Ricorrenza 4 Novembre: giornata dell’unità nazionale e Forze Armate

L’Amministrazione Comunale di Montescaglioso ha degnamente celebrato la ricorrenza del 4 novembre, Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, con una cerimonia pubblica: dalla Casa Comunale è partito il corteo, alla cui testa erano poste il gonfalone cittadino ed una Corona d’alloro. Erano presenti il Sindaco di Montescaglioso Giuseppe Silvaggi, gli assessori e i consiglieri comunali, il vice presidente della Provincia di Matera Angelo Garbellano, rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Polizia Municipale e della Protezione Civile “Croce Amica”, i labari delle associazioni combattentistiche locali: ANCR (Ass. Nazionale Reduci e Combattenti), ANFCDG (Ass. Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in Guerra), Ass. Nazionale Reduci Prigionia e Guerra di Liberazione (ANRPGL). Il corteo, coordinato dal presidente provinciale e locale dell’ANCR Vito Salluce, accompagnato dall’esecuzione musicale del Concerto bandistico Città di Montescaglioso – A.G.M.L., dopo aver attraversato Corso della Repubblica, Via Sott.te Carriero, Via Garibaldi e Piazza Roma, ha raggiunto la Chiesa Madre dedicata ai SS. Apostoli Pietro e Paolo, dove il cappellano militare, arciprete don Vittorio Martinelli, insieme a don Domenico Monaciello, ha celebrato una S. Messa. Nella sua omelia don Vittorio ha ricordato come il rispetto delle leggi sia alla base dei nostri rapporti di convivenza civile; ha poi sottolineato come la nostra creazione, da parte del Signore, sia finalizzata alla convivenza nella pace e libertà. Ha poi fatto riferimento al sacrificio di quanti sono caduti per consentire alle nuove generazioni di vivere nella democrazia. L’assessore comunale alle Politiche Sociali Maddalena Ditaranto ha dato lettura della Preghiera per la Patria; in seguito ha preso la parola Rocco Mianulli, consigliere nazionale dell’ANFCDG, il quale ha ricordato i 650 mila caduti e il milione tra mutilati ed invalidi per la nostra Unità nazionale. Ha poi dedicato la cerimonia al giovane caporalmaggiore recentemente deceduto in Afghanistan, dove era impegnato in missione di pace. Il Sindaco di Montescaglioso Giuseppe Silvaggi ha sottolineato sia davvero difficile, in questo momento storico, svolgere il proprio lavoro per chi ha il compito di amministrare la cosa pubblica; ha, pertanto, riconosciuto delle notevoli affinità tra la situazione socio – economica dell’immediato Primo Dopoguerra e quella attuale. Ha quindi auspicato che possa essere trovata, oggi come allora, l’unità d’intenti e i valori che sono stati tramandati alle generazioni attuali e si possa lavorare insieme per il bene comune. Ha concluso ricordando l’esempio costituito da uomini come Salluce e Giuseppe Panico, altro ex combattente, assente alla cerimonia di Montescaglioso poiché nelle stesse ore doveva essere insignito di un’onorificenza dal Prefetto di Matera. Il presidente provinciale e locale dell’ANCR Vito Salluce ha chiesto un minuto di silenzio per le Forze Armate italiane impegnate in missioni di pace oltre i nostri confini nazionali: ha poi reso omaggio ai gloriosi caduti e alle eroiche popolazioni delle zone interessate dalle operazioni belliche. Ha ringraziato le Forze dell’Ordine e le Forze Armate, garanzia delle conquiste democratiche, per il loro impegno nel mantenimento della dell’ordine pubblico e della pace. Ha poi consegnato i Diplomi di Fedeltà agli ex combattenti giunti al loro 90° compleanno: sono state consegnati, oltre che allo stesso Salluce, ai signori Angelo Dell’Aglio e Pietro Ditaranto. Dopo la benedizione della corona, il corteo si è diretto verso Piazza del Popolo, dove è ubicato il Monumento ai Caduti, in prossimità del quale è stata deposta la Corona di alloro, momento solenne sottolineato dal Silenzio e dall’Inno Nazionale italiano.

Michele Marchitelli

  


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi