NOTTE DI NOTE IN ABBAZIA

CON IL CONCERTO “MERAKI”  DELL’EPICAL JAM ENSEMBLE 

Armonia di note, atmosfera di festa, location misteriosa e suggestiva :  è la magia del “Meraki”,  che aleggia, il 21 Agosto, tra la brezza di questa piacevole serata dell’estate montese , nel Chiostro dell’antica Abbazia benedettina di Montescaglioso .

Un mix di elementi che l’Epical Jam Ensemble ha tradotto, per la stagione artistica 2021,  in una nuova performance di grande successo  . 

L’ evento, organizzato dall’ Amministrazione comunale locale e promosso dall’ Associazione di Volontariato “Tre Colli” di Montescaglioso,  si è svolto nel rispetto delle vigenti misure anti Covid ed ha visto la partecipazione di un pubblico numeroso ed entusiasta.                                                    Anche quest’anno l’Ensemble ha proposto un percorso originale, coinvolgente  e ricco di spunti di riflessione che , già nel titolo, “Meraki”, richiama il senso della scoperta dell’animo umano.

Una parola greca che , letteralmente, può essere tradotta con “essenza di noi stessi”, ma che significa “fare qualcosa con passione, amore e creatività”, proprio lo spirito  che muove il percorso professionale di questi artisti. Così, attraverso un ricercato gioco di suoni e voci sapientemente accordate, l’Ensemble si è fatto portavoce di importanti messaggi etici, offrendo al pubblico il privilegio di partecipare ad un vero e proprio viaggio nel tempo, nello spazio e nei diversi generi musicali proposti.                        

Il progetto nasce nel   2015   , come  JAM Session vocale e strumentale, da   un’ idea del Maestro Giuseppe Appio ,  con l’intento di creare un sodalizio tra artisti e  offrire  loro la possibilità di vivere e condividere la passione per il canto e la musica .

L’ Epical Jam Ensemble è formato da  una sessione strumentale che si fonde con una originale sessione voci di impostazione classica e moderna. Fanno parte  dell’ Ensemble: Barbara Gigante, Antonietta Capezzera, Giada Di Lena, Francesca Vinzi, Chiara Ratti, Tiziana Gigante, Davide Russo, Fernando Suglia, Domenico Vinzi, Pietro Santarcangelo, Roccodomenico Castellaneta, Mario Paolicelli, Francesco Suriano, Nicola Castrignano. 

A condurci in questo emozionante percorso musicale una gradita ospite della “città della musica”,  l’ attrice Anna Rita Del Piano che, in veste di presentatrice,  annunciando il primo brano, “Amenò”, ci conduce in un’atmosfera surreale e mistica, richiamando paesaggi lontani e misteriosi.                        Il viaggio musicale continua con brani dalle armonie singolari, rafforzate da voci potenti, dove rimbalzano riflessioni esistenziali, religiose e sentimentali.  Si assiste all’esecuzione di “Fight Song”, dove il ritmo esprime vitalità e incarna  pienamente il messaggio di incoraggiamento a non arrendersi mai di fronte alle difficoltà della vita.

Tra i brani proposti questa sera dall’Ensemble, anche due composizioni del Maestro Appio:  l’inedito “Causa Erit”, che riceve il plauso del pubblico, per la singolarità delle melodie contrappuntistiche vocali e strumentali e per la  marzialità dei suoi  ritmi che diventano strumento ideale  per il testo in lingua latina . Si racconta del coraggio e della forza di un popolo che, in nome della giustizia e della pace, ha combattuto per la conquista della libertà. 

Composta nel 2013 e già colonna sonora del Bak Stage “In punta di piedi”, girato nei Sassi di Matera,  è l’altra composizione intitolata “ Per Astris ad Aspera”, che celebra le meraviglie  paesaggistiche della Lucania .

A seguire un omaggio al  Maestro Ennio Morricone con “Cera una volta il West” , esecuzione gradita al pubblico.  

L’atmosfera fantastica, le sonorità eteree e il sincronismo delle diverse voci hanno coinvolto piacevolmente i presenti  che, durante tutto il Concerto,  si sono sentiti trasportati in una dimensione eterea e magica per ritornare, poi,  alla tradizione, ascoltando  gli ultimi brani di questa splendida performance: “ Brigante se more”, “Ninna Vola” e “Fiore di Lucania”. 

Tra il pubblico un ospite d’eccezione:  il compositore storiografo e musicologo Maestro Pietro Andrisani .  Presente anche il Sindaco Vincenzo Zito che, nel suo intervento,  ha elogiato l’alto livello espresso dall’Ensemble sottolineandone la crescita professionale e dei singoli artisti, e del gruppo nel suo insieme.

Il  Maestro Giuseppe Appio ha ringraziato quanti hanno partecipato all’evento, esprimendo un plauso alla propria formazione che, con  passione ed entusiasmo, malgrado la delicata situazione che stiamo vivendo,  ha continuato a credere in questo progetto con l’auspicio di ampliare l’organico strumentale. 

Anche questa sera la musica , utilizzando un linguaggio universale, ha oltrepassato qualsiasi tipo di  barriera, anche quelle dovute all’isolamento cui siamo stati costretti dalla pandemia, facendosi  strumento di inclusione e condivisione. 

Letizia Leone


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi