QUANDO TACE LA CICALA (Paolo Sangiovanni)

Aprimi il tuo giardino. Sono vecchio:
devastarlo non posso con le irruenti
rapaci giostre di un adolescente.

Posso annusarne i fiori,respirare
il morbo della rosa,bisbigliare
delicate parole alle mimose.

Ecco,è questo che posso fare adesso.

La vecchiaia è la fonte qualche volta
di ogni perfida e avara punizione.
E’ rammarico, è pena, è dannazione
per questo mare attraversato male.

E agitando bandiere rumorose.

E la sorgente di ogni turbamento
per quello che verrà. Senza di noi.

Ed è silenzio. Timido silenzio.

Aprimi il tuo giardino. Arriverò
sul tardi. Quando tace la cicala.

Quest’opera ha permesso al napoletano Paolo Sangiovanni di vincere il primo premio del concorso PAROLE E IMMAGINI Oggetti e Soggetti d’Amore sezione POESIA edizione 2005.


Commenti da Facebook

Rispondi a

Info sull'Autore

Post Correlati

Translate »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi