Il cane fà sapere: sto bene grazie!

Sembra che la telenovela del cane di Habacuc (quello lasciato morire di fame in nome dell’arte) sia finita.

Il cane, sta bene, è ben nutrito e si è ripreso! Sembra che sia stato addirittura adottato dal gallerista che aveva esposto la performance.

Il cane, che adesso si chiama Habacuc, fa anche sapere che non ha mai sofferto la fame, che era tenuto in galleria solo quattro ore al giorno e che non  guardava nemmeno i biscottini sul pavimento perchè abbondantemente sazio.
Ora è anche un eroe dell’arte: arrivano da tutte le parti, adulti e bambini, per vederlo, guardarlo, carezzarlo.

Intanto il mondo dell’arte ancora si interroga su come sia potuto accadere, che una performance così clamorosa sia riuscita ad attirare nella trappola i benpensanti di tutto il mondo.

E ci si chiede, se è giusto commuoverci per il cane e non degnare neanche di uno sguardo il barbone che muore lentamente di fame per le nostre strade??

Intanto l’artista ne ha guadagnato in fama, ed il suo nome resterà nella storia!

A nome dei grandi dell’ arte è davvero riuscito a rappresentare egregiamente la realtà dei nostri tempi, in cui la morte di un uomo viene ignobilmente banalizzata ogni giorno nei telegiornali, e la morte di un cane susciti l’indignazione di uomini e donne da bene fra l’altro felicemente ricoperte di pellice costosissime!

 

 

Fonte flash art.it


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi