mercoledì 03 Giugno 2020

“Consulenze d’Italia, per esempio la Basilicata” di Gaudiano & Sangerardi, ed. Socrates

Come succede per i migliori best-seller il passaparola mi ha portato a conoscenza di questo libro. Una raccolta e un’analisi di atti e delibere del consiglio e della giunta della regione Basilicata nel periodo di tempo 2003-2005. Incuriosito oltremodo dai racconti di amici e conoscenti che lo avevano già letto mi sono fiondato in libreria per acquistarlo. Introvabile a Milano sono riuscito però a farmi prestare una copia che ho divorato in pochi giorni.
Ho potuto così avvicinarmi a un mondo sconosciuto. Quello degli appalti, incarichi, addendum, trattative, perizie della pubblica Amministrazione. I due autori analizzano ogni singolo documento che riescono ad ottenere dagli uffici pubblici e si pongono alcune domande riguardo l’utilità di ogni intervento e il vantaggio che ne deriva per la comunità.

Ad esempio si chiedono perché si procede a discutibili operazioni monetarie senza gare pubbliche d’appalto; perché e secondo quali canoni si ritiene l’università di Firenze più qualificata di quella lucana o dei più famosi politecnici di Milano, Torino e Bari; perché affidare a gruppi di lavoro esterni importanti e onerosi incarichi salvo poi ammettere la loro poca conoscenza della questione affiancandoli con funzionari regionali; perché si paga per rimuovere materiale inerte dai fiumi quando invece il materiale rimosso dovrebbe essere al contrario fonte di guadagno per la comunità.
Leggendo il libro si viene a conoscenza dei bilanci in rosso della AGROBIOS, di un’ambasciata lucana a Roma che ci costa milioni di euro, della gestione delle ASL con primariati inutili, strane relazioni tra giudicanti e giudicati, buffi concorsi e sconcertanti provvedimenti che arruolano persone con competenze accertate in campi del tutto diversi da quelli richiesti, incarichi strapagati e identici per mansioni a quelle di altri dirigenti, profumatamente pagati anche questi e a loro volta già doppioni per ruolo e mansioni uno dell’altro. Si leggono bandi che sembrano emanati ad personam che non indicano i criteri per scegliere tra più candidati e vinti poi dall’unica persona che (guarda caso, aggiungo io) ha partecipato.
Insomma una caterva di sprechi, mala gestione del denaro pubblico e conti che non tornano.

Il libro è difficile, molto tecnico, a volte ripetitivo ed è spesso arduo seguire il filo logico delle vicende raccontate a causa delle estese ramificazioni tra personaggi e linguaggio tecnico tipico dei documenti delle amministrazioni pubbliche. Manca un contraddittorio. Su alcune vicende sarebbe stato interessante leggere il parere e il punto di vista dei personaggi coinvolti. Una mancanza questa che può indurre a pensare che gli autori abbiano voluto togliersi qualche sassolino dalle scarpe. D’altro canto non si può certo ignorare che un atto deliberativo di un’amministrazione pubblica dovrebbe già contenere al suo interno tutti i dati necessari alla comprensione dell’utilità dei progetti finanziati. La trasparenza dovrebbe essere fondamentale per una pubblica amministrazione.

Questo libro va comprato e letto. Che si pensi che gli autori siano stati poco obiettivi o, al contrario, freddi cronisti, le informazioni che questi ci forniscono devono essere il bagaglio di ogni cittadino lucano. Informazioni che vanno magari approfondite e riviste ma assolutamente acquisite.


Commenti da Facebook

46 Commenti

  1. vince_ditaranto

    Sono contento che qualcuno abbia finalmente parlato di questo libro. E sono ancora più contento perchè a farlo è stato l’imparzialissimo Ciffo (in arte adamin), che sicuramente è tra i pochi a non poter sicuramente essere tacciato di appaertenenza!
    Che dire…leggetelo!! Sempre se riuscite a trovarlo!!!
    Il contenuto di questo libro è assolutamente sconcertante e sfido chiunque a darmi delle valide “giustificazioni” a tutto quello che è documentato! Ma la cosa forse ancora più sconcertante che deve far riflettere è la scarsa reperibilità del testo. Devo di nuovo tirar fuori la somiglianza dei nostri giorni con il medioevo, quando libri “scomodi” venivano messi all’indice e nessuno può o deve parlarne!!!!
    Finisco rivolgendomi al carissimo benpensante Falco, colui il quale era fiero del fatto che la Lucania fosse ai primi posti nel “spendere” i soldi della comunità europea. Legga il libro! Non penso ci sia niente di cui essere fieri se tutti i soldi sono stati spesi in maniera così scellerata!!!
    Chiunque è in grado di spen…..sperperare denaro in questo modo!!!!
    Buona giornata

    1. LomFra

      Un pò d tempo fà ne avevo parlato in un mio post… grazie per aver provveduto a pubblicarlo…

      Io avendolo letto non lo commento, spero ke chi lo legga si renderà conto di ciò che c circonda! Grande felix, libera le menti!

      1. gbraddi

        Caro amiconemico (calcisticamente parlando) Rogor, voglio quel libro. Non appena hai la possibilità fammi sapere. Ho voglia di verificare a quanti concorsi avrei potuto partecipare sapendo in partenza di aver già perso.

  2. Cinzia

    Conosco questo libro da tempi “non sospetti”. Me lo sono ritrovato tra le mani per vie traverse, senza nemmeno averlo cercato.
    E’ vero, i toni sono troppo infervorati per essere imparziali. Danno quasi l’impressione che chi scrive stia rosicando per non aver avuto il proprio pezzo di torta. Ma tant’è. Quello che conta è – toni esasperati o no – la gravità (sia in senso morale che sociale) di quello che il libro denuncia. Storie di abusi di potere, di macchinazioni e favoritismi perpetrati “alla luce del sole”, senza il minimo senso del pudore. Storie che alimentano l’indignazione e la rabbia di chi si vede soffiare un posto di lavoro solo perchè non è figlio/cugino/amico di…ed è costretto a partire, di chi è costretto a bussare a certe porte per portare quattro soldini a casa.
    Mi sembra strano, però, che tali storie non provochino l’indignazione di chi la giustizia dovrebbe rappresentarla ed applicarla e si occupa, invece, delle foto osè di Michelle Hunziker o dei baci rubati di Francesco Totti, scoop senza i quali noi, comuni mortali, riusciremmo tranquillamente a sopravvivere…

    1. michela

      Per mio conto, invece, conosco questo libro per la sua fama fin dall’estate, ma non sono mai riuscita ad averlo tra le mani.finalmente(GRAZIE CIFFO)posso averne almeno una conoscenza visiva.
      i commenti che ho ascoltato in giro concordano perfettamente con quanto dice Cinzia, ma alcuni mi hanno fatto venire il dubbio che chi non ha avuto il suo pezzo di torta stia rosicando non tanto perchè non l’ha ottenuto, ma perchè si è rifiutato di ottenerlo a quelle condizioni… situazione un pò diversa e più amara che dimostra quanto sia necessario, nella maggior parte dei casi, saper mandare giù cibo avariato pur di non morir di fame…perdonatemi le metafore spicciole…e allora cosa fare?
      Adeguarsi ai “mastri pasticcieri” o svelarne le ricette degne di denuncia all’ufficio igiene e a quello di difesa del consumatore?
      topobiche_81

  3. titus

    Concordo con ciffo,
    sui toni della scrittura, concordo con Cinzia che sembra che ha scriverlo siano due che rosicano…e sul resto del suo post.
    Non so se giudicarla un inchiesta giornalistica alla pari del Watergate…
    Si e parlato anche di una Norimberga lucana…Boh
    si dava per introvabile.
    AL Libro: No Comment
    Poi ogni lettore trarrà le proprie considerazioni.
    Buona Lettura…

      1. RoKKo77

        si ma pensi che leggendo il libro qualcuno cambierà testa?non penso proprio. al massimo diranno “e tanto i politici destra o sinistra so tutti uguali…” e continueranno a fare il loro lavoro di lingua al nostro amatissimo presidente!

  4. ZODD

    Walcome Lucania Beach, signori , 4 gatti x un’isola felice, terra di parchi,petrolio,acqua, mare turismo peske, e chi piu ne ha piu ne metta. tant’è ke je riocca che nn si sa come spendere tutto sto ben di Dio. ebbene signori miei ce gente che pensa a ciò , e lo fa solo x la vostra salute , il troppo stroppia o da alla capoccia… ci pensano loro a mirare in giuste manovre soldi provenienti da ogni ovunque :).. ricordate che lo fanno x la vostra salute. e che volete piu dalla vita siete pure Lucani ehehehehehheh a zappa vagabuond ca i sold nn stan sull’alvr’

    1. titus

      Mi ero ripromesso, di non dire nulla a tal propoosito.
      Ma come ci si può astenere.
      Credo che su questo argomento non ci sarà nessun contraddittorio, credo che nessuno vorrà dire qual’cosa, o elevarsi a difensore d’ufficio.
      Infatti, quando le notizie passano di bocca in bocca, quasi sottaciute, come se parlare ad alta voce implichi un foglio di via…
      Si può giudicare il modo di scrivere dei due scrittori, dei tecnicismi, del perchè hanno scritto questo libro, per filantropia o perchè non sono entrati ache loro nel gioco delle consulenze…queste sono supposizioni lecite ed opinabili. Ma stà di fatto che ciò che scrivono e tutto circostanziato, date, delibere riferimenti BURB,…
      Ci sarà, quasi sicuramente indignazione ed altro ma…
      finirà tutto quà.
      Ma signori miei riflettete, questa non è la norma, questo è ciò che ci vogliono far credere…oramai ci vogliono istituzionalizzare in un sistema creato a doc…
      Chiedetevi cari amici, da quanto tempo nei nostri enti non si svolgono concorsi, assunzioni etc.
      Datevi una risposta in merito.
      Quanti di noi sono fuori per necessità e/o scelta, perchè un posto di lavoro è stato occupato da una persona che prima di un titolo accademico, con specializzazioni e/o master, ha una tessera politica, che vale molto dippiù di anni di studio e sacrifici nostri e dei nostri genitori.
      Questa non è politica, questo è un sistema degno del nepotismo medioevale.
      Ecco perchè ho sempre asserito che la meritocrezia da noi non esiste, anzi prediligono “l’Utile Idiota”, messo li non fa domande ed opera….
      Qualcumo potrebbe “pensare” che questo mio scritto sia un proclama o abbia un secondo fine…e lo leggesse attentamente prima di chi o che sia di muovere una critica fuori luogo.
      Quindi, sono solamente pure considerazioni, non sussurate ma scritte. Guardando e osservando ciò che mi circonda.
      Buona giornata a tutti

      1. LomFra

        caro titus, tu dici “Chiedetevi cari amici, da quanto tempo nei nostri enti non si svolgono concorsi, assunzioni etc.
        Datevi una risposta in merito.”

        bene, piuttosto ke kiederci, perkè non KIEDIAMO, kiediamo spiegazioni, inondiamo di email il sito della regione, controfirmiamolo, (tanto peggio di così cosa ci potranno fare, e kissa in quanti si staranno facendo una risata), mandiamo lettere,

        manifestiamo, e soprattutto informiamo informiamo informiamoinformiamoinformiamoinformiamo… informiamo gente, informiamoli, senza fare il gioco di nessuno, accorgendoci dove ci stanno sfruttando …

         

        è forse il re del mondo che ci tiene prigioniero il cuore… (grazie franco battiato)
         

        ramingo errante

        1. vince_ditaranto

          Caro LomFra, la nuova tua versione di “ramingo errante” è molto più concreta e gradevole………ti appoggio in pieno.
          Prima fase, documentarsi sulla situazione degli ultimi 5 anni.
          Seconda fase, fissare velocemente i punti su cui si vogliono chiarimenti.
          Terza fase, inondazione di mail.

          A proposito, vorrei chiedere al caro adamin, se è possibile aprire una sezione apposita. ovvero una sezione in cui si raccolgono “domande” da fare alle nostre istituzioni sulle questioni che vengono fuori nelle nostre discussioni.
          una sezione divisa in tre parti: Comune, Provincia (anche se è un ente pressochè fantasma), Regione.
          Ben articolata potrebbe essere funzionale.
          Cosa ne dite?
          Buona giornata

  5. Jacobsen

    Cari amici di monte.net un saluto a tutti da un nuovo utente tra voi. Mi dispiace dover esordire subito con questo argomento, ma il libro l’ho letto ed astenersi dal commentarlo è davvero arduo. Mi correggo, ho iniziato a leggerlo ma poi intuendone l’andazzo, sconfortato, ho desistito. E’ questo il maggior danno che è stato prodotto: l’umiliazione continua degli onesti, il tradimento delle istituzioni verso i suoi cittadini migliori. Tutto ciò fa più paura dei concorsi farsa, dei posti di lavoro assegnati alla clientela elettorale, della politica dell’assistenzialismo, del persistere indisturbato della Prima Repubblica. In questo panorama la vera assente è la signora Meritocrazia. Si può cambiare questo scenario? Forse sì. Qualcuno diceva di sterminare l’intera classe politica. Non sono daccordo; la classe politica a tutti i livelli è figlia di un voto democratico. Deve cambiare la nostra mentalità , è bene che i giovani incomincino a preferire anche un futuro bollente piuttosto che quello tiepido garantito dai politici. Ci vorrà del tempo… Intanto l’unica soddisfazione restante a chi porta la “ Schiena Diritta” è quello di non essere costretto a continue genuflessioni davanti ai palazzi del potere.

    1. falco

      Innanzitutto scusatemi per la latitanza di questi giorni, impegni hanno impedito la mia presenza.

      Premetto subito che sono completamente d’accordo con tutti voi, mi ci specchio proprio, specialmente, con Jacobsen.

       Però, io ci  andrei piano e con i piedi di piombo e spiego il perchè:

       Mancanza di contraddittorio. Praticamente due signori, in piena campagna  elettorale scorsa ( elezioni politiche)  pubblicano questo libro. Hanno raccolto un pò di delibere e ,attenzione a questo passaggio, senza chiederne il perchè alle autorità che le hanno promulgate, vi hanno dato una loro interpretazione, direi ben circostanziata e tanto ben esposta da metterci  “solo”  una piccola pulce nell’orecchio, indignando giustamente l’opinione pubblica.

      Da parte mia non ci sarebbe nulla di strano , anzi ben venga la  resa pubblica dei provvedimenti dei nostri amministratori ed avere quindi, in base al loro operato,

      un ulteriore possibilità di giudizio finale per una eventuale loro riconferma.

      Ma se mi si pubblica un intero libro in piena campagna elettorale e guarda caso a pieno discapito e contro  chi era candidato alle elezioni politiche, qualche dubbio

      sulla buona fede di questa gente, credo legittimamante lo avrei. 

      O no?

      Alla luce di questo,

      secondo me, e sottolineo secondo me, non dovremmo, come Montescaglioso.net, 

      un sito pubblico e credo disinteressato,  renderci partecicipi ed amplificatori  di questa iniziativa, chiaramente di parte, senza un serio contraddittorio. Al momento della esposizione di questo argomento avremmo dovuto interessare anche la controparte per sentire la cosiddetta altra campana.

      Secondo me in questa maniera alziamo soltanto un polverone e diamo all’opinione pubblica un informazione di parte e direi monca. Quindi poichè gli indirizzi di posta elettronica dei nostri politici ed istituzioni sono di dominio pubblico, avrei preferito che il signor Admin avesse inviato, prima di chiedere un parere a tutta la comunità virtuale,  a nome di Monte-net, una mail di questa discussione per chiederne spiegazioni in merito. Avremmo dato, senza ombra di dubbio, un ottimo motivo di serenità alla discussione e sopratutto di completezza e pluralità.

      Quindi, nell’associarmi alla proposta di lomfra, integrerei la cosa con una richiesta ufficiale di spiegazioni e le loro controdeduzioni alle notizie del libro pubblicato, ripeto, in piena campagna elettorale.

      Un caro saluto di benvenuto a Jacobsen, con l’augurio di continuare a scrivere per arricchire ulteriormente questo sito.

      Arrisentirci.

       

       

       

       

       

       

       

       

      1. ZODD

        Falco, hai pienamente ragione su tutto. ma la domanda sporge spontanea , dobbiamo obbligatoriamente , anche se è giusto farlo, mandare una email? noi sappiamo che ci seguono , e ho visto anche che alcune parti nn ci hanno mika mandato una email quando in certe loro propagande pubblicarono una pagina del sito .. quindi perchè n parlano di loro se si dicono bagionate? nn hanno tempo? nn sanno nulla? nn sanno di monte net? e dire che nnsi parla d’altro ….. dimmi un po te ora 🙂 buona notte a tutti

      2. vince_ditaranto

        Caro Falco….non riesco a credere a quello che ho letto!!!!
        Stai negendo l’evidenza….è incredibile!!!!
        Condivido pienamente che gli autori del libro abbiano avuto delle motivazioni propagandistiche, e il fatto che hanno il “dente avvelenato” è abbastanza palese…per non dire che probabilmente, come dice Cinzia, non hanno avuto “un pezzo della torta” e si sono vendicati.
        Ma le motivazioni che possono aver mosso i due non inficiano “le informazioni” oggettive che il testo fornisce!!! Si sa che a volte per sapere le verità bisogna affidarsi a qualche “pentito”….
        E’ incredibile che tu possa tentennare, cercando ridicole giustificazioni……cacchio, abbiamo studiato, tranne qualche tecnicismo qua e la, il contenuto dei documenti è abbastanza evidente…..DOCUMENTI, falco, non considerazioni, o riflessioni, DOCUMENTI!
        Inoltre non posso non commentare la tua affermazione secondo la quale Admin non doveva pubblicare una recensione prima di aver chiesto chiarimenti!!! Ma ti rendi conto?
        Ti ricordo che, anche se molte volte non sembra, siamo in democrazia! Anzi, meno male che la cosa è venuta fuori in maniera esplicita, visto che per tanto tempo, non si sa perchè, tutti sapevano l’esistenza del libro ma nessuno ne parlava!
        Mi è sembrato di assistere alla seconda edizione del “Principe” di Macchiavelli….un volume bandito ufficialmente in tutto l’impero (parola non a caso) ma che tutti in fondo avevano letto e conservavavno sotto il cuscino.
        Svegliati fratello!

  6. falco

    Credo di non essere stato abbastanza chiaro.

    Ho detto, secondo me,

    è bene, affinchè una discussione sia equa, pacata e costruttiva, che si ascoltino tutte le campane e proprio perchè siamo in democrazia caro signor corvo.

    Stiamo utilizzando un sito pubblico, penso, ed il parere di una parte soltanto personalmente mi interessa poco, specie se reso  durante un periodo di propaganda quale quello elettorale.

    I cosiddetti documenti, sono documenti pubblici che tutti possono visionare. Sono atti pubblici a disposizione di tutti, non sono pergamene nascoste. Basta entrare nel sito, in questo caso, della regione e sfogliare un semplice BUR per poter leggere tutti i provvedimenti presi.

    Ho semplicemente suggerito di cercare di evitare inutili processi di tipo Kafkiano e sommari. Proprio perchè siamo in democrazia.

    A me non basta!!

    Qui non stiamo parlando, se il Milan andrà in serie B, ma dell’operato di persone,

    di accuse a persone che amministrano la cosa pubblica dove implicano inchieste giudiziarie e l’onorabilità degli stessi. Cose serie non acqua calda.

    IL FALCO 

     

     

     

    1. vince_ditaranto

      Nessun problema caro Falco, è ovvio che è “secondo te”!! Non preoccuparti sei stato chiaro, anzi chiarissimo……
      preferisci sentire tutte le campane….preferisci che i nostri amministratori, con la loro retorica populistica, ti spieghino e ti giurino che non è affatto come sembra, che tutto può essere spiegato, che tutto è stato fatto a norma di legge,…..che 1+1 non fa 2 ma fa 3.

    2. admin

      Falco pone un problema di corretta gestione delle notizie e della loro diffusione.
      Parliamone. E’ doveroso stabilire criteri di condotta in modo da poter eventualmente correggere il tiro per il futuro.

      Intanto vi dico la mia.
      Dovrei avvisare qualcuno prima di pubblicare una recensione? La mia opinione: assolutamente no!
      Prima questione di ordine pratico. Non sono un giornalista, monte.net non è repubblica.it, non esiste una redazione, tutti lavoriamo, il tempo è tiranno e sappiamo bene tutti quanto sia difficile aprire canali con le istituzioni.
      Ma queste sono sciocchezze.
      Il vero motivo è che secondo me in una democrazia le informazioni devono raggiungere il maggior numero di persone possibile. SEMPRE E COMUNQUE (almeno per quel che riguarda la cosa pubblica). E anche quelle informazioni che qualcuno potrebbe definire “di parte”. Non pensate che sia una ricchezza per noi tutti poter rivedere in TV sia Santoro che Biagi?
      E’ stato pubblicato un libro. Parla della nostra regione e di Montescaglioso. Non è questo un motivo sufficiente per informare la comunità montese della sua esistenza?
      Recensire questo libro equivale a fare un pubblico sommario processo? Non credo. Eventualmente sono gli autori a farlo e saranno gli autori del libro a prendersi le responsabilità di quello che hanno scritto difendendosi in tribunale qualora qualcuno dovesse denunciarli. Falco dice che è un libro pieno di propaganda elettorale. Bene. Sarò il primo a pubblicare la notizia che il libro è stato bloccato da un tribunale se questo dovesse accadere. Nel frattempo rimane un libro come tanti altri qui recensiti e l’opinione di falco rimane un’opinione e non un fatto. Rimane un fatto invece che questo libro esiste e dice cose gravi e che sia giusto che ognuno possa almeno conoscerne l’esistenza.
      Dovremmo sentire la controparte? Vero. Sarebbe bello poter leggere una seconda campana. Ma non credo dovremmo essere noi a cercarla preventivamente.
      Per fare un esempio. Dovremmo contattare Berlusconi per recensire “Il Caimano” o un libro di Travaglio? Dovremmo contattare dei partigiani per recensire l’ultimo libro di Pansa?
      Non credo proprio. E per rimanere nel locale. Avrei dovuto contattare prima l’assessore allo sport quando ho pubblicato la lettera di Rocco Vinzi molto polemica sulla gestione dello sport montese? Non mi sembra che lì falco hai avuto da ridire. Anche in quella situazione però si parlava di cattiva amministrazione della cosa pubblica e veniva presentata una visione parziale, una sola campana.
      L’importante invece secondo me non è il numero di campane ma solo che a suonare non sia sempre e solo la stessa.

      Chiudo con l’augurio che un canale con le istituzioni si riesca ad aprire ma che non sia la condizione necessaria per la pubblicazione di qualunque notizia.
      In tal senso Falco spero che tu o LomFra o chiunque altro riusciate ad arricchire la discussione contattando le persone giuste.
      A corvo dico… bella idea la tua. Ma oltre a proporla ti offri come volontario per raccogliere materiale facendo partire la prima fase?
      Per esempio a natale potresti andare in comune, chiedere le delibere degli ultimi anni, fotocopiarle e pubblicarle. Sarebbe una bella conquista permettere a tutti i cittadini di arrivare in maniera più semplice a conoscere nel dettaglio la gestione della cosa pubblica. E senza i ricami di nessuno.

      1. vince_ditaranto

        ….admin, sei stato perfetto come al solito! Riesci sempre a esprimerti con precisione ed efficacia, trovando le parole e gli esempi giusti. Sono ASSOLUTAMENTE daccordo con ogni tua sillaba. A volte il mio modo di esprimere i concetti è un po troppo passionale, mentre la tua pacatezza ti permette di mettere a fuoco meglio i problemi e nondimeno avere una efficacia comunque alta.

        Buona serata

        1. anycamy

          ciao a tutti mi intrometto VELOCEMENTE in questa discussione ora che i toni si sono un po ridimensionati.

           Credo che prima di discutere bisognerebbe leggere questo libro e poi…. Comunque concordo pienamente con admin ciffo.

          Quello che vorrei proporre in questa sede e spero di avere la possibilità di dialogare con tutti voi nelle vacanze natalizie, è di chiedere e pretendere di rendere più attivo il portale ufficiale ultra passivo del comune di Montescaglioso.

          Non mi sta assolutamente bene che qualcuno debba essere spedito tipo “corvo” in comune a visionare delle delibere che dovrebbero essere rese pubbliche.

          MI CHIEDO: “Il compiuter in ogni famiglia” avrà pure una sua utilità!?

          MI RICHIEDO come mai non ci sia nessuno al comune che aggiorni il sito. Potrebbe essere un buon inizio per la chiarezza e l’informazione.

          Pubblicando:

          -DELIBERE

          -PIANI REGOLATORI

          -FINANZIAMENTI

          -PROGETTI IN ATTO

          -SERVIZI -GARE D’APPALTO

          -ORDINANZE

          -ANAGRAFE

          -E CHI PIù NE HA PIù NE METTA

          basterebbe dare una occhiata ad altri siti comunali,tipo il sito del Comune di Parma, per avere una idea ben chiara di quello che dovrebbe essere un sito ufficiale. Non pretendo mica lo stesso livello ma almeno qualche informazione in più.

          Non mi dilungo ulteriormente e chiedo scusa per non essere più precisa ma mi auguro di trovare un pò più di tempo a breve.

          DOMANDA:qualcuno può spiegarmi cosa centra l’immagine del papa sul portale del Comune?

        2. falco

          Se mi permettete, non ritengo che quello sia un libro.

          O meglio lo è solo per il numero di pagine incollate una appresso all’altra.

          E’ un documento ben fatto e circostanziato di denuncia pubblicato, in un particolare momento della vita politica della regione, per un solo scopo, e sappiamo quale.  Sono d’accordo con tutti i commenti fatti in merito. Perchè chiunque si indignerebbe. Ma ricordate bene che alla pubblicazione di una semplice delibera segue un commento, di parte, dgli autori.

          Quello che io ho chiesto è soltanto un pò di prudenza da parte nostra, perchè possiamo non avere la responsabilità diretta ma abbiamo il dovere morale di essere equidistanti. Mi rivolgo naturalmente non a chi partecipa, e giustamente si indigna, ma a chi, chiunque esso sia, propone la discussione o post come voi lo chiamate.

          E’ vero che non siamo su Repubblica.it ,Però siamo su Montescagliso.net,  cambia poco. 

          Nel sito vi entra chiunque anche chi pochi secondi prima ha visitato Repubblica.it

          Quando si tratta un argomento alquanto delicato come questo, dove si tirano in ballo persone, ritengo giusto e utile che si propongano argomenti equidistanti  che non sia semplice propaganda dell’una o dell’altra parte evitanto  chi ci visita disinteressatamente a farsi un concetto sbagliato del sito, dandovi ingiustamente un indirizzo politico.

          Se voi volete domani vi metto a conoscenza del libro di marco travaglio, dove con atti di tribunale  ben circostanziati spiega come qualcuno ha fatto  soldi illecitamente (sempre secondo Marco Travaglio, però).

          Ma non lo faccio perchè lo riterrei strumentale. Ed infondo non utile alla discussione.

          Detto questo non parlo più su questo argomento.

          Alla prossima

          1. RoKKo77

            mi indigno solamente perchè i fatti restano sul libro e nn facciano mettere dietro le sbarre la sporca politica italiana!DA NN INTERPRETARE MALE STA FRASE!PARLO DEI POLITICI SPORCHI DI DESTRA O DI SINISTRA!SI PARLA DELLA BASILICATA?ALLORA VUOI O NN VUOI COME SI DICE IN UN DETTO “u pesc aff’tesc d’a cap!” e cio vuol dire che nn è giusto che a pagare sia sempre l usciere di turno che ha materialmente commesso un illecito ma a pagare forse è meglio che siano anche i mandanti!questo post nn è un je accuse a nessuno in particolare ma è solamente un modo per svegliare tanti utenti che scrivono di indignazioni per qualcuno che ha avuto coraggio di sputtanare l’abuso di potere nella nostra regione.allora o si dichiara che si è daccordo col loro metodo o si dichiara il contrario!altro che morale o principi, tutti a nascondersi dietro un dito quando si tratta di negare l’evidenza!

          2. admin

            Il mio paragone non era riferito al bacino di utenza (ovviamente diverso) o al fatto che sono entrambi siti pubblici. Semplicemente cercavo di farti notare che repubblica.it ha una redazione e noi no, che repubblica fa giornalismo e noi no. La nostra al massimo si può definire come una comunità di blogger. E se ti fai un giro per la rete i blog sono ormai visti come una nuova forma di comunicazione che si occupa della diffusione soprattutto di quelle notizie “trascurate” dai canali tradizionali. Ti immagini Beppe Grillo che prima di scrivere sul suo blog un articolo di Travaglio o Benni va a chiedere il permesso alle persone di cui loro parlano? D’altro canto Grillo pubblica sempre eventuali interventi o “correzioni” inviategli dai personaggi coinvolti. Quindi il dialogo esiste, la possibilità di sentire entrambe le campane c’è. Semplicemente non è PREVENTIVO. Saprebbe troppo di CENSURA.

            Infine ti invito a pubblicare la recensione dei libri di Travaglio. Lo farei io stesso. Conoscere è sempre una ricchezza per tutti noi. (e aggiungo…. magari ce ne fossero di Travaglio! ma questa è un’opinione personale)

      2. gbraddi

        Dopo aver letto gli innumerevoli post sull’argomento, l’ansia ed il desiderio di leggere questo libro aumenta sempre più. Le parole di Falco mi fanno pensare che in questo libro ci sono delle cose fuori dal mondo, visto che si cerca in tutti i modi di giustificare qualcosa che forse oggettivamente è così e basta ovvero scandaloso. Non voglio dire altro, ma voglio solo leggere questo libro, rimarcando il fatto che tutto si può dire al canacchine di Admin, ma non che sia di parte. La sua risposta all’accusa di mancanza di contradditorio è assolutamente perfetta.
        Comunque per par condicio stiamo aspettando che qualcuno pubblichi la recensione di un libro nel quale si dice che il concorso è stato vinto per titoli ed esami e non per “intuitu personae” …

        1. Wiseman

          Avevo deciso di non intervenire,

           però mi pare fuorviante che persone colte ed istruite,ancora girino attorno ad un problema che non esiste.

          Non c’è bisogno di Ciffo-Perry Mason o Ciffo-007, per capire che è tutto LEGALE, infatti questi signori,da quasi un ventennio, amministrano secondo leggi, magari qualcuna “ad misuram”, proposte,votate ed approvate da loro stessi,con la compiacenza dell’opposizione.

          Ecco perchè non scattano indagini e/o denunce.

          Secondo me,dovremmo solo chiederci se esista un confine tra legalità ed integrità morale,onestà intellettuale e, se questo confine è stato travalicato,io a tutti questi signori manderei un biglietto augurale con la copertina del libro e una dedica: SHAME ON YOU

          Auguri a tutti voi                         BUON NATALE

          1. admin

            Wiseman se non lo hai già fatto (ma credo di si dal tuo commento) ti consiglio di leggere “Il costo della democrazia” di Salvi e Villone.
            Falco, a scanso di ecquivoci… sto consigliando un libro scritto da due senatori di sinistra.

          2. ZODD

            falco , forse dal fatto stesso che sei un falco, o dal fatto che dici che il libro nn è reale , o dal fatto che alle volte attacchi la giunti comunale e nn la regionale, o dal fatto che nomini la f sperimentale, o dal fatto dell’esistenza di dualismi nel paese dalle radio alle banche, o dal fatto che sei un esperto botanico o farmacista , bho  l’istinto mi dice cosi 😎

            notte a tutti 

          3. falco

            due bande musicali – non banche ( non sapevo vi fossero bande di destra e di sinistra);

            Non mi risulta abbia mai attaccato la giunta comunale, anzi….!

            Mai parlato di libro irreale;

            Non conosco falchi di sinistra;

            Non mi sono autoiscritto ad una f , ma mi ci hanno messo.

            botanica e farmacia???

            Come al solito per poter dire cose che senti devi per forza avere una etichetta.

            E’ giusto?

            Chi non è con me è contro di me?

            Non saprei.

            Se volete potrei anche non intervenire più.

             

             

             

             

          4. admin

            Nessuno me lo ha detto e neanche mi interessa sapere quale sono le tue inclinazioni politiche. Ho detto che i due senatori autori del libro sono di sinistra. Volevo solo farti notare che dopo aver recensito un libro di autori di destra (almeno secondo te) stavo consigliando a Wiseman un libro di autori di sinistra (almeno siedono a sinistra in senato).
            Le etichette a me personalmente non interessano.
            Anzi penso che se stiamo discutendo su questo forum io e te è proprio perchè secondo te (credo di aver capito) con questa recensione senza aver contattato la controparte preventivamente corriamo il rischio di essere etichettati.
            Ma sono sicuro sei d’accordo con me che il limite è di chi etichetta allontanandosi non il nostro visto che riusciamo a dialogare ed arricchirci vicendevolmente.

            Aggiungo anche io una serie di ?????? al commento di ZODD.

          5. ZODD

            Falco data l’ora tarda ho errato nella scrivere bande x banche 🙁 ce ka ma fa … poi ti faccio le mie scuse se ti ho offeso non era mia intenzione era solo una mia ipotesi maturata seguendo i tuoi post , ho sbagliato avro kapito male? ok di nuovo scusa . e poi io nn voglio che tu vada via nn era mia intenzione e mi riscuso se lo sono sembrato . in parole povere falco ce faccim a natale? mi trovi in chat se vuoi discutiamo poi decidi tu.

          6. RoKKo77

            bello quel libro admin solo che salvi invece di pensare solo a scrivere poteva consigliare un po a Prodi e compagnia bella di applicare quelle parole scritte ma siccome nn conviene mandare a casa gente stipendiata dallo stato altrimenti si perdono voti allora resterà solo un sogno.compreso?

  7. Jacobsen

    Caro Falco ti ringrazio del tuo saluto di benvenuto, spero nel prossimo futuro di dare spesso il mio contributo al sito. Ti volevo dire che sono completamente daccordo con te quando dici che il libro non ha alcun contradditorio e che pertanto gli accusati avrebbero tutto il diritto di replicare. Concordo, inoltre, quando aggiungi ,tu come altri, che gli autori si ribellano ad una mancata spartizione della torta. Però mi viene spontaneo pensare: perché la torta deve essere spartita sempre in una maniera che definire poco chiara è un eufemismo. Possibile non ci sia altra soluzione!! Gli ingredienti di questa torta sono i soldi dei contribuenti, la salute dei cittadini, lo sviluppo della nostra desolata regione. Questo modo di fare politica ha prodotto una generazione di giovani orfani di ogni ideologia. Ma forse.. è proprio quello che si voleva. A noi l’unico sentimento rimasto è l’indignazione. P.S. Concordo con Amycamy sulla totale inefficienza del sito del Comune. Nel 2006 essere costretti a recarsi alla bacheca comunale per avere notizia di iniziative, bandi (che spesso “casualmente” escono in pieno Agosto) è davvero anacronistico.

    1. falco

      Concordo con te al 100% . Sono daccordo.

      Per quanto riguarda il sito del Comune (ottimo finchè era aggiornato), pare che non ci siano i fondi necessari per mantenerlo. Comunque finchè ha funzionato era una ottima iniziativa dell’amministrazione comunale. Bravi!

      1. ZODD

        we Falco e allora perche ci siamo noi? noi facciamo il resto abbiamo anche il loro link , del sito del comune nn devono far altro ke metter le fotine x ogni personaggio, e se vogliono come ben diceva anycami bandi concorsi ecc ecc, numeri di tel .. togliamo un banner xke lo ritengo ridicolo ilresto puo andare, storia, cultura , e quanto altro lo facciamo noi almeno ci proviamo 🙂 ok 🙂 se ci vogliono aiutare in qualche modo ben venga piu fonti, informazioni e materiale abbiamo meglio è x noi, x la comunita , e x chi nhe trae profitto . io ho appena rinnovato il contratto con aruba x altri due anni e mhe venuto a costare 50 euri, questo sito secondo te come si mantiene? questo sito sin dall’origine doveva essere quello del comune …. mha si pensva ad altro quando lo proposi…. buona giornata a tutti oggi so lunatico.

  8. Benedetto

    Ho conosciuto il contenuto di questo libro parecchi mesi fa… me ne ha parlato un ragazzo che ha studiato con molti sacrifici per diversi anni, partito da montescaglioso con l’intento di tornarci per costruire qui e non altrove la sua vita. Sembra proprio uno di noi, uno di quei ragazzi così maledettamente legati alla propria terra da fare il possibile pur di rimanerci… non vi parlerò della sua storia personale perchè è molto simile a quella di tutti noi: piccole gioie, delusioni, sofferenza, amici di sempre e passione per la musica…La domanda che vi pongo è questa?Volete sapere la verità o volete (GIUSTAMENTE) indignarvi per lo schifo che ci circonda?

    Quel ragazzo è stato ingiustamente inserito in quel libro… Se siete disposti ad accoglierla questa è una verità!

    Non so se tutto il resto sia falso o sia vero…so solo che se anche soltanto una volta è stata messa in discussione la dignità di una persona onesta, io non ci sto!

    Attenzione agli innocenti…

    1. vince_ditaranto

      Caro Benedetto, hai posto un problema serio.
      E’ vero, concordo con te.
      Spesso in questo tipo di “inchieste” ci finiscono persone che hanno poco o nulla a che fare con tutto il trambusto creato.
      Spesso un ruolo del tutto marginale viene messo in primo piano affinchè ci possa essere un capo espriatorio, qualcuno da punire eventualmente se le cose vanno male…..il tutto per far uscire indenni i veri fautori di tutta la faccenda.
      La storia del tuo amico mi tocca, credimi.
      Ma proviamo a fare qualche ipotesi per un momento. Perchè il nome di un “innocente” è finito in questa storia?
      Magari il tuo amico, dopo una vita di sacrifici, studi, e fatiche, pur di rimanere in Lucania è sceso ad un piccolo compromesso! Può essere!
      La sua colpa potrebbe essere davvero minima, ma se un nome salta fuori, credo che sia difficile pensare che non centri assolutamente nulla! Cmq è solo una mia considerazione, da “uomo della strada” se vogliamo.
      Io credo che a volte, applicando una sorta di “morale kantiana”, se si vuole davvero “punire” i colpevoli si corre il rischio di beccare anche 2 su cento che sono, passami il termine, “semicolpevoli”.E allora che fai? …e allora pazienza….. L’importante è che non si puniscano solo i “semicolpevoli”, solo i portaborse..!!!
      Tu cosa ne pensi?
      La mia è solo voglia di giustizia a tutti i costi?
      Non lo so.
      Spero che tu abbia capito il mio punto di vista. Aspetto tue considerazioni.
      Buona giornata.

      1. Benedetto

        Caro Corvo,

        innanzitutto lasciami dire che apprezzo la delicatezza con cui stai affrontando la questione (ovviamente non è una captatio benevolentiae,non ce ne sarebbe ragione).

        Hai scritto “proviamo a fare delle ipotesi”: la questione è che quello che ho scritto non è una ipotesi o una presa di posizione a favore di una persona cara ma, ti assicuro, è la realtà; certo, dovresti darmi fiducia sulla parola (scritta in questo caso), fai un po’ tu…le ragioni per cui una persona innocente dovrebbe finire in un libro del genere?potrebbero essere anche scaturite dall’invidia verso qualcuno che ricopre un ruolo importante? perché è più facile pensare, per questo , che sia stato messo lì da qualcuno e non che ci sia arrivato con le proprie forze? che ne pensi?Credi che sia una ipotesi da prendere in considerazione?

        Io sono uno studente con una media molto alta, studio a Potenza e addirittura alcuni miei colleghi sono giunti a pensare che i miei voti hanno qualcosa a che fare con il fatto che sono di MONTESCAGLIOSO (paese anche del sottosegretario!)…personalmente sono rimasto sconvolto, dovrei temere di finire anche io in un libro sulle raccomandazioni universitarie?!

        Per quanto riguarda la tua idea di “morale kantiana” ti posso solo dire che il problema è per me preservare anche una singola persona su cento, perchè ognuno è unico nella sua individualità, vita, affetti e non è giusto rovinare qualcuno come mezzo seppur per un fine maggiore: tutti gli uomini sono dei fini non dei mezzi.

        Per finire,(perdonami se mi sono dilungato troppo), anche Kant alla fine della sua filosofia ha dovuto inserire un “Regno dei fini” oltremondano perché i giusti potessero avere la loro ricompensa dal momento che non ne trovava riscontro sulla Terra… io cerco nel mio piccolo di difendere ciò che è giusto anche qui senza aspettare di vedere se questo regno esiste davvero!

        A presto e grazie per l’attenzione che hai prestato alle mie parole.

         

        1. anycamy

          ormai sembra di stare a porta a porta. Manca solo l’insetto. Assurdo! vorrei sapere quando decideremo di porre fine alle scaramuccie tra destra e sinistra. Di fare il gioco di chi vorrebbe comandarci e sfruttarci.Io sono del parere che non bisogna avere paura di affermare le proprie ideologie. Non è una colpa essere di sinistra ne tantomeno di destra. Leggo spesso fra le righe la paura di affermare i propri ideali. Forse stiamo perdendo il concetto di democrazia. Credo che gli ideali sia di destra che di sinistra siano entrambi da rispettare. Credo che ora dovremmo cercare di essere più costruttivi. Leggere prima di tutto il libro non sarebbe male. Analizzarlo senza pregiudizi e chiedere spiegazione in merito forse sarebbe un grande gesto di democrazia, inviterei i protagonisti del libro a farsi vivi. Credo che molti saranno stati coinvolti in buona fede, molti altri magari hanno peccato di superficialità, altri ancora si saranno detti “finalmente è arrivato il turno mio e quindi ne approfitto” ma ciò non toglie che sono avvenuti fatti non molto carini, nella nostra regione e non credo nella sola amministrazione di sinistra presa in esame nel famigerato libro. Mettersi sulla difensiva va bene ma non si può impedire l’informazione. Il sito è aperto a tutti e come tale tutti debbono poter intervenire a dire la propria ma non si può bloccare l’informazione, fare della controinformazione per partito preso spesso produce un brutto effetto vumerang. Non so se sono stata chiara ma era quello che in questo momento avevo in mente.

          1. RoKKo77

            Quando tu mi parli che molti nn vogliono scoprire i propri ideali è vero, ma la maggior parte di chi si comporta cosi è gente che cerca di strappare sempre qualcosina ai poteri forti politici, poi ci sono altre persone che questi legami a doppio taglio nn ce li hanno per fortuna con gli uomini politici e allora si possono permettere di accusare, mettendo in evidenza fatti spiacevoli ma che purtroppo succedono, sperando che la gente quando va in cabina elettorale abbia aperto gli occhi e sappia che debba iniziare a votare per volere politici nuovi che pensino ad amministrare con lealtà e per tutti i cittadini e non solo per questo o quello in base a quanti voti ti porta, ragionando alla giornata e non con delle vere idee di sviluppo.

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi