Tutti in strada per dire NO alle trivellazioni

Sabato 15 novembre alle 7:30 raduno del corteo in viale Giovanni XXIII per manifestare contro il decreto “sblocca italia” che prevede il raddoppio delle estrazioni petrolifere nella nostra regione e le trivellazioni in contrada Tre Confini. Noi del Movimento Cinque Stelle Montese aderiamo con forza alla manifestazione.


Commenti da Facebook

7 Commenti

  1. drago

    Vincenzo, hai perfettamente ragione, il servizio del Tg3 Basilicata è a dir poco discutibile.

    Non si può fare un servizio che mette in cattiva luce i ragazzi che protestano. Sono state poste domande non essenziali per la discussione.

    La giornalista dovrebbe chiedere scusa per il messaggio che è passato.

    @MarioDimichino

    1. Francesco Lomonaco FL

      Ahaha! La rete in risposta all’Articolo (della Maestrina MezzoBusto) … ha risposto anche con ironia …

      Ecco un piccolo VADEMECUM per gli Studenti

       

      Tutti i numeri. 

      (Il Bignami del Petrolio Lucano)

      La sintesi indispensabile da imparare a memoria per le interviste a sorpresa.

      BIGNAMI – Edizione tascabile 

       

      In Lucania insistono 

      – 11  titoli produttivi 

      di cui 

      – 9 a gas  e 

      – 2 ad olio greggio

      I titoli minerari vigenti sono: 
      – 10 Permessi di ricerca 

      – 20 concessioni di coltivazione e 1 concessione di stoccaggio.


      Al 31/12/2013 sono in attesa di definizione, nelle varie fasi procedimentali (4 step differenti) 

      – n. 19 istanze per il conferimento di nuovi titoli minerari: 

      – n. 18 riguardano Permessi di ricerca ed 

      – 1 è relativo a concessione per la coltivazione di giacimenti marginali.

      L’impatto su territorio non è dovuto 

      alle cartacce su esposte che girano tra tutti gli attori coinvolti 

      (Stato, Regione ed Enti vari) 

      ma riguardano questi dati:
      – N. 9 Centrali di raccolta e trattamento;
      – n. 39 Pozzi produttivi;
      – n. 88 pozzi ad altro utilizzo. 

      Per altro utilizzo si intende:

      – Pozzi potenzialmente produttivi ma non eroganti, 

      – pozzi di osservazione

      – pozzi di reiniezione.

      Di alcuni di questi ultimi 

      – “Pozzi ad altro utilizzo” 

      non si rinvengono notizie, 

      (sembrano destinati a seppellire i loro MORTACCI).

       

       

       

      Sempre al 31/12/13 la superficie del territorio Lucano interessata 

      in relazione ai titoli minerari vigenti è di 

      – 3.400,76 Kmq 

      su una superficie complessiva di 

      – 9.992 kmq.

      La produzione complessiva di gas naturale nell’anno 2013 

      è stata di 

      – 1.270.943.007 Smc 

      mentre i Kg. di olio greggio estratto è stato di 

      – 3.940.455.398.

      A soldi (royalties) come stiamo messi?

      Anno 2011 alla Regione Basilicata 

      – €.100.245.443,95, 

      ai Comuni interessati (Viggiano capofila) 

      €. 17.072.869,44.

       

      Studiamo 

      che la prossima volta è capace che ci interroga il preside.

      1. vince_ditaranto

        Grazie Franco,

        contributo informativo molto utile.

        Vorrei aggiungere un fantastico libro di un giornalista lucano, forse il più preparato di tutti, Pietro Dommarco.

        Il suo libro “Trivelle d’Italia” è un libro “necessario” per ogni lucano.

         

        @vince_ditaranto 

  2. drago

    Vincenzo, dal quotidiano della Basilicata si legge che si allarga la protesta contro il servizio della giornalista del tg3 basilicata Cinzia Grenci.

    Però il caporedattore Cantore ha pensato bene di fare un hastag iostoconcinziagrenci. Davvero incredibile

    @MarioDimichino

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi