per costruire un reale senso di responsabilità tra i cittadini e ribadire il principio dell’inclusione da agire in tutti i contesti, compresi quelli scolastici ed educativi. Saranno sviluppate riflessioni sugli ostacoli e le criticità che non favoriscono “sentimenti” e comportamenti definibili come democratici e su quali azioni potrebbero positivamente aiutare. Si presterà particolare attenzione a far emergere le esperienze e i “vissuti” dei docenti sui temi sopra ricordati

    QUARTO INCONTRO – Temi fondanti e modelli. Il relatore di SULLEREGOLE espliciterà e illustrerà i temi fondanti e i modelli di riferimento dei suoi interventi a sostegno della democrazia e della legalità negli incontri con gli studenti e la cittadinanza. Ai partecipanti verrà chiesto di confrontarsi sui principi di fondo che sostengono la gestione delle relazioni a scuola in termini di: rispetto delle regole, responsabilità individuale, ascolto, dialogo, inclusione e democrazia. 
    Si cercherà di sviluppare considerazioni sul senso dell’agire collettivo ed istituzionale per richiamare e favorire l’agire democratico.

    QUINTO INCONTRO – Approfondimento dei temi fondanti e applicazione nei gruppi. Attraverso lavori di gruppo si guiderà l’approfondimento dei temi trattati nell’incontro precedente in una prospettiva di trasferimento nella prassi d’aula e nel lavoro collegiale ed istituzionale di quanto condiviso e appreso.

    SESTO INCONTRO – Didattica. La relazione docente/discente (workshop). La relazione docente/discente verrà letta alla luce di quanto trattato negli incontri precedenti al fine di operare un’approfondita riflessione sulla inscindibile relazione fra contenuti disciplinari e pratiche scolastiche quotidiane. 
    Si rifletterà sugli stili adottabili dai docenti e sulla ricaduta nella relazione con gli allievi. 
    Saranno analizzati modelli didattici e se ne ipotizzeranno/sperimenteranno gli effetti. 
    Si cercherà di evidenziare l’assoluta necessità di coerenza fra obiettivi e metodi didattici. 
    Lo stile di comunicazione e l’adesione attiva degli allievi saranno oggetto di particolare attenzione. Saranno anche elaborate le esperienze vissute direttamente dai partecipanti nelle cinque sessioni didattiche precedenti e gli apprendimenti attivati.

    SETTIMO INCONTRO – Didattica. (workshop). In questa fase si guideranno i partecipanti a ideare progetti sul tema della democrazia integrando esperienze pregresse, linee guida delineate dal POF della scuola e quanto emerso durante questo percorso.

    OTTAVO INCONTRO
    Conclusioni e verifica. Quest’incontro avrà l’obiettivo di fare il bilancio del percorso formativo attraverso l’elaborazione degli apprendimenti individuali al fine di far emergere prospettive interdisciplinari. Sarà approfondito, in particolare, il livello di responsabilità e di impegno che il “lavorare per la democrazia” richiede ai singoli e soprattutto come si intende dare valore a comportamenti collettivi che favoriscano l’integrazione, l’inclusione e il rispetto. Per verificare gli apprendimenti realizzati, in questo ultimo incontro si lavorerà alla definizione di impegni e progetti da sottoporre ai Collegi dei Docenti al fine di impostare un’ipotesi di pianificazione di “passi” che favoriscano lo sviluppo del “sentire democratico”.

    Sede degli incontri
    Sala Sandro Pertini . ex municipio di Montescaglioso

    1. Francesco Lomonaco FL

      Questo straordinario documento video fa comprendere alcune cose importanti. Dal 02:08:30 del filmato: – Tutto il Consiglio Comunale all’unanimità si esprime FAVOREVOLMENTE. Il Presidente del Consiglio Emanuele Andrisani lo VERBALIZZA e dice: ” La Sala Sandro Pertini sarà concessa GRATUITAMENTE a tutte le Associazioni che ne faranno richiesta…” (Oggi il Sindaco si è rimangiato tutto e ha fatto un clamoroso dietro_front negando l’uso della sala a TRANSIZIONE MONTESCAGLIOSO)

      Contenuto non disponibile
      Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

  2. Francesco Lomonaco FL

    Il SINDACO vuole mettere il silenziatore.

    ______________________________________________

    L’idea è semplice, pulita: Si parla di “società orizzontale”.

    E’ un LABORATORIO sulla DEMOCRAZIA.

    La parola “laboratorio” ha spaventato il primo cittadino.

    Alla richiesta di uso della Sala Consiliare “Sandro Pertini” ha risposto:

    – “” Si chiarisce e si precisa, comunque, che la Sala Sandro Pertini è destinata a svolgere riunioni e non attività laboratoriali”.

    Mi tocca spiegare che “Laboratorio” è un nuovo modo di condurre le riunioni. Parlare della Democrazia come si fa in una conferenza frontale…. non interessa alla Fondazione “Sulle Regole” di Gherardo Colombo.

    Il tipo di incontri che vogliamo mettere in campo è la pratica della democrazia partecipata. Lavorare intorno al concetto di società orizzontale così come auspicato dall’art.3 della Costituzione.

    L’attività è finalizzata a riprendere in mano la Costituzione per condividere il principio della società orizzontale come forma di organizzazione auspicabile e necessaria per costruire un reale senso di responsabilità tra i cittadini e ribadire il principio dell’inclusione da agire in tutti i contesti, compresi quelli scolastici ed educativi.

    Il Laboratorio vuole sviluppare riflessioni sugli ostacoli e le criticità che non favoriscono “sentimenti” e comportamenti definibili come democratici e … vorremmo sperimentare e comprendere quali azioni “intraprendere” per favorire la crescita civile.

  3. Francesco Lomonaco FL

    Un messaggio indirizzato ai GIOVANI: Tirate fuori le palle

    Per stimolare il dibattito … Mi permetto di pubblicare una nota a firma di “Riscatto del SUD”

    ____________________________

    Non si può più tacere!

    Montescaglioso ha sperimentato di tutto, dai sociologi in rosso e dal continuo si si si, ai medici indecisi, relativi o vanagloriosi, ai ragionieri folli e inconcludenti e a volte pericolosi, ai geometri e ai periti agrari pasticcioni e furbi. 
    Il risultato finale è stato quello di far zittire anche i grilli il cui canto aveva ridato speranza…vana.
    Può una città continuare ad andare dietro solo al carnevale montese mentre tra i giovanissimi accade l’inevitabile: dall’alcol, alla droga ai filmini porno di sedicenni incapaci di intendere e di volere?. 
    Abbiamo avuto frane a tutti i livelli inevitabili o evitabili?… e nessuno ha parlato; anche i saggi tacciono! 
    Abbiamo avuto carnevali con zainetti pieni di bottiglie di liquori in bella vista e abbiamo avuto lo svuotamento del paese oltre alla rinuncia all’igiene e alla pulizia del paese e nessuno parla, nemmeno i saggi! 
    Abbiamo avuto la sconfitta di tutti, dai genitori agli educatori, dai medici agli psicologi, dai sociologi agli ingegneri e agli architetti ma le facce toste e di asfalto, quelli che guardano all’indennità di sindaco e/o di assessore, hanno la spudoratezza di riproporsi sotto altre vesti o mentite spoglie.
    Ma…. possiamo ancora affidare le sorti del nostro comune ad un geometra o ad un perito agrario?
    E’ l’ora di svegliarsi e di rimboccarsi le maniche e gli uomini di buona volontà devono scendere in campo, mettendo da parte invidie e gelosie, guardando alla competenza e non alla coloritura partitica e/o di fazione per prendere in mano le redini del paese e dire basta… si ricomincia a fare sul serio, si riparte con la ricostruzione e son sicuro che anche i saggi capiranno che non è più tempo di rimettere in gioco chi ha dimostrato scarso impegno e scarsa capacità, non abbiamo più bisogno di giovani alti e inconcludenti o di apparati di partiti. 
    Occorre che gli uomini di centro destra e gli uomini di centro sinistra che hanno un progetto si mettano insieme per ridare vigore alla nostra città che langue.


    E… i giovani si diano una mossa: meglio vivere un giorno da leoni che cent’anni da pecora. Fuori le palle!

  4. Francesco Lomonaco FL

    Due eventi che caratterizzano queste giornate del dopo Carnevale.

    Sembra proprio che la Vita arrivi sempre allo stesso modo, come la medaglia: Dritto e Rovescio, Buono e Brutto.

     

    LA BELLA NOTIZIA: 

    Felicitazioni ad Ass.re M. Ditaranto

    on 16 Febbraio 2016.

    Il Sindaco della Città di Montescaglioso Giuseppe Silvaggi, a nome dell’Amministrazione Comunale, esprime le felicitazioni all’Assessore comunale alle Politiche Sociali, Cultura e Pubblica Istruzione Maddalena Ditaranto, al marito Francesco Dell’Aglio e ai familiari tutti per la nascita del secondo figlio.

    ——————

    LA BRUTTA NOTIZIA

    LUTTO CITTADINO.
    Muore la Democrazia – Il Sindaco nega lo spazio per il confronto
    ————————————

    I FATTI
    1. Transizione Montescaglioso chiede l’uso della Sala Sandro Pertini;
    2. Trenta giorni dopo arriva la lettera del Sindaco. Vuole conoscere il programma;
    3. Transizione Montescaglioso risponde e allega il Programma.
    4. Il Sindaco vuole copia cartacea del Programma approvato (da chi?)…
    Comunica alla spicciola che “la Sala fa riunioni non attività Laboratoriali”
    Quindi: NEGA l’uso della SALA Consiliare Sandro Pertini.
    (nota non di poco conto: in un consiglio comunale aperto alle associazioni e ai cittadini il Consiglio Comunale si era espresso a favore dell’affido ad USO GRATUITO della sala alle associazioni e ai comitati cittadini)
    ————————
    COME STANNO LE COSE.

    L’Associazione “Sulle Regole”, di Gherardo Colombo, ha deciso di accreditarsi presso il Miur per realizzare corsi di formazione per docenti;

    “Transizione Montescaglioso” vuole favorire il contatto tra Gherardo Colombo e l’agenzia educativa di Montescaglioso (che potrebbe presentare per l’anno scolastico 2016/17 la lettera d’interessamento; )

    Il Progetto dell’anno in corso è stato approvato dal ministero.Alle scuole coinvolte è stato assegnato il corso. Nelle città di Roma, Genova, Verona, Busto Arsizio e Triggiano sono in via di attuazione.

    Il corso non richiede grosse cifre perché ai relatori che interverranno è dovuto solo il rimborso spese di viaggio e pernottamento (idem per Gherardo Colombo).
    Per il mese di Febbraio, Marzo, Aprile e Maggio “Transizione Montescaglioso” con l’Associazione “Sulle Regole” intendono avviare una attività pilota lavorando con i Cittadini e i Docenti.

    —————————————-
    C siamo purtroppo convinti che… chissà per quale strano motivo,
    Il SINDACO vuole mettere il silenziatore.
    ______________________________________________
    COSA VOGLIAMO FARE in REALTA’?!
    L’idea è semplice, pulita: Si parla di “società orizzontale”.

    E’ un LABORATORIO sulla DEMOCRAZIA. La parola “laboratorio” ha spaventato il primo cittadino.

    Alla richiesta di uso della Sala Consiliare “Sandro Pertini” ha risposto: “” Si chiarisce e si precisa, comunque, che la Sala Sandro Pertini è destinata a svolgere riunioni e non attività laboratoriali”.

    Mi tocca spiegare che “Laboratorio” è un nuovo modo di condurre le riunioni. Parlare della Democrazia come si fa in una conferenza frontale…. non interessa alla Fondazione “Sulle Regole” di Gherardo Colombo.
    Il tipo di incontri che vogliamo mettere in campo è la pratica della democrazia partecipata. 
    Lavorare intorno al concetto di società orizzontale così come auspicato dall’art.3 della Costituzione.

    L’attività è finalizzata a riprendere in mano la Costituzione per condividere il principio della società orizzontale come forma di organizzazione auspicabile e necessaria per costruire un reale senso di responsabilità tra i cittadini e ribadire il principio dell’inclusione da agire in tutti i contesti, compresi quelli scolastici ed educativi. 
    Il Laboratorio vuole sviluppare riflessioni sugli ostacoli e le criticità che non favoriscono “sentimenti” e comportamenti definibili come democratici e … vorremmo sperimentare e comprendere quali azioni “intraprendere” per favorire la crescita civile.
    ________________________________
    Questa nota ha l’obiettivo di INVITARE le Associazioni e i Cittadini ad ADERIRE e SOSTENERE la RICHIESTA di MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE. Concessione GRATUITA della Sala Consiliare a tutte le Associazioni e Comitati e Movimenti Cittadini che ne fanno richiesta. 
    ___________________

    Nei prossimi giorni daremo corso a democratiche forme di Lotta.

     

  5. Francesco Lomonaco FL

    Il Primo incontro

    Sabato 5 Marzo 2016

    è andato così:

     

    I Cittadini di Montescaglioso confermano la loro “Capa Tosta”. 
    Non c’è nulla da fare sono “Dis_Obbedienti”. 

    Sull’esempio dei loro padri,

    ( cafoni, braccianti … dopo aver chiesto la inutile mediazione del commissario prefettizio Manzo, che era alla guida del comune di Montescaglioso… non aspettarono il permesso di Mario Scelba…. per occuparre la Terra)

    hanno “occupato” uno spazio collettivo alla “pubblica utilità”. 

    Nel pieno rispetto della Democrazia Orizzontale, le persone che sono intervenute a vario titolo:

    – Teresa Alfano, Fondazione “Sulle Regole” di Gherardo Colombo;

    – Rocco Leone Sindaco di Policoro;

    – Angelo Bucchicchio hanno portato la loro ESPERIENZA di uomini e donne al servizio dello Stato. 


    Lucrezia Didio ha presentato l’incontro e moderato gli interventi giunti anche dal pubblico dibattito.

    Che dire: 
    Il processo democratico è un fiume in piena, nessuno può fermare il bisogno di partecipazione alla VITA PUBBLICA.

    —————————————

    L’Amministrazione Comunale assente. Forse impegnata in un incontro istituzionale nella Sala Consiliare Sandro PERTINI?

    (mi hanno riferito che la Sala Sandro Pertini a noi negata (con lettera protocollata a noi indirizzata…. “per impegni istituzionali assunti precedentemente”… non è stata utilizzata da alcun organismo istituzionale.)

    Il Sindaco ora può anche DENUNCIARE e assumersi in prima persona la responsabilità POLITICA di aver ripetutamente NEGATO spazi istituzionali al “libero incontro” fra Cittadini di Buona Volontà.

    Il Primo Cittadino deve avere il coraggio di DENUNCIARE la OCCUPAZIONE PACIFICA e TEMPORANEA di un LUOGO PUBBLICO per attività sovversiva.  Deve DENUNCIARE i facinorosi che nel tentativo di RIPRISTINO della DEMOCRAZIA hanno pacificamente parlato di RISCATTO e di FUTURO.

    Noi andremo Avanti.
    —————
    Abbiamo già inviato il programma per il prossimo sabato. 
    12 Marzo 2016: Lino Patruno “Il meglio del Sud”

  6. Francesco Lomonaco FL

    Rallentare la grande accelerazione per custodire la bellezza

    Autore : Diego Tavazzi, Edizioni Ambiente

    “Noi umani, antrophos in greco antico, siamo diventati un agente di trasformazione così rilevante da poter essere considerati una forza geologica sul pianeta, più importante per effetti e ritmo delle eruzioni vulcaniche, della tettonica delle placche o dell’erosione. Con un’indifferenza spericolata, abbiamo dato il via a una nuova era geologica, l’‘Antropocene’.”

     

    Anche se la comunità scientifica ancora discute sul momento esatto in cui è cominciata questa nuova era geologica, è ormai chiaro che la pressione esercitata dagli esseri umani sta modificando le caratteristiche fondamentali del pianeta Terra.

    Rockström e Klum danno conto di questa trasformazione già nel titolo del loro libro, Grande mondo, piccolo pianeta. Se fino agli anni Cinquanta abbiamo vissuto in un piccolo mondo su un grande pianeta, a partire dalla Grande Accelerazione, iniziata a metà del secolo scorso, i rapporti sono cambiati e oggi abitiamo in un grande mondo su un piccolo pianeta.

    L’interazione tra innovazione tecnologica, crescita demografica e aumento della ricchezza ha infatti prodotto un sistema che ha migliorato le condizioni di vita di miliardi di persone, ma ha cambiato tutti i processi ambientali che stanno alla base delle moderne economie. 

     

    Inoltre, l’economia globale consuma risorse e genera scarti a livelli e disuguaglianze che non precedenti nella storia dell’umanità. Il mondo degli umani, sempre più interconnesso, veloce e vorace, ha ormai superato i limiti del piccolo pianeta che lo ospita…

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi