Ass.Zaccaro su Rally e collaborazione Provincia

COMUNICATO STAMPA

Al termine della settima edizione consecutiva del Challenge Slalom, valevole per il campionato italiano, patrocinato dal Comune di Montescaglioso, con l’organizzazione di Basilicata Motorsport e ACI (Automobil Club Italia) di Matera,  l’assessore comunale allo Sport, Michele ZACCARO, ha voluto tracciare un bilancio della manifestazione automobilistica. Ha sottolineato come nel 2010 sia giunto alla quarta organizzazione consecutiva dell’evento, in qualità di assessore comunale allo Sport; anno dopo anno l’amministrazione comunale di Montescaglioso ha sempre  puntato al miglioramento dell’evento, creando le premesse perché diventasse un appuntamento inserito nel campionato nazionale della categoria. La tappa montese, infatti, è quella con il più alto coefficiente, l’ottenimento del quale non è stato raggiunto solo in virtù di un circuito molto apprezzato dai concorrenti ma è da ritenersi figlio del continuo miglioramento dei servizi messi a disposizione: bagni chimici sul percorso; presenza dell’Arma dei Carabinieri, dei Vigili Urbani e personale qualificato della Protezione Civile (ai quali va tutto il ringraziamento); distribuzione di panini e acqua ai concorrenti (omaggio avvenuto solo a Montescaglioso); accoglienza ai piloti e loro familiari al seguito; rifacimento dell’asfalto di competenza comunale. La prerogativa del coefficiente più alto ha portato, nell’edizione 2010, alla registrazione del più alto numero di concorrenti: ben 89 piloti, cifra mai raggiunta nelle precedenti 6 edizioni a Montescaglioso.

In merito al rifacimento dell’asfalto di competenza comunale, l’assessore Zaccaro lamenta l’assenza della Provincia di Matera e, soprattutto, quella degli assessori provinciali che hanno ricoperto l’incarico in questi ultimi 4 anni di sua gestione dell’evento.

Alle tante promesse non sono mai seguiti i fatti richiesti: la gara si svolge su di un percorso di competenza della Provincia di Matera e, sottolinea, "nulla è stato fatto per migliorare le condizioni di percorribilità. Il circuito montese, per avere completezza dei requisiti richiesti, ad oggi necessita di ulteriori guard – rail (i quali, è bene sottolinearlo, non possono essere sostituiti con nastri di plastica, assolutamente inefficaci in caso di urto); del rifacimento di tratti di asfalto (rovinati e disconnessi in molti tratti ed assolutamente inadatti per i modelli prototipo  partecipanti alla gara, la cui caratteristica è un’intelaiatura di 5- 10 cm. da terra)". Esprime la sensazione che gli amministratori provinciali non abbiano ancora ben compreso l’importanza, valenza e ricaduta che il Challenge Slalom dà e può dare a Montescaglioso e all’intera provincia di Matera. A tal proposito ricorda come lo scorso anno gli sia stato chiesto di rifare il tratto di asfalto che congiunge il punto di partenza (Km 11+000, nei pressi dell’incrocio per Ginosa – Miglionico) alla prima curva da affrontare per salire all’abitato. Un incaricato comunale, insieme al capo settore Ufficio Tecnico provinciale, si è recato sul posto; il pezzo di asfalto da rifare era segnato con il gesso. Il giorno dopo il tratto era stato rifatto: unico particolare: era stato bitumato dalla partenza in direzione di Matera, ovvero dalla parte opposta rispetto a quella prevista!!!!! Anche quest’anno Zaccaro ha interessato l’assessore provinciale di Montescaglioso che, al pari degli altri, ha promesso di migliorare i tratti di asfalto del circuito, senza dare seguito con i fatti. Mercoledì 25 agosto u.s., alle ore 9.30, Zaccaro si è recato alla Provincia di Matera perché il Comune di Montescaglioso non aveva ancora ricevuto l’autorizzazione di chiusura della strada provinciale (ritardo mai verificatosi negli anni precedenti). Si è rivolto all’ufficio competente, dove ha chiesto informazioni in merito all’autorizzazione, ricevendo, quale risposta, che si era in attesa del dirigente per l’apposizione della firma. Ha poi chiesto se l’assessore provinciale di Montescaglioso aveva posto il problema dell’asfalto del circuito, sentendosi rispondere affermativamente, oltre al fatto che da una sua verifica il circuito non necessitava di interventi. Zaccaro, nella stessa occasione, ha evidenziato come per le automobili "normali" non ci siano difficoltà a percorrere il tracciato, mentre per i Prototipi in arrivo a Montescaglioso il circuito non sarebbe stato adeguato.

L’assessore comunale allo Sport ritiene la situazione venutasi a creare "l’ennesima conferma della mancata comprensione, da parte dell’ente provinciale, della rilevanza raggiunta dalla manifestazione", ricordando come il 25 agosto scorso avesse già anticipato al dipendente provinciale che, in caso di mancato ottemperamento alla richiesta (avanzata verbalmente all’assessore provinciale montese), avrebbe spiegato alla Città di Montescaglioso come stavano realmente le cose, dandone notizia tramite gli organi di informazione.

         08. 09. 2010     

Ufficio Comunicazione
Comune di Montescaglioso

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Nel video allegato la gara di Montescaglioso dalla Camera Car di Giovanni Cuomo

Commenti da Facebook

4 Commenti

  1. vince_ditaranto

    Leggendo questo comunicato stampa ho notato delle cose davvero anomale!!

    Ovviamente mi unisco all’osservazione di Ciffo che rimane scandalizzato, e io con lui, dall’approssimazione con cui si svolgono i lavori delle amministrazioni pubbliche che paga il cittadino. Tralasciamo i discorsi sull’utilità delle amministrazioni provinciali perchè sono discorsi già sentiti.

    La prima anomalia che vorrei sottolineare è questa: ma è possibile che c’è ancora quel vecchio schema che amministrazioni pubbliche di diverso colore politico si fanno la guerra (fredda) per non far fare bella figura alla fazione opposta? Ci rendiamo conto che in tutto ciò è il cittadino che ci rimette? 

    Seconda anomalia: è possibile che le richieste o le comunicazioni tra enti pubblici vengano fatte "verbalmente" dalle persone che magari si incontrano per strada? E’ un modo di fare che ho già riscontrato in altre situazioni e che non mi piace per niente; un modo di fare che svuota il significato istituzionale di un incarico pubblico riducendolo a rapporti tra persone. 

    Terza anomalia: il comunicato stampa riportato sembra più un "comunicato politico" che una comunicazione ai cittadini. Nel testo non virgolettato, quindi NON le parole dell’assessore Zaccaro, si mischiano fatti e opinioni (positive ovviamente…!!!) rendendo oggettive considerazioni che in realtà sono personali. Se un assessore deve fare un comunicato stampa, mi aspetto che il testo sia per intero virgolettato o che nel testo si divida per bene i fatti dalle considerazioni personali/politiche. La cosa più evidente è quella di riferirsi all’assessore provinciale senza mai farne il nome, cosa non concepibile in un "comunicato" fatto da una istituzione ma tipico dei comizi. 

    Spero che qualcuno comprenda le mie perplessità e magari ne voglia discutere. Spero che ancora una volta non mi/ci prendano per marziani.   

    1. Vincenza Abbatiello

      Caro Corvo il dubbio che più che un comunicato stampa sia un comunicato politico viene a te, come è venuto anche a me.

      Abbiamo assistito durante tutta l’estate montese ad una continua e stremante campagna elettorale. Ringraziamenti continui agli amministratori, che a mio parere non sono dovuti, dato che organizzare degli eventi, almeno durante l’estate, mi pare sia il minimo che un buon amministratore possa fare (poi per quanto riguarda la qualità degli eventi, soprattutto di alcuni, possiamo anche discuterne).

      Per quanto riguarda i rapporti tra le amministrazioni, provinciale e comunale, di fazione politica diversa, devo dire che la provincia di matera ha sempre ottemperato ai suoi doveri in quanto ad autorizzazioni che ad essa sono state richieste dal Comune di Montescaglioso e quindi mi pare davvero assurdo che l’assessore Zaccaro, conoscendo bene la situazione e conoscendo anche l’impegno quotidiano profuso dall’assessore Garbellano, dica quanto esprime nel "comunicato".

      Forse il problema è un altro, forse il problema è che la defaillance non sta nell’amministrazione provinciale, ma, bensì, nel modo di organizzare dell’amministrazione comunale.

      Magari sarebbe richiesta, per determinati eventi, un’organizzazione maggiore e migliore. Insomma non additare gli altri per problemi che si hanno in casa, a volte sembrerebbe un atto di grande onestà intellettuale. 

  2. webmaster

    Cominicato Stampa

    L’Assessore Zaccaro non poteva far mancare il suo autorevole commento sull’evento Challenge Slalom.
    E’ bene precisare che la Provincia di Matera, seguendo le indicazioni degli amministratori comunali, ha assicurato quest’anno, come negli anni scorsi, le autorizzazioni ed i servizi necessari per lo svolgimento dell’evento.
    Pertanto non sono gli amministratori provinciali a non aver compreso l’importanza dell’evento sportivo, ma, probabilmente, sono gli amministratori locali che non hanno ancora compreso che quell’evento ha bisogno di una più articolata, complessa e puntuale organizzazione, che ci auguriamo sarà messa a valore nel corso degli anni.

    Angelo Garbellano
    Assessore Provinciale
    Alle Politiche Industriali e dello Sviluppo Economico
    Politiche del Turismo e Promozione del Territorio
    Forestazione, Agricoltura

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi