Alla ricerca della combinazione giusta

Spesso mi sono chiesta quale fosse la combinazione giusta per affrontare nel migliore dei modi la vita,per gestire e risolvere le situazioni,quali sono quelle cose che servono, che sono indispensabili?

L’AMORE,L’AMICIZIA,LA FEDE,L’ASTUZIA,LA BELLEZZA,IL CORAGGIO……..

Ebbene mi sono resa conto che,l’amore puo’ finire,l’amicizia ti puo’ deludere,la fede puo’ venire meno,la bellezza prima o poi svanisce, ma il coraggio  ti aiuta a superare un amore finito,la delusione di un amico, ti da’ la forza di credere ancora,con il coraggio puoi guardare gli anni che passano in modo sereno,riesci a fare cose che non credevi di poter fare.

Nettamente secondo me senza coraggio non si puo’ vivere,il resto viene dopo!

Invece la vostra combinazione qual’e’? 


Commenti da Facebook

11 Commenti

  1. ZODD

    sei sicura che il coraggio è in primo posto?

    e allora dimmi come nutri il coraggio , xke lo applichi e e gli scopi quali sarebbero del coraggio stesso. vediamo un po che mi rispondi. poi ti diro la mia.

     

    1. sweet77

      Il coraggio lo nutri con la consapevolezza di contare su noi stessi,se c’e’ l’aiuto di un amico,l’amore ecc.ecc. e’ comunque positivo,io credo in quei valori ma credo che se non costruisci il coraggio ti bloccherai davanti agli ostacoli,non saprai cosa fare se qualcuno sta male.Essere coraggiosi non significa sorridere al pericolo,ma affrontarlo senza esitazioni,il coraggio e’ un sentimento,ma non e’ offuscabile e in quanto tale ti permette di combattere, affrontare, resistere.

      Sono curiosa di sapere qual’e’ la tua combinazione…….

  2. Carmela

    Ciao Sweet,

    non é facile rispondere a questa domanda ma , a mente fredda, penso che la salute e la tenacia siano per me la combinazione giusta..sul resto -amore, amicizia, fede..-non puoi basare al 100% la tua vita perché sarebbe costruire una casa le cui fondamenti sono incerte, occhio con questo non dico che non siano importanti, (anzi…)dico solo che  sono sentimenti cosí forti e allo stesso tempo cosí irrazionali ..quante volte un amico ci ha delusi? quante volte credevamo di essere innamorati e non lo eravamo? quante volte abbiamo dubitato della fede e del perché e se esiste un Dio o un’ energia o chicchessia…?

    Penso che a volte ció che ci da coraggio é lo spirito di lotta e sopravvivenza che ogni essere umano possiede e credetemi, é incredibile la capacitá che ognuno di noi ha di rialzarsi ed andare avanti, per questo penso che bisogna imparare a contare su se stessi e a non “appoggiarci” a un amore, un ‘amico che seppur importanti potrebbero venir meno quando meno ce lo aspettiamo perché i sentimenti sono cosí e per le circostanze stesse della vita…

    Saluti

     

     

     

     

     

     

    Carmela

    “Il pettegolezzo é l’oppio degli oppressi”

  3. ZODD
    io penso ke a ogni azione vi è una reazione e quindi una evoluzione di tale azione ovvero conseguenza.
    io metto in primis l’amore , ma l’amore visto da ogni punto di vista in ogni sua forma e consistenza , xke cosi si alimentano tutti gli altri spiriti. a che serve il coraggio se nn lo si usa x se stessi , quindi tu ti ami e usi il koraggio afiinche riesc nel TUO intento , quindi ti ami lo fai x te .stesso dicasi della salute se ti ami stai bene ti kuri badi a te stesso. si pronuncia amore fede bellezza amicizia , ma forse state confondendo le kose e nn vi stimate abbastanza come Carmela che cerca in altri e nn ottiene ,quando invece deve far si che ogni sentimento vada x conto suo e noi dobbiamo solo esser trasportati , e non che dobbiamo forzarli o renderli nostri. 
    il profeta dice “vivi di amore, no x l’amore , ovvero devi esserlo no diventarlo”.
    con la stima di se stessi tutto viene di conseguenza , e se qualcosa viene meno la vita di certo nn ti cambia cke vi è sempre un bivio e non vicoli ciechi, basti scegliere la decisione piu consona al problema.
    quindi con l’amore assoluto tu nustri  fede di te stesso , coraggio nel andare avanti in qualsiasi circostanza , con i tuoi alleati o amici o da solo .
    x me è cosi che la vedo.
  4. ASPIDE 65

    la prima cosa che mi viene da chiedermi a questa tua domanda è : chi  può essere il coraggioso?, secondo me il coraggioso non è essere spericolati o fare cose straordinarie con gesti estremi, il coraggioso è colui che si alza la mattina e affronta la giornata con un sorriso ,anche se suo figlio è morto in un incidente stradale,o ha problemi con la droga, oppure ha un male incurabile, oppure nonostante i guai finaziari riesce a reagire e non abbattersi cercando di ricostruire la propia vita,le persone coraggiose sono quelle  che credevano nell’ amore,nell’amicizia , nella fedeltà ,ma che dopo che  questi valori sono sono venuti a mancare hanno ancora la forza di riprovare  senza aver paura.

    Io penso che se conoscessimo qualche persona di queste, alla tua domanda SWETT sarebbe facilissimo rispondere, e hai perfettamente ragione quando dici che chi ha coraggio può vivere piu serenamente ,io aggiungo anche che con il coraggio si può affrontare la vita sapendo che non merita di essere vissuta.

     “QUELLO CHE MI RIPROPONGO OGNI GIORNO è DI ALZARMI CON IL SORRISO…….NONOSTANTE LA VITA A VOLTE CERCHI PROPIO DI CANCELLARMELO DALLA FACCIA

    ANONIMO

    p.s.SWETT hai ancora colpito con una delle tue domande dove veramente ti devi impegnare per rispondere e sopratutto ci fai riflettere ……brava, brava !!!!!!

  5. gianni

    Qualcuno di voi ha parlato di amore. Io credo che amore e coraggio sono due cose che possono andare assieme. Specialmente di questi tempi bisogna avere il coraggio di amare.  Spesso abbiamo proprio questo timore, abbiamo paura di non essere ricambiati dagli altri allo stesso modo quindi questo un po’ può frenare i nostri sentimenti.  Se il sentimento viene ricambiato ci si sente al settimo cielo ma quando questo non avviene ti senti da schifo e vien fuori la sofferenza.  Quando si ama una persona lo si fa a prescindere dal comportamento dell’altra, tutti siamo coscienti del fatto che amare può significare anche soffrire. Ecco perché dico che amare è già di per se avere il coraggio di ricevere eventualmente anche delle “mazzate”.  Il vero amore significa aver voglia di concedersi a quella persona e per  lei/lui fai di tutto per far capire quanto quella persona sia importante per te.  Ripeto, lo si fa comunque a prescindere dal fatto che quella persona non ricambia quello che tu provi per lei/lui. Lo fai perché senti qualcosa di forte dentro che  la ragione  non riesce a controllare e non ti importa se, alla fine, rischi di farti del male. Ecco perché credo che il coraggio sia una conseguenza dell’amore e non due cose separate.
    Sono convinto, inoltre, che essere amati sia la cosa più gratificante per una persona, essere amati significa sentirsi seriamente realizzati. Ripeto amati non ammirati, sono due cose completamente differenti.  A volte però non riusciamo a ricambiare questo sentimento perché non ci sentiamo innamorati e, paradossalmente,  ci sentiamo in difficoltà. Può accadere di aver paura di far soffrire e di deludere questa persona anche perché, in fondo, è entrata nei nostri cuori. Può accadere che facciamo di tutto per allontanare quella persona semplicemente perché non vogliamo che possa soffrire per noi. Ci sentiamo grati e soddisfatti ma stiamo  anche attenti a non mandare segnali che possano “far montare la testa” ed essere quindi interpretati in modo sbagliato.  Insomma da una parte vi è il coraggio di amare e dall’altra vi è la paura di essere amati.  Alla fine credo che nella vita bisogna sempre cercare di mettersi nei panni degli altri per capire come ci si sente. Credo che bisogna sempre chiedersi “…e se fossi io al suo posto  come mi sarei comportato?”. Questo modo di fare ti consente di essere comprensivo arrivando addirittura  a perdonare il prossimo, anche se questa persona ti ha fatto soffrire.
    Piovasco dice giustamente che la sincerità, l’onestà e il rispetto alla lunga è un ottimo investimento, io dico che anche l’essere comprensivi ed il perdono possono essere considerati allo stesso modo.

     

  6. SIGNOR NO

    Il coraggio è un’ottima virtù senza dubbio, ma stiamo attenti perchè potrebbe essere un’arma a doppio taglio, il coraggio non deve mai essere scompagnato dalla ragione.

    E’ la stupidità piuttosto che il coraggio quando ti fa negare il pericolo anche quando lo hai davanti.

    Se il coraggio e sinonimo di onnipotenza se quel coraggio non ti fa chiedere mai allora  non è coraggio, il coraggio  è anche mostrare le proprie debolezze: il coraggio di chiedere scusa, il coraggio di avere paura, il coraggio di piangere.

    Solo se accettiamo le nostre debolezze riusciremo a vivere meglio.

    Bisogna avere anche il coraggio di soffrire.

     

  7. Francy Lomonaco

     Vivere conquistando pochi ma elementari diritti: – diritto alla tenerezza, amore,sesso; – diritto alla espressione creativa; – diritto al proprio nido; – diritto al lavoro gratificante.

     La non affermazione di uno di questi diritti genera frustrazione.

     Se avete modo e tempo Vi consiglio la visione di questo documentario:

     “D’Amore si Vive”.

     http://www.comune.montescaglioso.mt.it/2008/documentario_agosti.htm

     

    Francy Lomonaco

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi