giovedì 26 aprile 2018

Murgia S. Andrea

Santuario Madonna della Murgia.  Cripta della Scaletta. Cisterna S. Andrea

Lunghezza: km 15. Tempi: intera giornata.

Varianti: eliminando il trasferimento a piedi da e per Montescaglioso, il percorso si riduce a km 6 con partenza e ritorno presso la cisterna di S. Andrea con durata limitata ad una mattina o a un pomeriggio.

Pernottamento: strutture ricettive di Montescaglioso. Pranzo: a sacco. Cena: locali tipici di Montescaglioso.

Guida e assistenza: operatori CEA Montescaglioso tel. 334.8360098, fax 0835201016) ceamonte@katamail.com

Una escursione a Murgia S. Andrea ( antica proprietà dell’abbazia benedettina di di S. Michele Arcangelo di Montescaglioso ), l’area meglio conservata del Parco Murgia Materana. 

Il percorso:

– Partenza dall’abbazia di Montescaglioso, il più grande monastero lucano. 

– Porta S. Angelo nella paizza antistante l’abbazia di Montescaglioso.

 – Sentiero Montescaglioso-Ginosa: attraversa imponenti formazioni di calanchi.

 – Ponte sul torrente Gravina lunga la strada messapica e tratto della sponda fluviale. 

– Tufare abbandonate di Murgia S. Andrea con imponenti resti della cavatura del tufo.

– Cisterna di S. Andrea scavata dai Marchesi di Montescaglioso nella metà del sec. XVII.

– Sponda sinistra della Gravina e affaccio sul grande ovile neolitico rupestre  delle Pianelle. – Cripta del Canarino  (sec. IX – X) con epigrafi medievali alcune attestanti il passaggio di ebrei convertiti al cristianesimo e le tracce di un insediamento neolitico.

– Cripta di S. Andrea con due absidi ed al centro un pilastro in tufo. 

 La Gravina dalla Madonna della Murgia.   Madonna della Murgia. Ipogei a Murgia S. Andrea. Grotte a S. Eustacchio.

– Cripta della Scaletta, ipogeo con un impianto bizantino: insieme alla chiesa anche la cella e la sepoltura dell’eremita.

– Canalone della Loe, completamente immerso nell’ombra del querceto.

– Scala rituale della Madonna della Loe. 137 gradini scavati nel tufo, spesso interrotti da resti di sepolture altomedievali. Sulle pareti, qualche cisterna a imbuto. per  Il santuario è – Santuario Madonna della Murgia: resti di alcune absidi;  un affresco medievale con la Madonna ed il Bambino, ridipinto nel sec. XIX. Ai lati della chiesa altre due grandi grotte con i resti di una necropoli altomedievale.

– Necropoli a casse scavata sul pianoro sovrastante la chiesa.

– Affacci panoramici lungo la sponda della Gravina.

– Insediamento rupestre di S. Eustachio. Due chiese e ben tre livelli di grotte con alcuni affreschi, databili tra i secc. XVI e XVII.  

Per il ritorno si utilizza il medesimo percorso ma dopo la MAdonna della Murgia si cambia direzione:

– Guado della Gravina presso la ex stazione di Montescaglioso.

–  Regio tratturo Matera – Montescaglioso con affacci sulla valle del Bradano.

– Boschi di Montevetere e rientro nell’abbazia di Montescaglioso.


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi