Statisticamente corretto o risultato drogato?

Tutti ormai abbiamo visto e letto delle polemiche successive la mancata messa in onda del servizio delle iene su parlamentari e consumo di droga. Personalmente sono stupito da tutta la vicenda che offre innumerevoli spunti di riflessione: diritto alla privacy, privilegi di casta che permettono di oscurare il servizio sui politici e non quello sulle discoteche, marketing al rovescio con il boom delle iene proprio grazie al divieto, qualità della tv, legalizzione delle droghe e chissà quanto altro ancora.
Quello su cui vorrei provocarvi cari montesi.net è l’attendibilità del risultato che le iene dicono di aver ottenuto col loro test: 1 parlamentare su 3 fa uso di stupefacenti.
La mia domnda è: non vi sembra poco?
Insomma se il parlamento è un buon campione statistico dovrei pensare che su 100 miei conoscenti solo 30 di loro fanno uso di stupefacenti. Non so voi ma a me le percentuali sembrano al contrario. Credo che il fenomeno delle droghe (soprattutto leggere) sia molto più diffuso. Qui a Milano almeno recuperare del “fumo” è più semplice che trovare un taxi. Poco da meravigliarsi quindi che in parlamento ci sia un parlamentare su tre che fuma o sniffa…. abbiamo pregiudicati, corrotti, collusi… qualche spinello non farà mica la differenza?


Commenti da Facebook

11 Commenti

  1. Raf

    Ciffo potresti avere ragione. Bisogna considerare che:
    1) a quanto pare – non sono un esperto – il test potrebbe fallire solo nel NON rilevare un soggetto positivo, non nel considerare positivo uno negativo –> per cui ce ne potrebbero essere alcuni non rilevati.
    2) il test rileva solo sostanze stupefacenti assunte in meno di due giorni –> alcuni potrebbero essere “sfuggiti”
    Pertanto la percentuale rilevata potrebbe essere pessimistica rispetto a quella reale
    Ma al di là della precisione, posto che il test sia attendibile – e a quanto pare lo è (lo usano anche i corpi di polizia) – resta un dato statistico comunque rilevante.
    Ieri a Porta a Porta vedevo che, tranne alcuni, ipocritamente spostavano la discussione sulla illegalità del servizio, violazione della privacy, ecc. Ma un test condotto in maniera illegale non implica che il risultato sia sbagliato. A parte la legalità, i numeri sono numeri. Il dato resta statisticamente rilevante, gravemente rilevante.

  2. LomFra

    … Come sempre il grande felix… Una cosa ke mi piace di te è il tuo sano senso critico, e dopo la notizia delle iene hai ben pensato di farti due ragionamenti coerenti! In effetti io non mi sono meravigliato affatto del test, anzi forse è statto corretto per difetto! se devo fare una statistica mia personale la percentuale supera di granlunga quel misero 30%! Apriamo gli occhi gente! E poi ci sono droghe ben peggiori però legali, il seplice alcol, che procura sicuramente più danni della Cannabis, e dove mettiamo la droga più potente, la TV… Innanzitutto credo che non sia di certo l’uso di cannabis a pregiudicare le qualità di un parlamentare! Forse su questa vicenda qualcuno ha ben pensato di calcare la mano per fare presa sull’opinione pubblica e porsi come paladino agli okki della gente, ma quanto sono sinceri? e poi paladini di cosa?! Duri e Puri? … ma purezza cosa vuol dire non usare droghe e avvalersi dell’immunità parlamentare per fare le proprie porcate?… Sciocchezze… Per quanto riguarda l’uso di cocaina (le droghe pesanti) è risaputo che i politici ne fanno uso, è un pò il motore propulsivo, il loro NOS, dei loro discorsi infuocati in campagna elettorale! Un pò di coerenza miei cari politici… E insomma il tanto decantato diritto alla privacy qua è andato davvero a farsi fottere… per fare cosa poi? decidere se sei buono o no in base a cosa assumi?… mi viene in mente una barzelletta:

    Due amici in un bar 

    1- cos’hai oggi?

    2-niente, sto sotto!

    1- e perche?

    2-Mio figlio si droga!

    1-eee, cos’è un politico?

    2-No

    1-… è un cantante?

    2-No

    1-  è uno scrittore?

    2-Nooo 

    1-Ahh, allora è un tossico! MI dispiace!

     

    ciauz a tutti

     

    1. LomFra

      … dimenticavo anke ke il programma Le Iene ha sempre fatto il gioco del suo padrone! Anke quando si parlava contro di lui! Ragionateci Su… Governo nemico, Parlamentari tossici tutti d’un colpo! … La stessa cosa ke hanno fatto le reti rai quando c’era Lui al governo! La tv è un mezzo potentissimo e se usato correttamente diventa un arma letale – – – il problema c’è sempre stato e sempre ci sarà, solo ke lo si fà saltare fuori quando più fà comodo… Facile e noi: Polli! Firmato: Il Vegliante!

      1. titus

        Ma il codice penale non prevede per chi fa uso di sostanze stupefacenti l’interdizione dai pubblici uffici???
        Mettiamo il caso Che alcuni senatori e parlamentari siano avvezzi all’uso delle droghe…
        Secondo la normativa vigente non dovrebbero essere sospesi dai loro incarichi???
        questo non è un discorso volto a colpire una sola parte del senato o parlamento…
        la mia è una riflessione, sulla onestà intelletuale ed etica dei nostri presunti rappresentanti…
        Lex sed lex, dura lex…
        poi voi vestite gli abiti che volete. Truffatori
        Che bell’esempio, indulto, pacifisti della domenica…
        ed ora questo… VERGOGNA,VERGOGNA,VERGOGNA…
        A pensare che in passato un “ONOREVOLE” era persona stimata ed apprezzata ora che sono… Tossici ed IGNORANTI
        che livello bassissimo…
        Mi vengono in mente i Padri della nostra patria che si stanno rivoltando nelle loro tombe…

  3. vale461mito

    essi proprio cosi…i nostri bei politici FUMANO, SNIFFANO, ecc….
    allora mettiamo in chiaro una cosa…tutti noi quando pensiamo ai politici in generale pensiamo a delle persone che siano garanti di valori MORALI che loro stessi si attribuiscono nel momento in cui devono farsi votare, insomma nel momento del bisogno…ma tt noi ci dimentichiamo del fatto che loro sono persone e come tali hanno la possibilità di sbagliare e di cadere in contraddizione cosi come c’è l’ha il fruttivendolo sottocasa:D…però la cosa strana è che tt si scandalizzino nel momento in cui la MATEMATICA da un risultato che proviene da uno studio e da una misurazione…be che dire?!?chi sbaglia??be a sbagliare miei cari amici siamo noi che crediamo di trovarci davanti a persone infallibili e che li difendiamo in qualsiasi momento…mentre dimentichiamo che anche loro SBAGLIANO…percio io nn sono scandalizzato dal fatto che ci sia droga in parlamento…figuriamoci se con tt i soldi che rubano a noi italiani nn possano trovare la strada libera nell’acquisto di materiale che solo nelle nostre menti nn dovrebbero acquistare…la cosa che da piu a pensare è che sono i primi ad incolpare noi giovani e che sono i primi a partecipare a trasmissioni, riempite di psicologi, che dimostrano come sia facile acquistare droga fuori da scuola o addirittura all’interno della stessa…eheh loro sono i classici personaggi da FAI COME TI DICO MA NN COME FACCIO…oddio con questo nn voglio dire che tt sono cosi…ma è ovvio che una parte di loro nn fa quello che noi vogliamo che faccia…poi ce la questione che LA LEGGE NN è UGUALE PER TT essi è proprio cosi…ce sempre chi se la svigna e prende per il C**O e guardacaso a svignarsela sono sempre i ricchi e potenti…poi vabbe questo è il paese degli scandali o presunti tali…si va dal CALCIO alla POLITICA passando per la FINANZA…hihih che bel paese…sembra ieri…CANNAVARO ALZA LA COPPA DEL MONDO e tt ad essere virtualmente con lui, felici, contenti e ORGOGLIOSI DI ESSERE ITALIANI…io ora nn è che lo sia tanto a dir la verità perche a sto punto che senso ha credere in persone che si fanno belle davanti ad una tv camera e che sotto sotto pensano a mettere in fila strisce di coca?!?hihi che bello eh?sono prorprio contento che ci siano persone cosi in italia…che almeno siano coerenti porca miseria…no loro sono quelli che hanno capito che devono BUCARE LO SCHERMO perche solo cosi il povero cittadino illuso viene fregato; dal tronde siamo nell’era dell’immagine…l’immagine solo quella!fino a quando si è modelle o modelli tt è ok ma i politici??nn voglio un politico che sa cosa significhi prendere per i fondelli milioni di elettori ma un politico che sia coerente con cio che dice e che nn lasci nulla al caso…vabbe forse cerco l’isola che nn ce…però mi consolo visto che ho solo 17anni…avrò la possibilità di trovarne di persone cosi…o almeno spero…

    1. anycamy

      amico vale461mito,sono daccordo con te.Il problema non è quello di sentirci scandalizzati dall’atteggiamento poco ONOREVOLE dei nostri rappresentanti. Io credo che ognuno di noi sa benissimo che a rappresentarci sono dei normali “uomini”, ma il fatto è questo:
      sono i nostri “onorevoli” a pensare di essere sovrannaturali e di conseguenza credono di poter fare quello che vogliono!
      Hanno fatto una legge sullo spaccio di droga e su chi ne fa uso ma il probplema e che loro si sentono esenti. Si sentono esenti dall’essere “uomini”, cittadini della repubblica italiana.
      Infondo di cosa ci lamentiamo! le mansioni sono equamente suddivise: loro sono pageti per fare le leggi e noi paghiamo per rispettarle! 😉

      1. LomFra

        A me ciò che infastidisce è la scarsa coerenza che hanno, votano emendamenti proibizionisti, ma sono i primi ad infrangerli, se quel 30% avanzasse proposte di legge coerenti al loro pensiero sull’argomento, avremmo come minimo la legalizzazione delle droghe leggere! è lo scarso senso di legalità da parte dei nostri rappresentanti che dovrebbe colpire, più che la giustezza morale dell’uso di stupefacenti! E qua caro titus mi ricollego agli onoratissimi del passato che dici tu, sicuramente avevano un senso maggiore della legalità, ma cmq il parlamento è lo spekkio, seppur grossolano, di un paese…

        1. titus

          Il mio disappunto stà nel fatto che, la moralità e la etica
          di questi “rappresentanti” delle istituzioni si dovrebbero vergognare solamente e non nascondersi dietro la privaci.
          Qui non si tratta di essere bigotti o altro, ma avere il senso delle istituzioni e della legge…
          Mi domando chi fa le leggi prima di tutto le per etica e morale le deve rispettare (anche se non le condivide)…
          Non è che si ha l’immunità parlamentare e ci si sente in diritto di fare ciò che si vuole….
          Che poi il parlamento sia lo specchio della società non è una scusante tanto è vero che ha monte dicim “U Pesc Afftesc Semb D’ACap” …Il pescse marcisce sempre dalla testa…
          Questa non può e non deve rappresentare per noi una magra consolazione e sopratutto una scusante per quei signori…
          Non mi voglio dilungare oltre tutto sulla loro ignoranza…
          Altro che test psico attitudinali… ci vorrebbero test di cultura generale e di educazione civica.
          Partendo che nessuno di noi è infallibbile, ed essendo umani
          con tutti i nostri pregi, difetti e limiti.
          Di qualsiasi schieramento essi facciano parte e questo è per inciso.

          1. ciffo

            Secondo me il vero scandalo non è nel fatto che i politici si drogano o sono ignoranti… una volta appurato che in parlamento siedono ladri e delinquenti con condanne definitive onestamente non riesco a scandalizzarmi per un onorevole che si fa uno spinello.
            Il vero scandalo è che c’è una legge elettorale che ha permesso ai capi-partito di scegliere a proprio piacimento chi piazzare in parlamento senza che noi cittadini potessimo realmente dare una nostra preferenza.

          2. Ape Maya

            Mi ricollego un attimo a quello che ha detto anycamy: i nostri parlamentari fanno le leggi ma si riservano il diritto di esserne esenti. Questo mi ha fatto subito venire in mente i costumi legislativi ai tempi dell’antica Grecia, precisamente durante il Medioevo Ellenico. I basileis che detenevano il potere, oltre a essere sovrani, capi militari e sacerdoti, erano anche legislatori. Allora la scrittura non c’era e le leggi chiaramente non erano scritte. Erano addirittura considerate sacre, emanate dalla divinità, quindi infrangibili. In realtà erano frutto dei basileis-sacerdoti. Quali conseguenze aveva ciò? Che i basileis modificavano le leggi a proprio piacimento: valevano per tutti, ma se toccavano loro venivano modificate. Allora nessuno poteva ribellarsi perchè un codice scritto vero e proprio non esisteva. Per questo, con l’età arcaica, si è cercato di mettere ordine, acclamando l’arrivo di legislatori che mettessero per iscritto leggi che fossero sotto gli occhi di tutti. Così effettivamente la legge non sarebbe stata più modificata a proprio uso e consumo.
            Mi chiedo: adesso le leggi sono scritte, i parlamentari che le fanno dovrebbero darsi una regolata nel rispettarle e temere che il popolo si ribelli ad eventuali ingiustizie. Perchè invece tutto ciò nn accade? Secondo me è colpa nostra, che lasciamo troppo agio ai politici di fare quello che vogliono e ci affidiamo troppo a persone che dovrebbero combattere per noi, ma non lo fanno, perchè forse forse, in base a giochi politici, dalle leggi possono essere esenti anche loro..
            Cosa fare? Questo è il dilemma..

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi