mercoledì 28 Ottobre 2020

Università di Basilicata: V Forum Internazionale dell’Economia della Conoscenza.

Matera

200 delegati, 100 università ed organizzazioni internazionali di 70 Paesi del mondo, 40 imprese a confronto sui temi dell’innovazione e della ricerca manageriale per proporre soluzioni contro la crisi e creare occupazione.

Ormai alla quinta edizione il Forum Internazionale IFKAD. Sopra è descritto in breve il target di quest’anno. 

Oltre ai validissimi contenuti è importante sottolineare il fatto che l’Università di Basilicata riesca a portare avanti e organizzare egregiamente eventi di questa portata. Partito in sordina cinque anni fa oramai il Forum è diventato perno delle attività extradidattiche dell’Ateneo Lucano, riscuotendo un importante successo tra gli addetti ai lavori nel mondo accademico non solo italiano ma internazionale.

Sarebbe auspicabile dare più risalto a tali appuntamenti affinchè si possano concentrare le potenzialità lucane sia in loco che sparse per il mondo. Dal mio personalissimo punto di vista credo che l’Università di Basilicata debba cercare il più possibile di stringere rapporti di alleanza con Atenei più importanti affinchè il contesto in cui vive non penalizzi le capacità individuali che essa comunque riesce a produrre. Pensare all’autosussistenza come se fosse un Ateneo importante in un territorio importante sarebbe un suicidio culturale, inserire invece l’Ateneo in un contesto sempre più largo e internazionale è un’ottima intuizione degli organizzatori del forum e a mio avviso una linea che, se perseguita, porterà davvero l’Università lucana ad essere il trampolino di lancio per i cervelli lucani.

Congratulazioni al Prof. Giovanni Schiuma, direttore del Forum.

In allegato il comunicato Stampa. 


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi