mercoledì 02 Dicembre 2020

Un montese chiede risarcimento milionario all’Italia

Emanuele Filiberto di SavoiaEmanuele Filiberto di SavoiaSapevate che pochi giorni fa un cittadino montese insieme a suo padre ha dato il via al procedimento per chiedere allo Stato Italiano un risarcimento di 260 milioni di euro per un’evidente (secondo loro) violazione dei loro diritti umani? Il cittadino montese di cui parlo è Emanuele Filiberto di Savoia e la presunta violazione è l’esilio che la Repubblica Italiana impose ai discendenti di casa Savoia a guerra conclusa.
Tutti ricorderete che il 27 Novembre 2005 Emanuele Filiberto, con sua moglie, ha ricevuto la cittadinanza onoraria della Città di Montescaglioso “per l’attività filantropica in favore dei più deboli e bisognosi”. Più volte il principe ha dichiarato che ovunque andasse in Italia tantissima gente gli chiedeva lo stesso favore: “principe, faccia qualcosa per l’Italia”. Proprio per non deludere gli italiani il principe costituì il movimento “VALORI E FUTURO”. Tra i “valori” la lotta alle «realtà antropologiche di mafia, camorra e ‘ndrangheta», alla corruzione e alla malavita. Peccato che questi valori fossero solo di facciata…. almeno per il vicepresidente del movimento, Mariano Turrisi, arrestato qualche settimana fa per associazione mafiosa. Non mi dilungo poi sulle vicende di bassa lega nella quale la famiglia Savoia è stata ultimamente coinvolta… penso siamo tutti abbastanza informati.
Comunque la buona notizia per noi montesi è che il principe di Savoia ha dichiarato che i fondi eventualmente ottenuti dalla causa saranno convogliati in una fondazione che opererà a favore degli italiani…. forse vedremo realizzato in abbazia il centro mediterraneo con facoltà di medicina promesso 2 anni fa nell’incontro con la cittadinanza montese?
Un altro paese lucano ha voluto dare un segnale forte di disappunto per l’operato dei Savoia.
Che ne dite se ci teniamo l’abbazia vuota e invece mandiamo anche noi un segnale forte a tutta Italia annullando la cittadinanza onoraria?
Vota il sondaggio.


Commenti da Facebook

3 Commenti

  1. patty

    Io l’ho sempre detto che i montesi sò furbi.. vedi sto compaesano nostro..mica fesso..260 milioni..dico 260 milioni.. ad imperitura memoria di tutti gli italiani !!!! Così si fanno i soldi prendiamo esempio dal principe!! …

    …davvero questa del risarcimento  sfiora anzi rasenta la pura assoluta follia… povera Italia come è messa male….e povera monte… visto che qualcuno pensa sia un onore averlo come cittadino onorario… My god!

    diremmo a monte.. “j m-nnesk dall pann mè” 

    1. tm

       

      Il sondaggio lanciato da ciffo sulla cittadinanza onoraria a Emanuele Filiberto e la sua consorte credo non lascia alcun dubbio sul come la pensano i montesi. Personalmente sono convinto che anche la delibera del consiglio comunale che ha conferito tale onoreficenza sia in contrasto non solo con i principi costituzionali ma anche con lo statuto stesso del comune di Montescaglioso che prevede che tale onoreficenza può essere attribuita a cittadini italiani o stranieri che si siano distini in opere di un certo rilievo nei confronti del nostro comune. Allora voglio chiedere ai consiglieri di opposizione, ma anche a quelli della maggioranza che credono nei valori della democrazia e della repubblica cosa dobbiamo aspettare dinuovo l’iniziativa di qualche privato cittadino per chiedere la revoca di tale cittadinanza o l’annullamento della delibera? Vi garantisco che esistono tutti i presupposti legali e costituzionali per cancellare questa vergogna dalle pagine della storia montese.

      tonino ditaranto

  2. For Peace

    Sono d’accordo con tm, ma quali meriti avrebbero “I Signori Savoia”?
    Credo che togliergli la cittadinanza farebbe onore al nostro Comune ed in questo preciso momento Montescaglioso andrebbe sulle prime pagine dei quotidiani nazionali.
    Al via la petizione on line se i meriti non vengono dimostrati.
    A presto

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi