domenica 29 Novembre 2020

ARRIVANO I DOSSI…

Tra l’incredulità della gente e lo stupore di molti , la strada nuova è stata subito rotta , ma stavolta il tutto era previsto infatti nel nostro paese sono arrivati i cosiddetti DOSSI. Infatti nei lavori delle strade sono stati previsti sparsi per il nostro paese ben 5 dossi , che avranno il compito e l’onere di fermare i cosiddetti automoblisti indisciplinati , soprattutto quelli che hanno sempre fretta o che la notte si divertono a sprintare con la propria auto. Si tratta di dossi fatti con le dovute accortezze e seguendo le giuste normative , sui quali mattoncini verranno disegnate le strisce pedonali in modo da creare un’attraversamento pedonale anche più semplice e facile. Tra i molti dubbi e qualche mugugno su questa nuova scoperta per il nostro paese , da oggi potremo constatare dal vivo l’utilità di questo nuovo DOSSO e se sarà davvero il pane giusot per i montesi


Commenti da Facebook

34 Commenti

  1. ZODD
    scusa ravilo ,ma vorrei che segnalassi quanto, essendo il dosso a doppio uso , kiedi alle imprese di vare la rampetta x il portatore di handikap anche nei marciapiedi , e sopratutto in corrispondenza dove inizia il dosso .
    sai fai 30, facciamo 31 e la kosa viene bella 😀
     
  2. sweet77

    Ragazzi il dosso e’ davvero meraviglioso,ma io che mi lamentavo per lo scorrimento veloce,ora come faccio?……Cry…………..CryALLORA HO PENSATO:Perche’ non compriamo una macchina nuova?RACCOLTA FONDI PER SWEET………………Laughing

    UN BEL FUORISTRADA COSI’ NON HO PIU’ PROBLEMI!

    1. LM 2500

      MA SONO DOSSI ARIFICIALI O DOSSI ARTIGIANALI COME QUELLI DELLA STRADA DELLE ZINGARE.SPERO CHE NESSUN AUTOMOBILISTA ROMPI QUALCHE SOTTOCOPPA ANCHE PERCHE’ ESSENDO DOSSI OMOLOGATI PER IL CENTRO URBANO,IL POVERO AUTOMOBILISTA AVREBBE SICURAMENTE TORTO,VERO RAVILO…….SONO DOSSI PREVISTI DAL CODICE DELLA STRADA OPPURE NO………

  3. ZODD
    eccovi quanto la legge sul codice della strada prevede:
     

    Art. 179 (Art. 42 Cod. str.)

    (Rallentatori di velocita’)

    1. Su tutte le strade, per tutta la lunghezza della carreggiata, ovvero per una o piu’ corsie nel senso di marcia interessato, si possono adottare sistemi di rallentamento della velocita’ costituiti da bande trasversali ad effetto ottico, acustico o vibratorio, ottenibili con opportuni mezzi di segnalamento orizzontale o trattamento della superficie della pavimentazione.

       

    2. I sistemi di rallentamento ad effetto ottico sono realizzati mediante applicazione in serie di almeno 4 strisce bianche rifrangenti con larghezza crescente nel senso di marcia e distanziamento decrescente. La prima striscia deve avere una larghezza di 20 cm, le successive con incremento di almeno 10 cm di larghezza (figura II.473).

       

    3. I sistemi di rallentamento ad effetto acustico sono realizzati mediante irruvidimento della pavimentazione stradale ottenuta con la scarificazione o incisione superficiale della stessa o con l’applicazione di strati sottili di materiale in rilievo in aderenza, eventualmente integrato con dispositivi rifrangenti. Tali dispositivi possono anche determinare effetti vibratori di limitata intensita’.

       

    4. Sulle strade dove vige un limite di velocita’ inferiore o uguale ai 50 km/h si possono adottare dossi artificiali evidenziati mediante zebrature gialle e nere parallele alla direzione di marcia, di larghezza uguale sia per i segni che per gli intervalli (fig. II.474) visibili sia di giorno che di notte.

       

    5. I dossi artificiali possono essere posti in opera solo su strade residenziali, nei parchi pubblici e privati, nei residences, ecc.; possono essere installati in serie e devono essere presegnalati. Ne e’ vietato l’impiego sulle strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli normalmente impiegati per servizi di soccorso o di pronto intervento.

       

    6. I dossi di cui al comma 4, sono costituiti da elementi in rilievo prefabbricati o da ondulazioni della pavimentazione a profilo convesso. In funzione dei limiti di velocita’ vigenti sulla strada interessata hanno le seguenti dimensioni:

         

      1. per limiti di velocita’ pari od inferiori a 50 km/h larghezza non inferiore a 60 cm e altezza non superiore a 3 cm;
      2. per limiti di velocita’ pari o inferiori a 40 km/h larghezza non inferiore a 90 cm e altezza non superiore a 5 cm;
      3. per limiti di velocita’ pari o inferiori a 30 km/h larghezza non inferiore a 120 cm e altezza non superiore a 7 cm.

      I tipi a) e b) devono essere realizzati in elementi modulari in gomma o materiale plastico, il tipo c) puo’ essere realizzato anche in conglomerato. Nella zona interessata dai dossi devono essere adottate idonee misure per l’allontanamento delle acque. Nelle installazioni in serie la distanza tra i rallentatori di cui al comma 4, deve essere compresa tra 20 e 100 m a seconda della sezione adottata.

       

    7. Il presegnalamento e’ costituito dal segnale di cui alla figura II.2 di formato preferibilmente ridotto, posto almeno 20 m prima. Ad esso e’ abbinato il segnale di cui alla figura II.50 di formato ridotto, con un valore compreso tra 50 e 20, salvo che sulla strada non sia gia’ imposto un limite massimo di velocita’ di pari entita’. Una serie di rallentatori deve essere indicata mediante analoghi segnali e pannello integrativo con la parola “serie” oppure “n. E’ rallentatori”.

       

    8. I rallentatori di velocita’ prefabbricati devono esse fortemente ancorati alla pavimentazione, onde evitare spostamenti o distacchi dei singoli elementi o parte di essi, e devono essere facilmente rimovibili. La superficie superiore dei rallentatori sia prefabbricati che strutturali deve essere antisdrucciolevole.

       

    9. I dispositivi rallentatori di velocita’ prefabbricati devono essere approvati dal ministero dei Lavori pubblici – Ispettorato generale per la circolazione e la sicurezza stradale. Tutti i tipi di rallentatori sono posti in opera previa ordinanza dell’ente proprietario della strada che ne determina il tipo e la ubicazione.

     

    1. LM 2500

      Speriamo che questa così limpida e chiara delucidazione sui dossi venga letta da chi ha messo i dossi artigianali.Penso proprio che come altezze non ci troviamo e nemmeno come angolo d’ingresso e uscita..Bravo zodd…

  4. PINO69
    Ma esistono tanti metodi per fare rallentare le automobili pensate a chi ha delle macchine sportive o con assetti ribassati con 5 persone in macchina cosa fanno quelli? Fanno scendere le persone o fanno retromarcia?
  5. JAGUAR 92

    CARO PINO69…FORSE NN SAI O SAI MALE O NON RICORDI….CHE TUTTI I POSSESSORI DI AUTO SPORTIVE PER RENDERE LA LORO MACCHINA SICURA SIA PER LORO CHE PER TUTTI DOPO AVER APPORTATO ALLE LORO AUTO MODIFICHE ESTETICHE O DI QUALUNQUE GENERE TIPO PARAURTI PIU BASSO, MINIGONNE, ECCETERA….TUTTO CIò DEVE ESSERE CONFORME ALLE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA E APPROVATI DALLA MOTORIZZAZIONE….HAI PRESTENTE TUTTI QUELLI CHE FANNO DELLE MOTO ARTIGIANALI…?!?!?!?….EHH…NON è POI COSì SEMPLICE METTERE IN CIRCOLAZIONE QUEL MEZZO….CI SONO MOLTE PROCEDURE DA FARE….QUINDI DOVE VOGLIO ARRIVARE IO….SE SONO STATI FATTI QUEI DOSSI VUOL DIRE CHE UNA MACCHINA “NORMALE”, CIOè CONFORME ALLE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA E CHE RISPETTI LA VELOCITà INDICATA DALLA SEGNALETICA POSTA (CHE è DI 30 KM ORARI), QUANDO CI PASSA SOPRA NN DOVREBBE AVERE ALCUN PROBLEMA, è QUESTO è TUTTO, IN POCHE PAROLE, RISPETTANDO LE REGOLE, NN NE LASCI PARAURTI O SOTTOCOPPI A TERRA….PER LA GIOIA DEI CARROZZIERI….ASHUASHASHUASUHAS…..E CHIUDO CN QUESTA BATTUTINA….SPERO DI ESSERE STATO CHIARO…..A PRESTO…..DOMENICO……;)

    1. sweet77

      A parte il fatto che non mi piace CHE PRENDETE TUTTO TROPPO SUL SERIO………

      Giaguar,ma si sicur che a trenta all’ora,riesc a passa’ u doss?Io per passare il dosso devo mettere la prima,sai che significa?che devi quasi fermare completamente la macchina!trenta all’ora il dosso?manco con il fuoristrada lo fai a trenta all’ora,senza far saltare il ………

      MA CHE CAVOLO DICI?

      A parte questo,non importa per il dosso vorra’ dire che andremo piano,piano………

      non mi faccio mica frenare la vita da un piccolo ostacolo.Ma a proposito,mi chiedevo ma ce l’hai la patente?

      1. JAGUAR 92

        CARA SWEET77 ANCHE SE A TE NN PIACE PRENDERE LE COSE SUL SERIO PURTROPPO è L’UNICO MODO PER SUPERARE I PROBLEMI….CMQ A ME NN TANTO PIACE INTROMETTERMI NEI FATTI DEGLI ALTRI MA VISTO CHE HAI TIRATO FUORI L’ARGOMENTO LO CHIUDO PURE….ALLORE PER PRIMA COSA TI DICO CHE IO NON HO LA PATENTE VISTA LA MIA ETà….MA SONO DIVERSAMENTE PATENTATO QUINDI LE REGOLE DEL CODICE DELLA STRADA LE CONOSCO FORSE ANCHE MEGLIO DI QUALCHE PATENTATO…E LA MIA CONOSCENZA NEL CAMPO DELL’AUTO è MOLTO ALTA QUINDI….NON PUOI VENIRE A DIRE A ME CHE CAVOLO DICI….E ORA TI SPIEGO PERCHè….SE COME TUA MACCHINA INTENDI LA TUA OPEL TIGRA….?!?!?!?…BHE TI DICO CHE SE VUOI PUOI ANDARE A FARTI UN GIRO IN MOTORIZZAZIONE PERCHè PRIMA DI TUTTO L’ASSETTO NON è ORIGINALE PERCHè I PARAURTI SONO TROPPO BASSI….OPPURE PUOI FARE UN’ALTRA COSA PRENDI IL LIBRETTO E VEDI QUALI SONO LE MISURE MASSIME CHE PUO AVERE LA TUA AUTO PER ESSERE SICURA……E POI VEDIAMO SE SONO IO CHE DICO FROTTOLE…..CONCLUDO QUI IL MIO INTERVENTO SALUTI A TUTTI…..DOMENICO

         

        P.S. ANCHE SE NN HO LA PATENTE LA MACCHINA CE LA GUIDO LO STESSO DA BEN DUE ANNI E ANDARE A 30KM/H TI ASSICURO CHE è COME STARE FERMI….COME PUOI VEDERE DAI COMMENTI SUCCESSIVI DEGLI ALTRI…… 

        1. sweet77

          UNO Ti assicuro che guidare non e’ fare il giretto senza patente.

          DUE parliamo della mia macchina quando tu ne avrai una.

          TRE HO DETTO CHE MI VA BENE IL DOSSO CI PASSERO’ PIANO!

          Credimi,il dosso e’ l’ultimo dei miei pensieri,sono cretinate queste,andra’ bene non andra’ bene si vedra’ in seguito……….

          oh!comunque stai attento che si ti beccano a guidare senza patente……..

          Ciao Domenico,buona notte e non ti avvelenare il sangue per una piccola domanda.

          P.S.Per quanto riguarda le modifiche alla mia macchina e’ a posto e non ce l’ha l’assetto,e invece il dosso e’ davvero perfettamente a norma?

           

    2. sweet77

      Paraurti e minigonne non sono modifiche che vengono apportate sul libretto di circolazione.Le modifiche che si apportano sul libretto tramite approvazione della M.T.C.T.sono le seguenti:Varie modifiche al motore,variazione dei cavalli fiscali,gruppo ottico,cerchi e gomme.Tutte queste variazioni vengono approvate tramite revisione straordinaria.Se vuoi continuo a informarmi ma,credo che posso circolare anche con questo mio piccolo sapere e con la mia macchina.Poi visto che tu sai chi sono, io invece con chi ho l’onore di chattare?

       

    1. JAGUAR 92

      FORSE NON AVEVO INTESO BENE COSA AVEVI DETTO MA RIBADISCO CHE ANCHE SE PASSI CON UNA PORCHE O CON UNA FERRARI SOPRA QUEI DOSSI ALLA VELOCITA DI 30 KM ORARI MASSIMI NON DOVRESTI ROMPERTI NNT….MA NON è PERCHè LO DICO IO è QUELLO CHE DICE IL CODICE DELLA STRADA…

  6. TOKA

    Io dico una cosa  ma prima di parlare: ma ci siete passati sopra io ho la macchina nuova e neanche me ne sono accorta di esserci passata ,sapete quello che penso, che questo paese non e’ mai contento di niente,

    chiusero la piazza e tutti si lamentavano,hanno fatto il pargheggio e di nuovo lamenti, ma vi dico ,la sera vi siete fatti un giro in piazza queste sere non ci si puo’ dare un passo,il pargheggio tutte le sere e pieno e adesso si inizia con il dosso ma e propio vero che non siamo mai contenti di niente facciamo polemiche su delle cose che ormai non possono essere cambiate e poi non credo che non sono stati fatti a secondo le norme perche’ chi ha dato l’ordine di farlo abita nel nostro paese quindi rischierebbe anche lui di rompersi la macchina quindi non polemizziamo su tutto e guardiamoci intorno e vediamo gli altri paesi che sono piu’ arretrati di noi  

    1. LM 2500

      Io mi riferivo alla differenza tra dossi artificiali e quelli artigianali.I primi sono quelli omologati dal codice(come allegato ZODD) della strada i secondi sono quelli montati artigianalmente nell strada delle zingare(non ricordo il nome della via).Cara/o TOKA prova a passare con la tua macchina nuova e poi mi dirai se non senti niente…

  7. TOKA

    LM2500 io ci sono passata ma non una volta ma piu’ volte e ti ripeto che quasi non me ne sono accorta e molto differente da quelli della strade degli zingari li si che ci si puo’ rompere la macchina  e poi e buono che gli hanno fatti ,cosi impariamo ad andare piano specie la sera tardi quando non ci sono ne vigili ne carabinieri a poter fermare chi corre ci pensa il dosso a dare na regolata o vai piano e vai lontano o corri e poi non piangete sulle macchine rotte

    p.s sono una donna

    1. RAVILO

      Finalmente un utente che dice l cose come stanno oltre a me..cara toka ciò che dici è tutto vero , infatti non sembra neanche che ci sia il dosso , è poi imparate a non correre la notte con le macchine giovani prima di parlare di dossi o non dossi vabbe che a questo paese se non si parla a vanvera nessuno è contento…toka complimenti per l intervento la piazza non gli piaceva e li stanno tutte le sere ecc…A LAV A CAP U CIUCC S PERD IACQU E SAPON

    2. LM 2500

      Finalmente questa mattina ho provato il dosso…Che bella esperianza,tutti parlano di 30 cm di altezza,ma a me ne sembrano di meno..Comunque non e’ stato così tanto doloroso attraversarli i miei ammortizzatori hanno amoortizzato bene.L’unica cosa e’ che se non la provi una cosa non puoi mai giudicarla…

  8. vale461mito

    Cari amici la storia dei dossi non mi va proprio giù.

    Non capisco perché abbiano approvato un progetto cosi “inutile”; perché costruire questi DOSSI? Per rallentare le AUTO? Oppure per buttare via un po di soldi? Non li trovo per niente utili, e vi spiego il perché.

    Sono fatti in maniera tale che il conducente del mezzo (a due o a quattro ruote) può rompere pezzi importanti, e poi il fatto di averci messo quella pavimentazione (“mattoncini” come dice Ravilo) porterà sicuramente a problematiche quali cadute accidentali (da motociclette, biciclette e scooter) e conseguenti danni al conducente.

    Credo sia giusto avvicinare i cittadini il più possibile all’utilizzo corretto dell’auto o della moto in paese, ma fare questi dossi non porterà sicuramente a nulla, anzi secondo me è un vero e proprio spreco di denaro pubblico.

    Spero che questa venga presa come una critica costruttiva, e soprattutto che venga ascoltata da chi prende le decisioni.

    Comunque Ravilo non sono d’accordo con te quando affermi “Si tratta di dossi fatti con le dovute accortezze e seguendo le giuste normative” ho già raccolto pareri contrastanti in merito, secondo alcuni infatti non sarebbero cosi a norma e la cosa che più preoccupa è l’altezza, e poi c’è sempre il discorso dei “mattoncini”, perché si passa dall’aderenza che un veicolo ha sull’asfalto (nuovo) a quella di una serie di “mattoncini”; che succede se piove, nevica o c’è la nebbia?

    Risposte ora non ce ne sono, ma sicuramente potranno venire fuori.

    Tutti in piedi sul divano!!

  9. TOKA

    vale461mito

    tu non hai neanche idea di come corrono la sera tardi con le moto e con le macchine io ne so qualcosa e credimi non puoi lavorare neanche sicura se li il limite sta messo a 30 km,mi spieghi come si possono rompere le macchine e adirittura perdere l’aderenza sui mattoncini sicuramete se qualcuno la prende come rampa di lancio ti posso capire,ma non credo che siamo cosi ……da farlo e poi se lo fanno non e colpa di nessuno li il limite c’e’, sta ha noi rispettarlo

    1. vale461mito
      Forse non mi sono spiegato bene; con il caldo asfissiante e la voglia d’estate mi capita di far molto tardi la sera, quindi sono ben consapevole dei rischi che i pedoni corrono quando vedono sfrecciare auto e moto con conducenti che si credono ora Rossi, ora Schumi…insomma capisco bene ciò che vuoi dire, la cosa che non capisco sono proprio i dossi, secondo me è sbagliato metterli, inoltre mettere quei mattoncini secondo me rimane pericoloso, pensa alla nebbia che ci attanaglia sempre, pensa alla pioggia…ok andare piano è sempre meglio…però pensaci davvero a cosa potrebbe accadere anche al più prudente dei motociclisti quando deve attraversare quei dossi, io penso subito alla caduta, comunque da quanto leggo sul guest, la gente comincia già a lamentarsi per la sottocoppa dell’olio, figuriamoci tra qualche mese, marmitte, pneumatici e quant’altro…comunque sarà il tempo a dirci che accadrà, chi vivrà vedrà.
      Tutti in piedi sul divano!!
      1. RAVILO

        Perchè parlate per sentito dire , anche io ieri ero molto titubante su questo dosso ma dopo averlo provato questa mattina ho constatato che non è alto e pericoloso come molti dicono anzi ad una velocità bassa lo si passa agevolmente , sopra vengono le strisce pedonali per aiutare l’attraversamento pedonale e poi ma quali sottocoppe ma per favore che sembra quasi che non ci si se si va a 30 km/h non te ne accorgi neanche la velocità va dimuinita ed è giusto cosi’ perchè le notti d’inverno li ne succedono di tutti i colori….

        1. vale461mito

          La mia non è una lamentela, anzi è una semplice critica.

          L’espressione del mio parere, comunque come già sottolineato nel post precedente, io sono più che titubante, però chi vivrà vedrà.

          Tutti in piedi sul divano!!

  10. TOKA

    Kisshai visto che ti sbagliavi

    prima di parlare a vanvera provatele le cose e solo dopo potete giudicare, solo che in questo paese e diventata un usanza parlare male di ogni cosa. ma’ chisa’ quando incomincieremo a cambiare un po’,a saperci accontentare e non criticare sempre

    1. pilota87

       solo che in questo paese e diventata un usanza parlare male di ogni cosa. ma’ chisa’ quando incomincieremo a cambiare un po’,a saperci accontentare e non criticare sempre

       

      Toka io credo che tu pecchi un po di presunzione.. e mi scuso se da uomo mi rivolgo così a una donna “ma da do vien” come qui mi scrivi una frase del genere e poi nell’altro post mi vai a criticare una trragedia successa, parli che siamo solo buoni a sparlare, tu sei la prima, se tu che in primis ti lamenti di tutto e poi vieni qui a fare la maestra e a buttare fango…e vabbuu…

      cmq cn la mia car no problem ad attraversa i dossi vero Zodd 🙂

      pilota87

      (piano per le strade) si corre solo in pista

  11. TOKA
    pilota 87 io non sono presuntuosa e ne tanto meno faccio la maestrina.Io non butto fango su niente e solo che le tragedie sono successe anche gli scorsi anni e nessuno a mosso un dito, solo questo mi dispiace e sapere che si fanno le differenze sulle tragedie delle altre persone e poi non sono solo io ha parlare se apri le orecchie e quasi tutto il paese che parla cosi’
    1. tm

       

      quei dossi sono illegali per due motivi

      1 non rispettano l’altezza che per i limiti di velocità uguali o inferiori a 30 km orari non possono superare 1 7 cm di altezza

      2 motivo più importante non possono essere installati su strade che costituiscono corsia preferenziale per mezzi di soccorso o pronto soccorso nei centri residenziali come evidentemente trattasi di via garibaldi e via indipendenza.

      inviterei pertanto l’amministrazione a leggersi i regolamenti e comportarsi di conseguenza magari installando altri tipi di dissuasori come ad esempio semafori intelligenti che leggono la velocità e diventano rossi facendo arrivare multe salate e detrazioni di punti dalla patente ai cretini che non li rispettano.

      questa la normativa:

      NORME SULL’APPLICAZIONE DEI LIMITATORI DI VELOCITA’
      Domanda:
      Vorrei sapere quali sono le norme che regolano l’installazione delle cosiddette “bande deceleranti” applicate al fine di moderare la velocità dei veicoli in transito. Per quel che mi risulta la Cassazione ha chiarito che detti dissuasori delle velocità sarebbero illegittimi in quanto pericolosi in particolare per i veicoli a due ruote.
      Risposta:
      L’art. 42 del codice della strada prevede la possibilità di installare “dispositivi destinati ad impedire la sosta o a rallentare la velocità” e li definisce “segnali complementari” a quelli normalmente più diffusi (segnali verticali, orizzontali, luminosi).
      I limitatori di velocità sono sostanzialmente di due tipi: da un lato semplici sistemi di rallentamento ottico od acustico, installabili su tutte le strade, in grado di segnale una particolare situazione della circolazione veicolare perché il conducente possa regolare opportunamente la sua velocità; dall’altro veri e propri dossi artificiali che invece influiscono direttamente sulla condotta di guida e per i quali il codice prevede norme più severe.
      Le norme d’installazione di tali segnali sono fissate dall’art. 179 del Regolamento al Codice della Strada secondo il quale su tutte le strade, per tutta la larghezza della carreggiata, ovvero per una o più corsie nel senso di marcia interessato, si possono adottare sistemi di rallentamento della velocità costituiti da bande trasversali ad effetto ottico,, acustico o vibratorio, ottenibili con opportuni mezzi di segnalamento orizzontale o trattamento della superficie della pavimentazione.
      I sistemi di rallentamento ad effetto ottico sono realizzati mediante applicazione in serie di almeno 4 strisce bianche rifrangenti con larghezza crescente nel senso di marcia e distanziamento decrescente.
      I sistemi di rallentamento ad effetto acustico sono realizzati mediante irruvidimento della pavimentazione stradale, ottenuta con la scarificazione o incisione superficiale della stessa o con l’applicazione di strati sottili di materiale in rilievo in aderenza, eventualmente integrato con dispositivi rifrangenti. Tali dispositivi possono anche determinare effetti vibratori di limitata intensità.
      L’installazione di dossi artificiali, costituiti da elementi in rilievo prefabbricati o da ondulazioni della pavimentazione a profilo convesso con superficie antisdrucciolevole, invece è consentita solo sulle strade dove vige un limite di velocità inferiore o uguale ai 50 km/h ed essi vanno evidenziati mediante zebrature gialle e nere parallele alla direzione di marcia, visibili sia di giorno che di notte.
      Inoltre possono essere collocati solo su strade residenziali (di cui peraltro non esiste una precisa definizione nel codice della strada) nei parchi pubblici e privati, nei residence, ecc.; possono essere installati in serie e devono essere presegnalati.
      Ne è vietato l’impiego sulle strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli normalmente impiegati per servizi di soccorso o di pronto intervento.
      L’art. 179 Regolamento Cod Str. ne stabilisce le caratteristiche dimensionali e costruttive in funzione dei limiti di velocità vigenti sulla strada interessata:
      a) per limiti di velocità pari o inferiori a 50 km/h, larghezza non inferiore a 60 cm e altezza non superiore a 3 cm, realizzati in gomma o plastica; in questi casi nelle installazioni in serie la distanza tra i rallentatori deve essere compresa tra 20 e 100 m a seconda della sezione adottata;
      b) per limiti di velocità pari o inferiori a 40 km/h, larghezza non inferiore a 90 cm e altezza non superiore a 5 cm, realizzati in gomma o plastica;
      c) per limiti di velocità pari o inferiori a 30 km/h, larghezza non inferiore a 120 cm e altezza non superiore a 7 cm: possono essere realizzati anche in conglomerato.
      Il cartello segnaletico obbligatorio è quello proprio dei dossi, di formato preferibilmente ridotto, posto almeno 20 m prima. Ad esso è abbinato il segnale di limite di ve

       

      1. peppinmustazz

        bravo tm, approvo in pieno…cmq ravilo dici che nn ci sono problemi x il superamento dei dossi, ma a mio avviso la situazione è un pò diversa. I fantomatici dossi sono stati costruiti a mò di gradino, e anche passandoci su a 20 km/h la sensazione che si avverte non è delle più piacevoli…Ritornando al discorso di tm la cosa più importante è che eventuali ambulanze e mezzi di soccorso sono limitati. Non sarà un intralcio insormontabile, al massimo 15-20 secondi, però in situazioni d’emergenza penso diano fastidio…vabbè si troverà una soluzione…penso che gli ultimi 3 dossi verranno realizzati con un pò di criterio

        1. vale461mito

          Finalmente qualcuno ci è arrivato! quei dossi, sono illegali ed inutili.

          Illegali per i motivi spiegati da tm, inutili per il semplice fatto che i cretini (che amano fare massa vs hamilton per il paese) non si fermano manco difronte al superamento del dosso arrivandoci a “spruzzo” rischiando di farsi male sul serio; in questi giorni ho personalmente assistito a questo tipo di scene.

          Come volevasi dimostrare è sempre la testa che conta e siccome in questo paese ci sono tante teste di c**** credo proprio che i metodi scelti per limitare la velocità siano inutili anzi forse pure più pericolosi, però mi chiedo perché non fare una serata con qualche esponente dell’ACI o con qualche esperto che possa spiegare gli effetti collaterali di alcool e droghe (anche leggere) per la gente che si mette alla guida in quelle condizioni? Perché non sensibilizzare la gente? Poi se manco questo serve, allora VIA al VALZER delle multe per eccesso di velocità…questo è il mio parere…altro che dossi, ops GRADONI!

          Tutti in piedi sul divano!!

      2. kimi

        Certo ke di proposte ambiziose ne girano in questo sito…è più facile ke gli americani si ritirino dal iraq ke monte installi i semafori a maggior ragione se intelligenti,poi hanno appena scoperto i dossi (e siamo nel 2008) come si può kiedere tutto ciò al comune.

        Ah! dimenticavo,facciamo finta ke a qualcuno venga davvero in mente di installare i cosiddetti semafori intelligenti,la proporzione di multe alle foto effettuate sarebbe di 1 su 100, perkè a monte funziona così nn fanno le multe per divieto di sosta figuriamoci se le fanno per eccesso di velocità.

        1. tinamiki

          Be direi cosa sono le multe in questo paese !!!!!!!!!!!

          ho visto cose inaccettabili,vigili che fanno la guardia::::::: e poi passare davanti ai loro occhi macchine con al volante madre-padre e figlioletto in braccio,immaginate una brusca frenata ,no no meglio non immaginare AGIRE INVECE che ne dite!!!!!!!!!!

           


           

           

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi