Lavori di ripristino del piano viabile Strada prov.le Montescaglioso – Piani Bradano.

COMUNICATO STAMPA – 04 LUGLIO 2014

Lavori di ripristino del piano viabile Strada prov.le Montescaglioso – Piani Bradano.

Il Sindaco della Città di Montescaglioso, Giuseppe Silvaggi, rende noto che si sta procedendo, tramite la procedura negoziata, visto il carattere di urgenza, all’affidamento dei lavori per il “Ripristino piano viabile della Strada Provinciale Montescaglioso – Piani Bradano”.

Le imprese invitate alla procedura negoziata sono le seguenti: Bitondo Pasquale e figli; Montemurro Vincenzo; Cifrese Rocco Luigi; Geoscavi s.r.l.; Lama di Milo s.r.l.

L’opera rientra nelle attività per il ripristino delle condizioni di viabilità dopo l’evento franoso verificatosi nel territorio di Montescaglioso lo scorso 03 dicembre 2013, che ha interessato Località Cinque Bocche e la Strada Scorrimento Veloce di collegamento tra l’abitato e Piani Bradano. Ufficio Stampa Comune di Montescaglioso (MT)


Commenti da Facebook

5 Commenti

  1. gianni

    Urgenze, interventi straordinari,  procedure negoziate…..tutto questo in Italia è ormai diventato ordinario. Il trucco è sperare nella disgrazia che ti consente di piangere per trovare la scusa per avere molti soldini, anche molto di più di quelli che in realtà servono. Tutto ciò ha sempre come unico obiettivo il consenso, tutto ciò serve a contribuire e alimentare i clientelismi che ad oggi, con la scusa della crisi, si alimenta già solo con qualche piccolo contentino. Magari l’opera costa 100 ma dovendo distribuire favori e contentini il costo arriva a 150, poi siccome l’amico controllore corrisponde allo stesso amico (o amico dell’amico!!) che ti ha dato l’appalto allora puoi tranquillamente realizzare l’opera a basso costo utilizzando materiale di bassa qualità. Stai sereno, non pensare che la pacchia finisce quando hai terminato l’opera, non preoccuparti, devi solo sperare che la prossima alluvione (causata dall’inquinamento degli industriali cattivi del Nord…la colpa è sempre degli altri!!!) vada a causare nuovamente interruzioni stradali. A quel punto il gioco ritorna al tuo amico politico che sa bene come piangere e come ritornare a far la vittima….il paese è in ginocchio, noi siamo poveri, aiutateci che stiamo per morire, servono interventi urgenti, interventi straordinari, procedure negoziate….insomma la storia si ripete. A napoli dicono…CHIAGN’E FOTT….SPERANDO CHE TUTTO CIÒ NON RIENTRI NEL NOSTRO CASO E CHE QUESTI INTERVENTI POSSANO VERAMENTE RISOLVERE IN MODO DEFINITIVO I PROBLEMI DELLA NOSTRA COMUNITA’. SERVE A MONTESCAGLIOSO RIPRISTINARE LA VIABILITÀ E SERVE ANCHE ALLE ISTITUZIONI RECUPERARE LA FIDUCIA DEI CITTADINI.

    Purtroppo in Italia abbiamo molti esempi di urgenze che poi nella realtà hanno dato vita a pratiche poco lecite…dalle grandi opere come il MOSE, EXPO, TERREMOTO, alle altre “piccole” emergenze. Recuperare la credibilità dei cittadini significa cambiare questo tipo di atteggiamento e la classe politica non può permettersi di continuare con il solito “vecchio modo di fare”. Credibilità significa anche informare i cittadini con la massima trasparenza possibile specificando tempi di realizzazione certi dell’opera ed i relativi costi. Per adesso prendiamoci questa buona notizia sperando il rispetto dei tempi e dei costi delle opere

  2. drago

    Gianni, dici cose giuste, ma l’ultima frase è sbagliata.

    ancora una volta vengono prese decisioni sulla frana senza considerare o consultare i cittadini. Di fronte a questo atteggiamento non si deve stare a guardare. Vogliamo essere informati non perchè vogliamo andare contro qualcuno, ma perchè abbiamo il diritto di controllare e sapere sull’evento più importante degli ultimi anni per il nostro paese. 

    I mezzi per fare una campagna di indignazione contro questo atteggiamento ci sono. C’è montescaglioso.net, twitter, fb, lettere,selfie ecc.

    Io su twitter l’ho scritto. (@MarioDimichino)

    1. gianni

      penso che quello che interessa maggiormente ai cittadini sia appunto il ripristino della viabilità, seppur con un percorsi differente, in tempi stretti, questa è la buona notizia. Penso che più di far decidere i cittadini su cosa e come fare dovrebbe essere compito degli amministratori informare con la massima trasparenza possibile. Due righe dell’ufficio stampa dove si usa il termine “procedura negoziata” senza specificare costi e tempi potrebbe indurre a “malipensieri” e ricordare altre situazioni negative.

      Non è possibile rimanere in silenzio per sei mesi continuando a piangere per i pochi soldi investiti. Ci sono altre frane in Italia ed anche in basilicata che non hanno avuto la stessa fortuna in termini di soldini investiti (ricordiamo che il governo ha finanziato solo ed esclusiavamente la frana di montescaglioso per 14 milioni di euro!!!). Non è possibile aspettare tutto questo tempo per una procedura negoziata che sostanzialmente esiste proprio per velocizzare i tempi . Sei mesi per decidere di risistemare tre tratti di asfalto da 200 metri l’uno…manco fosse l’autostrada del sole!!!!

  3. vince_ditaranto

    Proprio non ce la si fa!! Le vecchie abitudini sono dure a morire!

    Mentre qualcuno si sgola a ripetere a reti unificate che il paese sta cambiando verso, credo che quel qualcuno dovrebbe anche “avvisare” tutti gli altri suoi “compagni di strada”.

    Leggo questa frase e resto basito: 

    “……tramite la procedura negoziata, visto il carattere di urgenza,………”

    Ma che significa? Prima perdo tempo (e di tempo se ne è perso tanto) e poi dico che c’è urgenza? 

    Questo passaggio offende la logica. 

    Che necessità c’è di fare questa procedura? Dai, lo sanno anche i bambini che in questo tipo di “bandi” il rischio che ci si metta d’accordo è alto. Quanto tempo si perderebbe in più se si facesse normalmente, soprattutto considerato che si sono già persi 7 mesi?

    Tutto legale, tutto in regola, la legge lo prevede…per carità! Ma la trasparenza amministrativa, presente a chiare lettere nel programma del Sindaco Silvaggi, è un modus operandi che va oltre la legalità delle procedure. E’ un atteggiamento di ogni componente dell’amministrazione comunale che deve far in modo di fare 100 passi verso il cittadino affinchè neanche i più mal pensanti, e purtroppo per colpa deli partiti io sono fra questi, possa avere nessun tipo di sospetto sulla qualità e sulla intenzionalità dell’amministrazione pubblica.

    Ma di cosa stiamo parlando, se non rispndono neanche alle mail!!Sorpreso

     

    @vince_ditaranto

  4. Francesco Lomonaco FL

    Sabato 12 in Piazza Roma al Sindaco, a nome dei Cittadini che vogliono “cambiare verso” …

    Transizione Italia del Comitato Terre Joniche

    chiederemo :

    – di entrare a far parte del Tavolo Tecnico;

    – più strumenti di partecipazione;

    – uno spazio pubblico polivalente in affido per attività formative ed informative;

    – essere riconosciuti come organismo consultivo all’interno del Consiglio Comunale.

     

    Chiederemo all’Amministrazione Comunale e alSindaco di prendere atto che sono al governo della città in una compagine

    che non rappresenta più la LISTA CIVICA con la quale hanno ottenuto il consenso cittadino.

    Ora la sfida che il Sindaco deve raccogliere è quella di aprire le porte alla TRASPARENZA siamo sicuri che otterrà un rinnovato consenso.

    Questo atteggiamento non può che tradursi in rinnovata fiducia della collettività sia all’uomo (che grazie a Dio può modificare la realtà) , che al professionista (che può sbagliare),  ma soprattutto al politico (che è capace di cambiare verso).

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi