LA DEMOCRAZIA UNITAMENTE AL POPOLO FORMANO

LA DEMOCRAZIA UNITAMENTE AL POPOLO FORMANO UN PRESUPPOSTO IMPORTANTE E STRAORDINARIO

 

Senza alcun dubbio e senza diserzioni di parole possiamo senz’altro ritenerci orgogliosi della nostra Italia. Con profondo rammarico assistiamo che, quotidianamente padri di famiglia senza lavoro e giovani senza speranza, costretti spesso ad emigrare pur di vedere riconosciuto il loro valore. E’ a loro che dobbiamo, tutti donare uno sguardo proteso verso il futuro, la capacità di progettare un domani migliore. Possiamo farlo, tutti insieme attraverso la condivisione, la fratellanza e la partecipazione. E’ importante la costruzione di un percorso comune. L’abbattimento di divisioni e di personalismi che rischiano di limitare lo sviluppo. Deve essere tutelata la territorialità, così come la continuità occupazionale e credo proprio che siano elementi importanti. Un mondo alla rovescia. Non prendiamoci in giro. Siamo in presenza delle vecchie baldorie finanziarie. L’irresponsabilità assoluta nella gestione del pubblico denaro. Parliamo della questione più seria: LA DISOCCUPAZIONE. Bisogna ridurre o eliminare le disuguaglianze, solo così può rimettersi in moto l’ascensore sociale. E’ gravissimo che, 4.000.000 di Italiani sono sulla soglia della povertà. Stiamo perdendo tanto tempo prezioso lasciando irrisolti temi importanti. Si perdono migliaia di giovani. Rapidamente vorrei occuparmi in forma breve della politica italiana a largo raggio, da Catania a Domodossola e viceversa. Decisamente i riflettori si sono spenti alla Camera dei Deputati e al Senato. Vorrei chiedere alle Istituzioni di vertice, cortesemente, la Politica è di proprietà del Popolo. Nei partiti politici esiste una confusione da far paura. Sono completamente inesistenti. Allora è facile dedurre che improvvisamente un gruppo di persone messi insieme hanno formato un “MOVIMENTO” che, chiamansi “5 Stelle”, i quali, governano in tanti Comuni Italiani. I cittadini sono stanchi di ascoltare sempre “SCANDALI” continui e gli “arricchimenti facili”. Non esiste il rapporto “CITTADINO-ISTITUZIONI”. Le persone pagano le tasse e hanno diritto di ottenere i SERVIZI. Ed ecco come vengono fuori, giustamente i “MOVIMENTI”. Mi preme sottolineare che, è importante prendere esempio da quel GRANDE UOMO, Alcide De Gasperi, titolare di cattedra, materie letterarie, Università di Trento. Diede la Democrazia all’Italia e successivamente morì a Trento in una casa in fitto. Ci portò al PATTO ATLANTICO (al Dollaro) e non a quello di VARSAVIA (Rubli, la fame). Inoltre le pensioni della povera gente vanno assolutamente aumentate per affrontare dignitosamente il costo della vita. La rovina dell’Italia sono gli sprechi e lo sciupio nell’Amministrazione Pubblica, a qualsiasi livello. Senza il Patto Atlantico, l’Europa e l’Italia avrebbero forse fatto la fine della Corea. Gli Elettori con il loro voto devono dire che a reggere l’Italia, ci vogliono persone ONESTE, disinteressate, competenti e non devono cercare l’interesse individuale, ma sempre e soltanto l’interesse del Popolo che attende di essere guidato verso una via più giusta. Vogliamo uno Stato presente, uno Stato che ci tuteli. Non vogliamo una politica di Serie “B” o di Serie “A”. vogliamo una politica di un’unica Serie. Vogliamo la politica delle Riforme. Per tutto quanto in premessa descritto mi preme sottolineare che, non bisogna mai allontanarsi dalla povera Gente e da tutte quelle persone che lavorano dall’Alba all’altra Alba. Lo Stato Italiano si sta logorando pezzo per pezzo in quanto, paga benissimo poche persone e invece, paga malissimo tantissime persone (vedi 400 € mensili). Purtroppo siamo arrivati all’ultima spiaggia, quella famosa che improvvisamente non ha dato alcun risultato cioè, alla “SILENZIOSA DEMOLIZIONE DELLA DEMOCRAZIA ITALIANA”.

PURTROPPO, LA BASILICATA E’ RICCA SOTTO E POVERA SOPRA

–          EVVIVA LA BASILICATA

–          EVVIVA L’ITALIA

 

              D’AMBROSIO MAURO                             

               Tel 333 8712212


Commenti da Facebook

1 Commmento

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi