Il pirogassificatore di Bernalda in località Pantanello

Comunicato Stampa gruppi opposizione del comune di Montescaglioso

Quello che sta accadendo ultimamente è un vero e proprio assalto al nostro territorio. Dopo la vicenda delle estrazioni petrolifere, infatti, è saltata fuori la questione del pirogassificatore nel territorio di Bernalda (località Pantanello) e che riguarda molto da vicino anche Montescaglioso. L’opposizione, anche su segnalazione del Movimento 5 Stelle, del “Comitato No Triv” e della Lista Tsipras” ha chiesto ed ottenuto la convocazione di un Consiglio Comunale aperto a tutti i cittadini che si è tenuto il 26 marzo e nel corso del quale si è discusso del problema e si è chiesto all’Amministrazione di presentare ricorso al TAR per bloccare questo ecomostro che dovrebbe sorgere a pochi passi dalle nostre case. Senza entrare nel merito di quanto accaduto in Consiglio Comunale, a noi preme spiegare ai cittadini la situazione e quali sono i rischi per la nostra comunità se si dovesse realizzare l’impianto.

Innanzitutto va chiarito che il pirogassificatore altro non è che un inceneritore di nuova generazione. In questo impianto vengono trattati tutta una serie di rifiuti che in parte sono impiegati per la produzione di fertilizzanti ed in parte sono bruciati per produrre “syngas” che a sua volta produce energia termica ed elettrica. I rifiuti utilizzati per questo tipo di impianto sono: frazione organica di rifiuti solidi urbani, rifiuti vegetali di provenienza agricola, scarti della lavorazione del legno, rifiuti vegetali derivanti da attività agro alimentari, rifiuti tessili di origine animale e vegetale, deiezioni animali, fanghi di depurazione delle industrie alimentari, ceneri di combustione di sanse e scarti vegetali.

Ma vediamo nello specifico il caso di Bernalda. Con delibera n° 1544 del 12 dicembre 2014, la Regione Basilicata ha espresso il giudizio favorevole di compatibilità ambientale, autorizzazione paesaggistica e autorizzazione alle emissioni in atmosfera relativamente al “Progetto per la costruzione e l’esercizio di un impianto di recupero di rifiuti destinati al riutilizzo con produzione di CSS (Combustibile Solido Secondario) per l’alimentazione di gassogeno e valorizzazione energetica da realizzare in Zona SIN in località Pantanello nel Comune di Bernalda (MT)”. L’impianto proposto, ricade all’interno del Piano Territoriale Paesistico di Area Vasta (PP.TT.MM) “Metaponto” che comprende nove comuni: Scanzano Jonico, Policoro, Montalbano Jonico, Nova Siri, Bernalda, Pisticci, Rotondella, Montescaglioso e Tursi.

La capacità totale dell’impianto, prevede l’ingresso e il trattamento di 32.000 tonnellate anno di rifiuti, così suddivisi: 10.000 t/anno per ottenere il fertilizzante; 20.080 t/anno per produrre energia elettrica e termica; 1920 t/anno separati e non utilizzabili nel processo (metalli, inerti ecc). Dai dati ufficiali dell’ISPRA sappiamo che nel 2013 la provincia di Matera ha prodotto un totale di rifiuti da raccolta differenziata pari a 16.465 tonnellate. A questo punto sorgono delle domande:

1. Se per l’intero territorio provinciale di Matera si producono ton. 16.465 di raccolta differenziata, perché l’impianto ha una capacita di ton. 32.000, cioè quasi il doppio?

2. Se per l’intero territorio provinciale di Matera, la frazione organica prodotta è pari 4.725 tonnellate (16.465×28,70%), perché l’impianto ha una capacità di 10.000 tonnellate, oltre il doppio?

Ebbene, basta leggere quanto riportato a pag. 4 del Verbale del Comitato Tecnico Regionale per l’Ambiente, allegato alla delibera regionale di autorizzazione, che ad un certo punto, nel parlare dell’ubicazione dell’impianto testualmente riporta “L’impianto sarà realizzato nelle vicinanze del centro di raccolta dei rifiuti differenziati urbani, in un’area baricentrica rispetto alla Puglia e alla Calabria e facilmente raggiungibile anche dalla Campania; tutte regioni che manifestano esigenze di conferimento dei propri rifiuti differenziati”

Per intenderci, DIVENTEREMO la PATTUMIERA DELL’ITALIA MERIDIONALE.

Chi è favorevole alla realizzazione di questi impianti (in genere privati come nel caso di Bernalda e che quindi mirano solo ai propri interessi) ne parla come qualcosa di straordinario ma la realtà è ben di versa. Vediamo quali sono i problemi più evidenti:

 

  1. Prima di tutto i rifiuti non vengono totalmente eliminati ma sul totale del peso dei rifiuti bruciati in un inceneritore rimane comunque circa il 30% in peso di scorie e ceneri che devono essere smaltite.

  2. I processi di distruzione a caldo dei rifiuti producono nano polveri, diossine, ed altre sostanze tossiche. Queste sostanze possono essere inalate o entrare nella catena alimentare dell’uomo ad esempio attraverso gli alimenti contaminati prodotti con il latte delle mucche che pascolano nelle zone sottoposte a inquinamento, oppure attraverso i prodotti agricoli coltivati nelle zone raggiunte da queste emissioni. Le patologie derivanti sono cancro, malformazioni fetali, Parkinson, Alzheimer, infarto e ictus. Lo comprovano migliaia di studi scientifici.

  3. Gli inceneritori vengono finanziati da ingenti fondi pubblici (i cosiddetti CIP6, contributi CONAI, certificati verdi) attraverso una voce inserita sulla bolletta ENEL che tutti noi paghiamo.

  4. L’incenerimento è un sistema che fa guadagnare solo i costruttori e i gestori degli impianti e non risolve il “problema rifiuti”.

  5. La tendenza Europea è quella di migliorare il recupero ed il riciclo dei rifiuti perché tutti gli studi confermano che utilizzare i rifiuti per produrre energia non è conveniente.

  6. Diversi paesi che in passato hanno investito sull’incenerimento hanno serie difficoltà ad approvvigionarsi di rifiuto idoneo agli impianti e ricorrono all’import dall’estero.

  7. La ricaduta occupazionale di questi impianti è pari a zero. Per ogni persona impiegata in un inceneritore se ne generano 15 nella raccolta differenziata (fonte Conai). Con la raccolta differenziata si generano 2 posti di lavoro ogni 1.000 abitanti.

  8. Nelle zone dove vengono realizzati questi impianti, si assiste sempre ad una svalutazione del valore degli immobili perchè nessuno vuole abitare in aree contaminate.

  9. La nostra area ha una vocazione turistica e agricola. Un inceneritore peggiorerà la qualità della flora, della fauna, del paesaggio e quindi l’ambiente che le aziende turistiche offrono ai visitatori.

 

Ecco perché come opposizione abbiamo chiesto un Consiglio Comunale straordinario che si è tenuto il 26 marzo e nel corso del quale abbiamo ottenuto l’importante vittoria di far votare all’unanimità i seguenti provvedimenti:

1. ASSOLUTA CONTRARIETA’ a impianti di trattamento rifiuti di qualsiasi genere (anche futuri), sia sul proprio territorio che in quello dei comuni limitrofi, a tutela della salute pubblica, dell’ambiente e dell’economia;

2. ATTO DI INDIRZZO PER LA COSTITUZIONE IN GIUDIZIO presso il TAR di Basilicata, contro l’approvazione del provvedimento di autorizzazione, a supporto del Comune di Bernalda e delle associazioni ambientaliste, da trasmettere alla Giunta Comunale per l’attuazione immediata”;

3. Di presentare ricorso al Presidente della Repubblica contro l’approvazione del provvedimento di autorizzazione (accogliendo la proposta del Movimento NO TRIV di Montescaglioso);

4. Che il Comune di Montescaglioso si assuma l’onore di farsi promotore anche presso gli altri comuni coinvolti dalla questione del pirogassificatore, di tutte quelle iniziative volte a bloccare la realizzazione dell’impianto.

 

Ci piace ricordare quanto ha affermato un nostro concittadino, il Dr. Rocco Leone, Sindaco di Policoro che ha dichiarato: Invece di difendere e promuovere il territorio, ci si trova di fronte ad un “amministratore-progettista” di centrosinistra che anziché essere guardiano del territorio fa un progetto che spinge per questo disegno e la politica, che dovrebbe essere la massima espressione dell’uomo, diventa cannibalismo terribile che non guarda al territorio né all’uomo, ma saccheggia e prende quello che può” .

“A noi peraltro non interessa che il nostro Sindaco sia anche il progettista del pirogassificatore, non intendiamo spostare i riflettori su questo macroscopico conflitto di interesse. L’importanza della questione non lo merita. Non siamo contro il Sindaco perché siamo oltre il Sindaco, semplicemente accanto ai cittadini ed ai comitati, a difesa dell’integrità del nostro territorio e della nostra salute. Dobbiamo strenuamente respingere la subdola idea che gli insediamenti estrattivi e gli opifici ad alto impatto inquinante possano tuttavia apportare benefici economici al territorio.

Nessuno può pensare di monetizzare la salute dei nostri figli. Non lo consentiremo”

 

I capigruppo di opposizione Montescaglioso 29/03/2015

Avv. Rocco Ditaranto
Geom. Vincenzo Zito
Dott. Pietro Buonsanti


Commenti da Facebook

6 Commenti

  1. Francesco Lomonaco FL

    Il Tar Basilicata rigetta il ricorso della società del CSS a Metaponto ed accoglie istanza del WWF. Fissata la data dell’udienza nel merito. Bravissimi ai membri del Comitato no pirogassificatore a Metaponto che insieme al WWF aveva chiesto al TAR Basilicata la la sospensione dell’efficacia della deliberazione della Giunta Regionale n. 1544 del 12 dicembre 2014, avente ad oggetto giudizio favorevole di compatibiltà ambientale, autorizzazione paesaggistica e autorizzazione alle emissioni in atmosfera, relativamente al “progetto per la costruzione e l’esercizio di un impianto di recupero rifiuti destinati al riutilizzo con produzione di CSS per l’alimentazione di un gassogeno e valorizzazione energetica da realizzare nella zona sin in loc. Pantanello nel comune di Bernalda”

    Da un comunicato a firma OLA BASILICATA si apprende inoltre che…

    Il TAR Basilicata ha “ritenuto, altresì, necessario ai fini del decidere, disporre l’acquisizione, ai sensi dell’art. 64, n. 3, cod. proc. amm., di una dettagliata relazione istruttoria concernente i fatti di causa, anche in relazione al profilo della valutazione d’incidenza, nonché copia dei documenti richiamati nel provvedimento impugnato; a detto adempimento debba provvedere la Regione Basilicata, in persona del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale, o suo delegato, mediante deposito dei predetti atti presso la segreteria di questo Tribunale, in triplice copia e su supporto informatico, nel termine di giorni trenta dalla comunicazione in via amministrativa della presente ordinanza“.

    L’udienza nel merito è stata fissata dal TAR Basilicata per il giorno 4 Novembre 2015

    Chissà se l’Amministrazione Comunale di MONTESCAGLIOSO sta procedendo alla redazione del RICORSO al PRESIDENTE della Repubblica. Sarebbe una ulteriore garanzia a salvaguardia di un TERRITORIO già fragile.

    http://www.olambientalista.it/?p=38310

  2. Francesco Lomonaco FL

    PIROGASSIFICATORE

    L’impegno solenne a redigere un RICORSO FORMALE rivolto al PRESIDENTE della Republica era stato assunto dal SINDACO Ing. Giuseppe Silvaggi alla presenza

    del Presidente del Consiglio,

    del Segretario Comunale,

    dei  Consiglieri,

    delle Forze dell’Ordine,

    dei Vigili Urbani e

    della Cittadinanza.

    Era stato assunto in sede di Consiglio Comunale “APERTO” del 26 Marzo (alla data odierna sono passati 30 giorni).

     

    – In 30 GIORNI

    Chissà se il Sindaco avrà trovato 1 solo GIORNO di tempo per redigere una missiva rivolta al PRESIDENTE della REPUBBLICA.

    Forse in 30 GIORNI non è stato capace di articolare un RICORSO formale  in cui, a nome dell’intera comunità che rappresenta, si chiedesse l’annullamento della realizzazione del Pirogassificatore.

    – In 720 ORE

    Chissà se il Sindaco avrà avuto qualche ORA di tempo per scrivere al PRESIDENTE della REPUBBLICA.

    Forse in 720 ORE non è stato in grado di formulare un RICORSO formale  in cui, per conto della comunità che ha il dovere di tutelare, si avanzasse la richiesta di  annullamento del progetto “Pirogassificatore”.

    – In 43.mila e 200 minuti

    Chissà se il Sindaco  avrà trovato un solo MINUTO di tempo per far giungere al  PRESIDENTE della REPUBBLICA una nota.

    Forse in 43milae 200 minuti non è stato in grado di sintetizzare un RICORSO formale  in cui, si assumesse la responsabilità di Primo Cittadino, chiedendo il diritto di OPPOSIZIONE alla realizzazione del Pirogassificatore.

    – In 2 Milioni e 592 mila secondi

    Chissà se il Sindaco avrà trovato qualche ISTANTE di tempo per inviare una mail certificata al PRESIDENTE della REPUBBLICA.

    Forse in 2milionie592mila secondi non è stato in grado di fare un Click per inviare allo STAFF dell’Avvocatura del Presidente della Rpubblica un RICORSO formale  in cui, in qualità di rappresentante del Governo Locale, chiedesse la TUTELA della SALUTE dei figli di questa terra.

     

    ______________________________________

    Amara considerazione: chissà quanto tempo ha impiegato il Sindaco (nelle vesti di Professionista Responsabile del Progetto Pirogassificatore) ad apporre la sua firma in calce alla “Memoria Difensiva” che l’Azienda Lucania Ambiente ha inviato al TAR di Basilicata… solo qualche giorno fa.

  3. Francesco Lomonaco FL

    Il Sindaco paga (con i nostri soldi) un Avvocato per un RICORSO al TAR… 

    Un ricorso contro se stesso. (Il Primo Cittadino è infatti l’ingegnere che ha firmato il progetto che il procedimento chiede di annullare).

    Ma non è solo questo … la beffa è che si è IGNORATA la volontà del Consiglio Comunale che all’UNANIMITA’ chiedeva di avviare un semplice RICORSO al PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA… a costo ZERO.

  4. Pingback: CREMATORIO A MONTESCAGLIOSO: PIETRA TOMBALE SUL NOSTRO FUTURO | Montescaglioso.net

  5. Pingback: MONTESCAGLIOSO IN RIVOLTA CONTRO IL FORNO CREMATOIO - Talenti Lucani - Passaggio a Sud

  6. Pingback: MONTESCAGLIOSO IN RIVOLTA CONTRO IL FORNO CREMATORIO - Talenti Lucani - Passaggio a Sud

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi