venerdì 30 Settembre 2022

Dai tanti partitini ai tanti Premier

Navigando in queste ore nei vari siti di notizie ed osservando i TG c’è da rabbrividire, ma come, avevamo un bipolarismo che almeno ci garantiva chiarezza del chi era da una parte e chi dall’altra e adesso grazie al porcellum dei politici cosa abbiamo? Chissà verso quali scenari ci stanno portando, e pensare che tutto questo alla fine si tradurrà in un nuovo governicchio che per stare a galla dovrà per forza fare accordi con i partitini. Ma che fine ha fatto il senso di responsabilità, questi se ne fregano dell’anti-politica.
Buona campagna elettorale a tutti.


Commenti da Facebook

8 Commenti

  1. maurucc

    BRAVO BEBAS!!! Condivido il tuo post e le tue riflessioni sullo stato attuale della politica.

    Ci hanno illuso con la volonta’ di diminuire il numero di partiti, per avere piu’ ordine governativo, piu’ coerenza di programmi, piu’ intese sulle questioni sociali….alla fine, ma spiace dirlo, a mio parere avremo maggior confusione elettorale.

    Molte coalizioni che aspirano al potere e ognuna col suo leader di turno! Prepariamoci a trovare piu’ simboli e colori sulle liste, ma lo immaginate???

    Perche’ non credete che Casini fara’ una sua coalizione di centro in memoria delle sue origini? e Di Pietro dove si collochera’??non fara’ altrettanto??? ops ma il Mastella cederà così! vabbe’ almeno Bertinotti ha giò deciso!!!!

    A questo punto mi viene da pensare SI STAVA MEGLIO QUANDO SI STAVA PEGGIO!

  2. gianni

    Scusami For Peace, ma non condivido quello che dici. Se un partito come il PD o il nuovo PDL si presentano alle prossime elezioni con liste proprie, senza nessuna alleanza con altri piccoli partiti, per me è un grande vantaggio per la democrazia. Poi, a mio avviso, forse hai una interpretazione errata della legge elettorale. Non sono affatto un esperto di sistema elettorale ma, incuriosito del tuo post, sono andato a rivedere la legge elettorale vigente. Non voglio riportarla per intero ma ti riporto un passaggio importante: “Alla coalizione di liste (o alla lista non coalizzata) più votata, qualora non abbia già conseguito almeno 340 seggi, è attribuito un premio di maggioranza tale da farle raggiungere il numero di seggi in questione.” Ciò significa che se un partito presenta una lista tutta sua (vedi caso PD o PDL ) può ottenere la maggioranza alla camera semplicemente arrivando prima di altri partiti o altre coalizioni di partiti. Al Senato invece la cosa risulta un pò più complicata perchè basata su livello regionale. In tal caso la lista (che ripeto rappresenta un solo partito o una coalizione di partiti) vincente prende il 55% dei seggi assegnati per quella regione. Evidentemente questo non assicura la maggioranza totale dei seggi al senato ed inoltre non assicura che alla camera ed al senato si formi la stessa maggioranza. Comunque anche con la precedente legge elettorale poteva verificarsi la stessa cosa. Il problema è in questo caso  proprio nell’esistenza di due rami parlamentari indipendenti. Quindi for Peace non vedo nessuna preoccupazione in questa scelta di presentarsi da soli alle urne senza stupide coalizioni fondate solo sull’odio/amore verso Berlusconi. La caduta di questo governo è stata causata dalla diversità di pensiero nella stessa coalizione che aveva come unico punto comune far perdere Berlusconi. Io dico finalmente è finito il bipolarismo italiano fondato esclusivamente a causa della presenza di una sola persona.

    In realtà la tua paura sta nel fatto che la sinistra radicale si è veramente indebolita da questo nuovo scenario politico, anche perchè adesso non ha più l’opportunità di ricattare nessuno e diventerà di sicuro soltanto una forza di minoranza.

    Finalmente adesso (lo spero) si possono creare le condizioni per fare infrastrutture necessarie e riforme serie (senza ricatti verdi o rossi) sia che vinca il PD sia che vinca la PDL.  Finalmente adesso (lo spero) in campagna elettorale non si parlerà di Berlusconi e delle sue vicende giudiziare ma si parlerà di programmi.

  3. For Peace

    Proprio per non lasciarti senza risposta ti spiego che adesso la confusione nell’elettorato aumenterà  e, la risposta l’hai data tu stesso, ovvero cosa accadrà al senato? E seppure uno dei due maggiori vincerà alla camera riuscirà con il premio a governare? E cosa succederà nel caso in cui non c’è la dovesse fare? Dovrebbe fare forzatamente delle alleanze. Fai attenzione poi a sminuire gli sforzi della sinistra o destra più radicale, spesso rappresentano coloro che hanno bisogno di diritti, vedasi quello del lavoro. La peggior cosa che possiamo fare noi gente comune (escluso chi può) è parlare alla Berlusconi od alla Montezemolo con la tasca vuota. Attenzione appunto, la precarietà la sponsorizzano proprio le grandi aziende, non vorrei  fossi schiacciato dalle tue stesse parole, poi se vuoi un ulteriore chiarimento sono disponibile a dartelo anche di persona.

    Bye bye

    1. usv

      cari amici mi spiace essere il qualunquista di turno, ma come si fa pensare di gioire o di rabbrividirsi tuttora con discorsi politici.a noi dirlo cosi (francamente ce nepuo fregar dimeno) e anche squallido, voglio dire per chi non mi ha capito che sono anni posso anche dire qualche decennio, che qua sottolineo qua sud basilicata calabria parte della puglia dico parte(ce differenza in termini numerici 5.000.000.di abitanti di conseguenza,un economia quasi obbligata ci deve pur essere) no combinano un bel niente……al dila’ del bipolarismo o leggi elettorali varie. certo la domanda nasce spontanea che fare,quale soluzione,che dire, io non loso,credetemi non e’ il pensiero di un malinconico paranoico semplice cittadino, il fatto e’ che talmente cronocizzata tangibile radicata il fallimento della nostra politica, che sembra come  quel malato ,ne ah provate di tutte e senza risultati(diagnosi errata sano come un pesce)i nostri  malati politici sono sempre bravi, di buon aupicio,parlano tutti la stessa lingua,interagiscono per noi,si spremono,meno   male che sono sempre gli stessi,insomma non sanno piu’ che fare. a questo punto credo che la malattia siamo noi spero non proliferi il farmaco dell’INDIFFERENZA e’DELCEMNFREC AME  alcuni scienziati li stanno perfezzionando

    2. gianni

      Sicuramente aumenterà la confusione nell’elettorato ma, almeno, avremo una situazione con meno litigi. Di sicuro non non ci saranno programmi di 258 pagine  dove si dice tutto e niente. Se ci sono delle coalizioni di partiti fondata su una stessa ideologia allora anch’io faccio il tifo per il bipolarismo. Se invece in una stessa coalizione si trovano  idee diverse che va dai cattolici ex-DC ai sostenitori Stalinisti, francamente, il bipolarismo, mi sembra soltanto una presa in giro per i cittadini. Al massimo, caro Vincenzo, ci ritroveremo con la stessa situazione del governo Prodi. Quindi penso che non ci sarà un peggioramento rispetto al governicchio uscente. Ripeto male che va stiamo sempre lì, anche se ci fosse la necessita di fare alleanze.

      Infine, io non sono proprio sicuro che la sinistra o destra radicale rappresentano coloro che hanno bisogno di diritti. Negli ultimi anni le ali estreme hanno avuto una certa influenza nelle decisioni governative (parlo dell’estrema destra nel governo Berlusconi e l’estrema sinistra nel governo Prodi), eppure le morti bianche sono in aumento e la precarietà è sempre viva. 

       

    3. titus

      Ho letto con molto interesse il tuo post… soffermandomi maggiormente….”La peggior cosa che possiamo fare noi gente comune (escluso chi può) è parlare alla Berlusconi od alla Montezemolo con la tasca vuota. Attenzione appunto, la precarietà la sponsorizzano proprio le grandi aziende”….
      su questi due frasi.
      Ora ci si accinge credo ad una campagna eletorale che non credo sarà pacata nei toni.
      Aggiungendo confusione a confusione, perchè:
      Verranno riesumati degli slogan quali:
      -Precariato…;
      -Conflitto di interessi…;
      -Ritiro delle truppe Da scenari di guerra…;
      -Dittatura…;
      -La questione dell’emergenza rifiuti in campania….;
      -Diritti,diritti,diritti,diritti,diritti….;
      -Demonizzazione di una parte politica…;
      Cerchiamo di capirci Montenzemolo e la confindustria le scorse eleziuoni chi hanno appoggiato??????
      Legge elettorale….io sono per un maggioritario puro…chi vince governa chi perde stà all’opposizione ma con possibilità di alternative al voto ed eventualmente alternaza….
      Ma questo scenario non è possibile in Italia, perchè siamo il Paese dei don abbondio, degli avv azzeccagerbugli e dell’innominato… Ci sono pochi fra Cristofori…che però sono affaccit allafinestra e guardano solamente….
      buona giornata a tutti

  4. For Peace

    Caro USV se non ti senti qualunquista e completi dicendo che il male sarebbe fregarsene vorrà dire che ben venga affrontare il problema. Allora se ne vale la pena discutiamone. Ho una proposta da fare ai montenettiani D.O.C. : se ritenete che sono tutti uguali e che le speranze sono vane anche in caso di vittoria dell’una o dell’altra parte, perchè non scendiamo a patti con un colore qualsiasi ed eleggiamo un giovane montese al parlamento, così da far valere i nostri interessi comunitari montesi? In caso contrario lo crocifiggiamo. A presto e resto in attesa di una risposta, intanto proporrei: offresi candidato/a.

    1. tm

       

      ragazzi avete perfettamente ragione tutti, questa è una campagna elettorale che aumenterà la confusione, tra partiti e partitini e coalizioni fatte o mancate ancora una volta ci vedremo buttati in faccia problemi, dal precariato alla governabilità, dagli stipendi sempre più poveri alle tasse sempre più alte e via dicendo, eppure una novità è venuta dall’intervento di veltroni di ieri. Secondo lui l’Italia e gli italiani sono in piedi, tutto procede a meraviglia e di qui a poco si potranno aumentare gli stipendi e abbassare le tasse.

      Ora io non so se lui queste cose le vede per davvero o ne percepisce i sintomi, da parte mia riesco solo a percepire il fatto che sempre più italiani si ritrovano con il culo per terra, la gente non paga i mutui delle case, gli artigiani sono sempre più soffocati da un regime di tassazione che li dissangua e come se non bastasse devono subire una concorrenza da parte di manod’opera extracomunitaria a bassissimo costo frutto di una politica delle grandi imprese che mira a ridurre il più possibile i costi di produzione senza però abbassare quelli di vendita, gli operai dipendenti non arrivano alla terza settimana del mese e quel che è più grave decine di persone ormai fanno la fila per rovistare negli scarti dei mercati ortofrutticoli o vanno alle mense della caritas per un pasto caldo o un pacco viveri.

      Mi piace però l’ottimismo di veltroni almeno possiamo sognare e sperare un po.

      Non importa se poi questa campagna elettorale regalerà 350 milioni di euro ai partiti, o se ancora una volta eleggeremo un parlamento di 1000 unità tra camera e senato o se avremo ancora un governo con 100 membri tra ministri e sottosegretari, tanto che volete che siano percepiranno a mala pena un misero stipendio di appena 19 mila euro mensili, niente in confronto al vice di bassolino che per l’emergenza rifiuti in campania percepiva un milione e cinquantamila euro all’anno. Daltronde anca Montezemolo ha apprezzato l’innovazione e il programma di veltroni e del partito democratico, e poi il voltagabbana sarebbe mastella.

      Cosa ha promesso oggi veltroni alla confindustria qualche altra trance della tav che non servirà a nessuno se non a riempire di milioni le grandi imprese dell’edilizia come è stata con la prima tratta, o forse la realizzazione del ponte sullo stretto di messina?

      Verrebbe voglia per davvero come diceva qualcuno di prendere tutti a torte in faccia.

      oltretutto se oggi si va a votare non è perchè è caduto il governo che non aveva più maggioranza, quella forse non l’ha mai avuta, si va a votare perche il rischio che ci fosse stata una riforma elettorale con una riduzione del numero di parlamentari e l’eliminazione di una delle due camere era cosi alto che sia veltroni che berlusconi e altri non se la sono sentiti di assumersi tale responsabilità perchè avrebbe voluto dire mandare a casa tanti mangiapane a tradimento con un conseguente aumento della disoccupazione.

      buon voto a tutti

      tonino

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »