MONTESCAGLIOSO, MURI IMBRATTATI: DENUNCIATI CINQUE MINORI

Il Comune di Montescaglioso (MT) è stato interessato nelle ultime settimane da episodi di danneggiamento mediante l’imbrattamento con vernice spray di muri esterni di tre edifici tra i quali l’abitazione del sindaco, quella di un privato cittadino e la porta della sede del Movimento Difesa del Cittadino. Gli accertamenti effettuati dai Carabinieri della locale Stazione hanno portato ad identificare e segnalare alla Procura dei Minori di Potenza cinque studenti del luogo, tutti di età compresa tra gli 11 e i 12 anni, quali presunti responsabili di uno dei tre danneggiamenti. Le indagini proseguono da parte dei militari affinché simili episodi, espressione di una mancanza di rispetto dei diritti altrui derivante da una scarsa cultura della legalità, abbiano dei responsabili certi da deferire all’Autorità Giudiziaria.

 

http://www.millemedia.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1657&Itemid=56


Commenti da Facebook

5 Commenti

  1. pilota87

    assurdo leggere una notizia del genere…. cioè stiamo parlando di ragazzini 11-12 anni che “puzzano ancora di latte”… ma stiamo scherzando…..per fare dei gesti del genere sicuramente sono stati fatti di notte…. e i ragazzini ancora in giro per le strade… e i genitori?? mba non so  che fine faremo….ragazzini piccoli che si credono grandi invece sono solo vandali, buffoni. d’altronde non bisogna generalizzare ma qui piu si va avanti e più si vedono cose strane.. ragzzni che sono in prima media e ripeto PRIMA MEDIA con sigarette accese che fumano come se nient fosse….mba chiudo con un mba (incredulo)….

  2. LuP3N

    senza parole..basta un confronto..basta vedere come crescevano i bambini d qlk anno fa senza andare molto indietro,e i bambini di oggi che crescono con le chat,con internet e coi cellulari da centinai d euro in mano…bhoooooo

  3. Cristoforo Magistro

    La scoperta dei responsabili dell’imbrattamento dei muri può essere un’occasione per favorire la crescita civile dei ragazzini che l’hanno compiuto.
    Trovo giusto che non la passino liscia, ma non credo che servirebbe a loro e alla comunità una sanzione di tipo penale. Non sarebbe meglio che chi può eventualmente farlo blocchi un lungo, costoso e – in sostanza – inutile iter burocratico e concordi con i colpevoli e le loro famiglie una “pena” più certa, immediata ed educativa?
    Del tipo pulire ciò che hanno sporcato?
    Hanno voluto fare una “bravura”; questi sembrano piuttosto precoci, ma chi non ha fatto qualche stupidaggine da ragazzo? Farne fa parte dei riti di passaggio dell’adolescenza.
    Gli si dia adesso la possibilità di riparare al danno e non li si faccia sentire né dei mostri né degli eroi.

    1. Làeda

      Senza dubbio le ragazzate fanno parte della vita, ma sicuramente non è giusto andare in giro a rovinare quanto la gente ha sudato per costruire o per portare a termine. E di sicuro parlare dall’esterno non è la stessa cosa. In più, con i tempi che corrono, non si sa mai quale fine abbiano certi gesti, quali scopi ci siano dietro. Per fortuna è risultata solo una bravata, e per fortuna, grazie a ciò, si è potuto provvedere a non far sentire dei "mostri" gli autori di quei gesti. Di sicuro chi ha subìto quel dànno avrà  intelligentemente evitato di portare avanti il "costoso" ed "inutile" iter burocratico, alleggerendo il tutto con una collaborazione dei genitori (di sicuro persone da ammirare) degli autori… Rimane il fatto che comunque, A PRESCINDERE DA TUTTO, non sono cose da fare.

       

       

       

       

      "Ciò che appartiene a Dio, appartiene anche agli uomini.Il nostro dovere ci obbliga a prestarci di buona grazia alla propagazione della sua dottrina."

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi