Benvenuto! Accedi o Registrati

Sede CEA



La sede del CEA è nel monastero della SS. Concezione, spazio condiviso con la  Biblioteca Comunale. Nel complesso sono disponibili un’aula informatica, tre aule per consultazione ed attività didattiche, un ufficio di accoglienza e informazioni, spazi per deposito libri, servizi igienici per disabili e ambienti per gli uffici degli operatori del CEA. Le aule didattiche e gli spazi per la consultazione sono condivisi tra CEA e Biblioteca Comunale. La dotazionedi libri della biblioteca comunale è di circa 5.000 volumi con sezioni dedicate alla storia, letteratura, scienze, geografia, ambiente, filosofia e sezione ragazzi. A questi sono da aggiungere i volumi, circa 200, della sezione gestiti direttamente dal CEA sui temi dell'ambiente e della sostenibilità. Negli spazi disponibili, oltre alla normale attività della biblioteca, si realizzano attività di formazione per gli adulti (lingua inglese e informatica), per gli immigrati (lingua italiana), attività di varie associazioni locali e le azioni rivolte alla scuola collegate con i vari progetti di educazione alla sostenibilità gestiti dal CEA.

Sede CEA

Il monastero della SS. Concezione, sede del CEA e della Biblioteca Comunale

L’antico monastero è stato restaurato con fondi del Ministero dell’ambiente e, per le modalità di recupero utilizzate, costituisce un progetto pilota. Le strutture sono state consolidate e recuperate utilizzando materiali e tecniche tradizionali fornendo così un modello di riferimento agli altri interventi nel centro storico di Montescaglioso. Dopo il completamento dei lavori l'intera struttura, così come previsto dal finanziamento " dedicato " è destinato a divenire sede permanente del Centro di Educazione Ambientale, con spazi relativi a: Biblioteca Comunale, spazi per allestimenti temporanei e stabili, aule per seminari e formazione, laboratori didattici, servizi di accoglienza. L'intera struttura configura un caso unico in Basilicata di contenitore dedicato ai sevizi culturali locali e comprensoriali. Il modello di fruizione, già sperimentato con successo nei primi mesi di apertura e nei piccoli spazi tuttora disponibili, prevede l'attuazione di un coinvolgimento responsabile degli attori locali ed una flessibilità di uso, finalizzata anche all'abbattimento dei costi di gestione.






Condividi contenuti