ParcoMurgia Festival 2018: trekking Matera-Montescaglioso

Ritorna la Classica del Parco

PARCOMURGIA FESTIVAL 2018
XIX edizione escursioni, concerti, trekking, seminari formativisabato 2 giugno
LE VIE FRANCIGENE LUCANE E L’ITINERARIO DEL MONACO GUIDONE
da Matera a Montescaglioso seguendo l’antico tratturo.
Partenza da Matera, Piazza S. Agnese, ore 9.00
Con Franco Caputo, Luigi Esposito, Angelo Lospinuso.
Percorso lungo il ciglio della Gravina con soste e visite a Cristo la Selva, guado Passarelli, chiese rupestri del Vallone della Loe.
Ultimo tratto lungo il tratturo regio di Montescaglioso e conclusione nell’Abbazia Benedettina di S. Michele Arcangelo.
A Cura dell’Ente Parco della Murgia Materana e del CEA Montescaglioso.
Quota di partecipazione € 10,00
Numero minimo partecipanti 10.
Iscrizione Ente Parco entro venerdì 1 giugno ore 12 – 0835/336166 int. 4
Difficoltà: E – Km. 23
ore 17.00 Arrivo degli escursionisti in Abbazia Benedettina S. Michele Arcangelo
Attrezzatura consigliata: zaino, borraccia, colazione, cappellino, scarpe da trekkingInformazioni e prenotazioni
Ente Parco Murgia Materana
Via Sette Dolori – 75100 Matera – tel 0835/336166 fax 0835/337771
info@parcomurgia.it
www.parcomurgia.it Centro di Educazione Ambientale di Montescaglioso
Convento delle Benedettine, Piazza Racamato n. 1 – 75024 Montescaglioso
Fx 0835.201016 tel. 334.8360098 ceamonte@katamail.com
www.cea.montescaglioso.net
Accreditato presso “ Rete per l’Educazione alla Sostenibilità “ della Regione Basilicata

LE VIE FRANCIGENE LUCANE E L’ITINERARIO DEL MONACO GUIDONE
Sabato 2 giugno 2018, si svolge il trekking Matera – Montescaglioso con partenza dal Rione Agna ed arrivo nell’Abbazia di S. Michele Arcangelo. L’evento è organizzato dal Parco della Murgia Materana e da CooperAttiva / CEA Montescaglioso. Quest’anno l’escursione esplora il percorso come un tratto del sistema di sentieri e tappe riconducibili al sistema delle “Vie Francigene del Sud “.
Gli itinerari della “Via Francigena” sono basati sulla descrizione delle tappe del pellegrinaggio svolto intorno all’anno 990 dal monaco Sigerico da Canterbury a Roma. Successivamente, a sud di Roma, già nel medioevo, gli itinerari di pellegrinaggio diretti anche verso il Santuario di S. Michele sul Gargano ed i porti pugliesi, imbarco per la Terrasanta, sebbene non descritti nell’” Itinerario di Sigerico “, hanno acquisito la dicitura di ” Vie Francigene ” o come in un documento dell’abbazia lucana di S. Maria di Banzi, ” Via Francisca “.
Nel medioevo i percorsi dei pellegrinaggi verso sud ed i porti d’imbarco per la Terrasanta, si attestano lungo la grande viabilità romana ancora efficiente ed i percorsi paralleli locali che in Puglia e Basilicata affiancano gli itinerari più antichi e conosciuti.
Nel quadro delle direttrici viarie riconducibili al complesso delle “Vie Francigene del Sud “, il percorso che interessa il materano è il cosiddetto ” Itinerario del Monaco Guidone “, che intorno al 1119, descrive il tragitto che da Oria giungeva ad Acerenza, lungo una direttrice altomedievale parallela e più interna rispetto all’Appia Antica. Le tappe dell’itinerario di Guidone erano Oria, Anxia (forse Gallipoli), Mottola, l’abitato scomparso di Minerva presso Castellaneta, l’abitato scomparso di Monte Campo tra Laterza e Castellaneta, Ginosa, Montescaglioso, Matera, Altamura, Botromagno (cioè Gravina), Monteserico, Banzi, Acerenza. Montescaglioso è citato con il suo doppio toponimo ” Severianum quae nunc Mons Scabiosus dicitur “; Matera è chiamata ” Castra Hannibalis quae Materies dicitur ” ed Acerenza ” nidum corvi quae est Acerrentia “.
Secondo vari studi, l’itinerario di Guidone corrisponderebbe all’incirca alla direttrice percorsa dagli eserciti imperiali per attaccare Acerenza, prima nella guerra goto-bizantina del 535-553, e poi nella guerra contro i Longobardi iniziata nel 663 con l’invasione guidata dall’Imperatore Costante II. In tempi più recenti il tratto di questa direttrice, da Gravina a Montescaglioso, con deviazione verso Bernalda, è stato percorso anche da Carlo di Borbone nel viaggio verso la Sicilia.
Attualmente sul terreno esistono varie tracce riconducibili direttamente alla direttrice dell’” Itinerario “ ma, tra Matera e Montescaglioso, sono presenti tratturelli e sentieri paralleli conducenti alla chiese rupestri ed agli insediamenti della Murgia che costituiscono i diverticoli della direttrice principale, sviluppatisi nel corso di molti secoli.
La classica Matera – Montescaglioso del prossimo 2 giugno rilegge con l’ottica del pellegrino le tappe di un antico percorso imperniato su monasteri e piccoli santuari che scandivano le tappe del lungo e faticoso viaggio verso Gerusalemme.

 


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi