ELEZIONI DEL 27 GENNAIO 2008

Il 27 gennaio 2008 si terranno le elezioni per la costituzione dei circoli territoriali del PD.

Vorrei ricordare che può candidarsi chiunque abbia aderito o voglia aderire al partito democratico (vi invito a visitarci ogni sera dalle 19.00 circa presso l’ex sede margherita in modo da avere delucidazioni al riguardo); avrà diritto al voto però solo chi ha partecipato alle primarie del 14 ottobre.

 Le candidature per il comune di montescaglioso andranno presentate il giorno 25 gennaio dalle ore 16.00 alle ore 17.00, mentre la presentazione delle candidature per l’elezione dei delegati provinciali scade oggi alle 24:00.

Trovate moduli e altre informazioni sul sito http://www.basilicatapd.it/

 La classe dirigente di un partito costituisce l’anima del partito, quindi esorto, coloro che hanno intenzione di candidarsi a farlo con serietà e responsabilità sapendo che per un periodo di tempo (infatti la carica sarà temporanea) da loro dipenderà il buon funzionamento del partito.

Esorto coloro che hanno partecipato alle primarie del 14 ottobre a presentarsi il 27 gennaio in modo che siano loro stessi a decidere chi deve essere alla guida del nuovo partito.

Sono molto fiduciosa.

In bocca al lupo a tutti.

Vincenza Abbatiello

P.S.: ovviamente chi avesse bisogno di ulteriori informazioni potrà contattarmi al mio indirizzo e-mail enzarita@hotmail.com


Commenti da Facebook

12 Commenti

  1. falco

    Buona l’iniziativa di far decidere alla base gli organismi dirigenti del nuovo Partito Democratico, mi trovo d’accordo.

    Le elezioni, a qualsiasi livello, sono, per me, segno di civiltà e democrazia.

    Certo, però, d’altrocanto, ci troviamo in un momento molto delicato per la vita politica del Paese :

    le ultime notizie di crisi nella compaggine governativa, di cui il PD fà parte ed Il  momento di malumore generale sottolineato maggiormente dall’antipolitica non favoriscono la piena riuscita di questa grande operazione di rinnovamento e democrazia.

    Forse, per quanto riguarda Monte, era opportuno pubblicizzare di più questa iniziativa ed avere una sede più appropriata, in una zona più in vista, per cercare di favorire l’affluenza anche dei cosiddetti “distratti”.

     

     

    1. Vincenza Abbatiello

      Falco, è da un po’ di tempo che organizziamo una serie di iniziative a cui avrebbero potuto partecipare tutti (indipendentemente dal colore politico); infatti sono state iniziative volte dare delucidazioni circa la finanziaria (nazionale e regionale) 2008. La sede di via Garibaldi non è poi così nascosta…comunque è vero c’è grande delusione verso la politica, ma non per questo bisogna starsene con le mani in mano ad aspettare che qualcosa accada. Tutti abbiamo il diritto e soprattutto il dovere di assumerci l’impegno affinché le cose cambino. Io, lo so, sono una goccia in mezzo al mare, ma con me ci sono tante altre piccole gocce pronte a lavorare duro e sono fiduciosa, molto fiduciosa. Ho ripetuto tante volte che, a mio parere, Montescaglioso ha delle peculiarità da evidenziare e quindi delle potenzialità non indifferenti (se non l’avessi pensato non mi sarei fermata qui ed avrei proseguito per la mia strada verso Milano o Londra o chissà dove. Ora bisogna solo mettersi al lavoro e farlo seriamente. Saluti. Vincenza Abbatiello

      1. ciffo

        Vincenza ma davvero non ti spieghi perchè nessuno si interessa a questo argomento? Sul serio credi che basta cambiare nome a un partito per rendere tutti entusiasti? soprattutto il target giovane che frequenta principalmente il sito?
         
        Falco ha ragione, la base che sceglie i propri rappresentanti è una gran cosa. Ma l’Italia ha bisogno di altro (questione morale ad esempio) e sembra che i partiti e chi li frequenta proprio non vogliono capirlo.
        Provo a fare un discorso generale…. in Italia abbiamo una democrazia teorica. Chiunque può presentarsi alle elezioni e cercare di farsi eleggere. La teoria cozza però con la pratica delle clientele e dei favori…. quindi non passano le persone capaci e in gamba ma quelle che riescono a creare consenso. Purtroppo queste due categorie (in gamba – consenso) quasi mai coincidono perché ovunque ma specialmente al sud il consenso si crea con pratiche poco lecite, favori, promesse, scambi, tante cose poco belle.
        Un’elezione quindi teoricamente bella e affascinante si risolve sempre in qualcosa di orribile e anzi controproducente. Succede infatti che partecipare a queste farse serve solo a legittimarle con uomini-monnezza che si fanno forti dei loro voti. Dove sono invece i coraggiosi che pur rischiando di farsi nemici tra i potenti hanno il coraggio di dire “basta con questo schifo, fuori i vecchi che hanno fallito e ripartiamo”?
        Ciò vale nel PD come nel PDL, a dx e a sx.
         
        Siamo davvero convinti che il PD sia qualcosa di nuovo? Finora ho visto solo i soliti nomi che girano da anni. Spero di sbagliarmi ma dubito. Per esempio mi viene da pensare… se ci fossero persone nuove con atteggiamenti nuovi probabilmente li vedremmo scivere tutti giorni su un portale letto da un bacino di 1000 persone. Li potremmo sentire parlare di tutto, dalle vicende De Magistris, al licenziamento del dott. Gaudiano, ecc….
        Scommettiamo che non trovi neanche 2 persone tra i futuri eletti che vengono qui a parlare di questo?
        Meglio allora chi neanche finge di sembrare nuovo. Meglio forse l’UDEUR di Mastrosimone, nostra conterranea che ha una così alta idea della politica che a domanda sul futuro della coalizione di csx in Basilicata ha la candida innocenza di ammattere che è in attesa di istruzioni dal suo capo-padrone Mastella. W l’Italia.
         
        con affetto
        disilluso in attesa di veri nuovi democratici

      2. ZODD

        come detto in precedenza , concordo con quanto detto da falco e ciffo.

        la domanda è come mai la politica si vede solamente x chiedere di partecipare alle vostre iniziative?

        e noi cosa sappiamo del vostro pensiero in merito alle vicende nazionali o locali?

        xke è nota la vostra assenza da dopo le votazioni comunali ?

        stesso dicasi di altri ma nn di tutti .

        buona serata

        e in bocca a lupo x il 27

  2. gianni

    Concordo pienamente il discorso fatto da Ciffo.

    Cara Vincenza, voglio porti una serie di domanda:

    1.  Cosa pensa il PD delle clientele e delle raccomandazioni? è in corso qualche cambiamento rispetto al passato?
    2. Sei convinta sul serio che i nostri esponenti politici pensino che il consenso si possa creare senza scambio di favori individuali? 
    3. Per il PD ha ancora senso tenere in vita le province? Sono necessarie?
    4. In Basilicata ci sono più di 100 enti regionali, sono utili?
    5. Se un medico vuol far carriera in un ospedale deve puntare sulla sua professionalità oppure sulle sue conoscenze?
    6. Per diventare direttore delle ASL, o di uno degli enti regionali, conta il merito o la tessera di partito?

    Forse dalle risposte (sincere e non banali) potrai capire quale sia il sentimento comune dell’antipolitica. Cara Vincanza per ora il PD non ha ancora dimostrato di essere qualcosa di diverso dal passato. Lo stesso dicasi per gli altri partiti.

    1. tm

       

      finalmente il meccanico mi ha riparato il pc e posso tornare a collegarmi con voi, e la cosa è sempre molto piacevole.

      Forse non dovrei intervenire su questo argomento vista la mia non appartenenza al partito democratico, però credo che delle impressioni date da uno fuori di tale partito ma che guarda con interesse alla crescita di un movimento di popolo come è il pd e che è destinato a segnare le sorti della politica italiana del prossimo futuro, possano servire al dibattito che oggi è aperto nel nascente partito.

      Domenica scorsa ero a monte e sono voluto passare a salutare nella sede pd di via garibaldi vecchi compagni ai quali pur non condividendo più molti punti di vista mi sento invece legato da profonda stima e amicizia.

      Devo dire francamente che di vecchi compagni ne ho trovati ben pochi, al contrario tantissimi giovani per me sconosciuti pieni di entusiasmo e carichi di spirito di inziativa, e una presenza femminile che credo mai nessun movimento a montescaglioso abbia mai potuto contare tra le proprie fila.

      Mi rendo perfettamente conto che attraversiamo un momento di notevole sfiducia dei cittadini nei confronti della classe politica, ma la presenza di tanti giovani e donne in quella assemblea mi da fiducia e credo che dovremmo cominciare un po tutti a guardare a loro come ad un qualcosa che si muove, che vuole crescere e che soprattutto se avrà la forza dell’impegno e della costanza forse almeno a monte riuscitrà a scardinare i vecchi tromboni dalle sedie alle quali sono attaccati.

      A vincenza e agli altri giovani del pd voglio dire che anche se le nostre strade sono destinate a non incontrarsi per una serie di problemi ideali che ci dividono sempre di più il mio augurio e che voi possiate veramente crescere e che insieme alle altre forze della domocrazia possiate creare a montescaglioso le condizioni per un rilancio sociale culturale economico e politico del paese.

      auguri tonino ditaranto

  3. erredi

    Faccio anche mie tutte le parole espresse da Ciffo…è impossibile pensarla diversamente visti gli scenari attuali.

    Putroppo Vincenza devo dire che di tentativi di mascherare cambiamenti e rinnovamenti politici negli ultimi 15-20 anni se ne sono visti fin troppi sia da destra che da sinistra ed aggiungo che non è bastata neanche “mani pulite” a riportare un minimo di morale e di coscienza politica nel nostro paese; purtroppo ultimamente vado pensando come molti ovvero che non cambierà mai niente: attualmente a centro sinistra si è formato il Pd magari fra un anno a centro destra si formerà un’altro movimento ma alla fine SONO SEMPRE GLI STESSI!

    Purtroppo se TUTTI i politici che sono in alto non iniziano a fare un passo indietro e stabiliscono che chi è stato in parlamento per due legislature deve ritornare a casa a fare il proprio mestiere e senza privilegi; che chi ha più di 65 anni non può più essere eletto e sedere tra i banchi di Palazzo Madama (vedi Rita Levi Montalcini con i suoi 99 anni…con tutti i rispetti); continuo, che chi viene eletto dev’essere stipendiato in proporzione a quanto prende la gente comune e senza ulteriori privilegi; deve maturare gli stessi diritti pensionistici della gente comune e senza vitalizi all’infinito…infine cosa ben più importante…se fa il senatore o onorevole non può contemporaneamente fare il sindaco, il medico o l’avvocato o avere qualsiasi altra professione o avere altra carica…queste sono le cose spicciole che la gente vuole vedere e che in televisione nessun politico ha mai detto e nessun partito porterà mai avanti come proposta.Potrei continuare all’infinito…mi fermo tanto è utopia!!!!

    1. patty

      ..mi unisco al coro..sono sfiduciata, allibita dallo scandalo politico attuale, non credo più in nulla,credo che ci sia gente con la colla sul sedere…che siano  attaccati alla poltrona poverini non possono più alzarsi…!! Fino a poco tempo fà mi informavo,partecipavo ai commenti politici… adesso non ne ho ne voglia, leggere di questi fatti mi provoca solo nausea, e nervosismo … illusioni, illusioni e ancora illusioni…. poveri noi..

       

       

      1. Cambiamo Cultura

        Vi dedico questa bellissima canzone dei Nomadi , che mette in evidenza le nostre crisi attuali.

         

         

        Dio è morto.

         

         

         

        Ho visto
        La gente della mia età andare via
        Lungo le strade che non portano mai a niente
        Cercare il sogno che conduce alla pazzia
        Nella ricerca di qualcosa che non trovano nel mondo che hanno già
        Lungo le notti che dal vino son bagnate
        Dentro le stanze da pastiglie trasformate
        Lungo le nuvole di fumo, nel mondo fatto di città,
        Essere contro od ingoiare la nostra stanca civiltà
        E un Dio che è morto
        Ai bordi delle strade Dio è morto
        Nelle auto prese a rate Dio è morto
        Nei miti dell’estate Dio è morto.
        Mi han detto che questa mia generazione ormai non crede
        In ciò che spesso han mascherato con la fede
        Nei miti eterni della patria o dell’eroe
        Perché è venuto il momento di negare tutto ciò che è falsità
        Le fedi fatte di abitudini e paura
        Una politica che è solo far carriera
        Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
        L’ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto
        E un Dio che è morto
        Nei campi di sterminio Dio è morto
        Coi miti della razza Dio è morto
        Con gli odi di partito Dio è morto.
        Ma penso
        Che questa mia generazione è preparata
        A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
        Ad un futuro che ha già in mano, a una rivolta senza armi
        Perché noi tutti ormai sappiamo che se Dio muore è per tre giorni
        E poi risorge
        In ciò che noi crediamo Dio è risorto
        In ciò che noi vogliamo Dio è risorto
        Nel mondo che faremo
        Dio è risorto,
        Dio è risorto

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi