Autorizzazione alla conservazione dei cookie

Sede CEA

La sede del CEA è nel monastero della SS. Concezione, spazio condiviso con la  Biblioteca Comunale. Nel complesso sono disponibili un’aula informatica, tre aule per consultazione ed attività didattiche, un ufficio di accoglienza e informazioni, spazi per deposito libri, servizi igienici per disabili e ambienti per gli uffici degli operatori del CEA. Le aule didattiche e gli spazi per la consultazione sono condivisi tra CEA e Biblioteca Comunale. La dotazionedi libri della biblioteca comunale è di circa 5.000 volumi con sezioni dedicate alla storia, letteratura, scienze, geografia, ambiente, filosofia e sezione ragazzi. A questi sono da aggiungere i volumi, circa 200, della sezione gestiti direttamente dal CEA sui temi dell’ambiente e della sostenibilità. Negli spazi disponibili, oltre alla normale attività della biblioteca, si realizzano attività di formazione per gli adulti (lingua inglese e informatica), per gli immigrati (lingua italiana), attività di varie associazioni locali e le azioni rivolte alla scuola collegate con i vari progetti di educazione alla sostenibilità gestiti dal CEA.

Sede CEA

Il monastero della SS. Concezione, sede del CEA e della Biblioteca Comunale

L’antico monastero è stato restaurato con fondi del Ministero dell’ambiente e, per le modalità di recupero utilizzate, costituisce un progetto pilota. Le strutture sono state consolidate e recuperate utilizzando materiali e tecniche tradizionali fornendo così un modello di riferimento agli altri interventi nel centro storico di Montescaglioso. Dopo il completamento dei lavori l’intera struttura, così come previsto dal finanziamento ” dedicato ” è destinato a divenire sede permanente del Centro di Educazione Ambientale, con spazi relativi a: Biblioteca Comunale, spazi per allestimenti temporanei e stabili, aule per seminari e formazione, laboratori didattici, servizi di accoglienza. L’intera struttura configura un caso unico in Basilicata di contenitore dedicato ai sevizi culturali locali e comprensoriali. Il modello di fruizione, già sperimentato con successo nei primi mesi di apertura e nei piccoli spazi tuttora disponibili, prevede l’attuazione di un coinvolgimento responsabile degli attori locali ed una flessibilità di uso, finalizzata anche all’abbattimento dei costi di gestione.

Commenti da Facebook

Info sull'Autore

Post Correlati

Rispondi a

Simple Share Buttons