De Magistris trasferito perchè in ritardo!

 http://www.tgcom.mediaset.it/politica/articoli/articolo421333.shtml

La Cassazione ha confermato la sentenza del csm che prevedeva il trasferimento di De Magistris. Ha confermato le motivazioni? No, ha dichiarato che il ricorso era arrivato in ritardo.

Ricordiamo che il magistrato si era occupato di alcuni dei casi della nostra regione (ad es. Claps e Fidanzatini di Policoro)irrisolti da moltissimi anni. E parlare di ritardo nella sentenza della Cassazione  fa sorridere. Per quei casi la giustizia non è forse in ritardo? Come scrissi qualche mese fa continueremo a chiedere giustizia per quelle povere vittime senza fermarci e senza rassegnarsi, come sempre al fianco di Libera e delle sue idee.

Mario

 


Commenti da Facebook

2 Commenti

  1. vale461mito

    Benvenuti in Italia! E’ questo quello che vogliamo? Una repubblica fondata sulla menzogna, sulla grande ed insensata voglia di nascondere il vero, poiché in quanto tale è sporco e fa paura, mette terrore nelle menti di chi è abituato a cercare strade diverse da quelle della LEGALITà, la parola che è diventata un TABU’ nel nostro Bel Paese.

    Se c’è qualcuno che si occupa di illegalità, subito viene messo in disparte, buttato via, con “scuse” incredibili, come questa del ritardo.

    Ma mi chiedo e vi chiedo, come si può andare avanti cosi? La giustizia italiana è ingolfata, lenta, burocraticizzata al massimo, e quando c’è qualcuno pronto a cambiare le carte in tavola, pronto a dire le verità che ha scoperto con mesi e mesi di lavoro, ecco che questo viene spostato, in modo che possa tacere per sempre. La mafia uccide, la politica è più elegante, la politica sposta, la politica nasconde tutto con le belle parole, con i comizi e le pubbliche difese; fa un uso improprio del mezzo pubblico per eccellenza, la TV, e controlla in tutto e per tutto i giornali ed i giornalisti. La politica Italiana è un cancro, qualcosa che possiamo toglierci di dosso solo con una cura adeguata.

    La politica ci sta portando tutti sull’orlo del baratro e cosi mentre cresce l’inflazione e non aumentano i salari, l’unica persona che ha provato a fare le cose in maniera LEGALE viene BUTTATO VIA ed ACCUSATO!

    Non mi resta che seguire lo sport, almeno li ho qualche speranza…

    Tutti in piedi sul divano!!

  2. Jacobsen

    Ho appreso la notizia del trasferimento di De Magistris sfogliando il Corriere della Sera e trovando casualmente un trafiletto a pagina 21 nelle Cronache. Dieci righe per dire che è stato trasferito perché ha mandato il ricorso in ritardo. Non quindi motivazioni tecniche ma un semplice ritardo postale (forse i suoi avvocati non gli hanno spiegato che fa fede il timbro postale).Si chiude così con una farsa questa vicenda.

    Settimane di polemiche, di procedimenti giudiziari aperti, di inchieste, di ispezioni ministeriali, equilibri politici sull’orlo di una crisi, calabresi e pochi lucani in piazza per una nuova primavera . E alla fine solo quel trafiletto sul più autorevole giornale italiano. E un solo condannato:lui. La vera condanna è anche l’ignorare nei mass media completamente le vicende su cui egli stava indagando e concentrarsi sulla  inosservanza delle procedure giudiziarie da parte del magistrato napoletano. 

    Comunque se volete di questa storia potrete ricordarvi, come vuole il sistema la televisione la politica di un magistrato esibizionista, scriteriato, spavaldo ed incurante delle leggi. Oppure se riuscite ad andare oltre i concetti che vi vogliono comunicare (o come nel caso di questa  sentenza non comunicare) informatevi in maniera alternativa (è l’unica possibiltà), vi consiglio la lettura del libro “il caso de Magistris “ di Massari e capirete quali sono gli equilibri che il pm voleva toccare e non glielo hanno permesso. Quegli stessi equilibri che talvolta condannano al sottosviluppo le nostre regioni meridionali.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi