Qualcosa sta cambiando?

Voglio fare ammenda…. voglio autofustigarmi per l’occasione persa. Mi sento un pollo per non aver fatto nulla l’8 settembre scorso per promuovere l’iniziativa di Grillo. Il mio scetticismo era completamente fuori luogo. Sabato insieme a corvo abbiamo deciso di farci un bagno di demagogia e populismo recandoci alla festa dell’unità di Milano per sentire proprio Grillo. Che dire… mai sentito niente di meno demagogo e populista. E’ stato fantastico. A parte l’ovvio piacere di assistere a 9mila del popolo dei DS in estasi mandando a quel paese “baffetto” D’Alema insieme a “truffolo” Berlusconi (ma queste sono solo note di colore), sono state 2 ore di picconate e demolizione ma anche una serie impressionante di proposte concrete, suggerimenti per il miglioramento della società. E non un Grillo sul piedistallo… non un comico che si autoincensa per le fantastiche proposte che fa… no…. tutta la luce sull’unico vero protagonista della serata: il popolo della rete. Grillo non dice “farò”… dice… “fate, facciamo tutti insieme”…. altro che anti-politica, forse l’unico vero fenomeno politico vero degli ultimi 15 anni. Ma il Sistema ancora non capisce. Proprio non vuole comprendere.
Ieri la vergogna sul tg2. Un direttore di un telegiornale di una televisione pubblica approfitta del medium per difendere la casta con accuse assurde. Tale Mazza, che si dice sarà presto trombato, piazzato lì da AN e forse bisognoso di un po’ di pubblicità per risalire la china, decide che Grillo è pari alle BR… Grillo alzerebbe troppo i toni… e lui, per non essere da meno, mette il volume al massimo e, con pollice e indice a disegnare una pistola, suggerisce egli stesso a eventuali pazzi con un messaggio subliminale la strada da percorrere :sick:.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Qualcosa sta davvero cambiando?
Ieri notte vedendo Matrix ho pensato davvero che qualcosa potrebbe accadere. Mentre il DS Latorre diceva le solite banalità (tra le tante la solita sui politici che devono mettersi a disposizione dei magistrati, proprio lui che con D’alema e Fassino stanno tentando in ogni modo di togliersi dai guai col privilegio), DiPietro, cavalcando l’onda Grilliana, affondava su Prodi e sullo scandalo di un governo immobile con 102 elementi piazzati lì solo per spartizione di poltrone e senza meriti, ministeri inutili e doppioni, sottosegretari del suo stesso ministero con cui lui stesso non è riuscito a parlare più di un paio di volte in un anno.
Se qualcuno comincia finalmente a raggiungere la consapevolezza che siamo alla frutta…. chissà…


Commenti da Facebook

6 Commenti

  1. Mr. Ice

    E’ riuscito anche a riprendere la famosa massima di Marx sulla storia prima farsa e poi tragedia rigirandola in una maniera tanto fantasiosa quanto raccapricciante.

     

    Vabbè, il solito Mazza, niente di nuovo sotto il sole…

  2. Wiseman

    scommetto che quando decidesti di aprire il sito, mai e poi mai avresti immaginato una simile sequenza.Prendiamo gli ultimi tre argomenti,a ritroso:

    nel primo si parla di iniziare seriamente a riciclare, nel secondo di una festa per chi il riciclaggio lo fa da sempre, poi arrivi tu a dire che qualcosa sta cambiando! insomma è roba da sballo, dove ci buttiamo?

    per stare nel tema, sai bene che io teledipendo,perciò non mi sono perso il porta a porta con Prodi,molto imbarazzato ed imbarazzante, nonostante i continui assist di Vespa, ho seguito anche ballarò e, dopo  aver snocciolato i vari problemi nostrani, pensa un pò, lo stipendio medio ANNUALE di un lavoratore,corrisponde ad una MENSILITA’ di un parlamentare, alla fine non ho capito che ci fa Di Pietro ancora nel governo. Per non parlare poi delle varie “primo piano” di rai tre.Anche in me si va rafforzando la convinzione che qualcosa si sta muovendo, è solo questione di tempo. Chi vivrà, vedrà.Concludo con un saluto al Corvo-operatorevideo,a Raf,alla gent.ma compagna69, a tm e a tutti quelli che chiedono di me.

  3. gianni

    Anch’io ieri sera ho avuto modo di seguire Matrix anche se non interamente. Non ho apprezzato per niente l’intervento di DiPietro anzi mi ha quasi innervosito. Il fatto che un ministro non riesce a parlare con un suo sottosegretario è francamente vergognoso. Non volendo, a mio avviso, ha evidenziato una sua colpa, una sua irresponsabilità. Forse doveva essere lui a cercarlo sto sottosegretario e dal primo giorno del suo mandato. A questo punto mi chiedo con quale animo un cittadino deve credere a questi politici?

    La cosa ancora più assurda è la critica al governo Prodi. Ma sbaglio o DiPietro, essendo un ministro, fa parte di quel governo? Se al sig. DiPietro non piace sto governo ma che aspetta a dare le proprie dimissioni? Lui parla di doppioni, chissà forse potrebbe essere lui uno di questi. Forse anche lei non merita quella poltrona visto che continua ad offendere la lingua italiana ( come faccio anch’io ). Ma si sa, in Italia fare politica significa parlare bene della povera gente; parlare di pace; parlare bene dei giovani; riempire la testa con la solita stronzata: ” lo sviluppo del mezzogiorno “. Non importa se dici una cosa e ne fai un’altra, non importa se vai a manifestare contro la politica estera filoamericana e poi il giorno dopo vai a votare in parlamento per quella politica.  

    Ieri sera ho sentito parlare di far abolire le provincie. Bene, iniziamo noi a non andare a votare per le provinciali. Facciamo così alle prossime provinciali non andiamo a votare tanto voi stessi politici dite che le provincie sono da eliminare o sbaglio? Ma tanto si sa che alla fine direte che bisogna sempre e comunque andare a votare perchè è un diritto/dovere. Che ipocrisia !

    Caro direttore raccomandato del TG2, il suo intervento può anche essere vero ma perchè non ha fatto la stessa critica nei confronti di Bossi quando ha detto che dovevamo prendere il fucile per difenderci dalle tasse? Eppure Grillo non ha parlato di pistole, ha solo mandato a quel paese i suoi capi. Perchè , ad esempio, non ha criticato il professore universitario e segretario dei Comunisti Italiani Diliberto quando ha detto che Bush ha la mano insanguinata? Anche quello è un esempio che può generare delle ripercussioni per qualche stupido pacifista o sbaglio? Comunque lei ha fatto bene a difendere i suoi imperatori, ogni buon suddito deve farlo. Mi consenta però di dirle che i cattivi maestri ci sono eccome, in pratica sono i suoi maestri che siedono a Montecitorio.  

     

  4. vince_ditaranto

    Devo ringraziare Ciffo per il post. Avri voluto scriverlo io ma ….sinceramente non sapevo da dove iniziare!!! E’ talmente assurdo quello che sta accadendo in Italia: sono davvero sconcertato. Sono talmente amareggiato e sconvolto che non sono riuscito a scrivere un post che esprimesse realmente il mio stato d’animo.

    Ragazzi, ma come fate a non indignarvi davanti alla reazione del mondo politico, giornalistico, culturale, al fenomeno Grillo???

    Sono assurde le affermazioni dei nostri cari “dipendenti”, roba da regime!! Non penso di esagerare quando dico “regime”!!! E’ la reazione della casta…..quella casta che qualcuno dice essere un’invenzione di Stella per vendere libri.

    come faccia un politico ad accusare Grillo di qualunquismo e populismo è davvero assurdo!!!!!!!!Siamo al colmo, siamo al punto in cui il sistema stà iniziando ad avere paura. 

    Perchè non ci capisce nulla!!! Perchè non ha controllo sulla vera circolazione libera delle idee…e non solo!!! Lontano dalla “pura critica distruttiva”, che comunque sarebe stata giustificatissima, il popolo dei “grillini”, e di tutti quelli che ammirano il risveglio delle menti che stà innescando il comico genovese, ha davvero proposte serie e cerca di metterle in pratica giorno per giorno con i meetup.

    I nostri politici si stanno affannando ad evitare un discesa in campo di Grillo…..ma non hanno capito nulla. Il Beppe nazionale non vuole essere il leader di niente, ma solo il mezzo della rivoluzione, il catalizzatore, il degno amplificatore delle infinite rivalse del popolo italiano.

    Raccapricciante, ed è questo che mi fa paura, è l’informazione. o presunta tale.

    Prima del V-day, nessuno si occupava di Grillo, nonostante il fenomeno è noto da dieci anni buoni. Poi se ne parla, ma soltanto per screditare, per minimizzare, sino ad arrivare alla calunnia. Il popolo italiano che segue solo TV (la maggior parte) ha una visione così distorta del fenomeno che è davvero difficle spiegare cosa sta accadendo e cosa può accadere.

    Non capisco dove sono andati a finire tutti quei moralisti che sul blog si indignarono a suo tempo per le modifiche che si volevano effettuare alla costituzione dicendo che si sentivano in pericolo, dicendo che la democrazia sarebbe stata compromessa.

    Perchè ora non si indignano per la mancanza totale di informazione e addirittura per la completa distorsione della realtà????

    In che paese siamo se un politico, che appartiene ai partiti democratici, davanti al movimento POPOLARE scaturito da Grillo afferma che c’è pericolo di “fascimo”???

    Meglio che concluda perchè potrei stare a parlare per ore. 

    Sono letteralmente sconvolto. 

    Propongo di parlarne il più possibile e di spiegare a chi si informa dai canali “classici” che quello che sta passando non è la verità ma una lurida e vile menzogna costruita ad arte.

     Vi saluto

    Good night and good luck 

  5. gianni

    Caro Cristoforo,

    è evidente che le nostre idee politiche non coincidono, ma trovo le sue argomentazioni piuttosto di parte. Come le dicevo prima purtroppo la passione politica per un partito (che, per carità, è un sentimento da rispettare) porta ad una visione non completa delle questioni. Lei  parla dei lanzichenecchi (complimenti per l’espressione!!) dell’informazione  di Berlusconi senza rendersi conto di altri giornalisti e giornali che non sprecano occasione per parlare contro  Berlusconi.  Forse la mia teoria del pro o contro Berlusconi può essere giusta.

    Lei dice inoltre che adesso la maggioranza è impegnata a litigare al proprio interno. Forse adesso l’antiberlusconismo sarà finito (io ho forti dubbi, credo che finirà quando Berlusconi deciderà di ritirarsi dalla scena politica) ma è quasi scontato il fatto che questa maggioranza si è creata per sconfiggere Berlusconi nel 2006. Poi mi chiedo ma perchè litigare su tutto? perchè questa maggioranza non si limita a fare le cose scritte in quel programma? Oppure quel libro giallo è solo un modo per pubblicizzare quella coalizione?

    Lei dice inoltre che rimpiangeremo Prodi. Bene beato lei che ha questa stima per una persona che non riesce a fare il leader, non riesce neanche ad imporsi e su molte questioni rimane sempre in silenzio. Forse Berlusconi (anzi senza forse) si è fatto le leggi ad-personam (altro termine messo li dalla sinistra un pò come il termine Toghe rosse inventati dai lanzichenecchi del Berlusca) ma a questo punto mi chiedo come si fa a rimpiangere Prodi che per fare il contentino a tutti e per non far cadere il governo continua a fare leggi (mi consenta questo termine):  ad-capochiam ?

    Infine la questione delle primarie. Ma perchè ci devono essere più di 400 candidati per una regione così piccola come la nostra? poi perchè solo in Italia le primarie sono estese a tutti? Le ricordo che i candidati per le primarie devono avere dei requisiti politici di appartenenza (vedi eclusione DiPietro o Pannella) ma allora perchè si deve far votare tutti? Perchè ad esempio io non posso candidarmi perchè non di sinistra e però posso andare a votare anche se di destra? mah…che strana idea di democrazia. 

    Se abbiamo paura di un Pannella al partito Democratico allora si deve avere la serietà di limitare gli aventi diritto al voto ai semplici tesserati dei due vecchi partiti. Ma si  è bello dire che le primarie sono state un successo con un numero di votanti 4 volte maggiori delle previsioni. Il solito film

     

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi