martedì 24 Novembre 2020

“Non commettere atti impuri”…a chi?

Non saperi prorpio da dove cominciare…ho l’imbarazzo della scelta

Il rogo delle streghe cattoliche  
  Al nuovo oscurantismo secolarista i porno-pedo-media tracciano la rotta

Certo che esistono preti capaci di abusi sessuali, omosessuali e pedofili. Come esistono laici, in ogni settore della vita privata e della vita civile, capaci di ridurre a strumento il corpo di un altro. La differenza, semmai, sta nel fatto, segnalato da un’invettiva di Francesco Agnoli su queste colonne, che per i cattolici questo abuso è indubitabilmente peccato, mentre per la morale laica è sempre più difficile fissare un confine che divida un amore diverso da un’offesa all’umanità e ai diritti dell’altro, e in particolare del bambino o della bambina. In Olanda, accanto alla legislazione matrimoniale tra le più variegate e libere del mondo, è sorto in nome della libertà un partito che intende riabilitare il concetto e la pratica della pederastia. Nella tradizione greco-pagana e romana, prima del cristianesimo, l’amore e il libero desiderio per i fanciulli e le fanciulle erano d’altra parte uno dei codici poetici e filosofici nobili della vita associata. Ma ora il mondo di Lolita e del marchese De Sade rovescia il proprio libertinismo, sia nella sua versione letteraria alta sia in quella bassa, semplicemente morbosa e brutale, in una caccia alle streghe cattoliche, nel rogo ideologico di un’istituzione, il sacerdozio, che la Riforma protestante e gli spiriti protestanti del mondo moderno rigettano in nome del sacerdozio universale, nel quadro di un attacco illiberale ai sacramenti e alla tradizione della chiesa fondata da Gesù Cristo. Una campagna vergognosa la cui rotta è tracciata invariabilmente dai media pedo-pornografici, con le facce imbellettate e i capelli imbionditi dall’henné a testimoniare il diritto alla generalizzazione, alla diffamazione specifica, all’insinuazione, al delirio morboso che trasforma fatti precisi in fenomeni diffusi e fuori controllo, adombra complicità per ogni dove, punta in alto per attaccare il clero come tale e rimodellare la chiesa dall’interno secondo i dogmi fanatici della cultura secolarista. Primo dogma lo share.
Siamo appena usciti dal Grande Fratello Pedofilo di Rignano Flaminio, non abbiamo ancora elaborato il lutto di un’indagine che ha fatto strame di persone umane e di bambini vessati dalle fobie adulte senza uno straccio di prova, in omaggio al culto morboso dell’antipedofilia militante, ed ecco che l’amore dovuto ai piccoli diventa strumento d’attacco calunnioso in odio ai preti e a quel che significano di diverso, di irriducibile, nel mondo moderno. Laicisti Torquemada da strapazzo, che hanno fatto fuori un cattolico da un incarico pubblico in Europa accusandolo di aver usato la parola peccato, pur ben distinta dalla parola reato, importano in Italia al livello più basso, la programmazione di quell’azienda culturalmente fallita che è la Rai, un banale volantino anticlericale confezionato da quell’azienda civilmente fallita che è la Bbc, tribuna di tutte le calunnie sulla guerra e sulla pace. Buona visione.

(01/06/2007)” tratto da un editoriale de “Il foglio” di Giuliano Ferrara

Vi invito a leggere il libro di Padre Livio Fanzaga – Andrea Tornielli, Attacco alla Chiesa

e non solo ma anche Critisnesimo controcorrente dello stesso autore, resto senza parole davanti alla superficialità con cui un po per ignoranza ed un po per colpevole anticlericalismo si è mandato in onda un documentario, che sembra più una scadente fiction mediaset, è raccapricciante che davanti ad una manifesta bufala per la quale la bbc ha già raddrizzato il tiro chiedendo scusa in italia si voglia sollevare un polverone anticlericale degno di Diderot e Voltaire oppure degli italici della Gran loggia d’Italia,

a che pro?per colpire chi?dopo lo scandalo del codice davinci ci serve qualcosa a cui appassionarci sotto gli ombrelloni?diceva Totò “ma mi faccia il piacere…!”

Capisco il patriottismo di taluni amici compagni,(termine desueto…) ma di qui a dire di Ratzinger che è un isabbiatore…protettore di preti pedofili…passa tutto lo zolfo di cui il satana è capace, ma nessuno nega

1) che ci siano sacerdoti che delinquano in tal senso(sexula crime…)

2) che il segreto della confessione resti tale, (cfr. catechismo della chiesa cattolica…http://www.vatican.va/archive/catechism_it/p2s2c2a4_it.htm)

non esiste solo la fantastica wikipedia( open source forever linux rule_i like hackering)

cmq non volgio essere polemico…lassam perd.

Il diritto di cronoca va difeso, ma se tanto mi da tanto la riparazione alla falsa notizia come verrà data? con un sobillato scusa detto in silenzio verso le 04.00 di mattina su telekabul…Non sono certo un bigotto,non sono certo un cantautore questo è logico.

Il crimine della pedofilia resta odioso.Si poteva fare meglio, si poteva fare di più, si poteva informare la gente su notizie che restano raggelanti, invece si è voluto solo attaccare la chiesa cattolica, nella sua figura più eminete, il papa benedetto XVI, si può essere cattolioci, atei professi, neopagani, protestanti, testimoni di geova, euclidei, pitagorici, scientologyci, ma i fatti restano fatti, qual’è stato l’ultimo attacco? il codice Da Vinci? quale sarà il prossimo?

Tutto tutto… sui segreti del Vaticano…(cfr. litfiba…terremoto)

Attendo fiducioso.

Allegati (1)


Commenti da Facebook

3 Commenti

  1. Willianpoe

    Credere che il documentario della bbc fosse un attacco alla Chiesa, è come credere che siamo tutti bigotti. Nessun attacco alla chiesa, ma voglia di confontarsi, voglia di capire cosa nasconda nei suoi tecnicismi il Crimen sollicitationis.Ieri sera ho assistito ad un dibattito pacato dove fisichella ha espresso le sue opinioni, nessun rogo mediatico. Ho visto Fisichella inorridito dire che bisogna fare di piu contro questi crimini.Ho notato, un giusto atteggiamento da entrambe le parti in causa. Finiamola di ripetere che i pedofili esistono in ogni contesto, è talmente ovvio che la ritengo un’offesa. Quello che mi preme è capire se realmente la chiesa sapesse di questi crimini, e se una volta a conoscenza dei fatti avesse condotto un ostruzionismo per impedire la diffusione dello scandalo. Dal documentario(checchè ne dica lazarum è un documentario serio, non una fiction di mediaset) emergevano delle colpe da parte della chiesa, colpe smentite prontamente da Fisichella che, sempre in modo pacato, diceva che la Chiesa denuncia questi abusi, e che certamente deve impegnarsi maggiormente. Ripeto, nessun attaco, un sano dibattito. Sta a voi ora fare le dovute considerazioni.

    1. gianni

      Chissà forse anche i libri consigliati da Lazarum sono seri non trovi? Non capisco perchè bisogna sempre dire che tutto quel che fa Santoro sia verità assoluta. Non vi è dubbio che la pedofilia è un fenomeno che coinvolge anche alcuni sacerdoti ma da qui a dire che il papa potregge i pedofili non è il massimo della serietà caro Willianpoe. La voglia di odiens e protagonismo che da anni affligge il Santoro porta anche a questo. Caro Willianpoe ti consiglio di non prendere sul serio quel giornalista anche perchè ti assicuro è pieno di situazioni contraddittorie. 

    2. lazarum

      “Credere che il documentario della bbc fosse un attacco alla Chiesa, è come credere che siamo tutti bigotti.”

      Non riesco a capire il sillogismo…comunque checchè ne dica lazarum, non credo di aver scritto di aggressioni verbali durante il dibattito televisivo, anzi dato che ho scritto di mio pugno il post, ne sono certo, ironia a parte, stento a capire altri vari passaggi del tuo post….”Finiamola di ripetere che i pedofili esistono in ogni contesto, è talmente ovvio che la ritengo un’offesa.” dunque?

      Will i tecnicismi del diritto canonico sono una cosa un video “choc tarocco” un’altra, dove sono emerse le responsabilità della chiesa cattolica prontamente smentite da mons. Fisichella? Sicuramente abbiamo visto la stessa trasmissione, non voglio entrare in polemica, ma…mi fai un assist che non riesco ad ignorare, credo che un reportage sia qualcosa di più simile agli rvm visti su report che al filmato dall’ottima fattura,bella regia, visto ieri sera.

       Meglio distretto di polizia 928.

      Preciso, le testimonianze erano toccati e sbalorditive, inorridisco al solo pensiero di crimini perpetrati in luoghi sacri e da uomini o donne consacrati… ma i montaggi con ratzinger benedicente e la voce fuori campo…erano quanto meno artificiosi, non trovi?

      Se non è un attacco alla chiesa come lo chiami,vediamo, confronto denigratorio, va bene? scegli tu il termine che ritieni più consono e non offende la tua sensibilità laica\cristiana\etc\o altro ok? Allarga la prospettiva ed il respiro della frase ” attacco alla chiesa”.

      Quello che ho riportato e mi auguro tu abbia letto, mi riferisco ai link postati,

      sono articoli giornalistici, con riferimenti bibliografici… non semplici punti di vista.

       

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi