E’ QUESTA LA BASILICATA CHE VOGLIAMO?

Paradosso in Regione Basilicata. Sembrerebbe il titolo di un film ma, purtroppo, altro non è
che la triste realtà che spiega, per bene, il comportamento ed il modus operandi della
Giunta Pittella. Montescaglioso, ridente cittadina della collina materana, nonché uno dei
centri più grossi della Regione, umiliata per strani giochi di potere.
Insignita del titolo di
Città nel 2004 e del riconoscimento di “Comune Gioiello d’Italia” nel 2012, rientra tra i
“venti paesi italiani da non perdere” secondo una recente classifica stilata da Skyscanner.
La Città sorge, tra l’altro, a pochi chilometri da Matera, la Città Capitale Europea della
Cultura 2019, con cui condivide le bellezze
del
Parco Archeologico Storico Naturale delle
Chiese Rupestri del Materano
. La storia di Montescaglioso, testimoniata da straordinari
rinvenimenti archeologici, attraversa la civiltà romana, che le diede il toponimo di Civitas
Severiana, passando dalla civiltà longobarda, normanna, benedettina, rinascimentale e
barocca. Montescaglioso ha un patrimonio di beni tangibili ed intangibili straordinario:
primo fra tutti l’Abbazia di San Michele Arcangelo, una delle più grandi d’Europa, quindici
chiese, quattro monasteri, palazzi nobiliari seicenteschi e settecenteschi. Purtroppo,
insieme a tali incredibili bellezze, siamo tristemente saliti alla ribalta per il catastrofico
evento franoso che ci ha colpiti il 3 dicembre 2013. A distanza di 4 anni possiamo
tranquillamente dire, senza ombra di smentita, di sentirci sedotti ed abbandonati. Una
Regione che non ha saputo dare le giuste risposte, credendo che un finanziamento che
spetterebbe di diritto ad una comunità altro non sia che un favore a titolo personale fatto al
Primo Cittadino. Finita la passerella di autorità nell’immediata fase emergenziale, infatti,
l’interesse si è tradotto
con un primo stanziamento, totalmente esiguo a fronte di un danno
accertato di 60 milioni di euro, per un territorio devastato di oltre 70 ettari. Nell’ultimo anno il
sottoscritto, assieme all’Assessore Monica Ditaranto ed al Cottam (Comitato Tutela Ambiente e
Territorio Montescaglioso), in più occasioni ha richiesto e partecipato a tavoli tecnici ed
istituzionali illustrando le criticità esistenti e le preoccupazioni per il futuro della comunità. E’
stato consegnato, inoltre, uno scritto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al
Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni ed, all’allora rappresentante del Governo,
Sen. Filippo Bubbico ma nessuno ha mai dato risposta né tantomeno mostrato interesse. Può una
catastrofe del genere, che ha prodotto gravissimi danni alle infrastrutture ed al patrimonio
edilizio privato, coinvolgendo abitazioni, opifici ed opere stradali con la preclusione
dell’accesso più importante alla Città, risultare al 121° posto tra le priorità individuate nella
Delibera di Giunta Regionale “Task Force Interventi di Mitigazione del Rischio Idrogeologico”?
Soprattutto, è possibile che si ignori completamente
l’indirizzo espresso dal Consiglio
Regionale il 1 agosto 2017 all’unanimità sulla mozione presentata dai Consiglieri Spada,
Lacorazza, Bradascio, Cifarelli e Napoli con cui ci si impegnava “
a tener conto nell’ambito
dei programmi di interventi urgenti per la mitigazione del rischio idrogeologico di cui alla
piattaforma RENDIS dei due progetti inerenti il completamento della messa in sicurezza e il
consolidamento definitivo del versante nel territorio comunale di Montescaglioso
interessato dalla frana del 3 dicembre 2013, stante l’urgenza e l’indifferibilità degli
interventi, l’estensione dell’area interessata e soprattutto il numero delle persone a
rischio”? E qui arriviamo al paradosso in cui è incappata la Giunta Regionale. Mercoledì 25
ottobre 2017: riunione della Terza Commissione (Attività Produttive – Territorio e
Ambiente) presieduta dal Consigliere Vincenzo Robortella; presenti l’Assessore Nicola
Benedetto ed i Consiglieri Lacorazza e Miranda Castelgrande (Pd), Pace e Romaniello (Gm),
Rosa (Lb-Fdi), Bochicchio (Psi) e Perrino (M5S)
.
Audito, dopo esplicita formale richiesta
, lo
scrivente Sindaco di Montescaglioso assieme al Primo Cittadino di Stigliano Francesco
Micucci. L’Assessore alle Infrastrutture ed ai Trasporti asserisce ufficialmente che le frane
che hanno colpito le due città sono delle priorità per la Giunta Regionale e che nel
provvedimento in fase di pubblicazione si trovano ai primi posti. A conferma di ciò, a fine
1
lavori l’Ufficio Stampa Regionale riassume l’esito dell’audizione citando testualmente
l’Assessore Benedetto “
per quanto concerne i progetti che riguardano i Comuni di Stigliano
e Montescaglioso
sono tra i primi in graduatoria
. Al Comune di Stigliano saranno
finanziati due progetti per complessivi 7 milioni di euro e al Comune di Montescaglioso
altri due progetti per un totale di oltre 8 milioni di euro”.
Cosa è successo nelle settimane
successive? Com’è stato possibile che la nostra Città dalle primissime posizioni giungesse
ad occupare una postazione non utile a garantirle priorità? Ad onor del vero
Montescaglioso ad oggi risulta al 27° posto e dunque finanziato solo per il completamento
delle opere di mitigazione del rischio e ripristino del reticolo idrografico (€ 1.712.284,75);
ammissibile ma, al momento, non prioritario il progetto più importante da € 7.000.000,00
per la definitiva messa in sicurezza del versante franoso che, ad oggi, mette in serio rischio
due terzi della Città ed oltre 6.000 abitanti.
Siamo letteralmente stanchi di questo atteggiamento poco rispettoso e menefreghista
riservato alla nostra Città. Siamo stanchi del fatto che in Basilicata se non appartenenti al
Partito Regione difficilmente si riesce ad ottenere diritti per la propria Comunità. Quello
che emerge da questa situazione è estremamente chiaro ed allo stesso tempo
preoccupante: essere una mosca bianca distante dalle posizioni del Partito Regione e,
dunque, non conforme a quelli che sono gli schemi di spartizione partitica, preclude
qualsiasi rispetto per i territori che rappresentiamo.
E’ l’ora di dire basta, è l’ora di mettere da parte queste logiche e costruire qualcosa di
importante per il futuro e la crescita dell’intera Regione, con metodi esclusivamente legati
al merito ed al diritto.
Ad oggi reclamiamo un diritto acquisito, così come previsto dai criteri oggettivi posti dai
fondi RENDIS, pertanto a gran voce chiediamo che il Governatore Pittella con la sua Giunta
venga in loco per verificare “de visu” la drammaticità in cui versa l’area di frana.
Toccare con mano la situazione, servirà a sensibilizzare le loro coscienze civiche, ponendo
le basi per riabilitarsi dopo l’enorme errore commesso. La modifica del provvedimento
regionale n° 01094 del 6 novembre 2017, risulta indispensabile per restituire il maltolto.
In conclusione è chiaro, che ogni Primo Cittadino che si rispetti, ha il dovere di tutelare la
propria Comunità attraverso qualsiasi forma consentita dalle regole democratiche, ed è
quello che accadrà se la Giunta Regionale continuerà con questo atteggiamento. Siamo
disposti, partendo dal ricorso amministrativo al TAR di Basilicata ad arrivare persino alle
Corte Europea competente.
IL SINDACO
Vincenzo ZITO

Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi