RAI, Mondiali di Calcio e compensi……

Lo confesso, adoro i Mondiali di Calcio, ma non tanto per fare il tifo per la nostra nazionale (anche..) ma soprattutto per il significato che una manifestazione del genere assume nell’immaginario collettivo. Quante volte abbiamo legato il ricordo di momenti della nostra vita ad un particolare mondiale. L’atmosfera è magica, lo sport raggiunge livelli eccelsi perchè centra i suoi obiettivi più nobili: esaltare lo spettacolo del gioco, favorire l’integrazione e la pace tra i popoli.

Tutto ciò è stato sempre goduto in pieno, nel senso che si potevano vedere tutte le partite. Tutte integralmente. Infatti era li il succo di godersi la manifestazione fino in fondo, vedere sfide tra squadre che difficilmente si incontrano nel campo da gioco. Partite come Croazia-Colombia, Stati Uniti-Iran sono di una suggestione unica…..per non parlare di personaggi mitici e pittoreschi come Valderrama o lo zingaro del calcio Bora Milutinovic, che potevi goderti solo ai mondiali. 

Purtroppo è dal 2006 che "mamma RAI" decide di non investire più nelle partite. Si limitano ad una sola parita al giorno, trasmettendo brevissimi servizi sulle altre (della serie che sono più lunghi i servizi di novantesimo minuto). E’ davvero deprimente vedere come la vicina Svizzera, nazione non proprio "calciofila", le trasmette tranquillamente tutte. E’ molto deprimente vedere che non si compra l’evento ma si sprecano soldi, a mio avviso, per mandare una caterva di giornalisti in Sud Africa. Ma a fare cosa? Non so se avete avuto occasione di vedere i collegamenti….sono pietosi. D’altronde, se non comprano le partite cosa mandano a fare tutta quella gente fin li? Non si capisce. Non si comprendono una serie infinita di appuntamenti con una serie di inutili ospiti in studio.

Alle 23:30 si raggiunge l’apoteosi con l’appuntamento NOTTI MONDIALI. Uno si aspetta di vedere IL CALCIO, ovvero delle sintesi delle partite del pomeriggio, azioni, gol…..e invece no. Lo scenario è assurdo: ci sono due studi, uno a Johannesburg e uno a Roma con 5/6 persone per studio…a che cavolo servono? Non l’ha capito nessuno. Per non parlare delle persone presenti nei due studi……da Roma presiede quella finta giornalista sportiva bionda di cui, per decoro, non voglio neanche fare il nome. In più in studio Galeazzi e Maurizio Costanzo….che si abbandonano a teatrini davvero di basso livello, il tutto in un clima casareccio e privo di ogni professionalità. Proprio oggi sul corriere Aldo Grasso dice più o meno le stesse cose, dicendo che la RAI con NOTTI MONDIALI "sta toccando il fondo".  Potrei continuare a dipingervi come la RAI ha deciso di "trattare" i mondiali, per esempio con dei ridicoli collegamenti da questa famigerata CASA AZZURRI (nessuno ha capito a cosa servono, si potevano riportare le notiziuole anche stando a Roma), oppure portando Tombolini sino in Sud Africa solo per fare la moviola…..

Qualcuno potrebbe chiedermi come mai questa polemica, in fondo si tratta solo di calcio. In realtà non è proprio così, perchè bisogna tener conto che il calcio in Italia ha una tradizione che va rispettata, perchè la gente paga il canone e vuole vedere le PARTITE, non le chiecchiere o le infinite polemiche o le baruffe da bar tra i vergognosi personaggi che sono invitati in queste trasmissioni sportive. In tempi di crisi tolgono anche il pallone alla gente, e credono sia più importante mandare un giornalista raccomandato in Sud Africa che si collega per dieci secondi per dirci quanto è grande l’ernia al disco di Buffon. Il servizio che offrono con i soldi pubblici è scarso. 

Ricordiamo queste cose ai dirigenti RAI che sono pronti a parlare di compensi dei dipendenti, sobillati dai politici che gli hanno piazzati, solo quando devono delegittimare Santoro e company. La dirigenza sta prendendo in considerazione la proposta di qualcuno, per decenza ne taccio il nome, che propone di esporre i compensi nei titoli di coda (ovviamente si fa questa cosa solo per scagliare la gente contro pochi), dimenticandosi che non importa quanto uno guadagna ma la differenza tra quanto guadagna e quanto fa incassare. Stiamo dando i numeri ovviamente. Purtroppo nessuno chiede conto di questi scivoloni alla dirigenza, nessuno gli chiede perchè l’italiano medio (risaputamente non benestante)  che vuole vedersi i mondiali in santa pace deve per forza PAGARE SKY. Alla faccia dello sport popolare. W l’Italia.


Commenti da Facebook

6 Commenti

    1. RAVILO

      Anche se e’ anti-juve nei mondiali lui e’ un mito , il buon fabio caressa non tradisce mai e neanche quest’anno , alla luce di una rai vergognosa per cui noi paghiamo il canone e lei neanche ci trasmette tutti i mondiali….Almeno sky ci permette di non sorbirci ne’ Civoli ne i vari Bizzotto o Cerqueti commenti davvero orribili….per non parlare di quei strani programmia sui mondiali , ma Costanzo cosa centra con il calcio???…Addirittura ci fanno rimpiangere il divertente Pizzul , ma soprattutto rimpiangiamo mediaset , sicuramente Piccininni è molto meglio di Costanzo o di Civoli..

  1. Raf

    Come disse un saggio: “se ci tolgono anche il calcio e la gnocca…”
    Stasera sono tornato a casa e volevo aggiornarmi un po’ sulla giornata calcistica… macchè! di calcio niente. Sono stato costretto a sorbirmi qualche carnevalata di Costanzo e Galeazzi e la bionda che urlava…
    E per le telecronache… dice bene Ravilo: meglio il buon Caressa.

    1. RAVILO

      Se anche voi non c’e’ la fate proprio a stare lontano dalle partite straniere oggi , potete tirare un sospiro di sollievo , ebbene si RSI la tv svizzera ha un canale in italiano che trasmette tutte le partite del campionato del mondo in italiano con prepartita ed approfondimenti che parlano di calcio…il sito ve lo posto qui http://www.rsi.ch/la2live/index.cfm o da http://calcio-in-diretta.blogspot.com/2010/02/diretta-calcio-1.html cliccando dc1 se non va dal sito http://www.atdhe.net cliccate sulla partita che si fa in quel momento e con affianco la sigla italian è il gioco è fatto , non sarà molto ma è gia’ qualcosa

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi