Replica a Monte in Testa su ulteriori affermazioni riguardanti il Dissesto Finanziario dell’Ente

SINDACO Vincenzo Zito

Effettivamente l’utilizzo di alcune locuzioni latine potrebbe aver reso difficile alla Minoranza la comprensione di quanto scritto nel nostro ultimo comunicato. Pertanto, al fine di garantire la più ampia condivisione, lo riproponiamo con un linguaggio più “leggero”. Repetita iuvant e ci fermiamo qui con i latinismi. Il vostro essere contrari alle azioni di questa Amministrazione è più che legittimo, siete la Minoranza e noi rispettiamo le opinioni altrui, ma, così come voi rappresentate appunto la minoranza, questa è l’Amministrazione Comunale che vi piaccia o meno e, dunque, i veri rappresentanti della Città. Parlare di “amministratori figuranti” non rientra in quanto previsto dal Tuel – Testo Unico degli Enti Locali, noi siamo regolarmente in carica: ci fa piacere il fatto che abbiate difeso a spada tratta le Istituzioni in questi giorni particolari a livello nazionale ma ricordiamo che noi stessi siamo Istituzioni. La vostra definizione è lesiva non della nostra dignità ma delle prerogative concesse dalla normativa nazionale. L’Amministrazione opera regolarmente (questo è sotto gli occhi di tutti), saranno i cittadini a giudicare fra tre anni. Una domanda ci sorge spontanea. Abbandoniamo il latino, utilizziamo la logica. Se la dichiarazione di Dissesto Finanziario è nostra responsabilità in quanto approvata dalla nostra maggioranza, le cause che hanno portato al Piano di Riequilibrio (PRE DISSESTO) sono le vostre? Noi non cerchiamo responsabili, saremmo di parte e poi sarà la Commissione a farlo, ricerchiamo le soluzioni. Sulla rinuncia alle indennità, ricordiamo ancora una volta il fatto che non trattasi come per altri politici di stipendi d’oro (€ 1.500 Primo Cittadino ed € 700 Assessori), ma di indennizzi atti a far fronte alle spese sostenute per l’attività Istituzionale. Notizia fresca, solo per fare un esempio, il Bando UIA candidato a Bruxelles, dove lo scrivente si è recato a proprie spese, è stato ritenuto idoneo. Semmai dovrebbe preoccupare il fatto che altri Amministratori abbiano percepito comunque l’indennità senza dare contezza al proprio operato. L’opportunità, a cui si fa riferimento, visto il sacrificio a cui tutta l’Italia è chiamata data la crisi, sarebbe l’abolizione totale di tutti i vitalizi d’oro, pari a migliaia di Euro mensili, percepiti da chi ha avuto ruoli regionali e nazionali.

IL SINDACO
Vincenzo ZITO


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi