martedì 07 Dicembre 2021

“Il mio miglior Nemico” _Verdone vs Muccino_

Dovete assolutamente vedere “Il mio miglior nemico”, ultimo film di Carlo Verdone (mio attore preferito!)
Verdone vs Muccino non è solo lo slogan del film. E’una visione differente del “Vivi e lascia vivere”, è uno scontro generazionale ben rappresentato nella ventesima pellicola del regista e (tragi)comico attore romano.E come i due stessi protagonisti hanno affermato durante le interviste di lancio, è anche un intenso e casuale incontro tra un non-padre e un non-figlio, dove la negazione della famiglia prima e poi la sua “ossessiva” ricerca sono alla base dei sentimenti espressi dal film. Ci fa ridere Verdone,con la sua tipica gestualità romanesca e la sua esuberanza spontanea, anche nelle vesti del signorotto arricchito nella forma, ma sempre genuino nell’animo. Fa ridere e ragionare la sua giovane simbiosi, Silvio Muccino. “Il mio miglior nemico” è la storia di questi due personaggi, che la casualità decide di mettere in rotta di collisione uno contro l’altro, così diversi, così uguali. Come due mondi distinti, uno affermato (ma precario), l’altro allo sbando, che inizialmente si rovinano la vita a vicenda e poi, nel sottotesto dolceamaro in cui si muovono, tentano di recuperare i pezzi delle loro naufragate vicende umane e di ricucire gli strappi di un rapporto destinato ad unirli attraverso la figura della malinconica Cecilia. Lei è il cardine del racconto, figlia di Achille De Bellis e innamorata di Orfeo Rinalduzzi, Verdone e Muccino appunto, uniti solo dalla speranza di ritrovarla dopo la sua sparizione in seguito alla separazione dei genitori per colpa di Orfeo.
E la sua ricerca si rivelerà un road movie all’italiana, in cui non mancano le scene comiche, rette da un Verdone in gran forma, che propone tutte le sue sparate dialettiche e le sue furbate destinate a ritorcerglisi contro, o in cui si riflette sui rimpianti di cose che lungo il cammino della vita spesso ci sfuggono davanti agli occhi. Ecco allora che di fronte all’evidenza (fotografata) del suo tradimento coniugale, dice: «Se queste foto potessero parlà, io le stavo dicendo fermate fermate fermate… ma non possono parlare». In una battuta il significato del film, l’incapacità di comunicare le proprie debolezze finché non è troppo tardi o il nascondersi dietro la falsità, senza il coraggio delle proprie azioni. Il film ha una doppia anima, che è quella più comica e sbarazzina della prima parte, in cui gli innesti comici sono paradossalmente meno riusciti (quasi vanziniani, come nel caso dei guardoni del Parco), e una seconda che tende alla serietà e al moralismo, dove però le gag sono semplicemente irresistibili. Verdone riesce, con la sua capacità d’interpretare i sentimenti delle persone comuni, dalla generosità alla meschinità, a dar brio ad una regia che rende l’opera ancor più godibile e significativa. In questo lavoro merito anche agli sceneggiatori che, oltre a lui, comprendono Silvia Ranfagni, Pasquale Plastino e Silvio Muccino, un ottimo partner che rende al meglio il disagio familiare in cui è cresciuto e la speranza di aver trovato un nucleo che vorrebbe gli appartenesse. Questa duplicità racchiude il messaggio intrinseco de “Il mio miglior nemico”, in cui non contano le apparenze, ma bisogna saper scavare a fondo e perdonare la persona che si smarrisce. Verdone, infatti, vuole dichiarare allo spettatore che “la famiglia è dove la si trova” e in questo film il messaggio è limpido, perché di fronte a certi avvenimenti imprevisti, fondamentale importanza assume la comunicazione della familiarità e delle sensazioni personali, della risata schietta così come della fiducia reciproca. Cos’altro dirvi… vi auguro una buona visione!!! P.S. Vi consiglio di vedere tutti i film di Verdone: a mio parere è un mito!!! Nunzia Nobile


Commenti da Facebook

4 Commenti

  1. ciffo

    Onestamente gli ultimi film di Verdone mi hanno lasciato sempre un po’ di amaro in bocca… carini si ma niente di più. Quest’ultimo in effetti l’ho trovato più interessante dei precedenti ma le risate rimangono comunque poche. Al contrario, secondo me, sono molti gli spezzoni di film e sceneggiatura inconsistenti e un pò noiosi.
    Come tu hai detto c’è spesso una comicità di stampo Vanziniano e ho trovato scandalosa tutta la pubblicità fatta alla vodafone in ogni momento del film.
    Il Verdone di Borotalco o Compagni di scuola era un’altra cosa.

    1. NuNzIa NoBiLe
      Beh ciffo… la pubblicità in effetti era scandalosa =) hai perfettamente ragione, film come “bianco rosso e verdone” oramai sono tramontati… ma devi anche calcolare la richiesta del pubblico… ormai è basato tutto su quello! stesso motivo per cui la tv è inondata da reality show e da altre trasmissioni all’insegna della superficialità =) purtroppo ormai la gente per ridere ha bisogno di volgarità, tette al vento e sederi in aria… (vedi la saga “vacanze di natale” o i vari show della compagnia “bagaglino”) Come dice il detto: “Ad ognuno ciò che si merita!” … e il pubblico italiano vuole e si merita superficialità, reality, gag volgari e roba del genere… (naturalmente questo è un discorso generico)
      1. Cinzia Suglia
        Premetto che non ho visto il film. In tal senso questo è un non commento (il no comment del titolo!)… In ogni caso, per almeno il 70% delle ragioni da te citate + un buon 30% di snobistico pregiudizio (mea culpa), non ho intenzione di andarlo a vedere. Verdone ha fatto una parte della storia della comicità italiana, ironizzando sui tic e le nevrosi dell’italiano medio. Ma ho usato il passato prossimo, “ha fatto”.
        Francamente, non mi riconosco in quel pubblico che richiede la volgarità di Vacanze di Natale o dei reality, non perchè mi ritenga superiore a nessuno, ma perchè mi spaventa questa lenta ed inesorabile atrofizzazione delle facoltà intellettive di massa.
        P.S. Nunzia, ma ti sei resa conto che hai fornito tu stessa delle validissime motivazioni per NON andare a vedere Verdone??! Non posso che condividere ;)!!
        1. NuNzIa NoBiLe
          beh… il mio era un discorso generico riferito al piccolo e grande schermo e non al film di verdone in particolare… ne “il mio miglior nemico” , infatti, non c’è alcuna volgarità; il contenuto è molto profondo: bisogna saper guardare oltre! apparte la pubblicità della vodafon e ad un’unica scena vanziniana, che per quanto vanziniana possiamo definirla, non è certamente alla pari delle vacanze di natale varie , è un film validissimo. io non ho fornito nessun motivo per non vedere il film… forse non mi hai avrai capita,o meglio, probabilmente non mi sarò spiegata!

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi