mercoledì 25 Novembre 2020

REFERENDUM sì o no?

stranamente, non si è nemmeno accennato l’argomento!

possibile che non interessi a nessuno? eppure potrebbe cambiare tutto, in caso di esito positivo.,

Personalmente ho deciso di andare a votare e propendo per il SI’, con la speranza che non vengano stravolti i suoi contenuti in caso di affermazione del sì, ritengo inoltre che sia importantissimo parteciparvi perchè, forse è l’unica occasione che abbiamo se davvero vogliamo cambiare qualcosa. Anzi, dirò di più, io abolirei anche il cosiddetto "quorum", poichè lo ritengo l’unico modo di responsabilizzare gli elettori, altrimenti si rischia di spendere un sacco di soldi inutilmente.Ne parliamo?


Commenti da Facebook

3 Commenti

  1. RAVILO

    Be , inutile dirlo , bisogna sicuramente votare si’ , si per abolire partiti e partitelli che si alleano a destra e sinistra a seconda delle poltrone , si’ per dare il premio di maggioranza al partito piu’ votato…Quindi bisogna andare a votare e votare si’ ,anche se la mia paura e che il quorum non venga raggiunto e che il referendum sia solo uno spreco , perchè quando ci sono i tanto criticati politici di turno da andare a votare , ci vanno tutti , e quando c’è il referendum non gli frega niente a nessuno???…Forse il referendum non può fare promesse per il futuro , invece il politico di turno si’ , anche se nel 80% dei casi le promesse non vengono mantenute….DOMENICA E LUNEDI’ ANDIAMO A VOTARE , VOTIAMO SI’ , VERSO UN VERO BIPOLARISMO , O A CENTRO-DESTRA O A CENTRO-SINISTRA , I PARTITINI A CASA….

  2. nemesi

    ASTENERSI PER LA DEMOCRAZIA

    abbraccio in pieno lo slogan di quanti sostengono che l’astensione a questo referendum sia la cosa migliore da fare; perchè?

    perchè è un referendum che porterebbe al risultato di una legge ancora più devastante dell’esistente; che non obbliga il Parlamento ad offrire agli italiani una legge migliore, che ci chiede di scegliere tra 2 mali, che scarica sul popolo la patata bollente invece di lavorare e proporre una soluzione!

    porterebbe al rafforzamento non del bipartitismo o del bipolarismo, bensì di un solo partito. Un monopartitismo che potrebbe avere strane conseguenze!

    se fosse raggiunto il quorum e vincessero i si, ai cittadini verrebbe quasi negato il diritto di eleggere i propri rappresentanti….che se non sbaglio è un diritto di ogni democrazia

    se, al contrario, l’insoddisfazione verso l’attuale legge elettorale spingesse tanti a votare, e votare no sarebbero respinte le pessime modifiche proposte ma il no potrebbe essere inteso come consenso all’attuale Porcellum e quindi ritardare e evitare il varo di una nuova legge!

  3. ciffo

    Io andrò a votare. Mi asterrò ai primi due e chiederò solo la terza scheda.
    Voglio eliminare la possibilità di candidarsi in più circoscrizioni.
    Ai primi due quesiti concordo con nemesi. Bisogna astenersi per non legittimare una scelta che, sia che vinca il si, sia che vinca il no… è pessima.

    Vi invito a leggere l’opinione di Sartori a riguardo:
    Gli esiti nocivi del referendum

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi