VERGOGNA ITALIANA…

E’ di oggi la notizia , che il padre di Eluana Englaro , il signor Peppino Englaro , dopo quasi 20 anni di sofferenza è accusato di omicidio volontario insieme a 19 medici. Un qualcosa di raccappriciante che va oltre ogni cognizione morale e oltre ogni cosa pensabile ed immaginabile , un padre che ha sofferto e badato alla figlia da quel tragico inizio del 1993 , quando un tragico incidente trasformo’ il letto di casa Englaro in una vera trappola ed in un lungo calvario. Un calvario lungo e travagliato , che dopo un decennio ha portato la famiglia Englaro alla tragica scelta di staccare la spina. Infatti la vita di Eluana , non era più vita , Eluana era diventata un vegetale che non viveva ma sopravviveva , la speranza la famiglia Englaro l’ha sempre mantenuta viva , ma forse è arrivato a non farcela più ed ha combattuto tutti quei giudici , medici e tutta quella gente che difendeva la vita. Il signor Peppino Englaro , ha combattuto per anni ed anni ma poi è arrivato alla conclusione , di dare ragione alla figlia , quella figlia che in quelle condizioni avrebbe vooluto la pace di Dio e non continuare a sopravvivere. Dopo tante battaglie , finalmente , Peppino Englaro è riuscito a trovare dei medici disposti a fare le sue volontà e cosi’ , Eluana si è spenta , solo clinicamente , in questo 2009 dopo oltre 10 anni di stato vegetativo , ma la vita di Eluana era finita quel giorno , in quel tragico febbraio del 1993 , quando quel tragico incidente aveva messo fine a tutti i suoi sogni. Oggi , le televisioni non parlano d’altro ed addirittura il padre della ragazza è indicato per omicidio volontario , io mi chiedo è mai possibile una vergogna simile???…Un padre che ha combattuto per anni per la vita della figlia , ora si vede addirittura accusato di omicidio , insomma…come dice Masini…CHE PAESE L’ITALIA DOVE TUTTO VA MALE…


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi